Castel del Monte (comune)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castel del Monte
comune
Castel del Monte – Stemma Castel del Monte – Bandiera
Castel del Monte – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
Provincia Provincia dell'Aquila-Stemma.png L'Aquila
Sindaco Luciano Mucciante (PD) dal 14-06-2004
Territorio
Coordinate 42°22′00″N 13°43′44″E / 42.366667°N 13.728889°E42.366667; 13.728889 (Castel del Monte)Coordinate: 42°22′00″N 13°43′44″E / 42.366667°N 13.728889°E42.366667; 13.728889 (Castel del Monte)
Altitudine 1.346 m s.l.m.
Superficie 57,83 km²
Abitanti 438[1] (01-01-2012)
Densità 7,57 ab./km²
Comuni confinanti Arsita (TE), Calascio, Castelli (TE), Farindola (PE), Ofena, Villa Celiera (PE), Villa Santa Lucia degli Abruzzi
Altre informazioni
Cod. postale 67023
Prefisso 0862
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 066026
Cod. catastale C083
Targa AQ
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona F, 3 428 GG[2]
Nome abitanti castellani
Patrono san Donato
Giorno festivo 7 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Castel del Monte
Posizione del comune di Castel del Monte all'interno della provincia dell'Aquila
Posizione del comune di Castel del Monte all'interno della provincia dell'Aquila
Sito istituzionale

Castel del Monte è un comune italiano di 438 abitanti della provincia dell'Aquila in Abruzzo. Il territorio comunale è incluso nella Comunità montana Campo Imperatore-Piana di Navelli e fa parte del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. È considerato un'importante meta turistica[3] e Fa parte del circuito dei borghi più belli d'Italia[4].

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il borgo è situato nell'entroterra abruzzese, nel massiccio del Gran Sasso d'Italia, in posizione panoramica sulla valle del Tirino[3]. L'edificato, particolarmente compatto, si sviluppa ad un'altitudine superiore ai 1300 m s.l.m. lungo le pendici del monte Bolza, in prossimità del monte Camicia (di cui Castel del Monte costituisce il principale punto di partenza per l'ascensione[5]) e della vasta piana di Campo Imperatore.

È raggiungibile dalla strada statale 17 svoltando in prossimità di Barisciano o, in alternativa, di San Pio delle Camere. Da nord è inoltre possibile arrivare al paese attraversando Campo Imperatore e superando il valico di Capo di Serre.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Castel del Monte.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le testimonianze più antiche della presenza di un villaggio nella zona risalgono all'XI secolo a.C. e sono localizzabili nella piana a sud dell'attuale abitato[4]; qui, nel IV secolo a.C. verrà realizzato un pagus romano denominato Città delle Tre Corone[5].

Nel XI secolo, gli abitanti, in fuga dai barbari, si sposteranno nel borgo fortificato che oggi prende il nome di Ricetto ovvero la parte più antica di Castel del Monte, in prossimità del castello[4]; il nome di Castellum de Monte compare per la prima volta nel XIII secolo, epoca in cui venne annesso al marchesato di Capestrano[5]. Successivamente il paese passò dai conti di Acquaviva, quindi agli Sforza e infine ai Piccolomini[4]. Nel XVI secolo, dopo essere stato saccheggiato dalle truppe spagnole, venne ceduto (insieme ai vicini borghi di Calascio e Santo Stefano di Sessanio) alla famiglia fiorentina dei Medici che lo governeranno per due secoli[4].

Nell'Ottocento divenne parte del Regno delle Due Sicilie, venendo inserito sotto l'amministrazione di Barisciano, nel distretto di Aquila. Nel 1861 infine, con l'Unità d'Italia acquisì lo status di comune autonomo e venne incluso nella provincia di Aquila degli Abruzzi (poi L'Aquila)[4].

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Lo stemma è stato concesso con il decreto del Presidente della Repubblica del 20 giugno 1986[6].

Castel del Monte-Stemma.png
Castel del Monte-Gonfalone.png


« D'azzurro, al castello d'argento, merlato di sei alla guelfa, chiuso e murato di nero, torricellato di un pezzo centrale, merlato di tre alla guelfa, finestrato e murato di nero; esso castello accompagnato dai 5 colli all'italiana d'oro, uniti, il centrale più alto, fondati in punta. Ornamenti esteriori da Comune. »
(Descrizione araldica dello stemma[6])
« Drappo partito di bianco e di azzurro… »
(Descrizione araldica del gonfalone[6])

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Il paese è caratterizzato da un nucleo compatto d'origine altomedievale e da una parte più moderna, posta a nord del nucleo storico, e databile al XIX e XX secolo. L'architettura residenziale è dominata dalla tipologia di casa-torre, con struttura simile ad una torre in muratura, a base molto piccola e notevole sviluppo in altezza (cinque o sei piani). I principali monumenti di Castel del Monte sono:

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Il nucleo storico di Castel del Monte visto dal monte Bolza.
  • Chiesa di Santa Caterina: chiesa del XVIII secolo, situata nei pressi del Palazzo Municipale e sede della Confraternita della S.S. Annunziata[7].
  • Chiesa di San Marco Evangelista: la più antica e la più importante del paese, è situata nella parte alta in prossimità del castello (di cui era probabilmente una cappella)[7]. Databile al XIV-XV secolo, si presenta con una suddivisione in tre navate e sormontata da una cupola non visibile dall'esterno[5]. L'interno è particolarmente ricco, con altari in stile rinascimentale e barocco e statue, bassorilievi e una fonte battesimale del Cinquecento[5].
  • Chiesa di Santa Maria del Suffragio: edificio religioso del XV secolo a navata unica il cui interno, fastosamente barocco, è caratterizzato da un pregevole altare in legno scolpito e dorato e da una statua della Madonna che indossa il costume tipico del paese[5]. La chiesa era sede della Confraternita dei pastori castellani e, per questo, legata al mondo della pastorizia e della transumanza[7]; da qui ha inizio la processione della Madonna dei Pastori che si tiene nel settembre di ogni anno[8].

Siti archeologici[modifica | modifica sorgente]

Nei pressi di Castel del Monte, a sud dell'abitato e in corrispondenza della piana di San Marco, dove sono anche i resti del pagus medievale, gli scavi hanno portato alla luce un'importante e vasta necropoli italica[3][5].

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[9]


Cultura[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

A partire dagli anni ottanta la creazione all'Aquila dell'Istituto Cinematografico e l'installazione nel capoluogo di una Abruzzo Film Commission, hanno incentivato l'utilizzo dei borghi del Gran Sasso d'Italia come set cinematografici. Nel film cult Lady Hawke (USA, 1985) con Michelle Pfeiffer e Rutger Hauer, girato prevalentemente nella vicina rocca di Calascio, Castel del Monte appare come il borgo medievale di Aguillon (Aquila nella versione originale). Il paese è visibile anche ne Il nome della rosa (FRA-GER-ITA, 1986) con Sean Connery mentre è la principale lacation di The American con George Clooney e Violante Placido; in occasione delle riprese del film l'attore americano ha soggiornato per diverso tempo nel paese[10].

Eventi[modifica | modifica sorgente]

