L'isola di Arturo (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'isola di Arturo
Isolaarturo.png
Titoli di testa
Paese di produzioneItalia
Anno1962
Durata92 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaDamiano Damiani
SoggettoElsa Morante (romanzo)
SceneggiaturaUgo Liberatore, Enrico Ribulsi, Damiano Damiani, con la collaborazione di Cesare Zavattini
Casa di produzioneTitanus
FotografiaRoberto Gerardi
MontaggioAdriana Novelli
MusicheCarlo Rustichelli
ScenografiaFranco Mancini
CostumiVera Marzot e Cesare Rovatti
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'isola di Arturo è un film del 1962 diretto da Damiano Damiani, tratto dall'omonimo romanzo di Elsa Morante.

Il film ottenne la Concha de Oro per il miglior film al Festival internazionale del cinema di San Sebastián del 1962.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Arturo è un ragazzo di quindici anni. Non conosce nulla del mondo all'infuori di Procida, la piccola isola del golfo di Napoli in cui è nato e vive. Dalla nascita vive solo: è orfano di madre e il padre Wilhelm gli fa solo rare visite. Un giorno Wilhelm torna a casa, accompagnato dalla dolce Nunziata, sposata poche ore prima a Napoli. Da queste seconde nozze nasce un bambino. Frattanto Arturo s'innamora di Nunziata. Wilhelm, d'altro canto, si rivela legato da un torbido sentimento ad un certo Tonino Stella, che è detenuto nel locale penitenziario. All'atto della scarcerazione, Tonino Stella è ospite di Wilhelm, che è picchiato e derubato dal suo protetto prima della definitiva separazione. A questo punto Nunziata riprende in pugno la situazione per ricostruire attorno al marito ed al bambino un avvenire sereno. Arturo, fatto uomo da queste esperienze così crude, lascia l'isola per la prima volta.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema