La solitudine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il singolo di Patty Pravo, vedi La solitudine/1941.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'album di Léo Ferré, vedi La solitudine (Léo Ferré).
La solitudine
La solitudineLauraPausini.jpg
Screenshot tratto dal videoclip del brano
Artista Laura Pausini
Tipo album Singolo
Pubblicazione febbraio 1993
Durata 3 min : 57 s
Album di provenienza Laura Pausini
Genere Pop
Ballata
Etichetta CGD
Produttore Angelo Valsiglio, Marco Marati
Arrangiamenti Gianni Salvatori
Registrazione 1993, Santanna Recording Studios (Castelfranco Emilia)
Formati CD
Certificazioni
Dischi di platino Paesi Bassi Paesi Bassi[1]
(Vendite: 75.000+)
Laura Pausini - cronologia
Singolo precedente
(1993)
Singolo successivo
(1993)

La solitudine è un brano musicale interpretato dalla cantante italiana Laura Pausini e pubblicato nel 1993 come singolo di lancio del suo omonimo album di debutto. Le musiche del brano sono composte da Angelo Valsiglio e Pietro Cremonesi, mentre il testo è firmato dallo stesso Cremonesi insieme a Federico Cavalli.

La canzone ha partecipato al Festival della Canzone Italiana di Sanremo nel 1993, ottenendo la vittoria nella sezione Novità e consentendo a Laura Pausini di raggiungere la popolarità nel proprio paese d'origine. In seguito il brano è stato pubblicato anche in altri paesi europei, ottenendo un riscontro commerciale positivo soprattutto in Belgio, Francia e nei Paesi Bassi.

Un anno dopo la vittoria sanremese, il brano è stato tradotto anche in spagnolo e pubblicato con il titolo La soledad in Spagna, Sud America e negli Stati Uniti d'America. Laura Pausini ha inciso nel 1995 anche una versione in inglese del brano, appositamente adattata da Tim Rice e intitolata La solitudine (Loneliness).

Nel 2001, in occasione della pubblicazione del greatest hits The Best of Laura Pausini - E ritorno da te, Laura Pausini ha nuovamente registrato il brano sia in italiano che in spagnolo, ripubblicandolo come singolo in alcuni paesi europei. Nel corso degli anni vari artisti hanno inoltre inciso cover del brano in diverse lingue, tra le quali anche il greco e l'olandese.

La stessa Laura Pausini, nel corso degli anni, ha ripetutamente dichiarato di essere particolarmente legata al brano, indicandolo come un elemento determinante per il successo ottenuto durante la sua carriera.[2][3]

Il brano[modifica | modifica sorgente]

Laura Pausini, interprete del brano, dichiarò che La solitudine raccontava le sensazioni che stava vivendo durante il periodo dell'incisione del singolo stesso.

La canzone è stata scritta da Pietro Cremonesi, autore sia del testo che della musica, e Federico Cavalli, co-autore delle parole del brano. Al momento della composizione della canzone, i due autori si dedicavano alla scrittura di canzoni nel loro tempo libero, ma erano ancora estranei alla discografia e durante il giorno svolgevano la professione di impiegati all'IBM di Milano.[4] Alla scrittura della musica collaborò anche Angelo Valsiglio,[5] il quale aveva già avuto modo di ascoltare la voce di Laura Pausini e così, interessato a collaborare con lei, la contattò per presentarle il manager e produttore Marco Marati. Valsiglio e Marati proposero il brano alla cantante, insieme ad alcune altre canzoni scritte da vari autori. Lo stesso brano era già stato provato anche da altre interpreti, ma Marati e Valsiglio giudicarono l'esecuzione della Pausini la più convincente.[4] Inoltre, secondo quanto dichiarato da Laura Pausini in un'intervista concessa al giornalista Gianni Minà nel 2008, la cantante stessa fu colpita sin dall'inizio dal testo de La solitudine e non ebbe alcun dubbio nella scelta di interpretare il brano[4]:

« Inizialmente il brano cominciava con "Anna se n'è andata" invece di "Marco se n'è andato". Ma per il resto la storia era la fotografia della mia vita fino a quel momento, perché io comunque andavo veramente a scuola con il treno delle sette e trenta. [...] Dissi al mio babbo che volevo cantare solo quella, cambiando solo il nome, Marco, perché lo svolgimento della canzone pareva copiato da quello che succedeva a me. Marco era il mio fidanzatino dell'epoca e per questo, quando cantavo quel brano, mi emozionavo tanto. »
(Laura Pausini intervistata da Gianni Minà per Vivaverdi del bimestre novembre-dicembre 2008.)

Il testo della canzone racconta l'allontanamento di una ragazza adolescente dal suo ragazzo, Marco, trasferitosi in un'altra città[6] per esigenze lavorative del padre, e racconta in prima persona il vuoto vissuto dalla giovane, per la quale i momenti quotidiani come il viaggio in treno verso la scuola o lo studio pomeridiano sembrano non avere più alcun senso senza il suo amore e la sua presenza.[7]

Da un punto di vista musicale, la giornalista Fabiana Steinmander della rete televisiva statunitense Univision descrisse La solitudine come «una delle canzoni con il massimo grado di difficoltà, a causa della grande quantità di variazioni nella voce e nella modulazione che richiede alle sue interpreti».[8]

Partecipazione al Festival di Sanremo[modifica | modifica sorgente]

Il Teatro Ariston di Sanremo, nel corso della 43ª edizione del Festival della Canzone Italiana, ospitò la prima esecuzione pubblica del brano, alla quale seguì la vittoria del concorso nella sezione Novità

Dopo la scelta del brano, Marati e Valsiglio spinsero Laura Pausini a sostenere provini per diverse case discografiche.[4] Le prime risposte ottenute dalla cantante furono negative ma, nel settembre 1992, Laura Pausini riuscì a convincere Fabrizio Giannini e Gianpiero Skussel della CGD (marchio controllato dalla Warner Music Italy), ottenendo un contratto discografico che prevedeva la sola pubblicazione del singolo e che le avrebbe consentito di presentare il brano al Festival di Sanremo dell'anno successivo.[9][10] Nel gennaio 1993, il brano superò la prima selezione interna dei candidati alla partecipazione al Quarantatreesimo Festival di Sanremo nella sezione "Novità".[11] Il 22 gennaio dello stesso anno fu infine ufficializzata dalla RAI la lista dei diciotto nuovi artisti partecipanti alla gara, all'interno della quale figurava anche il nome di Laura Pausini con La solitudine.[12]

La canzone fu interpretata pubblicamente da Laura Pausini per la prima volta il 23 febbraio 1993, durante la prima semifinale del festival,[13] quando La solitudine fu inserita come quarta esibizione nella scaletta della serata.[14][15] Durante l'esibizione della cantante, l'orchestra della RAI fu diretta dal maestro Maurizio Tirelli.[16] Il brano superò la prima fase di eliminazione, che prevedeva il dimezzamento dei sei giovani in gara durante la prima serata, accedendo così alla finale, insieme anche alle altre sei canzoni selezionate durante la seconda e terza serata della kermesse.[17] Dopo l'esibizione avvenuta durante la finale del concorso, svoltasi il 27 febbraio 1993, Laura Pausini ricevette 7.464 voti, conquistando così la vittoria nella propria categoria, davanti alla seconda classificata Gerardina Trovato, che ottenne 7.209 voti con Ma non ho più la mia città.[18][19]

Il videoclip[modifica | modifica sorgente]

Il videoclip realizzato per il brano La solitudine è stato diretto dal regista italiano Ambrogio Lo Giudice.[20] Fu girato ad Ostia, sul pontile di piazza dei Ravennati e sulle spiagge circostanti, nel marzo 1993.

Il video mostra perlopiù Laura Pausini mentre interpreta il brano camminando sul pontile ed affacciandosi alle sue balaustre, alternando tali scene ad altre immagini nelle quali la cantante gioca con alcuni cuccioli di cane in riva al mare, oppure in varie pose silenziose, con solo la sua voce in sottofondo.

Nel 1999 il videoclip viene inserito nella VHS Video collection 93-99, che raccoglie la maggior parte dei video realizzati dalla cantante nel corso dei suoi primi sette anni di carriera.[21] Nella primavera del 2011 il video è stato inoltre caricato sul canale YouTube ufficiale di Warner Music Italy, la casa discografica di Laura Pausini.[22]

Congiuntamente, fu realizzato anche il videoclip del singolo Perché non torna più, che riprende numerosi spezzoni dal video de La solitudine.

Successo commerciale[modifica | modifica sorgente]

Subito dopo la sua pubblicazione, La solitudine riscosse un ottimo successo commerciale in Italia.[23] Nella settimana del 13 marzo 1993, il singolo raggiunse il primo posto nella classifica di vendita stilata dalla rivista Musica e dischi, conservando la vetta per un totale di tre settimane consecutive.[24] Il singolo risultò inoltre il quindicesimo più venduto in Italia durante il 1993[25] e divenne entro breve tempo una sorta di classico del pop italiano.[26]

Paul de Leeuw pubblicò nei Paesi Bassi la cover di La solitudine intitolata Ik wil niet dat je liegt, che arrivò in vetta alla Single Top 100 quando la versione di Laura Pausini si trovava al secondo posto.

Alcuni mesi più tardi il brano fu pubblicato come singolo anche nel resto d'Europa, ottenendo riscontri analoghi in diversi paesi. Nel novembre 1993, La solitudine debuttò al ventiseiesimo posto della Mega Single Top 100, la classifica dei singoli più venduti nei Paesi Bassi (il brano fu presentato di persona dalla cantante sulla tv olandese). Circa un mese più tardi, il singolo arrivò fino al secondo posto della classifica, restandovi per quattro settimane consecutive.[27] Durante la settimana dell'8 gennaio 1994, la seconda che il singolo trascorse al numero due della classifica, il singolo che ottenne la prima posizione fu Ik wil niet dat je liegt, la cover del brano stesso realizzata in olandese dal comico e cantante Paul de Leeuw.[28] Nella storia della Mega Single Top 100, solamente altre due canzoni prima di La solitudine erano riuscite ad essere presenti tra le prime tre posizioni della classifica con due diverse versioni contemporaneamente e, secondo i dati aggiornati al marzo 2012, sono in totale cinque i singoli ad aver ottenuto tale risultato.[29] Nella seconda settimana del 1994, il brano raggiunse anche il primo posto nella Dutch Top 40, la classifica olandese che si differenzia dalla precedente perché ottenuta considerando non solamente i dati di vendita, ma anche quelli relativi ai passaggi radiofonici dei brani musicali.[30] Grazie alle vendite di oltre 75.000 copie nel paese, il singolo fu anche certificato disco di platino dalla Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers[1] e risultò essere il quattordicesimo più venduto nel corso del 1994.[31]

Nello stesso periodo, La solitudine riuscì ad entrare anche nella classifica francese realizzata dal Syndicat national de l'édition phonographique (la stessa Pausini fu invitata dal presentatore televisivo Jacques Martin ad eseguire il brano dal vivo nel programma che egli conduceva sul canale France 2, Le monde est à vous). Nell'aprile 1994, a distanza di alcuni mesi dal suo ingresso in classifica, il singolo raggiunse la top ten, per poi arrivare fino al quinto posto e completare nell'ottobre seguente un periodo di quarantaquattro settimane non consecutive trascorse tra i cinquanta singoli più venduti nel paese.[32] Il singolo ottenne così il tredicesimo posto nella classifica annuale francese.[33]

Ancora più marcato fu il riscontro ottenuto dal brano in Belgio dove, tra il febbraio e l'aprile 1994, La solitudine trascorse otto settimane consecutive al primo posto della Ultratop 50, classifica stilata in base alle vendite dei singoli nella regione delle Fiandre.[34]

La versione in lingua spagnola del brano, pubblicata nel 1994, ottenne molta notorietà in Spagna,[35] contribuendo al successo dell'album Laura Pausini, che diventò il più venduto nel paese nel corso del 1994.[36] Il brano riuscì inoltre ad entrare nelle classifiche Billboard relative ai passaggi radiofonici nelle emittente di musica latina negli Stati Uniti d'America, raggiungendo il quinto posto nella classifica Latin Pop Songs[37] ed entrando nelle classifiche Latin Songs[38] e Tropical Songs.[39]

Decisamente inferiore fu invece il riscontro commerciale ottenuto dalla versione inglese del brano, che fu pubblicata nel 1995 in Regno Unito, ma passò inosservata e non riuscì a entrare in alcuna classifica di vendita.[40]

Reazioni della critica[modifica | modifica sorgente]

La critica musicale italiana riservò al brano un'accoglienza piuttosto negativa, considerandolo troppo poco innovativo e troppo vicino alla tradizione musicale italiana.[41] In occasione della partecipazione al Festival di Sanremo 1993, il giornalista Gino Castaldo del quotidiano la Repubblica definì La solitudine una canzone non «di rilievo», lodando però la voce e la grinta dimostrata dalla cantante.[42] Secondo Diego Perugini del giornale l'Unità, la canzone è caratterizzata dalla sua melodia ariosa e dalla triste storia d'amore adolescenziale della quale si parla nel testo,[43] mentre Mario Luzzatto Fegiz e Gloria Pozzi del Corriere della Sera scrissero che la canzone «al primo ascolto ci suonava abbastanza sanremese. In realtà è un brano tutto acqua e sapone, in perfetta sintonia con l'interprete».[7]

Marinella Venegoni di La Stampa ha in seguito descritto La solitudine come una canzone «adolescenziale».[44] Molto simile è il giudizio espresso nel 2005 da Lucia Marchi di la Repubblica, secondo la quale il brano è uno «manifesto generazionale under 18 denso di pathos adolescenziale e di belle speranze».[45] Nel 2006 la canzone è stata inserita nel libro di Paolo Madeddu e Paola Maraone intitolato Da una lacrima sul viso... Come guarire i mali del cuore attraverso l'ascolto omeopatico delle 50 canzoni più deprimenti del pop italiano. In quell'occasione, gli autori del libro scrissero che «La solitudine è il Giampiero Galeazzi della canzone depressiva: anche volendo non la si può ignorare».[46] Come riportato su La Stampa da Marinella Venegoni, la «tristezza un po' lagnosa» della canzone portò al brano anche il paragone con lo stile del cantautore Marco Masini.[47]

Interpretazioni dal vivo[modifica | modifica sorgente]

Gianna Nannini ha interpretato La solitudine con Laura Pausini durante il concerto Amiche per l'Abruzzo del 21 giugno 2009.

Dopo la prima esibizione sanremese, Laura Pausini ha interpretato La solitudine dal vivo in moltissime altre occasioni nel corso della sua carriera. Nei mesi che hanno seguito la vittoria al festival, la cantante ha presentato il brano in diversi programmi televisivi, come Buona Domenica,[48] Bellezze al bagno[49] e Rock cafè.[50] La canzone è stata poi riproposta al Festival di Sanremo in occasione delle partecipazioni di Laura Pausini come ospite nel 2001, quanto fu inserita in un medley con In assenza di te e Tra te e il mare,[51] e nel 2006, quando fu riproposta insieme a Strani amori e Tra te e il mare.[52]

Il brano è inoltre diventato un classico nei concerti della cantante, entrando nella scaletta di tutti i suoi tour mondiali[53][54][55][56][57][58] Alcune di queste esibizioni sono state inoltre registrate ed incluse negli album dal vivo pubblicati dalla cantante, a partire dal DVD Live 2001-2002 World Tour,[55] registrato durante la tappa milanese del World Tour 2001-2002 e pubblicato nel dicembre 2002.[59] Live in Paris 05 contiene l'interpretazione del brano fornita dalla cantante durante lo spettacolo tenutosi nel marzo 2005 al Le Zénith di Parigi,[60] mentre un'altra versione della canzone è stata inserita in San Siro 2007, l'album registrato durante il concerto del 2 giugno 2007 allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano.[61] L'esecuzione del brano avvenuta durante il concerto di Napoli in occasione del World Tour 2009 fa invece parte del disco Laura Live World Tour 09, pubblicato nel novembre 2009.[62]

Nel corso degli anni la canzone è stata proposta anche in duetto con artisti diversi. Nel 2002 Lara Fabian e Laura Pausini cantarono la canzone durante il programma televisivo Dolce Italia, registrato in Piazza di Spagna a Roma e trasmesso dall'emittente televisiva francese France 2.[63] Nel 2004, durante la trasmissione di Rai 1 Stasera pago io, fu Fiorello a interpretare La solitudine in duetto con Laura Pausini, mentre il 21 giugno 2009 la canzone venne eseguita insieme a Gianna Nannini, in occasione del concerto benefico Amiche per l'Abruzzo, svoltosi allo Stadio Giuseppe Meazza di Milano.[64] Quest'ultima versione fu in seguito inserita nel DVD relativo all'evento, pubblicato un anno dopo il concerto stesso.[65]

Popolarità nei media[modifica | modifica sorgente]

La canzone in lingua italiana compare all'interno della colonna sonora del film Utopia, utopia, per piccina che tu sia, realizzato nel 1993 dai registi Umberto Marino e Dominick Tambasco.[66]; quella in lingua spagnola all'interno della colonna sonora della serie televisiva colombiana Clase Aparte realizzata nel 1995.

Il brano è stato anche scelto per uno degli spot del Festival di Sanremo 2009, nel quale La solitudine fa da sfondo alle immagini di alcune tappe della carriera della cantante.[67][68] Nel 2013 il brano è stato nuovamente utilizzato per promuovere la 63ª edizione della kermesse, all'interno di uno spot nel quale la co-presentatrice Luciana Littizzetto canta La solitudine mentre è seduta in un vagone della metropolitana.[69]

Inoltre, il brano è stato ripetutamente utilizzato all'interno di talent show italiani e internazionali, nelle interpretazioni dei cantanti in gara. La versione italiana del brano è stata cantata durante programmi televisivi quali Operazione trionfo nel 2002,[70] la sesta edizione di X Factor nel 2012[71] e la prima edizione di The Voice Belgique,[72] mentre il brano in lingua spagnola è apparso durante la quarta edizione di Latin American Idol nel 2009[73] Objetivo Fama nel 2007[8] e La Voz... Argentina nel 2012.[74]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  • CD singolo – Italia, Francia e Germania (1993)[75][76][77]
  1. La solitudine – 4:04
  2. La solitudine – 4:04 – strumentale
  1. La solitudine – 4:04 – stereo
  2. La solitudine – 4:04 – mono
MCS - 4509920714 Warner Music Francia (1994)[79]
  1. La solitudine
  2. La solitudine (Instrumental)
  1. La solitudine – 4:04
  2. La soledad – 4:04
  3. La solitudine – 4:04 – strumentale

Musicisti e staff tecnico[modifica | modifica sorgente]

Musicisti[81]
Composizione e produzione[81]
  • Federico Cavalli – autore
  • Sandro Chinellato – ingegnere del suono
  • Pietro Cremonesi – compositore
  • Marco Marati – produttore
  • Gianni Salvatori – arrangiamenti, ingegnere del suono, chitarra elettrica, cori
  • Angelo Valsiglio – autore, produttore esecutivo

Altre versioni[modifica | modifica sorgente]

La soledad[modifica | modifica sorgente]

La soledad
Artista Laura Pausini
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1994
Durata 4 min : 00 s
Album di provenienza Laura Pausini (versione 1994)
Genere Pop
Etichetta CGD
Produttore Angelo Valsiglio, Marco Marati
Arrangiamenti Gianni Salvatori
Registrazione 1994, Morning Studio (Milano)
Formati CD
Laura Pausini - cronologia
Singolo precedente
(1994)
Singolo successivo
(1994)

Il brano fu tradotto in lingua spagnola da Badia e inciso da Laura Pausini nel suo album eponimo pubblicato nel 1994 e contenente gli adattamenti di alcune canzoni tratte dai primi due album in italiano pubblicati dalla cantante.[82] La nuova versione fu pubblicata come singolo per il lancio dell'album stesso in Spagna, negli Stati Uniti e in America Latina.[83]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. La soledad – 3:58
  2. La solitudine – 3:56
  3. La solitudine – 3:57 – strumentale

Musicisti e staff tecnico[modifica | modifica sorgente]

Musicisti[84]
Composizione e produzione[84]
  • J. Badia – adattamento in lingua spagnola
  • Federico Cavalli – autore
  • Pietro Cremonesi – autore
  • Marco Marati – produttore
  • Angelo Valsiglio – autore, produttore
  • Gianni Salvatori – arrangiamenti

La solitudine (Loneliness)[modifica | modifica sorgente]

La solitudine (Loneliness)
Artista Laura Pausini
Tipo album Singolo
Pubblicazione settembre 1995
Durata 4 min : 30 s
Album di provenienza Laura Pausini (versione 1995)
Genere Pop
Etichetta CGD East West
Produttore Marco Marati, Bob Sargeant
Registrazione 1995, Santanna Recording Studios (Castelfranco Emilia)
Formati CD
Laura Pausini - cronologia
Singolo precedente
(1995)
Singolo successivo
(1996)
Tim Rice, autore del testo in inglese del brano.

Una nuova versione del brano fu realizzata dall'autore di testi inglese Tim Rice, noto soprattutto per la sua attività in musical come Evita e Jesus Christ Superstar.[85] Rice scrisse il testo in inglese della canzone, che fu così intitolata La solitudine (Loneliness) e scelta come primo singolo per il lancio della raccolta Laura Pausini, pubblicata nel mercato anglosassone nel 1995 e contenente, oltre alla nuova versione del singolo di debutto della cantante, diversi brani in italiano tratti dai primi due album di Laura Pausini.[86]

La pubblicazione del singolo era inizialmente prevista per il febbraio 1995.[87] Dopo essere stata spostata al 19 giugno dello stesso anno,[88] fu nuovamente rimandata, e il singolo fu immesso sul mercato solamente alla fine del settembre 1995.[87]

Questa versione del brano si differenzia dalle precedenti due perché ha un significato completamente diverso e, anziché raccontare la fine di un amore adolescenziale, descrive i sentimenti di quelle persone che scelgono la solitudine come mezzo per comprendere fino in fondo il proprio essere.[87]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. La solitudine (Loneliness) – 3:58
  2. La solitudine – 3:56
  3. La solitudine – 3:57 – strumentale

La versione del 2001[modifica | modifica sorgente]

La solitudine
Artista Laura Pausini
Tipo album Singolo
Pubblicazione 2002
Durata 4 min : 23 s
Album di provenienza The Best of Laura Pausini - E ritorno da te
Genere Pop
Etichetta CGD East West
Produttore Laura Pausini, Alfredo Cerruti, Celso Valli
Arrangiamenti Celso Valli
Registrazione 2001, Fonoprint (Bologna); Excalibur (Milano)
Formati CD
Laura Pausini - cronologia
Singolo precedente
(2002)
Singolo successivo
(2002)

La canzone fu registrata nuovamente da Laura Pausini in occasione della pubblicazione della sua prima raccolta, The Best of Laura Pausini - E ritorno da te, uscita nell'autunno 2001. Per l'occasione fu realizzato un nuovo arrangiamento del brano, curato da Celso Valli,[91] che vide la partecipazione della London Symphony Orchestra.[92]

