Fossa (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fossa
comune
Fossa – Stemma
Fossa – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
Amministrazione
Sindaco Antonio Gentile (lista civica) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 42°17′57″N 13°29′22″E / 42.299167°N 13.489444°E42.299167; 13.489444 (Fossa)Coordinate: 42°17′57″N 13°29′22″E / 42.299167°N 13.489444°E42.299167; 13.489444 (Fossa)
Altitudine 644 m s.l.m.
Superficie 8,71 km²
Abitanti 704[1] (31-12-2010)
Densità 80,83 ab./km²
Frazioni Cerro
Comuni confinanti Barisciano, L'Aquila, Ocre, Poggio Picenze, Sant'Eusanio Forconese
Altre informazioni
Cod. postale 67020
Prefisso 0862
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 066044
Cod. catastale D736
Targa AQ
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti fossolani
Patrono san Clemente
Giorno festivo 23 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fossa
Posizione del comune di Fossa all'interno della provincia dell'Aquila
Posizione del comune di Fossa all'interno della provincia dell'Aquila
Sito istituzionale

Fossa è un comune italiano di 673 abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo. Fa parte della comunità montana Amiternina.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Fossa si trova a circa 644 m s.l.m. ed a 12 km dalla città dell'Aquila lungo la valle Subequana. Il paese deve il suo nome alla dolina carsica alle pendici orientali del Monte Circolo nella quale il paese è sorto.[2]

Il Comune confina ad ovest con Ocre, a nord con L'Aquila, a nord-est con Poggio Picenze, ad est con Barisciano e a sud-est con Sant'Eusanio Forconese.

Le frazioni di Fossa sono tre: Le Chiuse, L'Osteria e Cerro. Le Chiuse, detta anche in dialetto "Pej la Madonna" (ai piedi della Madonna), si trova al di sotto della chiesa di Santa Maria ad Cryptas. L'Osteria deve il suo nome ad una vecchia osteria che si trovava sulla via per l'Aquila, mentre Cerro si trova ai piedi del Monte Cerro, ad est dell'abitato.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Fossa

Le prime tracce di presenza umana nella zona in epoca preromana risalgono ai Vestini, con i resti di fortificazioni sul Monte Cerro e la necropoli del IX secolo a.C.[4]

In epoca romana si assiste allo sviluppo di Aveia, città che sarà prefettura e municipio romano della IV regione augustea (Samnium et Sabina) fino alla terza guerra sannitica, per essere poi incomporata a Roma dopo la battaglia del Sentino del 295 a.C. al pari di Peltuinum e Amiternum.[5]

Le alluvioni che procurarono l'impaludamento delle campagne sottostanti l'attuale Fossa e l'arroccamento del borgo sul monte per esigenze difensive a seguito delle invasioni barbariche fecero sovrapporre all'antica città romana il nuovo borgo medievale, al quale fornì molto del materiale edile, come testimoniato dai molti reperti visibili nelle nuove costruzioni.

L'insediamento originale risale agli inizi del XII secolo ed era essenzialmente costituito dal mastio sulla sommità e dalle abitazioni contenute nel recinto fortificato. A questo periodo risalgono le prime citazioni del nuovo nucleo di Fossa, con il primo documento costituito da una bolla papale del 1204 che include il paese alla Diocesi Forconese ed un altro documento del 1269 che testimonia la partecipazione del comune alla fondazione della città dell'Aquila. Fu feudo dei Colonna e dei Barberini.

L'espansione del borgo iniziò alla fine del XIII secolo lungo la dorsale della stessa dolina carsica con un insediamento ad andamento concentrico intorno al recinto fortificato. L'efficienza del castello durò fino a tutto il XVI secolo, superato poi dall’invenzione delle armi da fuoco e dallo sviluppo dei traffici che ruppero la chiusa economia medievale. In una seconda fase il paese si sviluppò lungo la strada principale posta al di sopra del declivio del monte.

Il 6 aprile 2009, alle 3.32, si è verificato un sisma di magnitudo 5,8, con epicentro a L'Aquila, in frazione Paganica. A Fossa, il terremoto ha causato cinque vittime, oltre ad aver arrecato danni ad edifici ed al patrimonio artistico, e numerosi crolli. Inoltre fu epicentro di un'importante scossa di assestamento il 7 aprile, con magnitudo 5.4.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terremoto dell'Aquila del 2009.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Casa Torre dei Campione
  • Casa Masci
  • Palazzo Bonanni
  • Palazzo Lazzaro

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Persone legate a Fossa[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2006 2011 Luigi Calvisi centrosinistra Sindaco
2011 in carica Antonio Gentile lista civica Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Fossa (AQ), Regione Abruzzo. URL consultato il 22 settembre 2014.
  3. ^ Il borgo, Comune di Fossa. URL consultato il 22 settembre 2014.
  4. ^ Parco Archeologico della Necropoli di Fossa, Regione Abruzzo. URL consultato il 1º ottobre 2014.
  5. ^ Aveia, Regione Abruzzo. URL consultato il 22 settembre 2014.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Santangelo, Fossa in Castelli e tesori d'arte della Media Valle dell'Aterno, Pescara, Carsa Edizioni, 2002, pp. 18-21, ISBN 88-501-0051-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Abruzzo Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Abruzzo