Ultimate Giant-Man

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ultimate Calabrone
Universo Ultimate Marvel
Lingua orig. Inglese
Alter ego Henry "Hank" Pym
Autori
Editore Marvel Comics
1ª app. aprile 2002
1ª app. in Ultimates 1 n. 2
Editore it. Panini Comics
app. it. novembre 2002
app. it. in Ultimates n. 2
Sesso Maschio
Abilità
  • genio scientifico
  • può variare le dimensioni del suo corpo (dalle dimensioni di un insetto a 35 metri di altezza)
  • forza e resistenza proporzionate alle dimensioni raggiunte

Ultimate Calabrone, conosciuto anche come Ultimate Giant-Man e Ultimate Ant-Man, il cui vero nome è Henry "Hank" Pym, è un personaggio dei fumetti, pubblicato dalla Marvel Comics. È apparso per la prima volta in Ultimates 1 n. 2, scritto da Mark Millar e disegnato da Bryan Hitch nel 2002.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Ultimates 1[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimates 1.

Nell'Universo Ultimate Marvel, Henry "Hank" Pym è uno scienziato brillante ma emotivamente instabile, sposato con Janet Van Dyne. È uno degli addetti a lavorare sul siero del supersoldato per la S.H.I.E.L.D., comandata da Nick Fury. Inoltre Hank è il supereroe Giant-Man, capace di aumentare la sua statura fino a 19 metri[1] (con 20 metri il corpo non resisterebbe). Riesce ad ottenere questo risultato facendo esperimenti con il sangue della moglie Janet, che è una mutante.

Il rapporto è tuttavia molto instabile e vicino alla violenza domestica. Per uscire da questa situazione e ricominciare tutto da capo, i due pensano di unirsi agli Ultimates. Ma l'umiliazione dovuta alla battaglia con Hulk[2] e la gelosia del rapporto tra Janet e Capitan America, aumentano il rancore tra marito e moglie, che li porta addirittura a una lite molto feroce, dove Janet viene ferita gravemente[3]. Capitan America si vendica, lo sconfigge picchiandolo selvaggiamente, nonostante Hank usasse la sua dimensione massima contro di lui, e lo butta fuori dalla squadra[4].

Ultimates 2[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimates 2.

In seguito Pym viene riammesso ad entrare nel quartier generale degli Ultimates, ma solo come psicologo dei prigionieri (tra cui Norman Osborn, Otto Octavius, Maxwell Dillon, Flint Marko e Sergei Kravinoff).

Henry sembra superare la sua crisi di nervi e chiede in ginocchio di poter essere riammesso agli Ultimates, diventando così Ant-Man, il manipolatore delle formiche. Durante questo periodo costruisce due androidi: Ultron e La Visione II. Nonostante ciò, rimane un emarginato e diventa ancora più depresso quando la S.H.I.E.L.D. costruisce un intero team di Giant-Men capaci di superare il "limite" dei 20 metri senza farsi male. Scoraggiato più che mai, si unisce ai Difensori ed inizia una relazione con la Valchiria, per lui senza significato.

Dopo poco tempo si scopre che Pym stava costruendo un'armata di Ultron per conto dei Liberatori ma, nel bel mezzo della loro invasione Hank si rivela come doppiogiochista e ordina ai suoi robot di aiutare gli Ultimates. Per rinforzare l'attacco, Hank dà a sua moglie un siero ingrandente, che le permette di diventare più forte e più grande di ogni Giant-Men, consegnando così la vittoria agli Ultimates. In seguito, Pym riesce a creare una tuta più potente in grado di farlo diventare alto 35 metri.

Ultimatum[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Ultimatum (Marvel Comics).

In questa serie, Pym è tornato negli Ultimates con il nome di Calabrone[5]. Lui e Occhio di Falco trovano il corpo di Janet divorato da Blob[6]: impazzito dal dolore, Hank uccide Blob, mozzandone con un morso la testa, e decide di portare il corpo di Janet alla base per trasferirne la mente nel corpo robotico di Jocasta, dopo di che muore eroicamente per salvare gli Ultimates dall'attacco kamikaze di Jamie Madrox e dei suoi numerosissimi duplicati, che si fanno esplodere dopo essersi addossati tutti su Calabrone[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ultimates 1 n. 2: Big, aprile 2002.
  2. ^ Ultimates 1 n. 5: Hulk Does Manhattan, luglio 2002.
  3. ^ Ultimates 1 n. 6: Giant Man vs The Wasp, agosto 2002.
  4. ^ Ultimates 1 n. 9, aprile 2003.
  5. ^ Ultimatum n. 1, gennaio 2009
  6. ^ Ultimatum n. 2, gennaio 2009.
  7. ^ Ultimatum n. 3, maggio 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Marvel Comics Portale Marvel Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marvel Comics