Heckler & Koch G36

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Heckler & Koch G36
Domok g36.JPG
H&K G36
Tipo fucile d’assalto
Origine Germania
Impiego
Utilizzatori vedi utilizzatori
Conflitti Guerra del Kosovo
Seconda guerra in Ossezia del Sud
Guerra d’Iraq
Guerra in Afghanistan (2001 - in corso)
Produzione
Data progettazione 1990 – 1995
Costruttore Heckler & Koch GmbH
Date di produzione 1996 – in produzione
Entrata in servizio 1997
Varianti vedi varianti
Descrizione
Peso 3,63 kg (G36)
3,33 kg (G36V)
3,20 kg (G36K)
3,00 kg (G36KV)
2,82 kg (G36C)
3,83 kg (MG36)
3,50 kg (MG36E)
Lunghezza 758-999 mm (G36, G36V, MG36, MG36E)
615-860 mm (G36K, G36KV)
500-720 mm (G36C)
Lunghezza canna 480 mm (G36, G36V, MG36, MG36E)
318 mm (G36K, G36KV)
228 mm (G36C)
Calibro 5,56 mm NATO
Munizioni 5,56 × 45 mm
Azionamento operato a gas, pistone a corsa corte
Cadenza di tiro 750 colpi al minuto (ciclico)
Velocità alla volata 920 m/s (G36, G36V, MG36, MG36E)
850 m/s (G36K, G36KV)
Tiro utile 800 m
Gittata massima 1.000 m
Alimentazione caricatore da 30 o 100 (Beta-MAG) colpi
Organi di mira puntatore reflex integrato 1×, ottica telescopica 3× (1,5× per le esportazioni), mire metalliche integrate abbattibili

World Guns.ru[1]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

L'Heckler & Koch G36 è un fucile d'assalto tedesco calibro 5,56 × 45 mm, progettato negli anni novanta dalla Heckler & Koch GmbH ed entrata in servizio nel 1997 come sostituto al vecchio fucile da battaglia G3[2][3]. E' un’arma a fuoco selettivo alimentata tramite caricatori da 30 o 100 (Beta C-Mag) colpi[2].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

I lavori per lo sviluppo di un rimpiazzo per l'ormai vecchio fucile da battaglia H&K G3 sono cominciati nella Germania degli anni Settanta. Gli sforzi confluirono nell'innovativo fucile G11 in calibro 4,73 mm Caseless. L’arma sembrava in procinto di entrare in azione quando i lavori per lo sviluppo di un’arma in 5,56 mm NATO portarono la H&K ad abbandonare i lavori sul G11.

La prima arma portata a compimento fu il fucile G41 in 5,56 mm. Tuttavia l’arma venne rifiutata dal Bundeswehr, e cominciarono i lavori su una nuova arma, nome in codice Project 50 o HK50[3]. Il prototipo venne sottoposto a prove contro l’austriaco Steyr AUG, competizione dalla quale l’arma tedesca uscì vittoriosa[3].

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il nuovo HK50 fu accettato e venne effettuato il primo ordine per 33.000 esemplari (cui si aggiungevano 17.000 esemplari non strettamente necessari ma benvenuti in caso di possibilità) di quello che assunse la denominazione G36. Le prime consegne al Bundeswehr ebbero luogo nell’ultimo trimestre del 1997.

Nel luglio 1998 il G36 venne adottato anche dalle Forze Armate spagnole in rimpiazzo dei CETME L e LC[4]. Le consegne per la Spagna arrivarono alla fine del 1999. L’arma è prodotta su licenza in Spagna dalla General Dynamics Santa Barbara Sistemas, in Galizia.

Anche l’Arabia Saudita ha ricevuto la licenza per l’arma[5], che viene prodotta dalla Military Industries Corporaition[6].

Dettagli[modifica | modifica sorgente]

Il G36 è un fucile d’assalto a fuoco selettivo calibro 5,56 × 45 mm, azionato tramite otturatore rotante in posizione chiusa. Il design è fortemente modulare pur mantenendo la linea dei fucili d’assalto convenzionali. Le parti comuni a tutte le varianti di G36 sono il castello, il calcio, la parte meccanica che comprende otturatore, porta-otturatore e guide per i componenti, il maniglione di trasporto (rimovibile) con mirino integrato, la canna, il paramano frontale (che può essere più lungo o più corto a seconda dei modelli) e il gruppo grilletto con l’impugnatura a pistola.

Il G36 impiega una canna flottante, ovvero una canna che non presenta punti di contatto con l’impugnatura anteriore dell’arma. La canna è fissata al castello tramite una ghiera rimovibile tramite chiave. La produzione della canna è a freddo e presenta una cromatura con rigatura a sei linee destrorsa con passo di 1:7 pollici. Il blocco della canna comprende il sistema di reindirizzamento del gas, un “collare” con attacco per baionetta (che in caso può essere usato anche per il lancio di granate da fucile) e un soppressore di fiamma.

L’arma può essere interamente smontata e riassemblata senza l’uso di strumenti specifici, come per molti altri progetti della H&K. L’arma si smonta in quattro parti per la pulizia: castello, meccanismo di ritorno, porta-otturatore (con otturatore) e gruppo di scatto.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Fucile G36 standard con bipiede e caricatore a tamburo Beta C-Mag.

Selettore di fuoco[modifica | modifica sorgente]

Comandi di fuoco e selettore sono ambidestri, posizionati su entrambi i lati del castello; il selettore presenta tre lettere: S (Sicher, sicura), E (Einzelfeuer, colpo singolo) e F (Fuerstoß, fuoco automatico)[3]. La sicura disabilita il grilletto quando inserita. La H&K offre anche come possibilità un selettore definito Marine, che presenta le stesse opzioni dell’originale ma illustrate piuttosto che scritte.

Caricatore[modifica | modifica sorgente]

Il G36 è alimentato da un caricatore proprietario da 30 colpi, molto simile a quello del SIG 550. I caricatori sono ricavati da un polimero ultraresistente translucido e possono essere accoppiati tramite guide scavate sulla superficie di ognuno (possono essere agganciati, in via teorica, fino a 5 caricatori). L’arma non è compatibile con i caricatori STANAG da 5,56 mm. Esiste tuttavia uno speciale adattatore che permette l’utilizzo di tali caricatori[7]. Esistono anche, prodotti dalla Beta Company, specifici caricatori Beta C-Mag da 100 colpi, usati prevalentemente nella variante MG36

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La variante MG 36 è equipaggiata con un calcio semi-cavo e bipiede pieghevole che trova alloggio in speciali aperture nell’impugnatura anteriore. L’arma può essere azionata a calcio piegato[3]. La parte inferiore del calcio presenta dei fori in cui è possibile raccogliere le viti dell’arma in fase di pulizia.

Materiali[modifica | modifica sorgente]

Il G36 fa un uso intense di materiali ultraleggeri sintetici resistenti alla corrosione; castello, calcio, gruppo grilletto (inclusi il selettore e le parti del meccanismo di fuoco), alloggiamento del caricatore, paramano e maniglione di trasporto sono tutti realizzati in fibra di carbonio rinforzata da poliamido. Le altre parti sono realizzate in acciaio.

Organi di mira[modifica | modifica sorgente]

La versione standard in dotazione all’esercito tedesco è equipaggiata con due diverse mire ottiche abbinate ZF 3×4 che combinano una magnificazione 3× (con il reticolo settato per bersagli a 200 m e tacche per l’abbassamento del proiettile che spaziano dai 400 agli 800 m) e un mirino reflex montato sopra a quello telescopico[3]. Il reflex è alimentato dalla luce durante il giorni e usa batterie durante la notte o in condizioni di scarsa luce ambientale. Il passaggio è automatico, ma è possibile comunque attivare la modalità a batterie in caso di bassa visibilità diurna[8].

La variante per osportazione è invece dotata unicamente di mirino 1,5× con reticolo fisso a 300 m. Tutti i fucili sono adattati per utilizzare il visore notturno di terza generazione Hensold NSA-80, che si aggancia al maniglione dell’arma subito di fronte al mirino ottico in modo da avere una combinazione dei due strumenti[9]. Il maniglione possiede anche delle mire metalliche scavate, ma possono essere utilizzate solo previo smontaggio del mirino reflex.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Soldato Americano si addestra con un G36S in Kosovo.
Soldato Albanese dotato di G36.

Il G36 è un’arma operata a gas, che sfrutta la spinta dei gas di combustione della polvere per il riarmo, tramite un foro ricavato sulla canna che reindirizza i gas verso il porta otturatore; il tutto in posizione di otturatore chiuso. L’arma sfrutta un pistone ad auto-regolazione, pertanto non è presente alcuna valvola per i gas[3].

L’arma presenta la funzione hold open, l’otturatore rimane aperto quando l’ultimo bossolo viene espulso. Il pulsante di rilascio per l’otturatore è situato sulla parte anteriore del gruppo grilletto. La leva di armamento pieghevole (protetta da brevetto US #5821445, registrato da Manfred Guthring[10][11]) è posizionata sul lato superiore del castello subito sotto la scina (o il maniglione, a seconda del modello), e può essere azionata da entrambi i lati dell’arma grazie all’estremità flessibile. Quando bloccata in posizione perpendicolare all’asse dell’arma, la leva serve da forward assist o sblocco in caso di malfunzionamenti. I bossoli vengono espulsi tramite una porta aperta sul lato destro del castello. Un deflettore server ad evitare che i bossoli espulsi colpiscano i tiratori mancini. Non è presente alcuna copertura per l’otturatore, dato che il porta otturatore chiude completamente la finestra d’espulsione quando avanzato.

Accessori[modifica | modifica sorgente]

Il fucile può essere equipaggiato con il modulo lanciagranate sottocanna AG36. L’equipaggiamento di riserva incluso con l’arma consiste di caricatori di riserva, kit di pulizia e manutenzione, cinghia, sistema di caricamento rapido e baionetta stile AK-47.

Surriscaldamento[modifica | modifica sorgente]

Nell’aprile del 2012, i rapporti indicarono che i G36 usati in Afghanistan tendevano a surriscaldarsi in caso di fuoco prolungato (comunque diverse centinaia di colpi). La precisione dell’arma calava talmente tanto da rendere impossibile colpire bersagli oltre i 100 m, e addirittura da rendere inefficace l’arma oltre i 200 e inutilizzabile oltre i 300 m. Per questo l’arma venne dichiarata inadatta per scontri prolungati. La stessa H&K dichiarò come l’arma non fosse stata progettata per supportare fuoco sostenuto. I soldati tedeschi (non impegnati in operazioni belliche) non hanno infatti riportato malfunzionamenti. È stato comunque consigliato agli operatori di lasciar raffreddare l’arma tra le raffiche[12][13][14].

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Un G36KV in dotazione all’esercito lituano, dotato di calcio telescopico e scina Picatinny rialzata superiore.
G36A2 con mirino reflex Zeiss RSA e lanciagranate AG36.


  • G36V (Variant, variante). Conosciuto prima come G36E (Export, esportazione), e la versione per i mercati stranieri. Presenta tutte le caratteristiche dell’arma standard, con l’eccezione delle mire metalliche e dell’attacco per la baionetta. È dotato di mirino 1,5× o 3× non integrato. La versione era prevista inizialmente per Lituania e Spagna.
  • MG36 (Maschinengewehr, mitragliatrice). Versione mitragliatrice leggera del G36 equipaggiato con canna pesante per assicurare un minore riscaldamento e una minore deformazione della canna[3]. Le due varianti MG36 e MG36E non sono più in produzione presso la H&K.
  • G36K (kurz, corto). Variante carabina con canna accorciata (dotata di soppressore di fiamma aperto) e impugnatura anteriore ridotta, con scina inferiore per l’uso di accessori. Il frontale accorciato impedisce il montaggio di lanciagranate indipendenti e baionette: è possibile montare solo il lanciagranate dedicato AG36. Le armi in dotazione alle Forze Speciali tedesche sono fornite con caricatori C-Mag da 100 colpi. Le due varianti disponibili si distinguono per la presenza di un mirino 3× integrato (primo modello) o una scina Picatinny con mire metalliche.
  • G36KV (prima G36KE). Variante da esportazione della versione carabina: essenzialmente un G36K con mire in stile G36V.
  • G36C (compact, compatto; spesso confuso con Commando, nomenclatura tipica delle armi della serie CAR-15 della Colt). È uno sviluppo ulteriore del G36K. Presenta una canna accorciata rispetto alla versione K, oltre ad un diverso soppressore di fiamma. L’accorciamento ulteriore dell’arma ha imposto la necessita di spostare il blocco dei gas più vicino alla volata, con conseguente riduzione della lunghezza del pistone. L’impugnatura anteriore è stata accorciata e il maniglione con mirino sostituito con uno con la scina Picatinny. Il mirino integrato è quindi sostituito da una combinazione di mire metalliche.
  • G36A2. Designazione allocata per una variante migliorata del G36 in uso all’Esercito tedesco[15]. L’arma monta un calcio più corto, specificamente progettato per l’uso con le protezioni, paramano anterior in alluminio con quattro punti di attacco per accessori[16].

Modelli sportivi[modifica | modifica sorgente]

La Heckler & Koch, basandosi sul progetto del G36, ha creato il fucile semiautomatico SL8 e il fucile bolt-action R8, disponibili entrambi per il mercato civile. Tuttavia, l’SL8 differisce per svariati aspetti dal G36: il castello è diverso e il calcio e l’impugnatura sono ricavati da un pezzo unico. La canna dell’arma è più lunga (508 mm) e non presenta né spegnifiamma né attacchi per la baionetta. L’arma presenta inoltre una scina Picatinny superiore per il montaggio di accessori (la scina può essere sostituita dal maniglione G36 compatibile con l’arma) e mire metalliche. Il peso dell’arma si aggira attorno ai 4 kg, con una lunghezza totale di 1030 mm.

Nel novembre 2013, la Heckler & Koch ha fatto richiesta per un permesso di vendita per una nuova variante civile del G36, denominata HK243 in Europa e HK293 negli Stati Uniti, destinata al mercato civile europeo e americano. La differenza principale consiste nella modifica dell’otturatore per impedire qualunque conversione dell’arma a fuoco automatico. Presenta scine Picatinny e viene alimentata tramite caricatori STANAG. Gli accessori includono quattro diverse canne (da 226 a 477 mm) e quattro calci differenti (corto fisso, lungo fisso, abbattibile e telescopico)[17].

