XM25

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
XM25 Individual Airburst Weapon System
XM25 Individual Airburst Weapon System.jpg
Tipo Lanciagranate
Origine Stati Uniti d'America
Produzione
Progettista Heckler & Koch, Alliant Techsystems
Descrizione
Peso 6.35kg con caricatore, 5,45Kg scarico
Calibro 25X40mm
Tipo munizioni Airburst, termobariche, HE, non letali
Tiro utile 500 m per danni di punto, 1000 m per danni d'area
Alimentazione caricatore 6 colpi
Organi di mira 4X termica con zoom, 2X ottica, computer balistico, telemetro laser, vari sensori

[senza fonte]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

L'XM25 è un lanciagranate a munizionamento Airburst derivato dall'OICW XM29.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Spara granate da 25 mm che esplodono a mezz'aria o in prossimità del bersaglio: Un telemetro laser presente nella centralina di tiro posta su quest'arma determina la distanza del bersaglio; l'utente può aggiustare manualmente la distanza, fino a tre metri in più o in meno; l'arma trasmette quindi automaticamente la distanza dal bersaglio alla granata; la distanza in cui scoppierà la granata verrà determinata dal numero di rotazioni a spirale che farà dopo essere stata sparata. Queste caratteristiche rendono l'XM25 3 volte più efficace dei lanciagranate tradizionali [1], soprattutto nel compito di colpire bersagli che si trovano dietro coperture o dentro una trincea, mentre le caratteristiche termobariche del munizionamento di quest'arma la rendono perfetta per colpire all'interno di spazi chiusi come case o bunker provocando gravi danni a chi vi è dentro.

Il costo dell'arma però è elevato: attualmente si aggira sui 49.000 dollari a pezzo, mentre a produzione avviata si stima potrebbe scendere a 35.000 a pezzo. [2]

Il sistema è sviluppato da Heckler & Koch e Alliant Techsystems.

Stato del programma[modifica | modifica sorgente]

  • Aprile 2005: sono consegnati i primi prototipi all'esercito americano. [3]
  • Settembre 2005: Test da parte dell'esercito nella Grafenwöhr Training Area. [4]
  • Estate 2009: Prove sul campo in Iraq e Afghanistan. [5]
  • Anno 2012: È prevista la prima distribuzione dell'arma ai reparti operativi.[6]
  • Giugno 2013: Il Senato americano dichiara di voler tagliare i fondi per l'XM25, considerandolo inaffidabile. [7]
  • Agosto 2013: L'esercito americano annuncia comunque l'avanzamento del progetto ed la rimozione della "X" di progetto entro 1 anno, e quindi la produzione a basso ritmo. [2]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ xm25 to become m25
  2. ^ a b XM25 Counter Defilade Target Engagement system may lose 'X' by next August
  3. ^ ATK Delivers First XM25 Prototypes to U.S. Army for Testing and Evaluation
  4. ^ Soldiers test new weapons at Grafenwöhr - EUCOM
  5. ^ New Scientist article
  6. ^ New Scientist article
  7. ^ senate recommends cutting cush for the armys punisher
armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi