Giuseppe De Rosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe De Rosa, accreditato talvolta anche come Beppe De Rosa o Peppe De Rosa (Napoli, 7 novembre 1951[1]), è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe De Rosa inizia la propria carriera in teatro intorno alla seconda metà degli anni settanta[2] lavorando spesso su testi scritti da Eduardo De Filippo e Armando Pugliese.

Al cinema Giuseppe De Rosa approda negli anni ottanta in ruoli di uomini facoltosi e integerrimi, fino alla seconda metà degli anni novanta la notorietà dell'attore rimane legata perlopiù ai contesti dialettali in commedie tipiche e anche dopo essersi fatto conoscere al pubblico cinematografico e televisivo, i personaggi interpretati da Giuseppe De Rosa richiameranno pur sempre tale cliché artistico come successo in Anni '50 in cui interpreta il ruolo di Don Raffaele, un arrogante proprietario di immobili.

A partire dagli anni novanta, Giuseppe De Rosa riesce a imporre le proprie doti recitative anche sul piccolo schermo lavorando spesso con il regista Pier Francesco Pingitore che ne valorizza la spontaneità artistica offrendogli ruoli di un certo spessore come quello del Papa Alessandro VI nel film televisivo Imperia, la grande cortigiana.

Molto apprezzato da diversi registi, tra cui Nanni Loy, Giuseppe De Rosa è co-protagonista insieme a Tommaso Bianco e Luigi Petrucci dell'episodio Pacco, doppio pacco e contropaccotto che intitola l'ultima pellicola cinematografica del regista prima della sua dipartita.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Soap opera[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco Artisti Settore Audiovisivo Rappresentati da Nuovo IMAIE (al 31/01/2014) (PDF), su areasoci.nuovoimaie.it, IMAIE. URL consultato il 16 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2015).
  2. ^ Scheda su "APM", su 46.4.71.184:8080. URL consultato il 27 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]