4º Reggimento alpini paracadutisti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
4º Reggimento alpini paracadutisti "Monte Cervino"
Stemma 4º Reggimento alpini
Stemma 4º Reggimento alpini
Descrizione generale
Attiva 1º novembre 1882 - oggi
Nazione bandiera Regno d'Italia
Italia Italia
Alleanza Flag of NATO.svg N.A.T.O.
Servizio Flag of Italy (1860).svg Regio esercito
Coat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
Tipo Forze per Operazioni Speciali
Ruolo Alpini Paracadutisti
Dimensione Il numero esatto è segreto militare
Guarnigione/QG Verona dal 12/2010
Patrono San Gabriele e San Michele
Motto "In adversa ultra adversa" ( "Mai strac", motto del battaglione alpini "Monte Cervino")
Anniversari 18 maggio, ricorrenza della battaglia sul Monte Vodice, 18 maggio 1916
Parte di
Reparti dipendenti
  • Comando di reggimento,
  • compagnia comando e supporto logistico,
  • Battaglione alpini paracadutisti "Monte Cervino" su tre compagnie (due operative ed una di addestramento),
  • Alimentato da volontari

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il 4º Reggimento Alpini Paracadutisti "Monte Cervino" è un reparto dell'Esercito Italiano con sede a Montorio Veronese vicino Verona. Il reparto ha prestato servizio fino a dicembre 2010 a Bolzano, dal gennaio 2011 è stato deciso il trasferimento nella sede di Montorio Veronese.

Il 4º Reggimento Alpini Paracadutisti, pur essendo un reparto a connotazione alpina, dal 1º luglio 2014 non dipende più dal Comando truppe alpine[1] ma, unitamente al 185º Reggimento Ricognizione Acquisizione Obiettivi Folgore al 9º Reggimento d'assalto paracadutisti "Col Moschin" ed al 28º Reggimento Comunicazioni Operative "Pavia", dal Comando delle forze speciali dell'Esercito. Il Reggimento, composto esclusivamente da personale volontario altamente addestrato ed equipaggiato, è delegato a compiti militari di sensibile valore strategico/tattico, ad Operazioni Speciali, a compiti di fanteria leggera ad elevato rischio e ad Azioni Dirette.

I suoi componenti sono tutti qualificati come Ranger dopo un lungo ed intenso corso di formazione; la loro prerogativa è soprattutto quella di essere paracadutisti in montagna, unendo il meglio delle competenze operative delle due specialità alpini e paracadutisti; ne derivano spiccate capacità di LRRP (ricognizione a lungo raggio), elevata mobilità in contesti artici/montani, ottime capacità esploranti (by stealth) e di acquisizione obiettivi, oltre che per azioni dirette in profondità (compito prioritario dell'unità, quest'ultimo, assieme a quello generale di fanteria leggera e di utilizzo per compiti improvvisi[2]): sono pertanto frequentemente impiegati in aree di crisi (soprattutto - ma non solo - in territori montani). L'attuale comandante è il colonnello Salvatore Paolo Radizza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale 4º Reggimento alpini paracadutisti ha una storia relativamente recente che si rifà principalmente a quella specialità di fanteria, gli Alpini Paracadutisti, di cui è l'unico rappresentante nell'Esercito Italiano. Analogamente a quanto accaduto ad altri reparti di diverse specialità nate nel dopoguerra del secondo conflitto mondiale (come gli incursori ed i lagunari), il reparto ha ereditato anche le tradizioni di unità che, pur avendo un glorioso passato, erano state sciolte durante o alla fine della seconda guerra mondiale: il Battaglione Alpini Sciatori "Monte Cervino" ed il 4º Reggimento Alpini.

Già agli albori del paracadutismo militare italiano, ritroviamo gli Alpini: durante la prima guerra mondiale, il Servizio "I" (informazioni) usava lanciare dietro le linee nemiche degli informatori; tra questi, quelli che maggiormente si distinsero furono i tenenti Alessandro Tandura e Pier Arrigo Barnaba, ambedue Alpini.

Durante l'autunno del 1917, in luoghi e momenti diversi, i due ufficiali si lanciarono in zone di montagna dietro le linee nemiche, con il compito di reperire informazioni sulle truppe austriache: ambedue furono decorati con la medaglia d'oro al valor militare.

Il concetto di "Paracadutisti da Montagna" fu dimenticato fino alla fine della seconda guerra mondiale. L'Esercito Italiano che combatteva con gli Alleati, già nel tardo 1943, aveva ipotizzato la formazione di un "Raggruppamento da Montagna", con al suo interno una "Compagnia Complementi Alpini Paracadutisti": il tutto però non andò mai oltre allo stadio di progetto.

Altri paracadutisti italiani (anche se sotto diversa bandiera) furono addestrati ed equipaggiati per la guerra in montagna: nel gennaio 1945 reparti del Reggimento "Folgore" della RSI furono assegnati al fronte Alpino Occidentale, nelle valli piemontesi di Susa, Lanzo e dell'Orco. Ne nacquero enormi difficoltà, data la mancanza di preparazione ad operare nel particolare terreno.

Dal 1º Battaglione si trassero alpigiani e montanari, in gran parte veneti e lombardi, e con loro si formò la "1ª Compagnia Alpina Paracadutisti": si condusse un addestramento d'assuefazione all'alta quota, si ordinò materiale da montagna all'industria privata, e si equipaggiò il reparto con muli, per permettere il trasporto di rifornimenti. Con il passare del tempo, gli altri reparti assegnati al settore furono anch'essi "alpinizzati".

Il Battaglione Alpini Sciatori "Monte Cervino"[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglione Alpini Sciatori "Monte Cervino".

Nel 1990 la Compagnia Alpini Paracadutisti fu designata con il nome "Monte Cervino" in onore del Battaglione Alpini Sciatori "Monte Cervino" del Regio Esercito che combatté in Albania italiana sul Mali i Trebeshines durante la Campagna di Grecia e sul fronte russo, durante la seconda guerra mondiale ottenendo la medaglia d'oro al valor militare: questa compagnia divenne battaglione nel 1996 mantenendo il nome.

Il Battaglione "Monte Cervino" nel 1999 ricevette la qualifica "Ranger", e dal 2004 è il battaglione organico del 4º Reggimento Alpini Paracadutisti.

Il 4º Reggimento alpini[modifica | modifica wikitesto]

Fregio del Corpo degli Alpini dell'Esercito Italiano

Nasce il 1º novembre 1882 al comando del colonnello Giuseppe Ottolenghi: inizialmente composto dai battaglioni "Val Pellice", "Val Chisone" e "Val Brenta", come gli altri reggimenti alpini, anche il 4º vedrà un continuo riordinamento basato su "scambi" di battaglioni con altri reggimenti, soprattutto il 3º ed il 6º Alpini.

526 alpini del 4º reggimento parteciperanno alla Campagna d'Eritrea, svoltasi tra il 1885 ed il 1896 durante il Governo Crispi, ed inquadrati in un Reggimento alpini creato ad hoc per l'impresa coloniale, che combatterà anche nella battaglia di Adua del 1º aprile 1896. Nel 1899 i reparti del Battaglione "Susa" (in quel momento in forza al 4º alpini) portano sulla vetta del Rocciamelone (3535 m s.l.m.) la statua della Madonna che ancora oggi domina la Val di Susa.

Il 4º Reggimento alpini affronta la prima guerra mondiale, almeno inizialmente, con i suoi battaglioni "Aosta", "Ivrea" ed "Intra", ma ben presto è costretto a creare ben sette nuovi battaglioni ("Monte Cervino", "Monte Rosa", "Monte Levanna", "Val d'Orco", "Val Toce", "Val Baltea" e "Pallanza"), sia per incrementare la propria forza, sia per sostituire i battaglioni annientati durante le battaglie sostenute e logorati dalla guerra di trincea. Viene impiegato sulla Croda Rossa, sull'Isonzo e sul Monte Mrzli. Nel 1916 sull'Adamello, a Monte Cima, Monte Zugna, Monte Cauriol, Monte Cardianal, Alpe di Cosmagnon, Dente del Pasubio; nel 1917 sul Monte Vodice, Vette di Gallio, Monte Fior, Massiccio del Grappa. Nel 1918 sul Monte Solarolo.

Su un totale di 31000 uomini mobilitati, alla fine del conflitto si contano 240 caduti tra gli ufficiali e 4500 alpini, oltre a 20.000 feriti e 1492 decorati al valore militare (d'argento e di bronzo)[3] Con la fine della prima guerra mondiale, vengono sciolti i vari battaglioni supplementari creati durante il suo corso, e rimangono in forza i tre battaglioni originali (Aosta, Ivrea e Intra); il reggimento segue le vicissitudini dei vari riordinamenti succedutisi nel Regio Esercito tra gli anni venti e trenta.

La seconda guerra mondiale lo vede inquadrato nella Divisione alpina "Taurinense" e, come tale, viene impiegato prima sul fronte occidentale contro la Francia all'inizio dell'entrata in guerra dell'Italia, poi in Albania, Grecia e Jugoslavia. Viene sciolto definitivamente nell'ottobre 1943 in Montenegro dopo l'Armistizio di Cassibile (in settembre): il Battaglione "Intra" al comando del capitano Piero Zavattaro Ardizzi partecipa alla resistenza in Serbia-Montenegro, ed i superstiti entrano a far parte della Divisione italiana partigiana Garibaldi (Montenegro).

Il 4º Reggimento alpini viene ricostituito il 15 aprile 1946 con i battaglioni "Aosta", "Susa" e "Saluzzo" alle proprie dipendenze: seguiranno diverse ristrutturazioni fino al 1975, anno in cui verrà soppresso il livello reggimentale e con esso anche il 4º Reggimento alpini.

Torna ad essere costituito il 25 settembre 2004 per trasformazione del Battaglione alpini paracadutisti, assumendo l'attuale fisionomia che lo vede composto da Comando, Compagnia comando e supporto, Battaglione alpini paracadutisti "Monte Cervino" (su tre compagnie, due delle quali operative ed una scuola) e un plotone da ricognizione.

Gli Alpini Paracadutisti[modifica | modifica wikitesto]

Gli Alpini Paracadutisti nascono da uno studio effettuato nel 1951 dall'allora capo ufficio truppe alpine: lo studio raccomandava la formazione di una piccola unità (preferibilmente con personale abilitato al paracadutismo militare) adatta alla ricognizione in profondità ed all'esecuzione di azioni dirette. Tale unità sarebbe stata alle dirette dipendenze del comando di brigata alpina per soddisfarne le esigenze, con aspetti e finalità analoghe a quelle che i plotoni alpieri avevano nei confronti dei battaglioni alpini in cui erano inseriti. Anche se un plotone alpieri aveva soprattutto funzioni di "apripista" nel caso fosse richiesto al battaglione alpini di raggiungere un obiettivo scalando una parete (il suo personale specializzato in arrampicata su roccia ed in progressione su pendii innevati o ghiacciati, ben si prestava a fare da avanguardia per il resto del battaglione, predisponendone le vie di ascensione/progressione), era pratica comune usare gli alpieri anche quali esploratori tattici ad uso e consumo del comandante di battaglione. Per le funzioni di esplorazione e di combattimento mirato destinate a soddisfare le esigenze di comandi alpini più elevati, occorreva un piccolo reparto ad hoc costituito da personale con le stesse qualifiche degli alpieri (diventando così più alpini degli alpini) e, data la caratterizzazione a più lungo raggio d'azione richiesta dal fatto di agire per conto di un comando superiore, la capacità di poter eseguire anche gli aviolanci per infiltrarsi o agire oltre le linee avversarie: da qui la richiesta che l'unità fosse "anche" paracadutista.

L'idea fu approvata nel 1952 ed alla fine di quello stesso anno si vide la nascita del primo plotone alpini paracadutisti in seno alla Brigata "Tridentina". L'anno dopo venne effettuato il primo lancio alle pendici del monte Grand Assaly poco sopra La Thuile (sul ghiacciaio del Ruitor) e vennero costituiti i plotoni alle dipendenze delle brigate "Julia" e "Taurinense", mentre nel 1956 si formarono anche i plotoni dell'"Orobica" e della "Cadore". Il personale era costituito da alpini a cui era stato richiesto, in aggiunta, il superamento del corso di paracadutismo (lanci vincolati) a Viterbo (a Pisa a partire dal 1957).

Nel 1964, tutti e cinque i plotoni autonomi, alle dipendenze delle singole brigate alpine, vengono uniti per costituire la "Compagnia Alpini Paracadutisti" (costituita da plotone comando, tre plotoni fucilieri, un plotone mortai medi ed un plotone controcarri) che viene dislocata a Bolzano e messa alle dirette dipendenze del IV Corpo d'armata alpino. L'unione dei cinque plotoni in un'unica unità consentì un addestramento più omogeneo, una razionalizzazione delle attività di aviolancio e la disponibilità per "azioni dirette" più importanti, seppure "mirate", oltre a consentire al comando di corpo d'armata di avere un reparto da utilizzare quale una sorta di "riserva" di pronto impiego, dotato di elevata reattività e capace di intervenire su tutto l'arco alpino in tempi ristretti. Inoltre era maggiormente giustificata la necessità di avere anche la specializzazione di "paracadutista", agendo per conto di un comando di livello ancora superiore. Da quel momento, i lanci di addestramento verranno effettuati soprattutto nella zona dell'Alpe di Siusi.

Come in tutti i reparti dell'Esercito Italiano dell'epoca (eccetto il reparto di sabotatori, poi chiamati incursori, inquadrato nella "Brigata Paracadutisti Folgore" e costituito esclusivamente da personale a lunga ferma od in servizio permanente con il grado minimo di Sergente proveniente dalla Scuola Sottufficiali dell'Esercito tramite concorso) anche nella Compagnia Alpini Paracadutisti prestava servizio personale di leva: nonostante questo, ben presto il reparto si costruisce una solida reputazione e viene quindi aggregato al contingente italiano che partecipa all'AMF(L) durante i due rischieramenti esteri annuali di quest'ultimo.

AMF(L), ovvero ACE Mobile Force, Land (dove ACE stava per Allied Command of Europe), ma in gergo conosciuta semplicemente come Allied Mobile Force, era un comando NATO a livello brigata esistente dal 1960 al 2002, alla guida di una forza costituita (per mobilitazione "su chiamata") da reparti di fanteria leggera a livello battaglione, forniti e designati dai vari paesi membri. Lo scopo di tale forza composita e multinazionale era dimostrare la volontà dei paesi aderenti alla NATO di partecipare uniti alla difesa di qualsiasi paese membro, tramite rischieramento veloce di reparti appartenenti a diverse nazioni sui confini minacciati di quel paese. Gli Stati Uniti rendevano disponibili un battaglione di Marines o di paracadutisti, così come il Regno Unito (un battaglione di Royal Marines Commandos o un battaglione del Royal Parachute Regiment), la Germania un battaglione di Fallschirmjaeger (paracadutisti), il Belgio il proprio reparto "Paracommando": l'Italia aveva destinato all'AMF un gruppo tattico (che dal 1986 sarà denominato "Cuneense") costituito inizialmente dal Battaglione Alpini "Susa" di Pinerolo, dalla 40ª Batteria del Gruppo Artiglieria da montagna "Pinerolo" di Susa, e dal 101º ospedale da campo (aviotrasportabile) di Torino, tutti reparti della Brigata alpina "Taurinense", a cui venne aggiunta in un primo tempo la Compagnia alpini paracadutisti ed infine, nel 1986 con la costituzione del contingente "Cuneense", anche la Compagnia Genio Guastatori di Abbadia Alpina e la Compagnia Controcarri di Torino, anche queste della medesima brigata seppure solo fino al 1992, anno in cui venne soppressa la compagnia controcarri di brigata a seguito della riforma che prevedeva la trasformazione dei battaglioni alpini in reggimenti.

Gli schieramenti e le esercitazioni effettuate in questo ambito, in maniera sistematica per decenni all'estero (due all'anno, normalmente uno nel nord della Norvegia in inverno ed uno in Turchia al confine con l'ex-Unione Sovietica in estate, ma anche in Danimarca ed in Grecia) ed a contatto con reparti d'élite di diverse nazionalità, spesso composti da militari professionisti, fecero maturare nei reparti italiani coinvolti - e quindi anche nella Compagnia Alpini Paracadutisti - un'esperienza ed una capacità in campo addestrativo, tattico e logistico che, all'epoca, non aveva paragoni presso altri reparti terrestri nazionali. Inoltre, a metà degli anni ottanta, iniziava l'attività addestrativa per i quadri (ufficiali e sottufficiali) nel campo dei lanci a caduta libera, sia a bassa quota che HALO (High Altitude Low Opening) e HAHO (High Altitude High Opening).

Nel 1990, la compagnia riceve il nome di Compagnia Alpini Paracadutisti "Monte Cervino": l'aggiunta di "Monte Cervino" fa guadagnare al reparto le tradizioni ereditate dal battaglione omonimo, che combatté durante la seconda guerra mondiale come reparto speciale (a quei tempi era costituito da "alpini sciatori"). Nel 1993, la compagnia viene impiegata in Mozambico assieme ai reparti forniti dalla Brigata "Taurinense" (poi sostituiti da quelli della "Julia" che terminò la missione nel 1994).

Nel 1996 la compagnia si trasforma: previa ristrutturazione ed un aumento di organico, diventa Battaglione Alpini Paracadutisti "Monte Cervino", inizialmente su due sole compagnie poi portate a tre. Alla fine dello stesso anno viene anche concessa la bandiera di guerra (materialmente consegnata durante una cerimonia che si svolse solo l'anno successivo, il 10 aprile) che sancisce definitivamente la "discendenza" dal battaglione di alpini sciatori citato. Nell'occasione, l'unità viene anche trasferita alla caserma "Vittorio Veneto" (la stessa che occupava alle origini, dal 1964 al 1970) in via Vittorio Veneto a Bolzano, lasciando la caserma "Mercanti" di San Michele Appiano che aveva occupato solo dal 1992, anno in cui lasciò la storica caserma "Mignone" situata in via Del Parco nel quartiere "Oltrisarco", sempre a Bolzano, occupata dal reparto fin dal 1970.

In quegli anni, comincia l'immissione di personale volontario in vista della professionalizzazione dell'intero Esercito italiano e l'approssimarsi dell'abbandono del sistema di leva obbligatoria. Inizialmente il personale era costituito da VFA (volontari in ferma breve di un anno) e VFB (volontari in ferma breve prefissata di 3 anni) che, con la professionalizzazione a regime, sarebbero stati sostituiti dai VFP1 (ferma prefissata di un anno) e dai VFP4 (ferma prefissata di quattro anni). Con l'inserimento di questo personale, lo SME (Stato Maggiore Esercito) considerò la possibilità di elevare ulteriormente il livello qualitativo del reparto per migliorarne ulteriormente le capacità di azione diretta, di ricognizione a lungo raggio e di renderlo capace di supportare anche azioni di forze speciali o di eseguirne alcune tipologie. Sfruttando la maggior permanenza in servizio anche del personale di truppa, diventava possibile aumentare il già cospicuo bagaglio addestrativo dei componenti facendogli percorrere un iter che comprendesse anche ulteriori corsi, normalmente seguiti solo dai componenti delle Forze Speciali: inizia così la trasformazione dell'unità, con l'assunzione di nuove capacità e della qualifica "Ranger".

Nel 1999, infatti, viene ufficializzata l'acquisizione dell'ulteriore qualifica da parte dell'unità, che da quel momento sarà denominata Battaglione alpini paracadutisti "Monte Cervino" (Ranger): risultato importante ed impegnativo, visto che venne conseguito nonostante l'impiego in Bosnia nel 1997 e nell'operazione "Forza Paris" in Sardegna nel 1997 e nel 1998.

Ulteriori impegni vengono affrontati dal reparto: nel 2002 è tra i primi reparti italiani ad essere impiegati in Afghanistan nelle operazioni iniziate dagli USA in quel paese, tese alla ricerca di Osama Bin Laden ed alla soppressione dei Talebani a seguito degli avvenimenti dell'11 settembre 2001. Inoltre, parte del personale viene impiegato anche in Iraq nel 2004.

Sul finire del 2004, il reparto cambia nuovamente fisionomia: con la ristrutturazione dei reparti combattenti dell'Esercito Italiano in atto in quegli anni, che vedeva la costituzione di reggimenti monobattaglione basati sugli esistenti battaglioni/gruppi, viene costituito il 4º Reggimento Alpini Paracadutisti, basato sul suo unico battaglione che così rimane un'entità ancora viva: il Battaglione Alpini Paracadutisti (Ranger) "Monte Cervino". La consegna della bandiera di guerra del 4º Reggimento alpini ne fa ereditare le tradizioni. Infine, da gennaio 2011, il reggimento si è trasferito presso la caserma "Duca" a Montorio Veronese.

Dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Alpini del 4º Reggimento in Afghanistan. L'operatore sulla sinistra imbraccia una carabina Steyr AUG, quelli sulla destra sono equipaggiati con carabine Beretta SCS 70/90

Ricostituito nel 1964, prima come Compagnia Alpini Paracadutisti, poi come Battaglione Monte Cervino (dal 1996), fino alla significativa ed attuale ristrutturazione in Reggimento "Ranger" nel 2004. In tempi recenti, il reparto ha partecipato attivamente a molteplici missioni in cui ha avuto numerosi scontri a fuoco, sia in Iraq che in Afghanistan. Quando era ancora "Compagnia alpini paracadutisti" partecipò alla missione in Mozambico nel 1994. Divenuto poi battaglione, ha operato in Bosnia nel 1996 e nel 2000, ed in Afghanistan (nel 2002 sotto comando ISAF e nel 2003 all'interno di Enduring Freedom), a NIBBIO 1 e 2.

Come Reggimento è stato impiegato in Iraq dal 2004 al 2006.

In Afghanistan, a Kabul dal 2005 con un distaccamento che opera come pedina di forze speciali; pedine del Reggimento sono ad Herat dal 2006, ed operano anche nel sud del paese[senza fonte]. Ha anche un distaccamento operativo in Libano.

In molte missioni opera al fianco di altre forze speciali italiane ed estere, rimanendo comunque spesso, volutamente, nell'anonimato.

Ha molti quadri che prendono anche il brevetto Ranger in USA, o che conseguono la qualifica Forze Speciali spagnola. Il Reggimento esegue molti scambi addestrativi con reparti speciali di vari paesi, tra i quali reparti F.S. statunitensi, belgi, algerini e giordani.

Un suo eventuale trasferimento a Montorio Veronese nei pressi di Verona era considerato già da qualche tempo,[4] ma il 20 giugno 2010, su un articolo dell'Alto Adige, venne scritta la decisione momentanea di far rimanere il reggimento a Bolzano. In seguito, il 17 novembre si scoprì che il ministro della difesa Ignazio La Russa, venerdì 12 novembre, aveva firmato un decreto che disponeva il trasferimento degli alpini paracadutisti da Bolzano a Montorio. Il trasferimento, fortemente voluto dal generale Armando Novelli, l'ex-comandante delle Truppe alpine e poi del COMFOTER (Comando delle Forze Operative Terrestri con sede a Verona), è stato diviso in due parti: un primo gruppo nel dicembre 2010, un secondo a fine giugno 2011.[5][6]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

I candidati al reparto vengono scelti attraverso un iter selettivo della durata di due settimane e formati attraverso un lungo ciclo addestrativo della durata di circa due anni. La selezione e il tirocinio iniziale vengono svolti insieme ai candidati dell'Esercito italiano per il 9º Reggimento d'assalto paracadutisti "Col Moschin" e per il 185º Reggimento paracadutisti ricognizione acquisizione obiettivi "Folgore". Se risultati idonei, tutti questi candidati (oltre a quelli del 17º Stormo incursori dell'Aeronautica militare) effettuano il corso OBOS (operatore basico per operazioni speciali) di base presso il RAFOS (reparto addestramento forze speciali) del "Col Moschin", per poi proseguire la formazione specifica presso i propri reparti di destinazione e/o presso enti addestrativi specializzati nazionali e non.

Questo nuovo iter formativo, formalizzato nel 2008 (ma gradualmente introdotto sperimentalmente già dal 2006 per il personale in servizio permanente effettivo), sostituisce il precedente che prevedeva in passato i seguenti moduli: il corso di quattro settimane per il conseguimento del brevetto di paracadutista militare (lanci vincolati) presso il CAPAR a Pisa, poi l'addestramento di primo periodo di 17 settimane presso la terza compagnia del 4º Alpipar, quindi il corso "Ranger" (inizialmente di 6 settimane, portate poi a 9 ed infine a 12) effettuato presso il RAFOS (sviluppato appositamente in modo collaborativo dal 9º "Col Moschin" per il 4º Alpipar) ed infine il corso sci ed alpinistico di 16 settimane, inizialmente presso il CEALP di Aosta e poi direttamente c/o il 4º Alpipar (a cui si aggiunse dal 2003/2004 un corso anfibio base di due settimane sempre presso il RAFOS di Livorno).

Selezioni[modifica | modifica wikitesto]

Per tentare le selezioni bisogna fare domanda attraverso il bando Domanda per il Bacino FS/FOS. Di norma ogni anno escono due bandi (dipende dalla disponibilità di personale e di finanziamento). Nella domanda si possono mettere in ordine di preferenza le tre FS/FOS dell'Esercito: 9º Reggimento d'assalto paracadutisti “Col Moschin”, 4º Reggimento alpini paracadutisti “Btg Monte Cervino” e 185º Reggimento ricognizione acquisizione obiettivi “Folgore”. La domanda può essere presentata da ufficiali (del grado di sottotenente e tenente), sottufficiali (sergenti o marescialli), VSP e VFP-4, di qualsiasi reparto e incarico.

Durante l'anno, selezionatori dei reparti FS/FOS si recano presso le caserme delle varie unità e scuole dell'Esercito, come la Scuola sottufficiali di Viterbo e la Scuola di applicazione d'arma di Torino, presso le quali cercano i candidati per il bacino delle FS/FOS. Nelle ultime settimane del corso palestra (per il conseguimento del brevetto di paracadutismo), vengono al Centro addestramento di paracadutismo (CAPAR) di Pisa i vari rappresentanti dei reparti FS/FOS per fare un'introduzione sulle forze speciali dell'EI e prendere i nomi degli interessati (sempre tramite la domanda).

I requisti per presentare la domanda sono:

  • avere massimo 26 anni d'età;
  • appartenere alla categoria ufficiali (nel grado fino a tenente), sottufficiali e volontari (VFP-4 e VSP);
  • non aver riportato alcuna condanna per delitti colposi e non colposi;
  • non essere stato ammesso a riti alternativi per delitto colposo o non colposo o sottoposto a misure di prevenzione;
  • non essere mai stato sottoposto a sanzione disciplinare di stato;
  • aver riportato in sede di valutazione caratteristica, negli ultimi due anni, valutazioni non inferiori a “superiori alla media” o equivalenti (avere un ottimo stato di servizio);
  • non aver già frequentato corsi di formazione FS/FOS con esito negativo (a meno che la dimissione/rinuncia sia stata originata per motivi di salute);
  • non essere stato soggetto della revoca del brevetto di “paracadutista militare” (per chi né è in possesso);

Una volta presentata la domanda, si attende di essere chiamati per le preselezioni fisiche e il tirocinio di selezione. Le preselezioni fisiche consistono nelle seguenti prove valide per l'accesso ai reparti: 185º RRAO, 4º R. Ranger, 26º R. REOS, 9º R. Col Moschin:

  • 5 trazioni alla sbarra
  • 40 piegamenti addominali
  • 30 piegamenti sulle braccia (flessioni)
  • 10 trazioni alle parallele
  • salita della fune 6 metri
  • 2 km in 9 minuti
  • 7 km in 45 minuti in mimetica e scarponi.

Chi supera le pre-selezioni fisiche ritorna ai reparti per poi essere chiamato al 9º Reggimento d'assalto paracadutisti "Col Moschin" per partecipare, presso la 101ª Compagnia allievi, al tirocinio di selezione, seconda fase dell'iter selettivo, che ha luogo due volte l'anno nei mesi di maggio-giugno oppure ottobre-novembre.

Il tirocinio di selezione della durata di due settimane svolto dagli aspiranti incursori dell'E.I., dagli aspiranti ranger e dagli aspiranti acquisitori, mira ad accertare non solo le caratteristiche psicofisiche e la resistenza fisica e mentale allo sforzo prolungato del candidato, ma anche le sue qualità morali e caratteriali, le motivazioni profonde che lo spingono ad affrontare pericoli e disagi e la sua capacità di reagire con calma e lucidità alle difficoltà, anche in presenza di forti fattori di stress, e a dare comunque il massimo di sé. Per effettuare questi accertamenti i candidati sono mantenuti, sin dai primi giorni, sotto costante pressione fisica e mentale, dormono poco, accumulano progressivamente stanchezza ed un forte stress, che dovranno imparare a sopportare e a gestire nel corso della selezione, senza avere reali possibilità di recupero e subiscono una costante alterazione dei cicli naturali di attività e riposo.

Per tutto il periodo, i candidati sono mantenuti all'interno delle strutture militari, non possono fruire della libera uscita né raggiungere familiari ed amici. Sono isolati con sé stessi, ed ogni attività è regolata dagli istruttori, che alternano gradualmente gli orari e la durata dei periodi di riposo, in modo da provocare vere e proprie crisi di sonno. Tutte le prove fisiche, come le marce zavorrate, sono alternate da periodi d'addestramento al combattimento, lavori tattici, test fisici e di cultura generale e tecnico professionale, durante i quali si deve dimostrare lucidità, capacità operative, resistenza mentale e ferrea volontà di non cedere alla stanchezza. Sono frequenti le esercitazione continue che coprono, almeno parzialmente, l'arco notturno ed ai candidati sono date poche possibilità di recuperare il sonno perduto.

Il tirocinio, come detto, della durata di due settimane (una terza può però essere eventualmente dedicata al recupero d'attività, che non si sono potute svolgere per motivi di forza maggiore), include, dopo aver ripetuto le prove della preselezione, altre prove:

  • 5 marce zavorrate a tempo, in uniforme da combattimento e zaino di 20 kg senza arma, su itinerari di difficoltà, dislivello e distanza variabile da 10 e 30 km: 10 km in piano da concludersi nel tempo massimo di un'ora e 16 minuti, 15 km su terreno vario e dislivello di 300 metri in due ore e 10 minuti, 21 km con forte dislivello di 900 metri in tre ore e 15 minuti, marcia di resistenza di 30 km in quattro ore e 28 minuti, marcia notturna in terreno accidentato, molto impegnativo, di 12 km.
  • prove d'ardimento, presso il complesso “Lustrissimi” di Livorno, che prevedono il superamento di percorsi di guerra, ostacoli aerei e ponti di corda, per accertare le doti di coraggio, coordinazione e velocità.
  • test d'acquaticità ed anfibia, alla Base a mare, nuoto di superficie e voga. Inoltre altri test di varia natura, che includono, tra l'altro, il completamento di percorsi sotterranei per l'accertamento delle proprie capacità d'autocontrollo in situazioni ed ambienti claustrofobici

Molti di questi esercizi vengono variati ad ogni corso, per evitare di far conoscere in anticipo ai candidati i particolari della selezione ed impedire che possano prevedere ciò che li attende. Non sono pertanto mai noti con esattezza i tempi entro i quali terminare una prova, o il punteggio minimo da conseguire in un determinato test. Questa insicurezza costringe i candidati a formare comunque lo sforzo massimo in ogni circostanza, impedisce loro di limitarsi al risultato minimo, anche se sufficiente e permette agli istruttori di valutare meglio le reali doti caratteriali dei candidati.

Questa selezione iniziale determina una prima sostanziale “scrematura” dei partecipanti, anche se si cerca di far concludere le due settimane di tirocinio a tutti gli allievi, indipendentemente dall'esito finale, in quanto la permanenza al RAFOS rappresenta comunque un'eccellente occasione di arricchimento professionale. Il personale ritenuto non idoneo ritorna ai reparti d'appartenenza, senza che alcuna annotazione negativa accompagni il loro curriculum individuale. Solo chi supera con successo entrambe le fasi della selezione, la preselezione all'idoneità fisica ed il tirocinio, viene invece ammesso alla frequenza del corso Operatore Basico Operazioni Speciali (OBOS).

Corso di operatore basico operazioni speciali[modifica | modifica wikitesto]

Chi supera entrambe le fasi di selezione (preselezione fisica e tirocinio) viene ammesso alla frequentazione di uno dei quattro o cinque (anche in questo caso, in funzione della disponibilità di personale e di finanziamenti) corsi OBOS (Operatore basico operazioni speciali) organizzati annualmente dal RAFOS (Reparto Addestramento Forze Operazioni Speciali) del 9º Reggimento Col Moschin dell'E.I., completando il blocco di circa 25 allievi, tra aspiranti incursori E.I., ranger, acquisitori, e reparti di volo del 26º REOS. Il corso è stato ristrutturato di recente, ha ora una durata di 24 settimane contro le precedenti 31 ma i contenuti, razionalizzati sulla base delle esperienze maturate nel tempo e delle lezioni apprese nei teatri operativi, sono rimasti sostanzialmente invariati ed attualmente include:

  • 4 settimane dedicate al conseguimento del brevetto di paracadutismo con la fune di vincolo, per chi non ne risulta titolare, presso il CAPAR di Pisa.
  • 5 settimane dedicate alla formazione teorico pratica sulla topografia, alle marce topografiche, all'apprendimento delle tecniche di orientamento e di navigazione terrestre.
  • 12 settimane sulle Procedure tecnico tattiche (PTT) delle FOS. La fase PTT per FOS costituisce il cuore della formazione OBOS ed è destinata all'addestramento individuale e di nucleo al combattimento e all'apprendimento delle tattiche e procedure operative standard delle minori unità FOS. Vengono curati nel dettaglio tutti gli aspetti relativi all'uso appropriato dell'equipaggiamento, le tecniche di mascheramento, mimetizzazione, movimento tattico, superamento ostacoli e mobilità verticale. Sono acquisiti i necessari automatismi nella predisposizione delle soste, dei bivacchi, nelle procedure di riordinamento e di reazione automatica immediata in caso di compromissione. Tre settimane sono dedicate alla ricerca, acquisizione e sorveglianza degli obiettivi, due invece alle azioni dirette su obiettivi tattici. Si prosegue con tattiche di combattimento e pattugliamento in ambiente urbano, predisposizione di zone di atterraggio elicotteri e tecniche di ricerca ed inganno.
  • 3 settimane di addestramenti tecnici specifici: sulle trasmissioni, sulle procedure di pronto soccorso e medicina tattica con la frequenza di un corso che ricalca il BLS (Basic Life Support) statunitense, su come intervenire tempestivamente in caso di ferite d'arma da fuoco, sulle manovre salvavita e sulle procedure di rianimazione cardio-polmonare, approfondimenti su armi e tiro (diurno e notturno) e pianificazioni delle operazioni militari.

Il corso si conclude con una esercitazione continuativa di due settimane e con degli esami finali. Gli allievi ritenuti idonei (meno del 50% degli aspiranti iniziali) iniziano la fase di specializzazione, diversa per ogni reparto di destinazione finale.

Fase di specializzazione Ranger (47 settimane dal 2011)[modifica | modifica wikitesto]

A differenza del corso OBOS svolto presso il RAFOS, orientato a dare basi comuni a livello individuale e di piccolo nucleo a tutti gli aspiranti operatori delle FS/FOS dell'esercito e dell'aeronautica, a prescindere dai reparti a cui saranno destinati, la fase di specializzazione ranger è specifica degli operatori del 4º Alpipar, viene svolta per buona parte presso la 3ª compagnia del reggimento (che svolge essenzialmente la funzione di scuola) ed è orientata alla preparazione relativa agli specifici impieghi dei "ranger" a livello di squadra e plotone, oltre a rappresentare una fase di primo amalgama degli operatori inseriti in questo reparto.

