Vittorio Spreti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Vittorio Spreti (San Severino Marche, 2 gennaio 1887Milano, 22 novembre 1950) è stato un genealogista, storico e araldista italiano.

Stemma Spreti

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente a una famiglia marchionale fra le più importanti delle Romagne, patrizio di Ravenna, patrizio di Ferrara, nobile di Cervia, nobile di Bagnacavallo, figlio del marchese Arardo e di Elsa Branchini[1], è noto per la sua Enciclopedia storico-nobiliare italiana, della quale fu anche editore, pubblicata dal 1928 al 1936[2]. L'opera, che è di carattere araldico-genealogico, è composta da dieci volumi trattanti famiglie italiane. I volumi della Enciclopedia storico-nobiliare italiana, pur incompleti circa l'elencazione delle famiglie nobili italiane e con qualche inserimento non giustificato dai criteri compilativi, pure rappresentano, ancor oggi, il più importante repertorio di cenni storici relativi a famiglie nobili italiane, specie tra quelle riconosciute nobili durante il Regno d'Italia[1].

Riposa nella tomba familiare al cimitero maggiore di Milano[3].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Una pagina della Enciclopedia storico-nobiliare italiana
  • Enciclopedia storico-nobiliare italiana: famiglie nobili e titolate viventi riconosciute del R. Governo d'Italia, compresi: città, comunità, mense vescovile, abazie, parrocchie ed enti nobili e titolati riconosciuti, 6 volumi, 1928-32:
  • Appendici Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano: Stirpe, 1935-36
    • Appendice 1: A-C, 688 p.
    • Appendice 2: D-Z, 767 p.
  • (in collaborazione con Giustiniano Degli Azzi Vitelleschi), Saggio di bibliografia araldica italiana, Milano: Enciclopedia storico-nobiliare italiana, 1936

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Andrea Borella (araldista), Annuario della Nobiltà Italiana, vol. 2, 31ª ed., Teglio, SAGI, 2010, p. 957, ISBN 978-88-95231-01-3.
  2. ^ «Spreti», Enciclopedia Treccani.
  3. ^ Comune di Milano, App di ricerca defunti Not 2 4get.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN20862997 · ISNI (EN0000 0000 6146 1223 · BAV 495/279453 · LCCN (ENno98084727 · GND (DE13305392X · BNE (ESXX1445383 (data) · BNF (FRcb127511006 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no98084727