  • Rassegna degli ovini (5 agosto): in località Fonte Macina, all'ingresso della piana di Campo Imperatore, si tiene annualmente la rassegna degli ovini, un evento centrale per il mondo della pastorizia abruzzese che consente l'incontro tra allevatori e produttori. In tale ambito, è celebre il Canestrato di Castel del Monte, un formaggio pecorino a pasta dura più volte premiato nelle manifestazioni nazionali, oltre ad essere un presidio Slow Food.
  • Festa di San Donato (6-7 agosto): festa patronale.
  • La Notte delle Streghe (17 agosto): l'iniziativa, nata dalla lettura dei testi del pastore-poeta Francesco Giuliani, è il principale evento di Castel del Monte[11]. A partire dal tramonto, si percorre il rito del giro del paese alla ricerca degli spiriti maligni, assistendo in sequenza a diversi spettacoli, teatrali e non. Durante il giorno sono invece presenti mercatini e degustazioni di prodotti tipici. L'evento è curato dal 1996 dall'omonima associazione culturale ed è meta di migliaia di turisti ogni anno[12].
  • Processione della Madonna dei Pastori (8 settembre): importante e suggestiva ricorrenza religiosa che prevede il passaggio notturno, a lume di candela, del corteo nel cuore del paese. Durante la processione gli usci e le finestre vengono aperti per ricevere la benedizione della Madonna prima dell'avvio della transumanza[8].
Vista del paese; sullo sfondo, il valico di Capo di Serre.

Musei[modifica | modifica sorgente]

A Castel del Monte è inoltre presente un percorso museale dedicato alla storia e alla tradizione del paese[13]. L'itinerario prevede:

  • il Museo della Pastorizia, allestito in un fondaco originale e dedicato agli usi e costumi degli allevatori di bestiame oltre che alla transumanza[14].
  • il Museo dell'Arte della Lana, dedicato all'artigianato tessile locale[14].
  • il Museo della Casa Antica, che ripropone, nell'arredamento e nell'oggettistica, una tipica abitazione castellana[14].
  • il Museo del Lavoro nei Campi, in cui sono raccolti tutti gli strumenti utilizzati per la coltivazione della terra[14].
  • il Museo del Forno del Ballo, che indaga sull'importanza storica e sociale del forno nel paese[14].

Economia[modifica | modifica sorgente]

La sua vicinanza, a nord, con la piana di Campo Imperatore, tramite il valico di Capo di Serre ha favorito la pastorizia che per secoli ha costituito la spina dorsale dell'economia del paese. Castel del Monte è infatti uno dei luoghi simbolo della transumanza e a questa tradizione le Poste Italiane hanno dedicato un francobollo nel 2004[15].

Oggigiorno la maggiore risorsa economica è il turismo; l'intero comprensorio aquilano del Gran Sasso d'Italia (comprendente anche i vicini paesi di Calascio, Castelvecchio Calvisio e Santo Stefano di Sessanio) è, infatti, considerata una delle principali mete turistiche della provincia per l'autenticità dei borghi e la bellezza dello scenario naturalistico.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione precedenti[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 giugno 2004 in carica Luciano Mucciante Partito Democratico Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Istituto nazionale di statistica, Popolazione residente al 01-01-2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b c Touring Club Italiano, op. cit., pag.141
  4. ^ a b c d e f www.borghiitalia.it, Castel del Monte.
  5. ^ a b c d e f g Provincia dell'Aquila, op. cit., pag.262
  6. ^ a b c www.araldicacivica.it, Castel del Monte.
  7. ^ a b c Comune di Castel del Monte, Luoghi di culto.
  8. ^ a b Provincia dell'Aquila, op. cit., pag.263
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Abruzzo è Appennino, Castel del Monte: sulle tracce dell'americano.
  11. ^ www.lanottedellestreghe.org, La notte delle streghe.
  12. ^ Aurora Colantonio, Castel del Monte: tremila presenze alla "Notte delle Streghe" in AbruzzoWeb, 18 agosto 2012.
  13. ^ Touring Club Italiano, op. cit., pag.142
  14. ^ a b c d e Comune di Castel del Monte, Percorso museale.
  15. ^ www.circolofilnumdauno.it, 2004 Tratturo Magno e Transumanza.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Vincenzo Battista, La civiltà del territorio, Pescara, Carsa Edizioni, 1994;
  • Provincia dell'Aquila, Guida turistica della Provincia dell'Aquila, L'Aquila, Provincia dell'Aquila, 1999;
  • Touring Club Italiano, L'Italia - Abruzzo e Molise, Milano, Touring Editore, 2005;

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]