Il conseguimento della specializzazione prevede dal 2011 il seguente iter di preparazione:

  • 15 settimane: Corso ranger, svolto 2 volte all'anno in corrispondenza del termine dei corsi OBOS. È stato recentemente modificato per tener conto degli ammaestramenti derivanti dalle missioni operative e soprattutto dal teatro afghano ed è suddiviso a sua volta in 5 moduli. Rispetto all'articolazione precedente risulta aumentata l'importanza attribuita alle operazioni in ambiente urbano, mentre sono stati introdotti ex novo alcuni argomenti, come le tecniche di movimento e reazione dai mezzi. La durata complessiva è però rimasta invariata, con una contrazione dell'addestramento alle operazioni di fanteria leggera convenzionale e l'inserimento di molte esercitazioni a fuoco nell'ambito di altre attività. Il corso ranger costituisce comprensibilmente il cuore dell'addestramento degli operatori del Monte Cervino e rappresenta un'attività estremamente impegnativa, sia sul piano fisico che psicologico, che si protrae per non meno di 10-12 ore di addestramento al giorno, oltre a numerosi archi notturni. Vengono enfatizzate le doti di resistenza e autocontrollo, la capacità di assumere decisioni rapide e, in relazione alla funzione, l'attitudine al comando e lo spirito d'iniziativa, il tutto in condizioni di affaticamento e stress fisico e mentale. 2 settimane sono dedicate alle procedure convenzionali di impiego della fanteria leggera, tecniche di movimento e attacco di squadra e di plotone, diurno e notturno, reazioni al contatto (modulo Light Infantry). Altre 2 settimane vedono una costante presenza al poligono per manovre a fuoco reale, dedicate al perfezionamento delle tecniche di tiro mirato ed istintivo, dalle varie posizioni ed in situazioni dinamiche, con arma corta e lunga, e l'assimilazione delle RAI, le reazioni automatiche immediate, che vengono attuate in caso di contatto improvviso con nemico (modulo Combat Drills). 4 settimane sono poi dedicate al movimento e alla condotta del combattimento in aree urbanizzate. Non è un vero corso CQB per le operazioni in ambiente ristretto, ma una solida base sulla quale innestare successivi addestramenti specifici che verranno curati nelle compagnie operative, in particolare a ridosso degli approntamenti per l'estero. D'altro canto le tecniche di irruzione nell'ambito di uno JSOTF, soprattutto se in presenza di possibili ostaggi o elementi non combattenti, dovrebbero essere affidate ad un'unità F.S. di Incursori, mentre l'aliquota ranger dovrebbe provvedere, oltre all'eventuale supporto di fuoco, alla cinturazione e all'isolamento dell'obiettivo, al mantenimento della libertà delle vie di fuga ed al controllo e difesa della ZAE, la zona atterraggio elicotteri. Ciò non toglie che una certa capacità in questo senso sia indispensabile, anche perché in talune situazioni operative di particolare necessità ed urgenza le unità ranger si sono già trovate in passato a fronteggiare situazioni e a ricoprire un ruolo formalmente di pertinenza delle Forze Speciali, comportandosi, tra l'altro, sempre in modo esemplare. Al modulo CQB segue quello delle Special Ops, con 5 settimane destinate ai temi tipici delle operazioni speciali, con l'approfondimento dei procedimenti tecnico tattici della pattuglia da combattimento e la pianificazione, organizzazione e condotta delle Azioni Dirette, quali raid, incursioni ed imboscate. 2 settimane approfondiscono infine le procedure e le tattiche del combattimento terrestre con veicoli (cosiddetta fase Mobility) con particolare riguardo alle tecniche di reazione immediata da bordo degli stessi. Curiosamente non è prevista a questo livello alcuna formazione basica sull'uso degli esplosivi e le tecniche di sabotaggio, una carenza non lieve per una specialità rivolta in via prioritaria alle azioni dirette.
  • 10 settimane (dal 2011): Corso di addestramento montano invernale. Comprende il corso CS1 (Corso Sci) di 6 settimane al Passo del Tonale, sull'addestramento al movimento ed alla sopravvivenza in ambiente montano invernale, con uso degli sci e pratica di prevenzione valanghe, mentre il successivo CS2 di 4 settimane insegna le tecniche di combattimento in ambiente innevato, diurne e notturne, tiro e RAI con gli sci, organizzazione del movimento e dei bivacchi, raid in ambiente invernale, aviolancio e discesa rapida dagli elicotteri con la tecnica del fast rope. La fase CS1 era in precedenza di 4 settimane ma è stata ora standardizzata con quella di durata maggiore prevista attualmente dal Centro Addestramento Alpino di Aosta.
  • 10 settimane (dal 2011): Corso di addestramento montano estivo, svolto presso le basi logistiche di Corvara e di Arabba. È anch'esso suddiviso in due fasi: la CA1 (Corso Alpinistico) di 6 settimane, sull'apprendimento delle tecniche di arrampicata e movimento in ambiente montano estivo, e la CA2 di 4 settimane, con spiccate connotazioni tattiche, in cui sono ripresi i temi della pattuglia da combattimento applicati allo specifico contesto, con aviolancio e raid in ambiente montano.
  • 2 settimane: Corso di difesa personale. Il corso è dedicato alle tecniche di combattimento senza armi utilizzando movimenti standard provenienti da varie discipline differenti.
  • 2 settimane: Corso Advanced Combat Life Saver. Rappresenta l'approfondimento delle conoscenze sanitarie già apprese in precedenza. Le tecniche di autosoccorso e soccorso reciproco includono l'inserimento del catetere venoso per l'impiego di soluzioni anti-shock.
  • 3 settimane: Corso S.E.R.E. (Survival Evasion Resistance and Escape) corso di Sopravvivenza, Evasione, Fuga e Gestione dell'Interrogatorio. È un corso molto impegnativo sia sotto il profilo fisico che della resistenza mentale ed è ora integrato al corso ranger. La prima settimana, che comprende essenzialmente lezioni teorico-pratiche, viene infatti inserita come modulo didattico a sé stante all'interno del corso ranger, prima della parte relativa alle azioni dirette. Le rimanenti due settimane, con le fasi continuative di evasione, fuga e gestione dell'interrogatorio, sono poi svolte senza soluzione di continuità con il modulo pratico delle azioni dirette, come prosecuzione casuale di una delle 4 o 5 pattuglie continuative previste. In tale maniera gli allievi non conoscono anticipatamente la durata e l'esito dell'esercitazione che stanno per intraprendere. La fase di sopravvivenza risulta ben organizzata ed assai realistica, e non fa rimpiangere il corso offerto dall'International Special Training Centre di Pfullendorf che, per quanto assai arduo e molto ben gestito, risulta troppo incentrato su una realtà centroeuropea, assai diversa dai probabili scenari operativi reali.
  • 2 settimane: Corso anfibio sulle tecniche di superamento di ostacoli acquatici, impiego dei battelli con motore fuoribordo, elementi di nuoto operativo di superficie e pratica delle operazioni anfibie. Quando possibile il modulo è seguito da 2 ulteriori settimane di corso patenti 6C, che abilitano alla condotta ed all'impiego dei battelli con motore fuoribordo in acque interne o costiere.
  • 2 settimane: Corso NBC sulle operazioni in ambienti contaminati.

Altri corsi dopo il brevetto, per il personale del plotone recon:

  • 6 settimane: Paracadutismo con la tecnica della caduta libera (TCL). Il corso si svolge presso il C.A.PAR. di Pisa, durante il quale si effettuano lanci ad apertura comandata da un'altezza massima di 3-4000 metri, senza l'impiego dell'ossigeno.
  • 3 settimane: CQB (Close Quarter Battle) combattimento in ambienti ristretti presso l'International Special Training Center di Pfullendorf.

Altri corsi specialistici individuali

  • 3 settimane: Patrol Medical Course (ISTC di Pfullendorf).
  • 3 settimane: Combat Medical Training Course (ISTC di Pfullendorf).
  • Istruttore militare scelto di sci e istruttore militare di alpinismo.
  • Corso di tiratore scelto per l'impiego ottimale dei vari tipi di fucili di precisione.
  • Corso operatori scorte e protezione ravvicinata VIP. Queste tematiche sono affrontate in modo graduale, con stage della durata di tre settimane in cui si approfondiscono i temi della Close Protection e del tiro istintivo con armi corte.
  • Corso FAC presso la Scuola di Aerocooperazione dell'Aeronautica Militare.
  • Corso EOR di 3 settimane sul riconoscimento degli ordigni esplosivi, quello di abilitazione alla rilevazione, ed alla bonifica chimica e radiologica. Corsi successivi all'EOR: EOD (disinnesco di ordigni esplosivi) e IEDD (disinnesco di dispositivi esplosivi improvvisati).
  • Corso avanzato di Paracadutismo TCL per lanci d'alta quota con l'impiego dell'ossigeno, con apertura a quote basse (HALO) o con apertura immediata e navigazione sotto vela (HAHO).
  • Corso di Lingue, presso la SLEE (Scuola di Lingue Estere dell'Esercito) di Perugia.

Principale armamento[modifica | modifica wikitesto]

Operazione Unified Venture e ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Il reggimento ha partecipato ad una operazione particolarmente importante al confine tra Afghanistan e Pakistan. La Task Force Nibbio ha partecipato ad una operazione a fianco delle truppe statunitensi con l'obiettivo di circondare la zona di operazione delle truppe di assalto al fine di evitare "fuoriuscite di elementi nemici", assistere i villaggi nei momenti successivi all'operazione centrale e promuovere tra la popolazione un'immagine positiva e di fiducia nell'esercito afghano.

L'attacco condotto all'epoca è stato di successo e mirava a colpire le basi logistiche e di reclutamento di centri terroristici al confine col Pakistan. La fase di pianificazione di questa missione è stata lunga e delicata per scegliere con cura gli elementi che avrebbero dovuto prendervi parte. Nell'ambito della missione spiccano tra gli altri i ranger del 4º rgt Alpini paracadutisti. L'eliassalto viene compiuto con 2 elicotteri AH 64 (Apache) ed 8 elicotteri da trasporto (4 UH 60 Black Hawk e 4 CH 47 Chinook).

I ranger del suddetto reggimento hanno da allora effettuato attività di pattugliamento e posti di blocco; tutti gli obiettivi sono stati raggiunti e la Task Force italiana è riuscita ad integrarsi perfettamente con le truppe americane. L'ultimo rientro delle squadre del reggimento dalle zone di operazione è avvenuto nell'aprile 2008[8].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Alla bandiera[modifica | modifica wikitesto]

  • 1 Croce di cavaliere dell'ordine militare d'Italia
  • 2 Medaglie d'oro al valor militare
  • 9 Medaglie d'argento al valor militare
  • 1 Medaglia di bronzo
  • 1 Medaglia d'argento al valor civile
  • 1 Medaglia d'argento di benemerenza

Decorati[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«[9]»
  • Aldo Beltricco, capitano
  • Giuseppe Failla, sottotenente
  • Carlo Giordana, colonnello
  • Ferdinando Urli, tenente
  • Vincenzo Zerboglio, sottotenente
  • Mario Bonini, alpino

Persone legate al Reggimento[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte http://www.ana.it/page/gli-alpini-paracadutisti-passano-alle-dipendenze-del-comando-forze-speciali-.
  2. ^ vedi i compiti assegnati dallo SME, Stato Maggiore Esercito
  3. ^ Sito Vecio - visto 11 dicembre 2008
  4. ^ Pagina WEB di riferimento all'articolo pubblicato. URL consultato il 23-01-2009.
  5. ^ di riferimento all'articolo pubblicato. URL consultato il 17-11-2010.
  6. ^ di riferimento all'articolo pubblicato. URL consultato il 25-06-2010.
  7. ^ Pagina web dal sito dell'EI con armi, mezzi ed equipaggiamento del reggimento
  8. ^ Dal blog Streethinker, con copia autorizzata di parte del contenuto.
  9. ^ Sito Vecio.it - Scheda del 4º Reggimento - Visto 11 dicembre 2008
  10. ^ Vecio it - visto 6 marzo 2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]