Ninfa plebea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ninfa plebea
Ninfaplebea.png
Raoul Bova e Lucia Cara in una scena del film
Titolo originaleNinfa plebea
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1996
Durata110 min
Generedrammatico
RegiaLina Wertmüller
SoggettoDomenico Rea (omonimo romanzo)
SceneggiaturaUgo Pirro, Lina Wertmüller
ProduttoreCiro Ippolito, Fulvio Lucisano
Casa di produzioneEurolux Produzione S.r.l.
Distribuzione (Italia)Italian International Film
FotografiaEnnio Guarnieri
MontaggioPierluigi Leonardi
MusicheEnnio Morricone
ScenografiaEnrico Job
Interpreti e personaggi

Ninfa plebea è un film del 1996 diretto da Lina Wertmüller, tratto dall'omonimo romanzo di Domenico Rea, vincitore del Premio Strega 1993.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La giovane Miluzza, in un piccolo paese a sud di Napoli, attraversa vicende dolorose, durante la seconda guerra mondiale e affronta in particolare la morte dei genitori (prima la madre Nunziata, ninfomane, che muore durante un rapporto sessuale con un soldato, e poi il padre).

La ragazza avvia relazioni sentimentali con un possidente del posto, e - quindi - con un soldato scappato dalla Sicilia, Pietro, il quale è contrastato in questo rapporto dalla madre Gesummia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è girato tra la Puglia e la Basilicata, in particolare a Spinazzola, Palazzo San Gervasio, Montemilone e Craco.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema