Il giro del mondo in 80 giorni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Il giro del mondo in 80 giorni (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Il giro del mondo in 80 giorni
Titolo originale Le Tour du monde en quatre-vingts jours
Verne Tour du Monde.jpg
Copertina della prima edizione del libro (1873)
Autore Jules Verne
1ª ed. originale 1873
Genere romanzo
Sottogenere avventura
Lingua originale francese
Ambientazione Inghilterra, 1872
Protagonisti Phileas Fogg
Coprotagonisti Passepartout
Antagonisti Ispettore Fix
Altri personaggi Miss Auda

Il giro del mondo in ottanta giorni (Le Tour du monde en quatre-vingts jours) è un romanzo avventuroso dell'autore francese Jules Verne, pubblicato per la prima volta nel 1873. In questa storia il londinese Phileas Fogg ed il suo cameriere francese Passepartout tentano di circumnavigare il mondo in 80 giorni, per vincere una scommessa di 20.000 sterline stipulata con i compagni del Reform Club.

Le innovazioni tecnologiche del XIX secolo avevano aperto la possibilità di circumnavigare il mondo rapidamente e la prospettiva affascinò Verne ed il suo pubblico. Il libro potrebbe essere stato ispirato dalle azioni di George Francis Train che compì quest'impresa nel 1870.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il 2 ottobre 1872. Phileas Fogg è un uomo ricco, riservato, celibe e con abitudini regolari. La fonte del suo denaro è sconosciuta ed egli vive, pur senza sforzo, una vita assai metodica. Licenzia il suo precedente servitore per avergli portato l'acqua per radersi di due gradi troppo fredda ed assume come rimpiazzo Passepartout (Gambalesta, in alcune traduzioni italiane), un francese sulla trentina, che si rivela in gamba e affettuoso verso il proprio padrone.

Più tardi al Reform Club, di cui Fogg è socio e che ogni giorno raggiunge a piedi facendo sempre lo stesso numero di passi, si fa coinvolgere insieme ad altri cinque membri in una discussione riguardo ad un articolo del Daily Telegraph, il quale premette che c'è stata una rapina alla Banca d'Inghilterra ed afferma che grazie all'apertura di una nuova linea ferroviaria in India, è ora possibile viaggiare intorno al mondo in 80 giorni.

I compagni di Fogg mettono in dubbio che sia davvero possibile percorrere l'intero globo in così poco tempo, così Fogg accetta di scommettere 20.000 sterline con i suoi cinque compagni del Club, ognuno dei quali mette in palio 4.000 sterline. Fogg riceverà la somma a patto di riuscire a completare il giro del mondo in 80 giorni. Il gentiluomo parte la sera stessa portando con sé il suo nuovo servitore Passepartout e una borsa in cui ripone 20.000 sterline per le necessità del viaggio. Lasciando Londra con un treno partito alle 20:45 del 2 ottobre, dovrà riuscire a rientrare alla stessa ora al Reform Club 80 giorni più tardi, sabato 21 dicembre.

Itinerario
Da Londra (Regno Unito) a Brindisi, (Italia) ferrovia attraverso Parigi e Torino
Da Brindisi a Suez, (Egitto) Nave a vapore attraverso il Mar Mediterraneo 7 giorni
Da Suez a Bombay piroscafo attraverso il Mar Rosso e l'Oceano indiano 13 giorni
Da Bombay a Calcutta ferrovia e a dorso d'elefante, traversata via terra dell'India britannica via Allahabad e Benares 3 giorni
Da Calcutta a Victoria City, (Hong Kong) piroscafo attraverso il Mar cinese meridionale 13 giorni
Da Hong Kong a Yokohama, (Giappone) goletta e piroscafo, dal Mar cinese meridionale, attraverso il Mar Cinese orientale, Shangai e l'Oceano Pacifico 6 giorni
Da Yokohama a San Francisco, (Stati Uniti) piroscafo attraverso l'Oceano Pacifico 22 giorni
Da San Francisco a New York City ferrovia e in slitta, traversata via terra degli Stati Uniti via Kearney, Omaha e Chicago 7 giorni
Da New York a Londra piroscafo attraverso l'Oceano Atlantico e ferrovia via Dublino e Liverpool 9 giorni
Totale 80 giorni
Map of the trip
Mappa del viaggio


Fogg e Passepartout raggiungono in treno Brindisi, dove si imbarcano su una nave diretta a Bombay. Mentre fanno tappa a Suez, in Egitto, Fogg viene osservato da un detective di Scotland Yard di nome Fix, che è stato inviato da Londra per scovare il rapinatore della Banca d'Inghilterra. Poiché Fogg corrisponde bene alla descrizione del ladro, Fix lo confonde con il rapinatore e lo segue imbarcandosi sulla nave diretta a Bombay. Durante il viaggio l'ispettore fa amicizia con Passepartout per strappargli informazioni sul suo padrone.

Passepartout ha in seguito un brutto incidente a Malarbar Hill in una pagoda (tempio induista al centro del quale è situata l'immagine del Dio che si adora), dove commette involontariamente una profanazione entrando con calze e scarpe. Fogg e Passepartout comunque riescono a prendere in orario il treno a Bombay diretti verso Calcutta. Scoprono però che, differentemente da quanto annunciato dal giornale, la costruzione della ferrovia non è ancora completa. Sono quindi obbligati a proseguire cavalcando un elefante, che Fogg acquista al prezzo pazzesco di 2.000 sterline. Durante il viaggio incrociano la processione di un rito sutty (pratica funeraria nella quale la vedova del marito viene arsa sulla pira sacrificale del defunto). Poiché la giovane ragazza destinata ad essere immolata è drogata e non partecipa volontariamente, i viaggiatori decidono di salvarla: seguita la processione fino al luogo della cerimonia, Passepartout si sostituisce di nascosto al corpo del defunto sulla pira e durante la cerimonia si alza dal rogo, spaventando i sacerdoti e fuggendo con la donna in braccio.

I viaggiatori si affrettano a prendere il treno alla stazione successiva, portando la ragazza, Auda, con loro. A Calcutta finalmente si imbarcano sulla nave a vapore diretta a Hong Kong. Fix, che era rimasto quanto bastava a mettere nei guai Passepartout per la vicenda della Pagoda di Malerbar Hill, fallisce nuovamente nell'ottenere un mandato di arresto contro Fogg ed è forzato a seguirli ad Hong Kong. In questa città scoprono che il lontano parente di Auda presso il quale avevano progettato di lasciarla si è trasferito, così decidono di portarla con loro in Europa. Nel frattempo Fix si rivolge al tribunale e trattiene Fogg per la vicenda della pagoda. Fogg paga una cauzione di 2.000 sterline e non finisce in prigione assieme al suo domestico. Fix, disperato, cerca un altro modo di sabotare Fogg: fa ubriacare Passepartout e gli fa assumere oppio in una fumeria, dopo avergli rivelato la propria vera identità e cosa crede di sapere su Fogg.

Il giorno successivo Fogg, non avvisato da Passepartout, scopre di avere perso l'imbarco e cerca una nave per Yokohama. Non riesce a trovare alcuna imbarcazione in grado di compiere il lungo viaggio ma viene informato dal padrone della goletta che il General Grant, la nave a vapore per gli Stati Uniti che avrebbe dovuto prendere a Yokohama, in realtà parte da Shangai che si trova a metà strada. Il gentiluomo prende a nolo un'altra imbarcazione che lo porta insieme ai suoi compagni (Mrs. Auda e Fix) a Shangai, da dove potranno partire con la nave a vapore diretta a San Francisco passando per Yokohama.

Una volta in Giappone, Fogg e Auda si riuniscono casualmente a Passepartout e salgono a bordo della nave a vapore, con cui attraversano l'Oceano Pacifico fino a San Francisco. Reincontrato anche Fix, questi promette a Passepartout che - avendo lasciato i possedimenti britannici, nei quali poteva far valere il mandato d'arresto nei confronti di Fogg - non tenterà più di ostacolarne il viaggio, ma che piuttosto l'aiuterà a raggiungere l'Inghilterra il più presto possibile (per poterlo arrestare lì), stringendo un patto con il domestico francese, che gli crede.

A San Francisco salgono a bordo del treno per New York. Durante il viaggio, proprio mentre Fogg sta sfidando a duello un americano che aveva litigato con Fix, il treno viene attaccato dagli indiani e Passepartout viene imprigionato mentre salva i passeggeri. Fogg intraprende una missione di salvataggio in compagnia di alcuni soldati, che ha successo. Per recuperare il tempo perduto, Fogg ed i suoi compagni noleggiano una slitta con cui raggiungono Omaha (Nebraska) appena in tempo per prendere un treno per Chicago e, quindi, un altro treno per New York. All'arrivo a New York scoprono che la nave a vapore China, che avrebbero dovuto prendere per arrivare a Liverpool, è partita da poco.

Il giorno successivo Fogg inizia a cercare un metodo alternativo per attraversare l'Oceano Atlantico. Trova il piccolo battello a vapore Henrietta con destinazione Bordeaux, ma il capitano della nave si rifiuta di portarli a Liverpool. Fogg accetta comunque di imbarcarsi, ma durante il viaggio imprigiona il capitano e si dirige verso Liverpool. Navigando a tutta velocità, la nave esaurisce il combustibile in pochi giorni, quindi Fogg è costretto a comprare il battello stesso a caro prezzo dal capitano per bruciarne le parti di legno poste in alto e mantenere le caldaie sotto pressione. Riescono così ad arrivare fortunosamente fino alle coste irlandesi.

Grazie ad un vapore postale, i compagni arrivano a Liverpool parecchie ore prima della scadenza, più che sufficienti a raggiungere Londra in treno. Una volta raggiunto il suolo britannico, tuttavia, Fix esibisce il mandato di arresto ed incarcera Fogg. Poco dopo la situazione viene chiarita, dato che il vero ladro era stato catturato tre giorni prima. Fogg, dopo aver sferrato due pugni a Fix, corre con i suoi due compagni alla stazione dove, essendo già partito l'ultimo treno, ordina ed ottiene un treno speciale con cui arriva alla stazione di Londra con cinque minuti di ritardo rispetto alla scadenza della scommessa (in realtà il ritardo effettivo era maggiore perché entro la scadenza avrebbe dovuto presentarsi al Reform Club).

Il giorno dopo, nella sua casa di Londra, il gentiluomo si scusa con Mrs. Auda per averla portata con sé, dato che ormai, avendo speso per il viaggio quasi 20.000 sterline e dovendo pagarne altre 20.000 per la scommessa persa, avrebbe dovuto vivere in povertà e, pur volendo, non avrebbe potuto mantenerla. Mrs. Auda confessa a Fogg di amarlo comunque e la ragazza gli chiede di sposarla. Fogg invia Passepartout dal reverendo Wilson per dargli la notizia e fissare il matrimonio. Giunto alla casa del reverendo, Passepartout scopre con grandissima sorpresa che avevano sbagliato i calcoli sulle date: credevano fosse domenica 22 dicembre, mentre in realtà era ancora sabato 21 poiché, viaggiando sempre verso oriente, avevano spostato le lancette dell'orologio un'ora in avanti per ogni fuso orario attraversato, finendo in questo modo per "guadagnare" un intero giorno al termine del loro viaggio intorno al globo.

Passepartout si affretta da Fogg, che immediatamente si reca al Reform Club, dove giunge appena in tempo, mentre l'orologio della sala batte i rintocchi, per reclamare la vincita. Così al termine del viaggio Phileas Fogg è nelle stesse condizioni economiche di prima (avendo speso 19.000 sterline per il viaggio, ne ha recuperate altrettante vincendo la scommessa), ma è sicuramente un uomo più felice perché ha trovato moglie (Mrs.Auda) e un domestico fedele e devoto (Passepartout); anzi divide le 1.000 sterline guadagnate con la scommessa con lo sfortunato Fix al quale non serba rancore e con l'onesto Passepartout.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Phileas Fogg

Un flemmatico, ricco e quantomai enigmatico gentiluomo londinese, alto e bello

Jean Passepartout

Un trentenne di nazionalità francese ex acrobata di circo, accompagna Phileas nel suo tour mondiale.

Fix

Poliziotto inglese che segue Phileas, credendolo autore di una rapina in banca.

Signora Auda

Una bella e giovane donna indiana; salvata da Phileas mentre stava per essere sacrificata nel rituale del Sati, lo segue in Inghilterra ed infine si sposano.

Adattamenti[modifica | modifica sorgente]

Il libro è stato adattato diverse volte per il cinema e la televisione.

Cinema[modifica | modifica sorgente]

  • Die Reise um die Erde in 80 Tagen (1919): una divertente parodia muta in bianco e nero, diretta da Richard Oswald che non nascose il suo uso di località tedesche per rappresentare i luoghi del viaggio internazionale; parte dello scherzo del film è che Fogg si sta ovviamente spostando tra località di Berlino. Non sono sopravvissute copie della pellicola.
  • The Three Stooges Go Around the World in a Daze (1963) - I tre marmittoni (Moe, Larry, Curly Joe) in una parodia del romanzo.
  • Il giro del mondo in 80 giorni (Around the World in 80 Days, 2004), prodotto dalla Walt Disney, regia di Frank Coraci, con Jackie Chan nella parte di Passepartout e Steve Coogan in quella di Fogg. Questa versione è tratta più liberamente sul romanzo di Verne: Passepartout diventa l'eroe della storia ed il vero ladro della Banca d'Inghilterra. Il personaggio di Fogg diventa un geniale inventore distratto che scommette con un suo rivale sulla possibilità di viaggiare intorno al mondo con i moderni (per l'epoca) mezzi di trasporto. Come per la versione del 1919, questo film è stato girato a Berlino, ma tenta di nasconderlo: la Cattedrale tedesca viene travestita come Banca d'Inghilterra e diverse altre location cittadine vengono usate al posto della Londra storica. Anche in questo film come in quello del 1956 vi è il cameo di attori famosi.

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Animazione[modifica | modifica sorgente]

  • An Indian Fantasy Story (1938): coproduzione franco/inglese che non venne completata, furono girate solo le scene della scommessa al Reform Club ed il salvataggio della principessa indiana.
  • Around the World in 79 Days (1969-1971): un segmento del programma contenitore a cartoni The Cattanooga Cats della Hanna-Barbera Productions: Il figlio di Phileas Fogg si impegna per scommessa in un viaggio intorno al mondo di 79 giorni.
  • Around the World in 80 days (1972): Una serie di cartoni prodotti dall'Australian Air Programs International.

Influenza culturale[modifica | modifica sorgente]

Alcune delle opere in qualche modo ispirate al romanzo:

  • Al romanzo è liberamente ispirata anche una storia a fumetti di Zagor, Viaggio nella paura, pubblicata nel 1984: anche qui è un nobile inglese, lord Whyndam, a fare un viaggio per scommessa, scommessa che però, nel suo caso, si limita all'attraversamento degli Stati Uniti da costa a costa (ma in cento giorni anziché ottanta).
  • Nell'ambito dell'animazione si può citare Tweety's High Flying Adventure (2000), un cartone animato della Warner Bros in cui compaiono personaggi dei Looney Tunes. Si prende grandi libertà con la storia originale, ma l'idea centrale è sempre quella.
  • Nell'episodio HABF05 nella diciassettesima stagione della seria I Simpson, dal titolo My Fair... Damerino, si vedono i tre bulli della scuola fare una scommessa simile a quella di mr Fogg.
  • L'episodio Paperino e il giro del mondo in otto giorni, testi di Carlo Chendi, disegni di Giovan Battista Carpi, pubblicato per la prima volta su Topolino n. 310 ed. Mondadori del 29 ottobre 1961 e ristampato in numerose altre lingue, è una esplicita parodia della storia. Zio Paperone scommette con gli altri membri del Club dei miliardari di riuscire a fare il giro del mondo in otto giorni senza spendere un dollaro[1].

Imitatori[modifica | modifica sorgente]

Il racconto di Verne ha ispirato autentiche spedizioni che cercarono di imitare la circumnavigazione fittizia di Fogg, spesso con limitazioni autoimposte.

  • Nel 1889 la giornalista Nellie Bly intraprese un viaggio attorno al mondo (da Hoboken a New York) in 80 giorni per il suo giornale, il New York World. Riuscì a completarlo in 72 giorni, gareggiando contro un'altra donna, Elizabeth Bisland e stabilendo un record. Fu la prima donna a viaggiare attorno al mondo senza essere accompagnata ovunque da uomini e divenne un modello per le donne di ogni dove.[2]
  • Nel 1908 l'avventuriero Harry Bensley, a causa di una scommessa perduta, intraprese un giro del mondo, a piedi e in incognito, indossando una maschera di ferro.

[3]

  • Dal 1993 viene tenuto il Jules Verne Trophy,[5] una gara di circumnavigazione del mondo per qualsiasi genere di panfilo. Le navi partecipanti devono circumnavigare il mondo senza fermarsi e senza assistenza esterna nel più breve tempo possibile. Per ottenere ufficialmente il trofeo si deve però pagare la tassa di appartenenza alla Jules Verne Association.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Paperino e il giro del mondo in otto giorni, I.N.D.U.C.K.S.. URL consultato il 26 novembre 2012.
  2. ^ Nellie Bly Online
  3. ^ BBC - Radio 4 Making History - Latest programme
  4. ^ Palin's Travels: Michael Palin's Around the World in 80 Days
  5. ^ The strange story of the Jules Verne Trophy | Yachting World

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]