Gabriella Giorgelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gabriella Giorgelli in Il lumacone (1974)

Gabriella Giorgelli, talvolta accreditata come Gabriella George (Carrara, 29 luglio 1941), è un'attrice italiana che è stata attiva nel cinema ed in televisione dai primi anni sessanta agli anni novanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Carrara nel 1941. Si mette in mostra nel mondo dello spettacolo dopo essere stata finalista nell'edizione del 1961 di Miss Italia e poi protagonista di cronache rosa. Il carattere determinato le consente di apparire, prima come comparsa e poi in ruoli più rilevanti, seppure sempre secondari, in molti film. Le parti di maggiore rilievo la vedono interprete di pellicole d'autore quali L'isola di Arturo (1961), La commare secca (1962), I fuorilegge del matrimonio (1963) e Le più belle truffe del mondo (1964). Dalla seconda metà degli anni sessanta in poi la sua carriera vira verso il b-movie di genere poliziottesco, spaghetti western e la commedia erotica all'italiana, con sporadiche apparizioni in film rilevanti quali La canaglia (Voyou 1970), L'Agnese va a morire (1976), La città delle donne (1980), Storia d'amore (1986). La carriera televisiva la vede interprete in sceneggiati quali Lulù (1986), A che punto è la notte (1994), Casa Cecilia (1999) e Anni '60 (1999).[1]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enrico Lancia, Dizionario del cinema italiano, a cura di Enrico Lancia, Roberto Poppi, Le attrici, Gremese, 2003, ISBN 9788884402141.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN263341408 · ISNI (EN0000 0003 8218 7333 · LCCN (ENno2005090293 · GND (DE1100192905 · BNF (FRcb14181634r (data)