Società Sportiva Maceratese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Società Sportiva Maceratese
Calcio Football pictogram.svg
Rata, Pistacoppi
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Bianco e Rosso (Strisce).png Bianco-Rosso
Inno Vai Maceratese
Guerino
Dati societari
Città Macerata (MC)
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1922
Rifondazione 2009
Presidente ItaliaMaria Francesca Tardella
Allenatore ItaliaMassimiliano Favo
Stadio Helvia Recina
(9.000 ridotti a 5.850 posti)
Sito web www.ssmaceratese.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

La Società Sportiva Maceratese, meglio nota come Maceratese, è una società calcistica italiana con sede nella città di Macerata.

All'epoca della fondazione, avvenuta nel 1922 con la denominazione Unione Sportiva Maceratese, rappresentava tutte le forze calcistiche cittadine, che si fusero in un'unica società.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli albori, gli anni '20 e la nascita della Maceratese[modifica | modifica sorgente]

Il calcio a Macerata arriva nel 1905 grazie alla società Robur Macerata. Negli anni '10 nascono altre società sportive come la Virtus (dedita soprattutto alla ginnastica), l'Helvia Recina e il Club Football Universitario. Le prime gare sono solo delle esibizioni tra le squadre citate, che rappresentavano diversi quartieri cittadini.

Ai primi del novecento il "football" veniva giocato all'interno dello Sferisterio questo causò alcuni problemi e le autorità decisero che le manifestazioni sportive si sarebbero tenute a Piazza dell'Armi situata alla fine di Corso Cavour (in quegli anni era una zona quasi periferica, oggi praticamente centro città). Successivamente, fu costruito in quella zona il Campo Sportivo della Vittoria che i maceratesi chiamano oggi Campo dei Pini. Nel frattempo, nel 1921, nasce il Macerata Football Club che prende parte al campionato di Prima Divisione 1921-1922 CCI, Lega Sud.

Negli anni '20 la città conta poco più di 24.000 abitanti e si pensa bene di fondere le quattro squadre cittadine in attività per poter essere meglio rappresentati nello sport che viene dall'Inghilterra. Così, nel 1922, il Macerata F.C., l'Helvia Recina, la Virtus e la Robur Macerata (che sarà successivamente rifondata) danno vita all'Unione Sportiva Maceratese. Il colore scelto è l'azzurro, modificato in seguito quando si decide di giocare con la maglia bianco-rossa in omaggio al vessillo comunale.

Il 7 gennaio 1923 la squadra gioca un'amichevole contro la Libertas Rimini e vince, per la gioia dei propri sostenitori, con un rotondo 4-0; tale gara è la prima giocata dal sodalizio marchigiano.

Il primo campionato a cui prende parte la vede subito vincitrice anche se è solo un girone formato da tre realtà regionali. L'anno successivo prende parte al campionato di Seconda Divisione cioè quella che dal 1929 sarebbe divenuta l'odierna Serie B. Nel 1924-25 non gioca in nessun campionato federale ma viene iscritta al posto della Vigor Senigallia in Prima divisione.

Nel 1925-26 partecipa al campionato di massima serie dove, essendo l'unica squadra marchigiana insieme all'Anconitana a prendervi parte, viene ammessa al girone di semifinale della Lega Sud per diritto. Inserita con l'Alba Roma (tale squadra sarà la finalista dello scudetto e perderà contro la Juventus), Bagnolese, Taranto e Palermo, in questo minigirone la squadra arriva ultima e retrocede togliendosi, però, la soddisfazione di battere i siciliani. Questa annata, ricordata per la riforma dovuta alla Carta di Viareggio, si fa sentire pesantemente sulle piccole casse societarie a tal punto che il club, inattivo nella stagione successiva e costretto poi a ripartire dalla Terza Divisione marchigiana, rischia di fallire.

Il Macerata degli anni '30 e '40[modifica | modifica sorgente]

Nel 1929-1930 il Macerata prende parte di nuovo al campionato di Prima Divisione, che nel frattempo era diventato il terzo livello nazionale, categoria in cui la compagine non sfigura affatto nonostante venga messa in un girone difficilissimo con Palermo (che stravince il girone), Messina, Salernitana, Foggia, Vomero Napoli, Taranto ed altre squadre del centro-sud Italia; i primi anni '30 sono gli anni dei derby infuocati con l'Anconitana-Bianchi, in amichevole, e con altre squadre delle Marche, sono anche anni di alti e bassi sia a livello sportivo che a livello finanziario e per alcuni anni la squadra disputa i campionati regionali.

Nel 1935-36 viene istituito il primo campionato di serie C ma il club non viene invitato a parteciparvi e viene iscritto nel campionato regionali inferiore. In questa stagione conquista la serie C sul campo dopo essersi sbarazzata senza problemi di alcune realtà regionali tra cui la Vigor Senigallia ed il Tolentino.

In questa categoria Il Macerata si salva senza problemi per alcune annate. Dalla stagione 1938-39 si inizia a parlare del "grande Macerata" infatti la squadra fatta dal presidente Filippo Antonelli Incalzi è un vero rullo compressore che domina il proprio girone, senza alcun problema, con 7 punti di vantaggio nei confronti della diretta inseguitrice la Civitavecchiese. I problemi per la squadra biancorossa sorgono nelle fasi finali quando viene inserita in un minigirone con M.A.T.E.R. di Roma, Catania e Molinella, proprio da quest'ultima arriva la sconfitta decisiva, al "Littoriale" di Bologna, e la serie B per il popolo "pistacoppo" (soprannome dei maceratesi) svanisce.

Il sogno diventa realtà l'anno successivo. Infatti nel 1939-40 il Macerata vince ancora una volta il girone di serie C con 4 punti di vantaggio sul Rimini. Nelle fasi finali la squadra non è tra le favorite a fare il salto di categoria; perde contro il Vicenza ma batte il Varese e la M.A.T.E.R. di Roma dell'allenatore-giocatore Fulvio Bernardini.

Il Macerata è promosso in Serie B[modifica | modifica sorgente]

Nello stesso anno gli uomini di mister Rossetti arrivano fino agli ottavi della Coppa Italia dove dopo aver sconfitto la Sambenedettese 3-0, l'Alma Juventus di Fano 1-0, il Pescara 6-0, il Pisa 1-0 e il Vicenza, il 7 aprile vengono battuti dalla Lazio di Silvio Piola per 2-0. Per la cronaca quella Coppa Italia fu vinta dalla Fiorentina.
Nel 1940-41 Il Macerata partecipa alla serie B con una squadra quasi interamente formata da giocatori locali ed inevitabilmente retrocede. La rosa allenata sempre da Rossetti era composta da: Baldoni, Belelli, Bruscantini, Cartoni, Del Fava, Giacomozzi, Milli, Palmieri, Morlupi, Pierluigi, Piscopello, Sfrappini, Tombesi, Traù, Trillini, Valli, Vecchietti e Volpi. Nonostante la retrocessione il Macerata riesce in alcuni risultati degni di nota, come la vittoria al Campo dei Pini sull'Hellas Verona e sul Liguria, squadra che vince il campionato.

Nelle due stagioni successive i bianco-rossi partecipano alla serie C senza grandi ambizioni e si classificano a metà classifica. Il calcio come molte altre cose viene travolto dalla guerra e dall'infamante occupazione nazi-fascista.

Il dopo-guerra[modifica | modifica sorgente]

Alla fine della guerra ricomincia la vita e ricominciano anche i campionati e la serie C viene divisa in due leghe: l'Alta Italia ed il Centro-Sud con 18 gironi in totale. La società viene iscritta alla Serie C gestita dalla Lega Centro-Sud con la nuova denominazione Società Sportiva Maceratese. È un'annata di sofferenza che si conclude con la salvezza.

La stagione del riscatto è quella del 1946-47 dove si registrano i primi goal nel derby con la Civitanovese, che viene vinto dai biancorossi con un netto 3-0; la squadra dell'allenatore friulano Dal Pont vince il girone con un punto di vantaggio sulla Sambenedettese e va alle fasi finali. Qui è inserita in un mini girone composto dalla Centese, dal Gubbio (entrambe saliranno in serie B), dal Grosseto, dalla Massese e dal Civitacastellana. I biancorossi arrivano a giocarsi tutto contro il Grosseto in una partita dove ai marchigiani basta il pareggio per essere promossi ma la squadra inciampa clamorosamente in un 0-10 (la sconfitta più pesante dell'intera storia della società).

La stagione successiva c'è una prima riforma dei campionati che porta la serie C ad essere composta da 4 gironi. Praticamente solo le prime tre o quattro dei gironi vengono iscritte in serie C per l'annata successiva mentre tutte le altre retrocedono in quarta serie. La Maceratese vince il girone ancora una volta davanti alla Sambenedettese ed entrambe vengono iscritte alla serie C di "lusso". Nelle stagioni successive, cioè 1948-49 e 1949-50 la squadra si piazza entrambe le volte 5ª in campionati che vedono vincitori prima il Prato e poi l'Ancona.

Gli anni '50 e la nascita della sportiva[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 1950-51 la Maceratese partecipa, ancora una volta, alla così detta serie C di "lusso" che la vede inserita nel girone centrale insieme ad alcune squadre di grande valore come il Cagliari, il Siena, l'Arezzo, il Perugia ed altre importanti società calcistiche del centro Italia; i biancorossi terminano sesti a più di dieci punti dalla capolista Piombino.

La stagione 1951-52 è quella di un'altra riforma dei campionati (che porterà la serie C a girone unico); in un girone da 18 squadre ne retrocedono in IV Serie ben 14 tra cui i bianco-rossi che in quella stagione scesero in campo con una squadra non all'altezza della categoria e infatti terminarono ultimi con appena 11 punti. Nel giro di pochi anni la Maceratese, colpita anche da una crisi finanziaria, retrocede ben tre volte andando a finire in Prima Divisione nel 1955-56. Dopo oltre 20 anni la Maceratese torna a giocare contro squadre "rionali" o poco più, squadre che il club di "Palazzo de Vico" non aveva mai incontrato se non agli albori della sua storia.

Nelle stagioni successive la squadra del neo presidente, il Senatore Elio Ballesi vince i campionati fino a ritrovarsi in Quarta Serie nella stagione 1958-59 dove gareggia contro squadre del suo calibro come l'Ascoli, il Teramo, la tanto odiata Civitanovese e molte squadre pugliesi, abruzzesi, molisane e addirittura lucane; la squadra biancorossa da "matricola terribile" vince il campionato per un punto di vantaggio e, dopo anni di assenza, ritorna a disputare la serie C. In questa stagione risultò fondamentale il bottino di punti realizzato al Della Vittoria un vero catino, sempre traboccante di spettatori (l'impianto ne poteva contenere circa 5000) e infatti in questi anni si comincia a pensare ad un nuovo impianto, che verrà realizzato nel decennio successivo nella zona dell'ex mattatoio comunale.

Da ricordare l'importante iniziativa presa dalla nuova dirigenza di creare, nei locali sottostanti Palazzo De Vico (in pieno centro), la "Sportiva" cioè un circolo che legava a livello sociale la Maceratese alla popolazione cittadina. I soci della Sportiva partecipavano con delle quote ad una piccola parte del capitale sociale della società; in pratica era una specie di azionariato popolare.

Anni '60 e la svolta di Perugia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1959-60 i bianco-rossi neopromossi retrocendono subito nonostante tra le sue file ci sia Pino Brizi, un giocatore che nella sua carriera ha indossato la maglia dei viola e quella Azzurra. I "pistacoppi" tornano nella Serie C unica nel 1963-64 (dopo che nella stagione precedente avevano vinto il girone E di serie D battendo per un punto i concorrenti (Brindisi e Barletta) dove disputano un campionato da metà classifica in un girone per loro inusuale come quello del Sud dove ci sono squadre come la Salernitana, il Lecce, il Pescara Calcio, il Siracusa e la Reggina.

Dopo anni di sofferenze finalmente la squadra di Macerata è saldamente nella categoria che le compete e dopo due stagioni giocate a buoni livelli la dirigenza di "Palazzo De Vico" prova il colpaccio. Da segnalare la bella vittoria a metà anni '60 del Campionato De Martino per squadre di Serie C.

In questi anni l'amministrazione comunale costruisce il nuovo stadio che prenderà il nome di Helvia Recina e che viene inaugurato contro la Ternana; il nome viene ripreso da Helvia Recina cioè l'antica colonia romana che sorgeva nell'odierna Villa Potenza, frazione di Macerata.

Nella stagione 1966-67 la Maceratese forma una squadra che possa lottare per la serie B; nella rosa i marchigiani hanno Dugini e Turchetto due veri assi per la categoria, attorno a loro ci sono Alessandrini, Prenna, Rega, Ferretti, Capponi, Morbidoni, Feresin, Del Negro,Berti, Mazzanti ed altri ancora. In città c'è grande aspettativa per un possibile ritorno nella tanto sognata serie B. La squadra allenata da Antonio Gianmarinaro vince gare su gare e a metà stagione è Campione d'Inverno con tre punti di vantaggio sul Perugia. Il girone di ritorno parte un pochino male e la squadra comincia a perdere qualche colpo ma rimane sempre saldamente prima.
Il giorno "infausto" è il 5 marzo 1967, al Santa Giuliana di Perugia si gioca lo scontro diretto davanti ad oltre 12.000 spettatori con più di 4.000 maceratesi giunti nella città umbra con ogni mezzo. La squadra perde 3-1 e viene sorpassata proprio dal grifo che da lì in poi non lascerà più la prima piazza e vinceranno il campionato con un punto di vantaggio sulla Maceratese. Questa la squadra scesa in campo:
Gennari,Feresin, Prenna, Rega, Marchi, Berti, Vicino, Turchetto, Mazzanti, Dugini - All. Gianmarinaro.
La sconfitta segna una svolta in senso negativo. La dirigenza a fine stagione smobilita tutto: Dugini e Turchetto vengono venduti proprio al Perugia facendo così sorgere dubbi sulla regolarità della partita e grossi malumori tra la tifoseria biancorossa; fino a questo momento la società Maceratese era una delle quattro società calcistiche marchigiane più gloriose insieme all'Ascoli, all'Ancona e alla Sambenedettese. Da qui in poi le altre tre prenderanno strade e approderanno in categorie ben differenti dalla Maceratese.
Nella stagione 1968-69 c'è da segnalare una cocente squalifica del campo che porta i bianco-rossi a giocare le partite casalinghe lontano da Macerata e questo non è di aiuto ai giocatori che non riescono a centrare la salvezza, un obbiettivo ben lontano dai sogni della città. La squalifica fu determinata da un'invasione di campo da parte dei tifosi bianco-rossi nella partita giocata contro la Massese e terminata con una sconfitta; ne fecero le spese il Presidente Ballesi duramente contestato, il dirigente Tomassini ferito alla bocca, l'arbitro picchiato dentro gli spogliatoi e un agente dei carabinieri colpito da una mattonata al volto. Le cronache di allora parlano di oltre due ore di assedio terminato con il direttore di gara che fugge dallo stadio travestito da carabiniere.
La stagione successiva la squadra torna a giocare all'Helvia Recina e domina il proprio girone di serie D con 9 punti di vantaggio sulla seconda, il Forlì, a testimoniare che la squalifica della stagione precedente era stata fondamentale per la retrocessione.

Anni '70[modifica | modifica sorgente]

La Maceratese rimane in Serie C fino al 1972-1973 quando retrocede dal girone B. Nel 1970-1971 nel girone B della Serie C fu inserito anche il Genoa; il "grifone", allenato da Arturo Silvestri vinse il campionato ma si dovette chinare all'Helvia Recina per 2-0 contro i bianco-rossi in un incontro disputato davanti 10.000 persone di cui oltre 1.000 giunti da Genova. La Maceratese terminò quella stagione a metà classifica.

Dal 1973 in poi iniziano anni di oblio che vedono i bianco-rossi continuamente in serie D a metà classifica e addirittura in tre stagioni consecutive dal 1975 al 1978 il club si salva dalla retrocessione in Promozione con un punto di vantaggio. Nonostante ciò la società in questi anni sforna Dino Pagliari, che verrà ceduto alla Fiorentina, e Nello Malizia. Le uniche soddisfazioni in questi anni arrivarono dai derby vinti o pareggiati all'Helvia Recina contro una Civitanovese che cercava invano una vittoria nel capoluogo che non aveva mai assaporato e che tuttora non sa quello che vuol dire. Ciononostante c'è purtroppo da segnalare anche la clamorosa batosta subita a Civitanova il 5 dicembre 1976, con un tennistico 6-1, risultato mai più eguagliato (nelle dimensioni) da nessuno nella storia del derby.

Alla fine degli anni '70 la Maceratese inizia a valorizzare i giovani del vivaio come Giovanni Pagliari (fratello di Dino) e Moreno Morbiducci. I risultati si cominciano a vedere nella stagione 1978-79 dove la squadra arrivò a metà classifica gettando le basi per la stagione successiva dove in panchina viene chiamato Pino Brizi che riuscirà a riportare il club in Serie C. In città aumenta l'entusiasmo e in questa stagione si forma il primo gruppo organizzato di tifosi: i Boys.

Anni '80[modifica | modifica sorgente]

Gli anni '80 incominciano nel migliore dei modi per la società infatti nella stagione 1979-80 la Maceratese con una squadra piena di giovani maceratesi vince il girone C e vola in Serie C2 (categoria appena nata) battendo la concorrenza della Fermana, della Jesina, del Cattolica e di un'allora sconosciuta squadra veneta: il Chievo.
Nella stagione successiva il presidente Senator Tambroni,l'Avv. Nascimbeni e Tonino Seri formano un'ottima squadra che lotta fino all'ultimo per la promozione in serie C1; alla fine la tanto sperata promozione non arriva infatti i bianco-rossi arrivano terzi dietro il Padova e dietro gli odiati "cugini" della Civitanovese. Ancora una volta la Maceratese si deve arrendere in uno scontro diretto giocato all'Appiani di Padova e finito 3-2 per i padroni di casa che salgono di categoria. Nonostante questo la stagione è ricordata in città come quella dei "gemelli del goal" cioè Pagliari-Morbiducci e poi questa è l'annata del record di spettatori:
5 aprile 1981 all'Helvia Recina arriva la Civitanovese fino a quel momento imbattuta; due ore prima della gara allo stadio ci sono circa 7.000 spettatori al fischio d'inizio le persone sono 12.900. La partita per la cronaca finisce 1-0 per i bianco-rossi con gol di Moreno Morbiducci.
Nella memoria restano 11 indimenticabili nomi: Gabban, Santini, Marini, Smeraldi, Bigotto, Daleno, Pagliari, Rufo, Sabbatini, Faustinella, Morbiducci - All.Brizi.
Nella seconda metà degli anni '80 la squadra si stabilisce regolarmente in serie C2 con la politica di valorizzare i giovani del territorio come Alessandro Porro, Carlo Troscè e Paolo Siroti.
Nella stagione 1985-86 la Maceratese ci riprova. Viene inserita nel girone C. Il campionato è stranissimo perché è composto dalle emiliane-romagnole (tra cui Sassuolo, Ravenna), dalle abruzzesi, dalle pugliesi (Galatina, Fidelis Andria), dalle lucane (Potenza e Matera) e dalle rivali umbro-marchigiane Jesina, Civitanovese e Foligno.

La città risponde benissimmo con una media di 3.000 spettatori a partita e negli scontri diretti l'Helvia Recina supera le 6.000 unità, ma nonostante il grande apporto del pubblico, nonostante tra le sue fila ci sia il capocannoniere del campionato (Zappasodi con 15 reti) e malgrado il ritorno di Dino Pagliari la squadra arriva terza dietro al Teramo e al Martina Franca. Da ricordare che nel corso della stagione si mette particolarmente in luce l'aitante difensore Paolo Agabitini che a fine stagione passerà all'Ascoli in Serie A.

Finita la stagione la società entra in una gravissima crisi finanziaria che la porta in tre anni a passare dalla serie C2 alla Promozione. Nell'estate del 1989 la gloriosa "Società Sportiva Maceratese 1922" non si iscrive al campionato perché oberata dai debiti e quindi esclusa dalla F.I.G.C.
La squadra viene iscritta con il nome Maceratese '89 in Terza Categoria; praticamente alla società non venne riconosciuto nessun diritto sportivo nonostante la sua storia.

Anni '90[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni '90 succede l'impensabile. La Maceratese è nel più basso gradino del calcio nazionale mentre un'altra società cittadina, il Macerata Calcio, è in Promozione. La società Maceratese '89 torna a giocare al Campo dei Pini contro squadre rionali della stessa città come la Robur (Corso Cairoli) e l'Helvia Recina (Villa Potenza), un vero smacco per la sua pluridecennale storia.
Nel 1991, su pressione dei tifosi e delle autorità comunali, le due società cittadine più importanti si fondono formando l'"A.C. Nuova Maceratese 1922" che viene iscritta all'Eccellenza Regionale (categoria appena istituita). Campionato vinto, dopo una lunga contesa con l'Osimana, all'ultima giornata a Cerreto d'Esi dove più di 2.000 maceratesi seguono la squadra di mister Massimo Silva. La stagione successiva vede la Maceratese in serie D con un obiettivo da raggiungere a tutti i costi: tornare in serie C2. La società presieduta da Maurizio Mosca rinforza la squadra in ogni reparto con acquisti mirati come Francesco Musarra, Valerio Alesi (ex Ascoli), Stefano Strappa e il bomber Roberto Chiodi. Il Presidente però non si ferma qui e regala alla piazza un giocatore di ben altre categorie: Borislav Cvetkovic ex Stella Rossa con cui era diventato capocannoniere della Coppa dei Campioni nella stagione 1986-87 con sette reti ed ex Ascoli Calcio. Un giocatore che aveva collezionato 14 presenze e realizzato due reti con la maglia della sua nazionale. Il giorno del suo esordio, in curva, i Boys attaccano uno striscione: " Una punta di diamante per una squadra di gioielli".
La squadra parte con 7 pareggi consecutivi, poi però viaggia come un treno e da vita ad un testa a testa con il Forlì. Il 23 marzo 1993 c'è lo scontro diretto all'Helvia Recina davanti ad oltre 6.000 spettatori. La "Rata" (nome con cui viene chiamata dai tifosi la Maceratese) perde 1-0. Sembra finita. Ancora una volta una partita decisiva sembra essere letale ma questa volta non è così; i biancorossi infilano 6 vittore consecutive e conquistano l'atteso ritorno in serie C2.
Con la C2 torna il derby e, come negli anni passati, il derby casalingo è sinonimo di vittoria. Il derby d'andata della stagione 1993-94 si gioca a Macerata di sabato con il campo imbiancato dalla neve. La partita finisce 1-0 con gol di Alessandro Cocchi. In questa stagione la Maceratese raggiunge la salvezza; obiettivo che sfugge ai cugini "pesciaroli" che salutano la serie C2 per l'ultima volta.
L'anno successivo viene creata una buona squadra con Marcello Campolonghi come punta e con tanti altri giocatori validi per la categoria (almeno sulla carta) ed in panchina viene chiamato Valdinoci (ex allenatore dell'Atalanta in serie A); clamorosamente la squadra retrocede dopo i play-out contro il Cecina.
Mosca rifonda la squadra portando a Macerata Stefano Colantuono, Giuseppe De Amicis, Giuseppe Carillo, Sergio Spuri (secondo di Garella nella scudettata Hellas Verona) ed in panchina promuove Giovanni Pagliari, che valorizza due giocatori del vivaio: Danilo Stefani (che passerà alla Fiorentina) e Marco Cento (ceduto nel 1997 al Venezia). In questa stagione i biancorossi vincono il campionato e come consuetudine anche il derby contro la Civitanovese, sia in casa che sul neutro di Senigallia. La serie C2 è di nuovo realtà grazie all'ultima giornata dove la Maceratese batte il Camerino sul neutro di San Severino Marche, raggiunto per l'occasione da oltre 2.000 tifosi maceratesi.
La stagione 1996-97 potrebbe essere quella della svolta, ma come è successo spesso nella storia del club maceratese la fortuna volta le spalle ai biancorossi proprio nel momento decisivo. La società passa da Maurizio Mosca a Stefano Monachesi, che punta senza mezzi termini alla serie B in tre anni. Il girone B è uno dei più duri che si sia mai visto in serie C2, visto che era composto, tra le altre, da: Arezzo, Pisa, Livorno, Triestina, Rimini, Ternana. Si comincia subito con un big match all'Helvia Recina dove la quotata Triestina si deve accontentare di un pareggio; la domenica successiva i biancorossi sbancano Rimini e cominciano un buon cammino che li vede a metà stagione secondi dietro alle fere. All'ultima giornata di andata arriva la sconfitta contro l'Iperzola e il conseguente incredibile esonero di Pagliari sostituito da Bruno Nobili anch'egli ex giocatore biancorosso. Il girone di ritorno è pieno di soddisfazioni: la Maceratese batte il Livorno all'Ardenza per 2-1 e si ripete anche contro la Ternana in casa per 3-2 con un gol del terzino Naccarella ma la squadra alterna ottimi risultati a cadute incomprensibili che comunque le fanno concludere il campionato terza dietro la Ternana e dietro il Livorno.
In semifinale play-off la Maceratese pareggia in trasferta e batte l'Arezzo in casa per 1-0 aiutata anche da più di 8.000 spettatori (circa mille gli ospiti).
Nel giugno del 1997 la Maceratese con al seguito circa 3.000 tifosi perde con un secco 3-0 e lascia andare il Livorno in serie C1; ancora una volta uno spareggio è stato letale.
Nella stagione successiva il presidente Monachesi investe molto ed acquista giocatori considerati "di categoria", come D'Isidoro e Zanin e riesce a trattenere il capitano Stefano Colantuono, Carlo Valentini e Giuseppe Carillo. Sul campo, però, la squadra non risponde alle attese ed arriva a metà classifica. Seguono anni altalenanti dove vengono allestite buone squadre ma che non riescono mai a fare il tanto atteso salto di qualità.
Clamorosa è la stagione 1999-00 dove la squadra, che in rosa aveva Gabriele Graziani misteriosamente ceduto a metà annata, parte bene ed a gennaio è in zona play-off; successivamente alla durissima sconfitta 4-0 subita a Rimini i biancorossi abbandonano il sogno della serie C1 e concludono il campionato con una mediocre classifica che li porta alla salvezza.

Da ricordare la vittoria della Coppa Regionale-Nazionale, competizione facente parte del Campionato Allievi Nazionali, in cui partecipavano le società di Serie C ed alcune di serie A e serie B, avvenuta nella stagione 1998-99, un grande successo per il settore giovanile.

Nuovo millennio[modifica | modifica sorgente]

Il nuovo millennio parte male per i colori biancorossi: infatti la Maceratese, che in rosa ha Valiani, Di Magno, Di Toro e Luciani, nella stagione 2000-01 retrocede in serie D dopo aver perso per 4-0 i play-out a Faenza.

La società è allo sbaraglio: nelle stagioni successive arrivano a Macerata molti presidenti ed altrettante dirigenze, che non portano continuità all'ambiente calcistico. Nella stagione 2002-03 la Maceratese retrocede in Eccellenza dopo l'ennesimo spareggio finito male: questa volta a punire i biancorossi sono i laziali del Guidonia. Il club viene ripescato per la prima volta nella sua storia ma è tutto vano perché a fine stagione 2003-04 la squadra retrocede di nuovo dopo uno spareggio play-out a Ladispoli, in cui la Maceratese perde per 0-1. L'unica gioia in questi anni viene come sempre dal derby: 27 gennaio 2002 Civitanovese-Maceratese 0-3.
Ormai sembra la fine. In città si mormora di un imminente fallimento per i grandi debiti accumulati negli anni della C2. I tifosi si mobilitano e scendono in piazza per difendere i colori, per chiedere alle istituzioni di tutelare questa società che negli anni ha dato molto alla città di Macerata e per chiedere un nuovo presidente. L'appello viene raccolto da un imprenditore della provincia di Ascoli: Gaetano Malavolta che rifonda completamente la squadra mettendo a disposizione dell'allenatore-giocatore Francesco Nocera giocatori di valore per la categoria come: Giuseppe Castiglione (ex Avellino, Palermo ed altre squadre di serie B e di serie C), Ante Pesic e il mediano-bomber Roberto Vagnoni che concluse la stagione con 18 goal di cui 17 su punizione. In una sola stagione il nuovo presidente riporta la squadra dall'Eccellenza alla serie D, la partita decisiva è ancora una volta il derby con i cugini vinto davanti ad oltre 3.000 spettatori per 1-0, con rete di Guido Crocetti.
A fine stagione Malavolta sembra voler subito cambiar aria, si affermava che volesse comprare l'Ancona, si crea così una piccola frattura tra la dirigenza e la città.
Nonostante le tante voci rimane a Macerata e crea, insieme al socio di minoranza Andrea Barcaglioni, una buona squadra che conclude 3ª in campionato uscendo al primo turno dei play-off contro il Tolentino.
In estate la società torna in mano ad un maceratese; infatti Andrea Barcaglioni compra le quote di Malavolta.
Le stagioni 2006-07 e 2007-08 sono la fotocopia di due anonimi campionati con il club che si salva solo nelle battute finali grazie a uomini di carattere e grinta come Salvatore Fusco e Giovanni Fenucci e grazie ai gol di Alessandro Smerilli e Giorgio Galli.
Al termine della stagione arriva l'ennesimo cambio di dirigenza; infatti il 27 maggio 2008 viene reso noto che il 98% delle quote in possesso di Andrea Barcaglioni sono cedute in blocco al nuovo proprietario della Maceratese, Umberto Ulissi, imprenditore edile. A metà giugno vengono presi Giorgio Carrer come D.S. e Pasquale Minuti come nuovo trainer. Ad ottobre cominciano a girare insistenti voci su una nuova crisi societaria e addirittura sul reale rischio di fallimento. Per ciò che riguarda il campo, nella stagione 2008-09, la squadra parte malissimo e conclude penultima retrocendo in Eccellenza. A maggio 2009 arriva l'ufficializzazione del fallimento della società. Grazie alla FIGC, la Fulgor Maceratese eredita la rosa della società fallita.

Nuovi anni '10[modifica | modifica sorgente]

Dopo due stagioni fallimentari Paci lascia la società nelle mani della Dottoressa Maria Francesca Tardella che cambia la denominazione, tornando al più tradizionale Società Sportiva Maceratese[1]. Con lei arrivano il nuovo ds Cicchi e il nuovo trainer Guido Di Fabio. La rosa viene completamente rinnovata e migliorata con giocatori di categoria superiore e giovani promettenti. La stagione è a dir poco emozionante con un lungo duello tra la Rata, la Fermana e il Tolentino. Partita decisiva, per il ritorno in D, è quella contro i cremisi dove la Maceratese vince per 2 a 1 aiutata da oltre 3000 spettatori. Al ritorno in Serie D la Maceratese viene inserita nel difficile girone F che comprende squadre blasonate e candidate al successo finale come Ancona, Sambenedettese e Termoli. Da neopromossa la squadra biancorossa si comporta benissimo e per diversi mesi accarezza il sogno di ritornare tra i professionisti ma alla fine arriva un onorevole 4º posto finale. Da segnalare la cessione a fine stagione del bomber Federico Melchiorri al Padova, società militante in serie B, ed il "lancio" del giovane portiere Riccardo Marani, impegnato anche al Torneo di Viareggio[2], al Taranto. La stagione 2013-2014 si conclude con un altro quarto posto e l'eliminazione al primo turno dei play-off contro il Termoli.

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Cronistoria della Società Sportiva Maceratese
  • 1922 - Fondazione dell'Unione Sportiva Maceratese dalla fusione di quattro squadre cittadine: Macerata F.C., Helvia Recina, Virtus e Robur Macerata. Primi colori sociali: azzurro, successivamente si passerà al bianco-rosso.
  • 1922-23 - 1ª in Seconda Divisione Marche. Rinuncia alla promozione in Prima Divisione.
  • 1923-24 - 3ª in Seconda Divisione Marche.
  • 1924-25 - Non disputa il campionato. Iscritta in Prima Divisione dell'anno successivo al posto della Vigor Senigallia.
  • 1925-26 - 2ª in Prima Divisione Nazionale gir. Marche, ammessa alle semifinali della Lega Sud. 5º nel girone B di semifinale, viene retrocessa.
  • 1926 - Alla riforma dei campionati sancita dalla Carta di Viareggio non è ammessa alla Divisione Nazionale. La Maceratese non si iscrive al campionato di Prima Divisione, che avrebbe dovuto giocare con le squadre del Sud, e dichiara la propria inattività per la stagione 1926-27.[3]
  • 1927-28 - Cambio denominazione in S.S. Macerata. 4º in Terza Divisione Marche gir.B. Ammessa direttamente alla Prima Divisione Sud.
  • 1928-29 - 5º in Prima Divisione Sud, gir.B (Campionato Meridionale). Retrocessa e ripescata per rinuncia del F.S. Rosetano
  • 1929-30 - 8º in Prima Divisione Sud gir.B
  • 1930-31 - 5º in Prima Divisione gir.F
  • 1931-32 - Si ritira alla 9ª giornata di andata della Prima Divisione gir.E. Rinuncia alla Seconda Divisione e riparte dalla Terza Divisione Marchigiana con la nuova denominazione F.G.C. Macerata.
  • 1932-33 - ? in Terza Divisione Marche gir.B, ammesso alle finali, Green Arrow Up.svg promosso in Seconda Divisione.
  • 1933-34 - Si ritira dalla Seconda Divisione Marche gir.B. Sul campo di Macerata gioca la Sambenedettese.
  • 1935 - Cambia denominazione in Associazione Calcio Macerata ed è ammessa al campionato di Prima Divisione Marche.
  • 1935-36 - 2ª in Prima Divisione Marche, Green Arrow Up.svg promossa in Serie C.
  • 1936-37 - 8ª in Serie C gir.D
  • 1937-38 - 3ª in Serie C gir.D
  • 1938-39 - 1ª in Serie C gir.F, ammessa alle finali. 4º nel girone finale B di Serie C.
  • 1939-40 - 1ª in Serie C gir. F, ammessa alle finali. 2º nel girone di finale B della Serie C. Promossa in Serie B.
  • 1940-41 - 17ª in Serie B. Retrocede in Serie C.
  • 1941-42 - 9ª in Serie C gir.F
  • 1942-43 - 7ª in Serie C gir.H
  • 1943/45 - Attività sospesa per cause belliche.
  • 1945 - Si iscrive al campionato di Serie C con la nuova denominazione Società Sportiva Maceratese.
  • 1945-46 - 9ª nel girone B di Serie C della Lega Centrosud.
  • 1946-47 - 1ª nel girone F e 4ª nel girone finale della Lega Centro di Serie C.
  • 1947-48 - 1ª nel girone F della Lega Centro di Serie C. Ammessa nella Lega Nazionale.
  • 1948-49 - 5ª nel girone C di Serie C.
  • 1949-50 - 5ª nel girone C di Serie C.
  • 1950-51 - 6ª nel girone C di Serie C.
  • 1951-52 - 18ª nel girone C di Serie C, Red Arrow Down.svg retrocessa in IV Serie.
  • 1952-53 - 15ª nel girone E di IV Serie, Red Arrow Down.svg retrocessa in Promozione.
  • 1953-54 - 3ª in Promozione Marchigiana.
  • 1954-55 - 15ª in Promozione Marchigiana, Red Arrow Down.svg retrocessa in 1ª Divisione.
  • 1955-56 - 1ª in 1ª Divisione Marchigiana, Green Arrow Up.svg promossa in Promozione.
  • 1956-57 - 3ª in Promozione Marchigiana.
  • 1957-58 - 1ª nel Campionato Marchigiano Dilettanti, Green Arrow Up.svg promossa in IV Serie.
  • 1958-59 - 1ª nel girone G di IV Serie, Green Arrow Up.svg promossa in Serie C.
  • 1959-60 - 17ª nel girone B di Serie C, Red Arrow Down.svg retrocessa in Serie D.
  • 1960-61 - 3ª in Serie D gir.E
  • 1961-62 - 5ª in Serie D in gir.E
  • 1962-63 - 1ª in Serie D gir.E Green Arrow Up.svg Promossa in Serie C.
  • 1963-64 - 10ª in Serie C gir.C
  • 1964-65 - 16ª in Serie C gir.B
  • 1965-66 - 9ª in Serie C in gir.B
  • 1966-67 - 2ª in Serie C gir.B
  • 1967-68 - 7ª in Serie C gir.B
  • 1968-69 - 17ª in Serie C gir.B, Red Arrow Down.svg Retrocessa in Serie D.
  • 1969-70 - 1ª in Serie D gir.D, Green Arrow Up.svg promossa in Serie C.
  • 1970-71 - 8ª in Serie C gir.B
  • 1971-72 - 17ª in Serie C gir.B
  • 1972-73 - 19ª in Serie C gir.B, Red Arrow Down.svg retrocessa in Serie D.
  • 1973-74 - 6ª in Serie D gir.D
  • 1974-75 - 7ª in Serie D gir.D
  • 1975-76 - 13ª in Serie D gir.D
  • 1976-77 - 13ª in Serie D gir.D
  • 1977-78 - 13ª in Serie D gir.D
  • 1978-79 - 11ª in Serie D gir.C
  • 1979-80 - 1ª in Serie D gir.C, Green Arrow Up.svg promossa in Serie C2.
  • 1980-81 - 3ª in Serie C2 gir.B.
  • 1981-82 - 6ª in Serie C2 gir.B, cambia ragione sociale in S.S. Maceratese S.r.l.
  • 1982-83 - 12ª in Serie C2 gir.C.
  • 1983-84 - 14ª in Serie C2 gir.C.
  • 1984-85 - 10ª in Serie C2 gir.C
  • 1985-86 - 3ª in Serie C2 gir.C
  • 1986-87 - 17ª in Serie C2 gir.C, Red Arrow Down.svg retrocessa al campionato Interregionale.
  • 1987-88 - 15ª in Interregionale gir.H, Red Arrow Down.svg retrocessa in Promozione.
  • 1988-89 - 15ª in Promozione Marche gir.B, retrocede in Prima Categoria. In estate la F.I.G.C. non accetta l'iscrizione a nessun campionato da parte della Società Sportiva Maceratese S.r.l.
  • 1989 - Il club viene iscritto con il nome S.S. Maceratese 1989 alla Terza Categoria del Comitato Provinciale di Macerata.
  • 1989-90 1ª in Terza Categoria del Comitato di Macerata gir.? Green Arrow Up.svg Promossa in Seconda Categoria.
  • 1990-91 - 1ª in Seconda Categoria Marchigiana gir.D.
  • 1991 - Si fonde con l'A.S. Macerata Calcio (3ª in Promozione Marche gir.B, ammessa all'Eccellenza) e nasce l'Associazione Calcio Nuova Maceratese S.r.l..
  • 1991-92 - 1ª in Eccellenza Marche, Green Arrow Up.svg promossa al Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1992-93 - 1ª in C.N.D. gir.E, Green Arrow Up.svg promossa in Serie C2.
  • 1993-94 - 13ª in Serie C2 gir.B.
  • 1994-95 - 17ª in Serie C2 gir.B, perde i play-out contro il Cecina, Red Arrow Down.svg retrocessa in C.N.D..
  • 1995-96 - 1ª in C.N.D. gir.F, Green Arrow Up.svg promossa in Serie C2.
  • 1996-97 - 3ª in Serie C2 gir.B, perde la finale play-off contro il Livorno.
  • 1997-98 - 12ª in Serie C2 gir.B.
  • 1998-99 - 13ª in Serie C2 gir.B.
  • 1999-2000 - 8ª in Serie C2 gir.B.
  • 2000-01 - 16ª in Serie C2 gir.B, perde i play-out contro il Faenza, Red Arrow Down.svg retrocessa in Serie D.
  • 2001-02 - 4ª in Serie D gir.F.
Cambia denominazione in A.C. Maceratese.
  • 2002-03 - 16ª in Serie D gir.F, perde i play-out con il Guidonia ma in seguito viene ripescata.
  • 2003-04 - 15ª in Serie D gir.F, perde i play-out con il Ladispoli, Red Arrow Down.svg retrocessa in Eccellenza.
  • 2004-05 - 1ª in Eccellenza Marche, Green Arrow Up.svg promossa in Serie D.
  • 2005-06 - 3ª in Serie D gir.F, perde il primo turno dei play-off 0-1 col Tolentino.
  • 2006-07 - 9ª in Serie D gir.F
  • 2007-08 - 9ª in Serie D gir.F
  • 2008-09 - 17ª in Serie D gir.F, Red Arrow Down.svg retrocessa in Eccellenza Marche.
A maggio la società viene dichiarata fallita. Nasce la Fulgor Maceratese 1922 S.r.l. che rileva il titolo sportivo dell'A.C. Maceratese.
  • 2009-10 - 12ª in Eccellenza Marche.
  • 2010-11 - 17ª in Eccellenza Marche, vince i playout contro il Real Metauro.
Cambia denominazione in Società Sportiva Maceratese S.r.l..
  • 2011-12 - 1ª in Eccellenza Marche, Green Arrow Up.svg promossa in Serie D.
  • 2012-13 - 4ª in Serie D gir.F. Vince i playoff battendo in finale la Vis Pesaro. Eliminata al primo turno dei playoff nazionali.
  • 2013-14 - 4ª in Serie D gir.F. Eliminata nella prima fase play-off dal Termoli.

Stadio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stadio Helvia Recina.

La squadra gioca le partite casalinghe allo Stadio Helvia Recina, la cui capienza complessiva è di 9.000 posti circa. Il record di spettatori in una singola partita è di 12.900 presenze registrate il 5 aprile 1981 per Maceratese-Civitanovese, valevole per il campionato di C2 girone B della stagione 1980-1981. La partita terminò 1-0 con gol di Moreno Morbiducci. L'8 giugno 2010 si disputa all'Helvia Recina la finale del Campionato Primavera tra le formazioni del Genoa e dell'Empoli, vinta dalla compagine ligure per 2-1[4]. I settori aperti dello stadio (tutti meno la curva) vengono riempiti totalmente dal pubblico, che fa registrare il "tutto esaurito". L'evento viene ripreso in diretta e trasmesso dall'emittente televisiva Sky[5], che utilizza cinque telecamere puntate sul terreno di gioco.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Allenatori della S.S. Maceratese.
Sfondo bagliore.png
Allenatori
Sfondo bagliore.png
Presidenti
  • 1922-1924 Italia Nansen Cola
  • 1924-1926 Italia Guido Canestri
  • 1926-1938 Italia Nansen Cola
  • 1938-1941 Italia Filippo Antonelli Incalzi
  • 1941-1942 Italia Duilio Palombi
  • 1942-1943 Italia Alessandro Sforzini è il "commissario straordinario"
  • 1945-1948 Italia Aldo Moretti
  • 1948-1949 Italia Nansen Cola
  • 1949-1951 Italia Luigi Pianesi
  • 1951-1952 Italia Vincenzo Pacente è il "commissario straordinario"
  • 1952-1955 Italia Aldo Moretti
  • 1955-1957 Italia Umberto Andreoni
  • 1957-1971 Italia Elio Ballesi
  • 1973-1987 Italia Rodolfo Tambroni
  • 1987-1989 Italia Franco Moressi
  • 1990-1991 Italia Giovanni Faggiolati
  • 1991-1996 Italia Maurizio Mosca
  • 1996-2001 Italia Stefano Monachesi
  • 2001-2002 Italia Mario Bonsignore
  • 2002-2004 Italia Gianni Rovelli
  • 2004-2006 Italia Gaetano Malavolta
  • 2006-2008 Italia Andrea Barcaglioni
  • 2008-2009 Italia Umberto Ulissi
  • 2009-2011 Italia Massimo Paci
  • 2011-oggi Italia Maria Francesca Tardella

Giocatori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Calciatori della S.S. Maceratese.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

1938-1939 (girone F), 1939-1940 (girone F), 1946-1947 (girone F), 1947-1948 (girone F Centro)
1958-1959 (girone G)
1962-1963 (girone E), 1969-1970 (girone D), 1979-1980 (girone C)
1992-1993 (girone E), 1995-1996 (girone F)

Competizioni regionali[modifica | modifica sorgente]

1922-1923
1991-1992, 2004-2005, 2011-2012
  • Campionato Dilettanti: 1
1957-1958
1955-1956
1990-1991

Competizioni provinciali[modifica | modifica sorgente]

1989-1990 (girone ?)

Statistiche e record[modifica | modifica sorgente]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica sorgente]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Campionato Meridionale 1 1928-1929 2
Serie B 1 1940-1941
Prima Divisione 3 1929-1930 1931-1932 26
Serie C 23 1936-1937 1972-1973
IV Serie 1 1952-1953 25
Campionato Interregionale 1 1958-1959
Serie D 9 1960-1961 1977-1978
Serie C2 14 1980-1981 2000-2001
Serie D 11 1978-1979 2013-2014 14
Campionato Interregionale 1 1987-1988
Campionato Nazionale Dilettanti 2 1992-1993 1995-1996

Tifoseria[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Amicizie[modifica | modifica sorgente]

Rivalità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Intervista al direttore sportivo, dal sito della S.S. Maceratese, 3 giugno 2011.
  2. ^ Riccardo Marani elimina l'Inter al torneo di Viareggio Cronachemaceratesi.it
  3. ^ La Carta di Viareggio sancì l'ammissione ai gironi Nord solo per l'Anconitana ed è forse questo (l'alto costo delle trasferte nell'Italia del Sud) il motivo per cui non rinnovò affiliazione ed iscrizione ai campionati per la stagione 1926-27.
  4. ^ Genoa, festa tricolore Suo lo scudetto Primavera - Risultati e ultime notizie calcio e calciomercato - La Gazzetta dello Sport
  5. ^ Genoa-Empoli: Ecco Le Formazioni - Genoa Cfc

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]