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Paese Corpo Modelli Quantitativi Data Note
Australia Australia Polizia Federale Australiana
Gruppo intervento speciale
G36C _ _ [18][19]
Belgio Belgio Polizia di Antwerp _ _ _ [20]
Brasile Brasile Polizia Federale Brasiliana G36K
G36C
_ _ [21]
Canada Canada Dipartimento di Polizia di Victoria G36 ~100 2004 [22]
Croazia Croazia Unità Speciali (Polizia Croata) _ 300 2004 [23][24]
Forze Armate Croate (solo quelle impegnate in operazioni internazionali) _ 550 2007
Rep. Ceca Repubblica Ceca Polizia della Repubblica Ceca (URNA – Unità intervento rapido
SPJ – Unità speciale antisommossa, PMJ – Unità d’emergenza motorizzata
G36C
G36K
_ _ [25]
Danimarca Danimarca Politiets Aktionsstyrke G36C _ _ [26][27]
Egitto Egitto Esercito Egiziano _ 608+ 2003 [28]
Finlandia Finlandia Guardia di Frontiera Finlandese G36C _ _ [29]
Polizia Finlandese _ _
Germania Germania Bundeswehr G36A1
G36A2
G36K
G36C
180.000+[30] _ [31]
Polizia Federale Tedesca (Bundespolizei) _ _ _ [32]
Georgia Georgia Polizia Georgiana G36K
G36C
G36E
G36A
_ _ [33]
Hong Kong Hong Kong Forze di Polizia di Hong Kong G36KV _ 2001 [34]
Islanda Islanda Polizia Islandese (Víkingasveitin) _ _ _ [35]
Indonesia Indonesia Unità Kopassus (Esercito Indonesiano) G36C _ _ [36]
Unità Kopaska (Marina Indonesiana) _ _
Italia Italia NOCS (Polizia Italiana) G36C _ _ [37]
Giordania Giordania Forze Speciali Giordane (Antiterrorismo) G36C _ _ [38][39]
Corea del Sud Corea del Sud Guardia Costiera Sudcoreana SSAT G36C _ 2007 [40]
Kosovo Kosovo Forze di Sicurezza del Kosovo G36V 1.275 2010 [41][42]
Lettonia Lettonia Esercito Lettone G36KV _ 2006 [43][44]
Libano Libano Forze Armate Libanesi
Forza di Sicurezza Interna
G36C3 250 2008 [45]
Lituania Lituania Forze Armate Lituane G36KA4
G36KV1
_ _ [46]
Malesia Malesia Pasukan Khas Laut (PASKAL, Forza Antiterrorismo della Marina Malese) G36KE
G36C
_ 2010 [47]
Pasukan Gerakan Khas (Polizia Malese) G36C _ _
Messico Messico Polizia Messicana Serie G36 _ _ [48]
Montenegro Montenegro Esercito del Montenegro _ _ _ [49]
Norvegia Norvegia Marina Norvegese (Kystjegerkommandoen) G36KV2 _ 2001–2007 [43]
Filippine Filippine Esercito Filippino G36K _ _ [50]
Polonia Polonia Unità Antiterrorismo (BOA/SPAP) _ _ _ [51]
Portogallo Portogallo Marina Portoghese _ _ _ [43]
National Republican Guard (GNR) _ 200 _ [52]
Grupo de Operações Especiais _ _ _ [53]
Romania Romania Esercito Romeno (1º Reggimento) G36K
G36C
_ _ [54]
Arabia Saudita Arabia Saudita Esercito Saudita G36C _ _ [55]
Serbia Serbia Brigata Speciale dell’Esercito Serbo G36C _ 2010 [56]
Spagna Spagna Esercito Spagnolo G36E
G36KE
_ _ [43]
Marina Spagnola _ _ [57]
Unidad de Operaciones Especiales (Marina Spagnola) _ _ [58]
Forza Aerea Spagnola _ _ [59]
Svezia Svezia Task Force Nazionale G36C _ _ [60]
Särskilda Operationsgruppen G36K
G36C
_ _ [61]
Timor Est Timor Est Polizia Nazionale di Timor Est G36K _ _ [62]
Regno Unito Regno Unito Bermuda Defence Regiment G36C
G36KV
_ [63]
[64]
Polizia di Manchester G36C _ _ [65]
Specialist Firearms Command
Metropolitan Police Service
G36C _ _ [66]
Polizia dell’Irlanda del Nord G36K
G36C
_ _ [65]
Civil Nuclear Constabulary G36C _ _ [67]
S.A.S. G36K
G36C
_ _ [68]
Stati Uniti Stati Uniti United States Capitol Police _ _ _ [69]
Dipartimento di Polizia di Baltimora _ _ _ [70]

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://world.guns.ru/assault/de/hk-g36-e.html
  2. ^ a b Modern Firearms - HK G36, World.guns.ru. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  3. ^ a b c d e f g h Woźniak, Ryszard. Encyklopedia najnowszej broni palnej – tom 2 G-Ł. Bellona. 2001. pp17-21.
  4. ^ Spanish Army, Ejercito.mde.es, 1º dicembre 2001. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  5. ^ Arms manufacturer investigates how Gadhafi got German rifles in Deutsche Welle, 4 settembre 2011.
  6. ^ G36 Automatic Rifle Cal 5.56X45 mm, En.mic.org.sa. URL consultato il 15 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2012).
  7. ^ SPUHR-G36, Spuhr.com. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  8. ^ Visierung, optical sight
  9. ^ Zeiss NSA 80 night sight module datasheet
  10. ^ Patent US5821445 - Loading lever assembly for hand-operated firearms - Google Patents, Google.com. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  11. ^ Template:Cite patent
  12. ^ Deutsches Sturmgewehr versagt bei langem Gefecht - Welt.de, 1 April 2012
  13. ^ Deutsches Sturmgewehr für langen Kampf untauglich - Welt.de, 25 April 2012
  14. ^ Heckler & Koch Responds to Allegation that the G36 Rifle is Unfit for Service - Guns.com, 9 May 2012
  15. ^ Zeiss RSA-S Reflex Sight
  16. ^ Heckler & Koch subsystem leader IdZ
  17. ^ Heckler & Koch HK243 and HK293 (Civilian G36) - Thefirearmblog.com, 25 November 2013
  18. ^ 'G36C Firearms' sold to the Australian Federal Police by HK Systems Australia
  19. ^ [1] [collegamento interrotto]
  20. ^ Bijzonder Bijstandsteam (Dutch)
  21. ^ Folha de São Paulo. Retrieved June 23rd, 2007
  22. ^ [2]. Retrieved July 30th, 2011
  23. ^ (SCR) Krešimir Žabec, Heckler & Koch: Tvornica od koje Hrvatska vojska i policija kupuju puške i bacače in Jutarnji list, 13 novembre 2006. URL consultato il 27 novembre 2008.
  24. ^ (SCR) Eduard Šoštarić, MORH preuzeo jurišne puške G36 [Ministry of Defence receives G36 assault rifles] in Nacional, 29 marzo 2007. URL consultato il 20 dicembre 2009 (archiviato il 9 luglio 2012).
  25. ^ Odbor Pohotovostní motorizovaná jednotka - Policie České republiky, Policie.cz. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  26. ^ Aktionsstyrken, Pet.dk. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  27. ^ Politiets aktionsstyrke - PolitiGuiden, Politiguiden.dk. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  28. ^ (DE) 2003 legal exportiert: Gewehre kommen aus Ägypten, n-tv.de. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  29. ^ Jussi Orell, Kymmeniä aselupia peruttu kouluampumisten jälkeen – Kotimaa – Turun Sanomat, Ts.fi, 8 ottobre 2009. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  30. ^ http://www.heckler-koch.com/en/military/company/news/detail/article/communique-current-media-reports-regarding-the-g36-assault-rifle.html
  31. ^ Gewehr G 36. Bundeswehr.
  32. ^ Weisswange, Jan-Phillip (2009). ASSIK. Der Arbeitsstab Schutzaufgaben der Bundespolizei. In: Strategie & Technik. Jg. 52, Nr. 5, Mai 2009. ISSN 1860-5311, S. 73–74.
  33. ^ DW staff, Georgians Illegally Armed With German Weapons, Report Says in DW-World.de, Deutsche Welle, 17 agosto 2008. URL consultato il 23 gennaio 2010.
  34. ^ http://www.youtube.com/watch?v=s0hOtZnha7g
  35. ^ "Með Glock 17 og MP5". Fréttatíminn. 23. 09. 2011. p. 12-14.
  36. ^ (SCR) Kopassus & Kopaska – Specijalne Postrojbe Republike Indonezije, Hrvatski Vojnik Magazine. URL consultato il 12 giugno 2010.
  37. ^ Italian Ministry of Interior – Decree n° 559/A/1/ORG/DIP.GP/14 of March 6, 2009, concerning weapons and equipment in use with the Italian National Police – in Italian Retrieved on August 25, 2010.
  38. ^ Shea, Dan (Spring 2009). "SOFEX 2008". Small Arms Defense Journal, p. 29.
  39. ^ Tactical Weapons January 2011 Issue, Page 94.
  40. ^ 건파워 통합 게시판 - "해양경찰특공대 저격수 훈련" Update 2007/02/22, Old.gunpower.com. URL consultato il 15 dicembre 2012.
  41. ^ http://www.gazetaexpress.com/web/images/pdf/pdf021110.pdf
  42. ^ http://www.mksf-ks.org/repository/docs/Koha_Ditore_per_FSK-ne.pdf
  43. ^ a b c d Assault rifles in a 5.56 mm evolution: the fielding of new designs and the upgrade of existing weapons will ensure that 5.56 mm remains the predominant assault rifle calibre.
  44. ^ [3] [collegamento interrotto]
  45. ^ Lebanese Official Gazette (issues 2008) in Lebanese Official Gazette, Lebanese Government. Template:Page needed
  46. ^ http://kariuomene.kam.lt/lt/ginkluote_ir_karine_technika/automatiniai_sautuvai/automatinis_sautuvas_g-36.html
  47. ^ Thompson, Leroy, Malaysian Special Forces, Special Weapons, December 2008. URL consultato il 30 dicembre 2010.
  48. ^ (ES) DOCUMENTAR MEDIANTE FECHAS, EL INICIO DEL PROYECTO DE LA SEDENA PARA FABRICAR EN MÉXICO EL FUSIL HK G-36V, LOS RAZONAMIENTOS Y JUSTIFICACIONES TÉCNICAS Y MILITARES PARA LLEVAR A CABO DICHO PROYECTO, 15 dicembre 2006. URL consultato il 23 maggio 2009.
  49. ^ Ministar odbrane Boro Vučinić održao godišnju konferenciju za novinare
  50. ^ Rice Not Guns – German Arms in the Philippines, Bits.de. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  51. ^ (PL) xx, xx, Polish police equipment, Policja. URL consultato il 24 aprile 2012.
  52. ^ (PT) CADERNO DE ENCARGOS – CONCURSO PÚBLICO N.º 14/DRL/DA/2009, Guarda Nacional Republicana, 2009. URL consultato il 30 agosto 2012.
  53. ^ (PT) Curado, Miguel, GOE Reage com Tiros para o ar, Correio da Manhã, 2 giugno 2006. URL consultato il 29 agosto 2009.
  54. ^ http://romanianspecialforces.com/vulturii.html
  55. ^ (DE) Deutsche G36-Sturmgewehre werden ab 2012 auch direkt in Saudi-Arabien hergestellt, 13 agosto 2012.
  56. ^ (SR) Najsavremeniji "hekleri" za Vojsku Srbije, Politika, 8 aprile 2010. URL consultato il 3 maggio 2013.
  57. ^ http://www.navy.mil/view_single.asp?id=13987
  58. ^ http://www.defenseimagery.mil/imagery.html#a=search&s=UOE&p=6&guid=409b51db6daaba97e14d93c514e09d3f67a73dee
  59. ^ Fusil de Asaulto 5.56 mm in Principales Programas de Armamento, Dirección General de Armamento y Material.
  60. ^ [4]. Retrieved August 11th, 2011
  61. ^ [5]. Retrieved August 11th, 2011
  62. ^ Range Shooting, Australian Department of Defence, 5 maggio 2009.
    «The East Timor National Police representatives fire from the sitting position during the informal shooting competition at Metinaro range.».
  63. ^ THE JOURNAL OF THE ROYAL ANGLIAN REGIMENT: Going Forward – The Bermuda Regiment Embraces New Challenges, by Major Joe Carnegie, Bermuda Regiment Staff Officer. December 2012, Vol 17 No 2
  64. ^ The Bermuda Regiment website: Weapons
  65. ^ a b Jane's Police Review, 4 March 2007
  66. ^ Duncan Gardham, Military-style guns for police to fight terrorists on the streets (London), telegraph.co.uk, 15 aprile 2010. URL consultato il 19 aprile 2010.
  67. ^ http://www.cnc.police.uk/
  68. ^ Michael Smith, Army trials of new SA-80 rifle 'were fudged' in The Daily Telegraph (London), 26 luglio 2002.
  69. ^ Plane Flies Over Capitol Airspace, Police Evacuate Buildings: Homeland Defense & Terror News at, Officer.com. [collegamento interrotto]
  70. ^ Baltimore Police Department, articleleader.info. [collegamento interrotto]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (PL) Ryszard Woźniak, p 17-21 in Encyklopedia najnowszej broni palnej – tom 2 G-Ł, Warsaw, Poland, Bellona, 2001, ISBN 83-11-09310-5.

Template:Refend

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Template:Interprgetto

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]