Nel 2002, interrogata sulla motivazione che la spinse a incidere una versione rinnovata del brano, così come di altri suoi singoli degli esordi, Laura Pausini rispose dicendo:[93]

« Nei brani del mio esordio avevo una voce meno matura. Anche i suoni non mi sembravano più molto attuali. Volevo che il disco fosse armonioso, ecco tutto. »
(Laura Pausini durante un'intervista rilasciata nel 2002 a Il Giornalino)

Pubblicato insieme al brano Tra te e il mare come doppio lato A in Francia, il singolo raggiunse la sedicesima posizione nella classifica realizzata dal Syndicat national de l'édition phonographique.[94]

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Tra te e il mare – 3:49
  2. La solitudine – 4:24 – Nuova versione

Musicisti[modifica | modifica sorgente]

Medley 2013[modifica | modifica sorgente]

In occasione del ventennale dalla prima esecuzione del singolo, il 26 febbraio 2013, è stato rilasciato su iTunes uno speciale medley, consistente nell'unione delle tre versioni originale della canzone (in italiano, spagnolo e inglese), con le lingue alternate strofa per strofa[96].

La versione del 2013[modifica | modifica sorgente]

La canzone fu registrata nuovamente da Laura Pausini in occasione della pubblicazione della sua raccolta, 20 - The Greatest Hits, uscita il 12 novembre 2013. Per l'occasione fu realizzato ancora un nuovo arrangiamento del brano, curato questa volta da Ennio Morricone. La versione fu pubblicata anche in lingua spagnola e pubblicata nella raccolta 20 - Grandes Exitos. Con la versione italiana Ennio Morricone riceve da Laura Pausini il 3 giugno 2014 al Foro Italico di Roma il premio Music Award nella categoria Premio speciale "Premio per l'arrangiamento musicale"[97][98][99].

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Posizioni massime[modifica | modifica sorgente]

Classifica (1993-94) Posizione
massima
Belgio (Fiandre)[34] 1
Francia[32] 5
Italia[25] 1
Paesi Bassi[27] 2
Stati Uniti (Latin Songs)[38] 22
Stati Uniti (Latin Pop Songs)[37] 5
Stati Uniti (Tropical Songs)[39] 11

Classifiche di fine anno[modifica | modifica sorgente]

Paese (1994) Posizione
Francia[33] 13
Italia[25] 15
Paesi Bassi[31] 15

Pubblicazioni all'interno di album, raccolte o altri singoli[modifica | modifica sorgente]

Anno Album o singolo Titolo Versione
1993 Supersanremo '93[100] La solitudine Versione originale in italiano
Laura Pausini[101]
1994 Laura Pausini[82] La soledad Versione originale in spagnolo
1995 Laura Pausini[86]
(Regno Unito, Giappone)
La solitudine (Loneliness) Versione in inglese
La solitudine Versione originale in italiano
2001 The Best of Laura Pausini - E ritorno da te[102] La solitudine Versione 2001 in italiano
Lo mejor de Laura Pausini - Volveré junto a ti[103] La soledad Versione 2001 in spagnolo
2002 Live 2001-2002 World Tour (video)[55] La solitudine Dal vivo al Forum d'Assago, 2 dicembre 2001
2005 Live in Paris 05 (audio e video)[60] La solitudine Dal vivo a Parigi, Le Zénith, marzo 2005
2007 San Siro 2007[61] Dal vivo a Milano, San Siro, 2 giugno 2007
2009 Laura Live World Tour 09[62] Dal vivo a Napoli, 11 luglio 2009
Laura Live Gira Mundial 09[104][105] La soledad Dal vivo a Barcellona, 30 aprile 2009
2010 Amiche per l'Abruzzo (video)[65] La solitudine (con Gianna Nannini) Dal vivo a Milano, Stadio San Siro, 21 giugno 2009
2013 Non pubblicato su nessun album[106] La solitudine - La soledad - Loneliness Medley che assembla tutte e tre le versioni originali della canzone (in italiano, spagnolo ed inglese) alternando le lingue strofa per strofa. Realizzato per celebrare il ventennale di carriera della cantante. Pubblicato il 26 febbraio 2013 solo su iTunes.
20 - The Greatest Hits La solitudine Versione 2013 in italiano con la collaborazione del compositore/direttore d'orchestra italiano Ennio Morricone
20 - Grandes Exitos La soledad Versione 2013 in spagnolo con la collaborazione del compositore/direttore d'orchestra italiano Ennio Morricone

Cover[modifica | modifica sorgente]

Renato Russo registrò il brano nel 1995. Nel 2010 la sua voce fu usata per realizzare un duetto postumo con Leila Pinheiro.

Pochi mesi dopo la pubblicazione della versione originale interpretata da Laura Pausini, il cantante e comico olandese Paul de Leeuw realizzò una cover del brano in lingua olandese, intitolata Ik wil niet dat je liegt (letteralmente, Non voglio che tu mi menta), pubblicata come singolo insieme al brano Waarheen Waarvoor. La versione ottenne un notevole successo commerciale, raggiungendo il primo posto nella classifica di vendita dei Paesi Bassi,[28] dove diventò anche il secondo singolo più venduto dell'anno.[31]

Nel 1994 una seconda cover, con il testo adattato in greco, venne incisa da Thanos Kalliris con il titolo Το Νου σου κύριε Οδηγέ (letteralmente, La mente è la tua guida principale) e inserita nell'album Kapoio kalokairi.[107]

L'anno successivo fu invece l'artista colombiana Diana a registrare una versione salsa del brano in lingua spagnola, includendola nel suo secondo album, Tormenta de amor.[108] Nel corso dello stesso anno, Renato Russo, cantante brasiliano di origini italiane, interpretò la canzone con il testo originale in italiano, inserendola nel disco Equilíbrio distante.[109] Nel 2010, dopo la morte del cantante, la registrazione originale di Renato Russo venne unita alla voce dell'artista Leila Pinheiro, dando vita così ad un duetto virtuale per l'album commemorativo Duetos, interamente composto da collaborazioni postume così ottenute.[110]

Il gruppo cubano Bamboleo realizzò una nuova cover de La soledad in versione salsa, inserendola nell'album Te gusto o te caigo bien, pubblicato nel 1996.[111] Nel corso dello stesso anno, la cantante brasiliana Jayne realizzò una cover in portoghese, A solidão, facente parte dell'album Solidão.[112]

Una versione raggae di La soledad fu incisa nel 1997 dagli statunitensi Dark Latin Groove per l'album Swing On. Questa versione vede la collaborazione di Cindy Davila, che partecipa come cantante e rapper in alcuni versi della canzone.[113] Nel 1998, un adattamento in lingua filippina fu invece interpretato da Ivy Violan per l'album Hanggang ngayon (letterlmanete, Fino ad ora), che trae il titolo proprio dal nome attribuito alla nuova versione de La solitudine.[114][115]

La versione in inglese della canzone fu reinterpretata anche dal cantante tedesco Jamie Stevens, che la registrò per l'album Unbreakable del 2002, mentre lo spagnolo Abraham Mateo incluse La soledad nel suo album di debutto eponimo, pubblicato nel 2009, quando il cantante aveva ancora undici anni.[116] Una cover in italiano fu invece pubblicata dalla cantante francese Ève Angeli all'interno del singolo Je vais t'aimer nel 2005.[117]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (NL) Ron de Haas, Laura Pausini - Girlpower. URL consultato il 21 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  2. ^ Laura Pausini in Spagnolo, RAI, 15 ottobre 2007. (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  3. ^ (ES) Antonio Rojas, Laura Pausini: en muchos lugares del mundo me siento como en casa, ABC, 13 dicembre 2001. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  4. ^ a b c d Gianni Minà, Laura Pausini: una ragazza di provincia con un respiro mondiale, Vivaverdi, novembre-dicembre 2008. URL consultato il 7 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2011).
  5. ^ Danila Faenza, Jukebox del passato. Laura Pausini, La solitudine, OggiBologna.it. URL consultato il 7 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2012).
  6. ^ Gloria Pozzi, È l'ora del giovane fai da te: cantautore in fuga, Corriere della Sera, 22 febbraio 1993, p. 20. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  7. ^ a b Mario Luzzatto Fegiz, Gloria Pozzi, Aria nuova a Sanremo? Per ora solo spifferi, Corriere della Sera, 1º marzo 1993, p. 18. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  8. ^ a b (ES) A Erica la traicionaron los nervios, Univision. URL consultato il 21 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  9. ^ (EN) Mark Worden, Laura Pausini - The Billboard Interview, Billboard, 15 marzo 2003, p. 46. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  10. ^ Gino Castaldo, La metamorfosi di Laura, ora la teenager è cresciuta, la Repubblica, 18 settembre 2005. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  11. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Sanremo, fuori subito i falsi cantanti, Corriere della Sera, 20 gennaio 1993, p. 34. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  12. ^ Sanremo: i partecipanti e gli esclusi (2), Adnkronos, 22 gennaio 1993. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  13. ^ Il programma delle tre serate, la Repubblica, 23 febbraio 1993, p. 41. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  14. ^ Sanremo: Il programma (5): I cantanti in ordine di uscita, Adnkronos, 23 febbraio 1993. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  15. ^ Roberto Giallo, Signori si piange. L'infelicità di scena in prima serata, L'Unità, 24 febbraio 1993. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  16. ^ Successo per il concerto di Andrea Mingardi a Giaveno, TonitoToday.it, 24 luglio 2012. URL consultato il 7 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2012).
  17. ^ Il quarantatreesimo Festival di Sanremo, Corriere della Sera, 23 febbraio 1993. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  18. ^ Marinella Venegoni, Secondo De André, terze Casale-Di Michele, la Pausini vince tra i giovani. Il pubblico contesta. Il rock di Ruggeri val più di una preghiera. Zero sconfitto, rovesciati i pronostici, La Stampa, 28 febbraio 2012, p. 23. URL consultato il 7 ottobre 2012.
  19. ^ 1993 (43ª Edizione) - Martedì 23, Giovedì 25, Venerdì 26, Sabato 27 febbraio 1993, SanremoStory.it. URL consultato il 7 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2012).
  20. ^ Booklet relativo alla VHS Video Collection 1993–1999 di Laura Pausini, 1999.
  21. ^ (EN) About Laura - Videography - Video Collection 1993-1998, Laurapausini.com. URL consultato il 3 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2012).
  22. ^ Alessandro Alicandri, Youtube: è di Annalisa Scarrone il video musicale più cliccato di Aprile, Panorama, 29 aprile 2011. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  23. ^ (EN) Jason Birchmeier, Laura Pausini - Biography, Allmusic. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  24. ^ Singoli - I numeri uno (1959-2006) - parte 4: 1990-1996, It-Charts.150m.com. URL consultato il 21 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 7 luglio 2011).
  25. ^ a b c I singoli più venduti del 1993, Hitparadeitalia.it. URL consultato il 20 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2009).
  26. ^ Laura Pausini: la biografia, MTV Italia. URL consultato il 21 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  27. ^ a b (NL) Dutch Charts - Laura Pausini - La solitudine (nummer), Dutchcharts.nl / Hung Medien. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  28. ^ a b (NL) Dutch Single Top 100 - 08/01/1994, Dutchcharts.nl / Hung Medien. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  29. ^ (NL) Triggerfinger nieuwe #1, origineel Lykke Li op #3, 3FM, 10 marzo 2012. URL consultato il 20 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il ).
  30. ^ (NL) Top40 week 2 van 1994 (08-01-1994), Dutch Top 40. URL consultato il 21 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 21 ottobre 2012).
  31. ^ a b c Dutch Mega Single Top 100 - Jaaroverzichten - Single 1994, Dutchcharts.nl / Hung Medien. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  32. ^ a b (FR) Classements - Laura Pausini - La solitudine (chanson), Lescharts.com / Hung Medien. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  33. ^ a b (FR) Classement Singles - année 1994, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  34. ^ a b (NL) Charts Vlaanderen - Laura Pausini - La solitudine, Ultratop / Hung Medien. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  35. ^ (ES) Edu Salas, Laura Pausini se lanza a la conquista del mercado anglosajón con su nuevo álbum, El País, 14 febbraio 2003. URL consultato il 3 novembre 2012.
  36. ^ (ES) Anuario SGAE 1999 - Anexo 4 - Los 50 títulos con mayores ventas en las listas de AFYVE en 1994 (PDF), Sociedad General de Autores y Editores, p. 5. URL consultato il 3 novembre 2012.
  37. ^ a b (EN) Laura Pausini Album & Song Chart History - Latin Pop Songs, Billboard. URL consultato il 3 novembre 2012.
  38. ^ a b (EN) Laura Pausini Album & Song Chart History - Latin Songs, Billboard. URL consultato il 3 novembre 2012.
  39. ^ a b (EN) Laura Pausini - Awards - Billboard Singles Charts, Allmusic. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2013).
  40. ^ Musica: Laura Pausini non parla inglese, Adnkronos, 13 novembre 1995. URL consultato il 3 novembre 2012.
  41. ^ Ezio Guaitamacchi, Mille canzoni che ci hanno cambiato la vita, Rizzoli Editore, 2009, p. 805. URL consultato il 28 ottobre 2012.
  42. ^ Gino Castaldo, Fra Dio e integralismo, prima la trasparenza, la Repubblica, 28 febbraio 1993, p. 24. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  43. ^ Diego Perugini, Dite a Laura che ha già vinto (PDF), l'Unità, 13 febbraio 1994, p. 5. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  44. ^ Dopo l'adolescenziale La solitudine, un disco maturo con venature soul Pausini, la metamorfosi. Canta Phil Collins, pensa agli Usa, La Stampa, 15 ottobre 1998, p. 28. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  45. ^ Lucia Marchio, Pausini, che grinta. Non posso tacere, canto anche l'Iraq, la Repubblica, 5 febbraio 2005, p. 10. URL consultato il 3 novembre 2012.
  46. ^ Maria Laura Rodotà, Vendicarsi con la voce di Masini, Corriere della Sera, 22 febbraio 2006. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  47. ^ Marinella Venegoni, I guai della celebrità: pettegolezzi, bugie e persino la contro-propaganda di una radio. Pausini, la favorita: Vincere non conta. Ma mi piace che la gente canti quello che canto io, La Stampa, 9 febbraio 1994, p. 19. URL consultato il 21 ottobre 2012.
  48. ^ Canale 5: Buona Domenica, Adnkronos, 10 aprile 1993. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  49. ^ Retequattro: Bellezze al bagno, Adnkronos, 21 agosto 1993. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  50. ^ Raidue: Rock Cafe in diretta dal meeting per l'amicizia, Adnkronos. URL consultato il 25 agosto 1993.
  51. ^ Sanremo: Raffaella chiama una sconosciuta rocker ucraina (2), Adnkronos, 23 febbraio 2001.
  52. ^ Marinella Venegoni, Le glorie canore nazionali alla serata finale del Festival. Povia sbanca con gli sms dei bambini, La Stampa, 5 marzo 2006, p. 27. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  53. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Pausini in tour: l'effetto speciale sono io, Corriere della Sera, 3 marzo 1997, p. 31.
  54. ^ La scaletta, la Repubblica, 28 maggio 1999, p. 10. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  55. ^ a b c Live 2001/2002 World Tour, Laurapausini.com. URL consultato il 23 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2012).
  56. ^ Laura Pausini va on the road, TGcom. Mediaset, 30 gennaio 2005. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  57. ^ Sedici anni di successi mondiali, da La solitudine a Sorella Terra, la Repubblica, 10 marzo 2009, p. 10. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  58. ^ Andrea Laffranchi, La Pausini in tour: sul palco un tempio ed effetti speciali, Corriere della Sera, 20 dicembre 2011. URL consultato il 22 ottobre 2012.
  59. ^ Andrea Laffranchi, Boom del rock da vedere. Raddoppia il mercato Dvd, Corriere della Sera, 6 gennaio 2003, p. 28.
  60. ^ a b Pausini, ecco il primo cd dal vivo, TGCom. Mediaset, 1 dicembre 2005.
  61. ^ a b Laura Pausini - San Siro 2007, Rockol.it, 12 gennaio 2008. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  62. ^ a b Laura Pausini - Laura Live, Rockol.it, 24 novembre 2009. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  63. ^ (FR) Melissa Monteiro, France 2 fête l'Italie, Le Parisien, 22 agosto 2002. URL consultato il 1º novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2012).
  64. ^ Luigi Bolognini, Carlo Moretti, Pausini, Nannini, Elisa & Co., la Repubblica, 22 giugno 2009, p. 45. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  65. ^ a b Artisti Vari - Amiche per l'Abruzzo, Rockol.it, 22 giugno 2010. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  66. ^ Roberto Chiti, Enrico Lancia, Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano - I film - Volume 6 - dal 1990 al 2000, Gremese, 2002, p. 306, ISBN 8884401372.
  67. ^ Sanremo - Laura Pausini, RAI. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  68. ^ Sanremo 2009: spot pubblicitari con Vasco e Pausini, Musicroom.it. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  69. ^ Sanremo, ecco gli spot: la Littizzetto canta la Pausini, Radio Italia, 10 gennaio 2013. URL consultato il 16 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2013).
  70. ^ Massimo Giuliano, E' Roberta la seconda esclusa da Operazione Trionfo, Musicalnews.com, 28 settembre 2002. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  71. ^ Ludovica Sanfelice, X Factor 6, adieu Frères Chaos, La Stampa, 23 novembre 2012. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  72. ^ (FR) Talents émission 4 (PDF), RTBF. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  73. ^ (ES) Gustavo Sánchez, Tico ganó elogios en su último show, La Nación, 10 dicembre 2009. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  74. ^ (ES) Axel sumó a Marcela, Ana Belén y Ezequiel, Lavoz-argentina.com.ar. Telefe, 24 luglio 2012. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  75. ^ (EN) Laura Pausini - La solitudine, Discogs. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  76. ^ La Solitudine (Edizione Germania), Amazon.it. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  77. ^ (EN) Laura Pausini – La Solitudine, Discogs. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  78. ^ (EN) Laura Pausini – La Solitudine, Discogs. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  79. ^ Copertina singolo La solitudine-La soledad 94, ImageShack. URL consultato l'11 ottobre 2012.
  80. ^ (EN) Laura Pausini – La Solitudine, Discogs. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  81. ^ a b Booklet dell'album Laura Pausini. Compagnia Generale del Disco, 1993
  82. ^ a b (EN) Laura Pausini [Spanish] - Laura Pausini, Allmusic. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  83. ^ a b (EN) Discography - La soledad, Laurapausini.com. URL consultato il 22 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 24 maggio 1998).
  84. ^ a b (EN) Laura Pausini [Spanish] - Laura Pausini; Credits, Allmusic. URL consultato il 7 novembre 2012.
  85. ^ La Pausini in Inghilterra tradotta da Tim Rice, la Repubblica, 22 dicembre 1994, p. 43. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  86. ^ a b (EN) Laura Pausini [Eastwest] - Laura Pausini, Allmusic. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  87. ^ a b c Musica: Laura Pausini non parla inglese (2), Adnkronos, 13 novembre 1995. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  88. ^ (EN) McKennit's Italian Sojourn; Stones Start European Tour, Billboard, 24 giugno 1995. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  89. ^ 1995 - Loneliness (CD singolo), Laurapausini.com. URL consultato il 22 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2000).
  90. ^ (EN) Laura Pausini – La Solitudine (Loneliness - English Version), Discogs. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  91. ^ Mario Luzzatto Fegiz, Laura Pausini canta in inglese, Corriere della Sera, 9 ottobre 2001, p. 43. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  92. ^ Laura Putti, Laura Pausini, la Repubblica, 16 settembre 2001, p. 43. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  93. ^ Laura Pausini, una cantante verso la conquista dell’America, Il Giornalino. Edizioni San Paolo, 3 febbraio 2002. URL consultato il 27 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2012).
  94. ^ (EN) Hits of the World - France, Billboard, 16 febbraio 2002, p. 40. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  95. ^ (FR) Tra Te E Il Mare;La Solitudine [CD Single] - Laura Pausini, Amazon.fr. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).
  96. ^ Promo 20th Anniversary - laurapausini.com
  97. ^ Music Awards 2014 a Roma a giugno con Fedez, Pausini, Emis Killa, Modà, Ligabue, rockol.it, 5 maggio 2014. URL consultato il 5 maggio 2014.
  98. ^ Music Awards 2014 su Raiuno: tutto il racconto, Panorama, 4 giugno 2014. URL consultato il 4 giugno 2014.
  99. ^ Music Awards: Elisa e Arisa cambiano look, Ligabue e Dear Jack applauditissimi, TGcom24, 4 giugno 2014. URL consultato il 4 giugno 2014.
  100. ^ (EN) Supersanremo '93 - Various Artists, Allmusic. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  101. ^ (EN) Laura Pausini [Italian] - Laura Pausini, Allmusic. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  102. ^ (EN) Mariano Prunes, The Best of Laura Pausini: E Ritorno Da Te - Laura Pausini, Allmusic. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  103. ^ (EN) Drago Bonacich, Lo Mejor de Laura Pausini: Volveré Junto a Ti - Laura Pausini, Allmusic. URL consultato il 16 dicembre 2012.
  104. ^ (EN) Jason Birchmeier, Live Gira Mundial 09 - Laura Pausini, Allmusic. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  105. ^ Laura Live Gira Mundial 09 di Laura Pausini, iTunes Store (Italia). Apple Inc.. URL consultato il 16 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2013).
  106. ^ Laura Pausini - Medley 2013
  107. ^ (EN) Kapio Kalokeri by Thanos Kalliris, iTunes Store (Grecia). Apple Inc.. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2013).
  108. ^ (ES) Diana llega con amores llenos de tormenta, El Tiempo, 15 marzo 1995. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  109. ^ (PT) Meu novo disco é um orgasmo, diz Laura Pausini, Terra Networks, 26 aprile 2005. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2012).
  110. ^ (PT) Ouça trechos do disco Renato Russo: Duetos, Rolling Stone Brazil, 26 marzo 2010. (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2012).
  111. ^ (EN) Evan C. Gutierrez, Bamboleo - Te Gusto O Te Caigo Bien, Allmusic. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  112. ^ (PT) Jayne, ProgramaAmigosDaViola.com.pr. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2013).
  113. ^ DLG (Dark Latin Groove) - Swing On, Allmusic. URL consultato il 3 novembre 2012.
  114. ^ (EN) David Gonzales, Ivy Violan - Hanggang ngayon, Allmusic. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  115. ^ (EN) Hanggang Ngayon (adaptation "La Solitudine") - Ivy Violan, Amazon.com. (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2013).
  116. ^ (ES) El 4 de diciembre, Abraham Mateo publica su primer álbum con la canción Vuelve conmigo como single, EMI Music, 24 novembre 2009. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2012).
  117. ^ (FR) Je Vais T'Aimer - Eve Angeli, Amazon.fr. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2013).

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Canzone vincitrice del Festival di Sanremo - Sezione Novità Successore G-clef.svg
Non amarmi 1993 Il mare calmo della sera