Scuola militare "Teulié"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scuola Militare
"Teuliè"
CoA mil ITA teuliè.jpg
Stemma araldico della scuola
Descrizione generale
Attiva 1802-1848
1859-1869
1873-1894
1935-1943
1996-oggi
Nazione Regno d'Italia (1805-1814)
Flag of the Habsburg Monarchy.svg Impero austriaco
bandiera Regno d'Italia
Italia Italia
Alleanza NATO NATO
Servizio Flag of the Habsburg Monarchy.svg Esercito imperiale austriaco
Flag of Italy (1860).svg Regio esercito
CoA Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
Tipo scuola militare
studi Liceo Classico, Scientifico
Dimensione 180 allievi
Sede Milano, Corso Italia, 58
Motto Iterum alte volat
(dal latino:Di nuovo vola alto)
Battaglie/guerre Cinque giornate di Milano
Decorazioni Valor dell'esercito bronze medal BAR.svg Medaglia di bronzo al valore dell'esercito
Sito internet [1]
Comandanti
Comandante attuale col. Francesco Giordano [1]

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Scuola militare "Teulié" è una Scuola Militare dell'Esercito Italiano che ha sede a Milano, in Corso Italia, 58.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio che attualmente la ospita fu costruito nel medioevo per ospitare l'ospedale di San Celso. Successivamente, nel 1758, divenne il monastero cistercense di San Luca, adibito prima ad ospedale militare e poi, nel 1802, per mano di Pietro Teulié, ad orfanotrofio militare. L'orfanotrofio mutò il suo nome, contemporaneamente all'istituzione del Regno d'Italia Napoleonico, in Reale Collegio degli Orfani Militari.

Nel 1839 Ferdinando I d'Asburgo trasformò il collegio in Imperial regio collegio dei cadetti.

Gli allievi parteciparono ai combattimenti urbani nel corso delle cinque giornate di Milano difendendo l'edificio della scuola sino al 22 marzo dagli insorti milanesi.[senza fonte] Il Comitato Rivoluzionario chiuse la scuola e l'edificio viene adibito alla scuola d'artiglieria e genio[2]. Ritornati gli Austriaci la scuola non riaprì poiché, per punire i rivoltosi delle Cinque Giornate di Milano, l'edificio scolastico fu nuovamente adibito ad ospedale militare.

Passa anche alla storia l'ardita impresa dei Cadetti che issarono sulla cupola del Duomo di Milano, che si diceva essere stata minata, la bandiera tricolore, formata da tre bande orizzontali riportanti la scritta: W Dio, l'Italia e Pio.

L'evento viene celebrato ogni anno in occasione delle due cerimonie dette della Consegna del Primo Tricolore: la prima si svolge in Piazza Cinque Giornate, ai piedi dell'omonimo Monumento, in cui il Comune di Milano consegna al Comandante della Scuola lo storico simbolo, l'altra nel corso del giuramento degli Allievi della I Compagnia, quando la Bandiera viene riconsegnata al Comune.[senza fonte]

Il collegio riaprì come "Collegio militare di Milano" nel 1859, per poi chiudere di nuovo nel 1869, per problemi economici,[3] e riaprire nel 1873 grazie alla legge sull'ordinamento dell'Esercito di quell'anno. Ma nel 1894 la scuola fu di nuovo costretta a chiudere.

Durante la prima guerra mondiale, l'edificio fu adibito a caserma del 7° Bersaglieri, ma nel 1935 il Governo decise di istituire la Scuola Militare di Milano, che avrebbe poi di nuovo chiuso nel 1943 a causa dei fatti dell'8 settembre. Passarono 53 anni, durante i quali l'edificio divenne la caserma dei militari in servizio presso il comando dello stato maggiore del 3º Corpo d'armata (due compagnie ed un plotone di minuto mantenimento) e, nel 1996, la scuola fu riaperta come sede distaccata della Scuola militare "Nunziatella" divenendo successivamente autonoma nel 1998 e conquistando la denominazione di "Seconda Scuola Militare dell'Esercito, oggi Scuola Militare "Teulié".

La scuola militare "Teulié" è dunque complessivamente rimasta ad oggi aperta per circa 60 anni sui 207 trascorsi dalla sua fondazione.

Dalla riapertura si sono susseguiti i seguenti corsi: Turinetto I, Masotto II, Musso II, Camozzini II, Buffa di Perrero II, Ferrari II, Fadini II, Fumi II, Platone II, Marinetti I, Ruocco I, Del Din I, Serafino I, Spagnolo I, Paglia I, Zamorani I, Grecchi I, Quarantelli I. Tutti i nomi dei corsi derivano dal cognome degli ex allievi della Scuola che hanno ricevuto Medaglie al Valor Militare.

Motti[modifica | modifica wikitesto]

Il motto della Scuola, dal 1935 al 1943, è stato "Osare e durare", mentre l'attuale motto, dalla riapertura nel 1996, è "Iterum alte volat", che significa "Di nuovo vola alta".

Ex allievi celebri[modifica | modifica wikitesto]

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

Regno d'Italia

  • 1802 Cap. Antonio Artaud
  • 1802-1805 Cap. Ignazio Ritucci
  • 1805-1811 Capo Btg. Giovan Battista Deangeli
  • 1811-1814 Ispettore alle Rassegne Filippo De Meester

Impero austriaco

  • 1814-1836 Ten. Col. Edward Young
  • 1836-1838 Magg. Johann Cristophe Von Leuenfels
  • 1838-1847 Cap. Joseph Von Reichenau
  • 1847-1848 Cap. Rudolf Severus
  • 1848-1859 (Scuola chiusa)

Regno d'Italia

  • 1859-1860 Lgt. Col. Efisio Cugia di Sant'Orsola
  • 1860 Lgt. Col. Genova Thaon di Revel
  • 1860-1861 Lgt. Col. Roberto Patrese
  • 1861-1869 Lgt. Col. Cesare Ferreri
  • 1869-1874 (Scuola chiusa)
  • 1874-1880 Col. Fiorenzo Bava Beccaris
  • 1880-1882 Col. Carlo Secretant
  • 1882-1884 Col. Agostino Giulio Rossi
  • 1884-1889 Col. Francesco Rogier
  • 1889-1892 Col. Giovanni Ravetta
  • 1892-1895 Col. Ernesto Toselli
  • 1895-1935 (Scuola chiusa)
  • 1935-1937 Col. Pietro Maggiani
  • 1937-1939 Col. Lorenzo Mugnai
  • 1939-1942 Col. Giuseppe Cortese
  • 1942-1943 Col. Epifanio Chiaramonti
  • 1943-1996 (Scuola chiusa)

Repubblica Italiana

  • 1996-2000 Col. Marco Grasso
  • 2000-2002 Col. Ermanno Patrizio
  • 2002-2005 Col. Antonio Tebaldi
  • 2005-2008 Col. Giuseppe Affini
  • 2008-2010 Col. Corrado Serto
  • 2010-2012 Col. Maurizio Patané
  • 2012-2014 Col. Francesco Giordano

Attività didattiche[modifica | modifica wikitesto]

Allievo della scuola militare "Teulié" in uniforme storica.

Come tutte le altre scuole militari, la Teulié segue i programmi ministeriali stabiliti per il liceo scientifico ed il liceo classico.

Gli allievi del corso "Zamorani I" sono stati gli ultimi ad avere la possibilità di scelta del piano di studi impostati sul modello del Liceo Scientifico Europeo, con i relativi programmi ministeriali seguiti regolarmente.

Dato che la Teuliè è una caserma, le attività e la permanenza all'interno di essa seguono le regole della vita militare. I ragazzi possono uscire tre volte a settimana (mercoledì, sabato e domenica) con orari prestabiliti dall'ufficiale che rilascia la libera uscita. Tuttavia è consentito, qualora la condotta dell'allievo sia eccellente, il pernotto, ovvero la possibilità ad un allievo di non dormire all'interno della scuola, limitatamente però al solo fine settimana; in tal caso l'allievo esce il sabato dopo il pranzo per rientrare in caserma la domenica sera.

Attività sportive[modifica | modifica wikitesto]

Gli sport praticati sono:

Attività militari[modifica | modifica wikitesto]

I giovani allievi della Teulié, oltre alla normale attività di studio, svolgono attività militari quali:

  • Istruzione formale
  • Addestramento individuale al combattimento (A.I.C.)
  • Istruzione sulle armi e sul tiro
  • Difesa personale
  • Corso di primo soccorso

Per perfezionare e/o finalizzare l'addestramento si svolgono campi estivi nelle varie aree addestrative dell'Esercito Italiano, sovente degli Alpini.

Ammissione ai corsi[modifica | modifica wikitesto]

L'ammissione alla Scuola Militare "Teuliè" avviene attraverso concorso ed è consentita esclusivamente agli studenti idonei a frequentare il 1° Liceo Classico o il 3° Liceo Scientifico.

A seguito del bando si invia domanda di iscrizione. Le fasi concorsuali si svolgono nel centro di reclutamento nazionale dell'esercito a Foligno: superato un test (questionario di tipo logico-deduttivo), i candidati sono sottoposti ad accertamenti sanitari e attitudinali nonché a prove di efficienza fisica. Questa fase concorsuale dura almeno cinque giorni ma ai concorrenti sarà di volta in volta comunicato, in base ai risultati degli esami/colloqui, se idonei o meno.

Alla fine degli accertamenti i concorrenti rimasti sono sottoposti alle prove di efficienza fisica, e i rispettivi risultati di questo esame fanno parte integrante della graduatoria finale. L'ultimo esame consta di un questionario (prova di cultura generale), dopo il quale si compilano le graduatorie e i candidati vincitori del concorso ricevono una lettera raccomandata con la data della convocazione.

Il ciclo di studi si completa con il conseguimento del relativo diploma di maturità e include, oltre alle materie scolastiche comuni a questi licei, anche dei corsi di lingua inglese, di informatica e di formazione finalizzati alla carriera militare.

Cronotassi dei corsi con i relativi motti[modifica | modifica wikitesto]


Nome Istituto Anno Incorporazione Nome Corso Colore Corso Motto Corso Capocorso
Orfanotrofio Militare per i Figli dei Militari Caduti al Fronte 1802 - 1807
Collegio Reale degli Orfani Militari 1807 - 1814
Imperial Collegio Militare di San Luca 1814 - 1839
Imperial Regio Collegio dei Cadetti 1839 - 1848
Collegio Militare di Milano 1859 - 1869
Collegio Militare di Milano 1874 - 1895
Scuola Militare di Milano 1934/1938 Masotto I Gino dell'Armi
Scuola Militare di Milano 1936/1939 Musso I Domenico del Torto (Masotto I)
Scuola Militare di Milano 1937/1940 Camozzini I Francesco Barbi (Masotto I)
Scuola Militare di Milano 1938/1941 Buffa di Perrero I Alberto De Lellis (Musso I)
Scuola Militare di Milano 1939/1942 Ferrari I Enzo Beltrami (Buffa di Perrero I)
Scuola Militare di Milano 1940/1943 Fadini I Luigi Fiorello (Buffa di Perrero I)
Scuola Militare di Milano 1941/1943 Fumi I Francesco Rasore Biglione (Ferrari I)
Scuola Militare di Milano 1942/1943 Platone I Ettore Campini (Ferrari I)
Distaccamento della Scuola Militare Nunziatella di Napoli 1996/1999 Turinetto I Nero Osare e durare Antonio Zaccheo
Distaccamento della Scuola Militare Nunziatella di Napoli 1997/2000 Masotto II Giallo Ad finem spiritum ducere Simone del Nevo
2° Scuola Militare dell'Esercito 1998/2001 Musso II Rosso Solido et furentes Giovanni Ardoino
2° Scuola Militare dell'Esercito 1999/2002 Camozzini II Blu Domi bellique victuri sumus Maurizio Taramasso
Scuola Militare Teuliè 2000/2003 Buffa di Perrero II Nero Virtute nostra praediti Daniel Djouder
Scuola Militare Teuliè 2001/2004 Ferrari II Blu Fortitudo ac sapientia Fabio Manzo
Scuola Militare Teuliè 2002/2005 Fadini II Nero Virtus victoria fulget Luigi Masala
Scuola Militare Teuliè 2003/2006 Fumi II Nero Res magnae gestae fient Giancarlo Soavi
Scuola Militare Teuliè 2004/2007 Platone II Nero Usque ad inferos Mirko Catucci
Scuola Militare Teuliè 2005/2008 Marinetti I Blu Mori citus quam deserere Mattia De Marchi
Scuola Militare Teuliè 2006/2009 Ruocco I Nero Oderint dum metuant Marco Liguori
Scuola Militare Teuliè 2007/2010 Del Din I Nero Augemus virtutem per honorem Simone Anelli
Scuola Militare Teuliè 2008/2011 Serafino I Nero Adversis victis imperabimus Michele Mortini
Scuola Militare Teuliè 2009/2012 Spagnolo I Blu "Ducemus in aeternum indomite" Mattia Rognoni
Scuola Militare Teuliè 2010/2013 Paglia I Nero "In corde pugnantis abest clades" Gabriele Zaffarano
Scuola Militare Teuliè 2011/2014 Zamorani I Nero "Celeriter acriterque ad impetum" Mattia Teot
Scuola Militare Teuliè 2012/2015 Grecchi I Nero "Cum vis perficit virtus incipit" Michele Gerna
Scuola Militare Teuliè 2013/2016 Quarantelli I Blu Vince etiam ventis adversis Maria Chiara Savino

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La "Teuliè" cambia comandante
  2. ^ Ferdinando Rusconi, 19 anni di vita d'un garibaldino, ovvero da Murazzone 1848 a Mentana 1867. Racconto Storico, Aneddotico e Popolare,Firenze 1870, pp. 7-13. A. Luzio, Le Cinque Giornate di Milano nelle narrazioni di fonte austriaca, Roma 1899, pp. 82-83, 114-115.
  3. ^ L'edificio fu destinato in quegli anni alla Scuola di agricoltura

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]