Michael Palin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati di "Palin", vedi Palin.
Michael Palin

Michael Edward Palin meglio noto come Michael Palin (Broomhill, 5 maggio 1943) è un attore, comico, scrittore, presentatore televisivo e sceneggiatore britannico, noto per la sua militanza nel gruppo comico dei Monty Python e per i suoi documentari Palin's Travels.

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Fu attratto dalla recitazione fin da piccolo[1] ma si ritenne troppo timido per applicarvisi seriamente. Studente di Storia Moderna a Oxford, fu incoraggiato dal compagno Robert Hewison con cui realizzò e interpretò sketch comici ad un party universitario[2]. Fu così avvicinato da un altro futuro Monty Python, Terry Jones, anch'egli studente a Oxford. Insieme i tre scrissero e recitarono per un certo tempo. Con Jones partecipò all'attività della compagnia universitaria The Oxford Revue, dove incontrò l'altro futuro Python Eric Idle.

Terminata l'università nel 1965, fece il presentatore per un programma comico su una TV locale. Con Jones scrisse per diversi programmi della BBC, in particolare per The Frost Report dove i due collaborarono anche con gli altri futuri Python Idle, John Cleese, Graham Chapman. Essendo la paga quantificata per minuto di trasmissione, i due lavorarono intensamente, e continuarono a lavorare in coppia per molti anni, anche oltre il periodo dei Monty Python[3].

In seguito i due scrissero e recitarono nel programma Twice a fortnight con membri dei futuri Goodies. Ebbero il maggior successo con il programma per bambini Do not adjust your set dove lavorarono con Eric Idle e l'animatore americano Terry Gilliam. La comicità del programma era molto apprezzata anche dagli adulti, tanto che le sue repliche guadagnarono l'orario serale; John Cleese era uno degli estimatori, e invitò Palin a partecipare allo speciale How to irritate people. Jones e Palin lavorarono ancora al programma The complete and utter history of Britain che però, per problemi con la produzione, risultò deludente.

I Monty Python[modifica | modifica sorgente]

John Cleese, che all'epoca era già un comico di successo, volle ancora lavorare con Palin quando nel 1969 la BBC propose a lui e a Chapman un nuovo programma. Il gruppo di Do not adjust your set era da tempo in attesa di ricevere conferma per una trasmissione su ITV, quindi Palin si fece ingaggiare da Cleese solo a patto di avere con sé anche Jones, Idle e Gilliam. Il programma fu chiamato Monty Python's Flying Circus ed il successo fu tale che i sei vennero da allora identificati come i Monty Python.

Palin fu dunque il fattore che portò all'unione del gruppo dei Monty Python, ma con la sua indole conciliante e allegra ebbe anche in seguito la funzione di collante tra le diverse personalità che ne facevano parte[3].

I suoi personaggi riflettevano spesso i tratti salienti del suo carattere, come l'entusiasmo (il taglialegna, il venditore di formaggi, il presentatore) e la timidezza (l'impiegato, il marito inetto) e come tali erano il perfetto contraltare per i personaggi autoritari di Cleese. Interpretò alla perfezione anche personaggi totalmente differenti come il cardinale Ximinez dell'Inquisizione Spagnola e i mafiosi italiani.

Terminata la serie del Flying Circus, partecipò a tutti i film del gruppo.

Nel 2014 i Pythons si ritrovarono dopo 31 anni dal loro ultimo film, dando vita al loro ultimo spettacolo: Monty Python Live (mostly)

Dopo i Python[modifica | modifica sorgente]

Con Jones scrisse e interpretò i nove acclamati episodi autoconclusivi di Ripping Yarns (1976-1979). Recitò per Terry Gilliam in Jabberwocky, in I banditi del tempo (che co-scrisse) e in Brazil. Per il suo ruolo in Un pesce di nome Wanda (accanto a Cleese) vinse un premio BAFTA. Recitò ancora con lo stesso cast in Creature selvagge. Recitò per Jones ancora in Il vento tra i salici. Il suo personaggio nel film C'è posta per te venne completamente tagliato nella fase del montaggio.

Dagli anni '80 fu il protagonista di numerose popolari serie di documentari di viaggio, spesso presentate con humour, ognuna seguita da un libro di approfondimento. Molti dei luoghi presentati divennero in seguito popolari mete turistiche[4]. Come riconoscimento, due treni britannici portano il suo nome[5]. Ricevette inoltre numerosi altri riconoscimenti e dal 2009 al 2012 è stato presidente della Royal Geographic Society. Presentò occasionalmente anche documentari artistici e storici. Nel 1993 supportò la fondazione di un centro per bambini balbuzienti che porta il suo nome[6].

Filmografia (parziale)[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatori italiani[modifica | modifica sorgente]

Da doppiatore è sostituito da:

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1999

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ross, Robert (1997). Monty Python Encyclopedia B.T. Batsford Ltd, London ISBN 1-57500-036-9
  • Wilmut, Roger (1980). From Fringe to Flying Circus: Celebrating a Unique Generation of Comedy 1960-1980 Eyre Methuen Ltd ISBN 0-413-50770-X

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Senza contare le recite scolastiche, realizzò a 10 anni un monologo comico e lesse una commedia di Shakespeare alla madre interpretando tutti i personaggi. - Ross, Robert (1997). Monty Python Encyclopedia B.T. Batsford Ltd, London ISBN 1-57500-036-9
  2. ^ Michael Palin biography
  3. ^ a b Monty Python speaks! — David Morgan, It Books, 1999.
  4. ^ Ben Webster, Globetrotter Palin brought down to earth by eco-lobby in The Times (London), 14 gennaio 2005. URL consultato il 14 agosto 2006.
  5. ^ Virgin Trains http://www.virgintrainsmediaroom.com/index.cfm?articleid=179 Virgin Trains. URL consultato il 13 dicembre 2006.
  6. ^ Palin's centre for stammerers wins £340,000 grant. URL consultato il 9 settembre 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 44394038 LCCN: n80081800