Heinkel He 62

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Heinkel He 62
Descrizione
Tipoidroricognitore
Equipaggio2
CostruttoreGermania Heinkel
Giappone Aichi
Data primo volo1932
Esemplari1
Altre variantiAichi AB 5
Dimensioni e pesi
Lunghezza8,48 m
Apertura alare11,70 m
Altezza3,67 m
Superficie alare36,7
Peso a vuoto1 842 kg
Peso carico2 929 kg
Propulsione
Motoreun radiale Siemens Jupiter
Potenza450 hp (336 kW)
Prestazioni
Velocità max235 km/h

i dati sono estratti da Jane's Encyclopedia of Aviation[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Heinkel He 62, già Heinkel HD 62, era un idroricognitore monomotore biplano realizzato dall'azienda tedesca Ernst Heinkel Flugzeugwerke nei primi anni trenta.

Venne fornito in alcuni esemplari al Giappone, dove l'Aichi Tokei Denki ne costruì una versione su licenza, l'AB 5, con l'unica differenza nella motorizzazione, un Nakajima Kotobuki, ed usato come base di sviluppo per il successivo AB 6 senza però che ne fosse avviata la produzione in serie.[1][2]

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

L'He 62 era un idrovolante a scarponi dall'aspetto, per l'epoca. convenzionale: monomotore biplano biposto.[1]

La fusoliera era caratterizzata dalla presenza di due abitacoli aperti in tandem, l'anteriore per il pilota ed il posteriore per l'osservatore, collegata inferiormente ai due galleggianti.[1]

La configurazione alare era biplana, con ali della stessa della stessa apertura e collegate tra loro da un singolo montante interalare per lato.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Taylor 1989, p. 501.
  2. ^ Nowarra 1983, Teil 2, p. 173.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Heinkel – Chronik und Typenblätter der Firma Heinkel-Flugzeugbau, Reprint der Heinkel-Typenblätter, AVIATIC Verlag, ISBN 3-925505-08-3.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Bonn, Bernard & Graeffe Verlag, 1983.
  • (EN) Michael John H. Taylor, Jane's encyclopedia of aviation, 2nd Edition, Londra, Studio Editions, 1989, ISBN 0-517-10316-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]