Heinkel HE 5

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Heinkel HE 5/Svenska S 5
Heinkel HE 5 S5C.jpeg
Flottiglia di HE 5
Descrizione
Tipoidroricognitore
Equipaggio2
ProgettistaErnst Heinkel
CostruttoreGermania Heinkel
Svezia Svenska Aero
Svezia CFV
Svezia CVV
Data primo volo1926
Data entrata in servizio1927
Data ritiro dal servizio1945
Utilizzatore principaleSvezia Svenska Flygvapnet
Sviluppato dalHeinkel HE 4
Dimensioni e pesi
Heinkel HE 5 3-view NACA Aircraft Circular No.38.jpg
Tavole prospettiche
Lunghezza12,18 m
Apertura alare16,80 m
Altezza4,38 m
Superficie alare48,94
Peso a vuoto2 000 kg
Peso carico2 900 kg
Propulsione
Motoreun BMW VI Е7,3
Potenza480 PS (353 kW)
Prestazioni
Velocità max200 km/h
Velocità di crociera164 km/h
Velocità di salita285 m/min
Autonomia550 km
Tangenza5 500 m
Armamento
Mitragliatrici1 mitragliatrice Vickers fissa all'indietro, 2 mitragliatrici Lewis aggiungibili
Bombecarico di 160 kg
Notedati riferiti alla versione HE 5c

i dati sono estratti da Уголок неба[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Heinkel HE 5 era un idroricognitore a scarponi ad ala bassa sviluppato dall'azienda tedesca Ernst Heinkel Flugzeugwerke negli anni venti e prodotto, oltre che dalla stessa, anche in Svezia su licenza, con la designazione ufficiale Svenska S 5 ma noto come "Hansa" per la sua diretta parentela e somiglianza con gli idrovolanti precedentemente progettati da Ernst Heinkel per la Hansa und Brandenburgischen Flugzeugwerke.

Sviluppato su richiesta della Svenska Flygvapnet, l'aeronautica militare svedese, per integrare la flotta dei precedenti pari ruolo acquistati dalla Heinkel, rimase in servizio fino al 1945.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A causa delle limitazioni imposte alla Germania dal Trattato di Versailles in seguito alla fine della prima guerra mondiale, la produzione aeronautica tedesca dovette essere interrotta, tuttavia poté riprendere le attività nei primi anni venti, su permesso della Commissione Aeronautica Interalleata. Intuendo le potenzialità dell'apertura del nuovo mercato Ernst Heinkel decise di fondare l'azienda che porterà il suo nome, indirizzando la sua attenzione verso l'aviazione militare, sviluppando nuovi modelli che, date le limitazioni per i velivoli ad uso bellico ancora presenti nella Repubblica di Weimar, furono commissionate da nazioni straniere.

Una delle nazioni maggiormente interessata dalla prima produzione Heinkel fu la Svezia, la quale commissionò alcuni nuovi modelli per fornirli come equipaggiamento ai propri reparti di Marinen (marina militare) e Flygvapnet (aeronautica militare), acquistando in seguito la licenza per produrli localmente.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

La Heinkel venne contattata dalle autorità militari svedesi interessate a integrare la propria flotta di idrovolanti da ricognizione con nuove unità. Per Ernst Heinkel, proprietario e progettista dell'azienda che aveva fondato solo qualche anno prima, fu l'occasione per avviare lo sviluppo di un nuovo modello grazie all'esperienza acquisita nella tecnica mista adottata sul precedente HE 4, che prevedeva una fusoliera con struttura in tubi d'acciaio ricoperta da tela verniciata e pannelli di compensato, mantenendo inalterata quella della velatura, in legno, adottata dal progenitore HE 1, e del quale adottava la stessa configurazione di base.[1] L'equipaggio era costituito da due membri, pilota ed osservatore con funzione di mitragliere, che occupavano due distinti abitacoli aperti posti in tandem. Alcuni esemplari tuttavia, adottarono anche una terza cabina, che poteva essere utilizzata da un allievo negli esemplari utilizzati per la formazione dei nuovi equipaggi.

Vennero realizzati due prototipi, entrambi costruiti nel corso del 1926, il primo, che assunse la designazione HE 5a, equipaggiato con un motore Napier Lion IX, un 12 cilindri a W raffreddato a liquido da 450 hp (336 kW), il secondo, l'HE 5b, che adottava un radiale Bristol Jupiter raffreddato ad aria da 420 hp (316 kW). Al termine della prima fase di prove di volo vennero entrambi trasferiti al centro di studi tedesco per idrovolanti a Warnemünde e in seguito utilizzati in alcune competizioni aeronautiche dove riuscirono a conquistare un primo ed un secondo posto. Durante quello stesso anno le autorità militari svedesi stipularono un contratto di fornitura ed il nuovo modello venne avviato alla produzione in serie andando ad integrare gli HE 1, HE 2, e HE 4 che la Svezia aveva già acquistato per l'aviazione navale nel 1926. Successivamente venne acquistata una licenza di produzione e quaranta nuovi HE 5 vennero costruiti dalla Svenska Aero.

Nel 1927 anche l'Unione Sovietica espresse l'interesse di valutare l'HE 5 per l'esigenza di rinnovare la sua flotta di idrovolanti oramai basata su modelli dichiarati obsoleti. Venne quindi emesso un ordine per la fornitura di un prototipo, il quale venne testato nel Mar Nero nel marzo dell'anno seguente. Le prove di volo tuttavia non risultarono soddisfacenti in quanto le prestazioni dell'aereo risultarono significativamente inferiori a quelle dichiarate dalla Heinkel. Per ovviare al problema si intervenne su un secondo prototipo, fornito alle autorità militari e testato nel novembre 1928. L'HE 5 così modificato riuscì a convincere la commissione esaminatrice che emise un contratto di fornitura.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Il modello rimase in servizio fino al 1933, con macchine costruite su licenza dalla Focke-Wulf, equipaggiando unità di aviazione navale clandestine mascherate da scuole di volo per linee aeree.

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

Unione Sovietica[modifica | modifica wikitesto]

L'HE 5 cominciò ad essere consegnato ai reparti di volo della VVS tra la fine del 1928 ed i primi mesi del 1929, tuttavia non rimasero in servizio a lungo, sostituiti gradualmente da modelli più efficienti, fino alla loro eliminazione. Entro il 1930 non risultava più alcun esemplare in servizio attivo.

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

HE 5a
prototipo equipaggiato con motore W12 Napier Lion, realizzato in un solo esemplare.
HE 5b
versione di produzione in serie equipaggiata con un radiale Gnome-Rhône 9A Jupiter.
HE 5c
versione di produzione in serie destinata all'Unione Sovietica equipaggiata con un motore BMW VI.
HE 5e
versione equipaggiata con un motore BMW VI, realizzata in 7 esemplari.
HE 5f
versione realizzata su licenza dalla Focke-Wulf, equipaggiata con motore BMW VI e destinata alle scuole di volo paramilitari tedesche.

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

S 5
versione biposto equipaggiata con un radiale Bristol Jupiter, realizzata in quattro esemplari dalla Svenska Aero.
S 5A
variante triposto dell'S 5, equipaggiata con un impianto radio ricetrasmittente, realizzata in 12 esemplari dalla Svenska Aero, più 10 costruiti direttamente dalla Svenska Flygvapnet.
S 5B
versione equipaggiata con un motore Bristol Pegasus realizzato su licenza Nohab, un esemplare realizzato direttamente dalla Svenska Flygvapnet.
S 5C
versione migliorata dell'S 5B, dotata di anello Townend, cockpit ed impennaggio di nuovo disegno e nuovi galleggianti costruiti dalla Short Brothers: 9 esemplari costruiti direttamente dalla Svenska Flygvapnet.
S 5D
sviluppo dell'S 5C equipaggiato con nuovo gruppo motoelica, 4 esemplari costruiti direttamente dalla Svenska Flygvapnet.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania
Svezia Svezia
Unione Sovietica Unione Sovietica

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Sono due gli esemplari HE 5 attualmente conservati presso strutture museali, uno al Flygvapenmuseum (museo dell'aviazione) di Linköping, in Svezia, e l'altro al Muzeum Lotnictwa Narodowe di Cracovia, in Polonia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Heinkel HE.5 in Уголок неба.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Achille Boroli, Adolfo Boroli, Heinkel He 4, He 5, He 8 e He 31, in L'Aviazione, vol. 9, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1983, p. 53.
  • (EN) Michael J. H. Tylor, Jane's Encyclopedia of Aviation, Londra, UK, Studio Editions, 1989.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]