FN Minimi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FN Minimi\M249 SAW
M249 FN MINIMI DA-SC-85-11586 c1.jpg
Tipo Mitragliatrice leggera
Origine Belgio Belgio
Impiego
Utilizzatori Esercito degli Stati Uniti - US Marine Corps - Forze Armate Italiane - Vari eserciti NATO, vedi sotto
Conflitti Guerra in Iraq - Missione UNIFIL
Produzione
Progettista Ernest Vervier
Date di produzione dal 1982
Varianti vedi sotto
Descrizione
Peso 6,85 kg (modello standard)
6,56 kg (Minimi Pará)
5,32 kg (modello da veicolo)
Lunghezza 1040 mm (modello standard)
Lunghezza canna 18,3" (466 mm)
Rigatura 6 destrorse a passo costante
Calibro 5,56 mm
Tipo munizioni 5,56 × 45 mm NATO
Azionamento operato a gas - raffreddato ad aria - fuoco automatico
Cadenza di tiro 700 - 1100 colpi/min
Velocità alla volata 925 m/s (modello standard)
866 m/s (Minimi Pará)
Tiro utile 300 - 1000 m (800 m Parà)
Alimentazione Caricatore a nastro a maglie disgreganti M27 da 100 o 200 colpi, caricatore STANAG da 30 colpi, caricatore Beta C-Mag da 100 colpi
Organi di mira mire metalliche

World Guns.ru[1]

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia
Incursore dell'Aeronautica Militare armato di MINIMI.

La FN Minimi (dal francese Mini-mitrailleuse - mini mitragliatrice) è una mitragliatrice leggera calibro 5,56 × 45 mm NATO a sottrazione di gas prodotta dall'azienda belga Fabrique Nationale de Herstal (FN).

Nata in sostituzione della precedente FN MAG in calibro 7,62 × 51 mm, è utilizzata dalle forze armate statunitensi con la denominazione M249 SAW (Squad Automatic Weapon - mitragliatrice di squadra).

Origine dell'arma[modifica | modifica sorgente]

La nascita della nuova mitragliatrice leggera belga è datata 1974. Essa è stata concepita come arma di squadra, essendo essenzialmente un fucile mitragliatore, e non ha sostituito interamente la MAG (per plotoni e compagnie), non avendo il proiettile una sufficiente efficacia oltre i 400m.

Introdotta negli anni ottanta dall'US Army come rimpiazzo dell'ormai ventennale M60, l'M249/Minimi è un'arma compatta e manovrabile, doti che, però, hanno portato ad un'obbligatoria riduzione di raggio utile di tiro e di potenza di fuoco.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

La struttura di questa arma è lineare e testimonia una costruzione e produzione secondo standard europei. La sua struttura ha un'impostazione simile a quella della MAG, ma è fornita di un dispositivo rotante di bloccaggio che scorre nel castello dell’arma. Il peso complessivo, grazie alla nuova progettazione, è di circa un terzo inferiore alla MAG, e resta inferiore persino con il caricatore da 200 colpi e bipede.

L’alimentazione è stata uno dei maggiori particolari d’innovazione nel progetto, perché si è trovato il modo di ripiegare il nastro all’interno di un contenitore sistemato sotto l’arma. Esso contiene 100 o 200 colpi calibro 5,56 NATO, ma è possibile sostituirlo con un caricatore laterale da 30 colpi STANAG, lo stesso dell’M16 statunitense e dell'italiano Beretta AR 70/90. È fornita di una maniglia per il trasporto, e di un bipede per il fuoco a terra, ma l’arma è anche utilizzabile in piedi dato il ridotto rinculo. La canna ha una bocca a leggero tromboncino. L'arma spara con una cadenza di tiro teorica di circa 600-700 colpi al minuto, ma la cadenza è modificabile tramite un regolatore di afflusso di gas posto sotto la canna; la canna è protetta da un copricanna a sezione rettangolare. È utilizzata dalle forze armate di numerosi paesi come arma di appoggio tattico a livello di squadra.

Nella versione ordinaria monta un calcio pieno in polimeri, ed è disponibile una versione con canna accorciata e calcio scheletrato e retrattile (versione Parà) per le truppe d'assalto. La versione SPW prevede invece una canna di lunghezza intermedia fra le due versioni precedenti, calcio simile a quello della versione Parà ed una guida di tipo Picatinny per mirini di vari tipi. Quest'ultima versione, lievemente modificata, è stata adottata dalle Forze speciali statunitensi con il nome di Mk.46 model 0.

Impiego[modifica | modifica sorgente]

Dopo un lungo lavoro per rendere tale mitragliatrice affidabile, togliendo i difetti trovati nei modelli di pre-produzione, l'arma ha avuto un buon successo operativo e commerciale. Tra i Paesi che hanno adottato la mitragliatrice vi è anche l’Italia, ma soprattutto gli USA. L'arma è stata adattata anche alla nuova cartuccia SS109, sviluppata come munizione NATO standard, e più pesante e potente dell’M193 americana, con una diversa rigatura della canna. Essa è estesamente usata nella missione UNIFIL in Libano (2006) e nella guerra in Iraq (2007).

Tabella di confronto fra i vari modelli[modifica | modifica sorgente]

Peso Lunghezza Lunghezza Canna Munizionamento Cadenza di fuoco
Modello Standard 6,8 kg 1040 mm 465 mm a caricatore o a nastro 700/1100 colpi al minuto
Modello Parà 6,8 kg 914/776 mm 349 mm a caricatore o a nastro 700/1100 colpi al minuto
Modello Mk.46 Model 0 5,75 kg 908/772 mm 406 mm a nastro 750 colpi al minuto

Paesi utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

NATO[modifica | modifica sorgente]

Non-NATO[modifica | modifica sorgente]

Un soldato australiano, mentre imbraccia la versione F89 della Minimi.

La Minimi nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Modern Firearms - M249 SAW
  2. ^ FN Minimi - The Mirror's Edge Wiki
  3. ^ http://www.imfdb.org/wiki/Fallout:_New_Vegas IMFDB: Fallout New Vegas Weapons
  4. ^ M249 SAW. URL consultato il 18 dicembre 2012.
  5. ^ Full Metal Panic. URL consultato il 29 aprile 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra