Bücker Bü 180

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bücker Bü 180
Bücker-Bü-180-Student.jpg
Descrizione
Tipoaereo da turismo
aereo da addestramento
Equipaggio2
CostruttoreGermania Bücker Flugzeugbau
Data primo volo1937
Dimensioni e pesi
Bucker Bu 180.jpg
Tavole prospettiche
Lunghezza7,25 m
Apertura alare11,50 m
Altezza1,90 m
Superficie alare15,00
Peso a vuoto310 kg
Peso carico540 kg
Propulsione
Motoreuno Zündapp 9-092
Potenza50 PS (37 kW)
Prestazioni
Velocità max170 km/h al livello del mare
Velocità di crociera155 km/h
Velocità di salita126 m/min
a 1 000 m in 8 min 54 s
Autonomia650 km
Tangenza4 000 m

i dati sono estratti da Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945 (Band 1)[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Bücker Bü 180, successivamente rinominato Bü 180 Student, era un aereo da turismo ed addestramento monomotore biposto ad ala bassa prodotto in piccola quantità dall'azienda tedesca Bücker Flugzeugbau GmbH negli anni trenta.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il successo del biplano Bü 133 Jungmeister la Bücker pensò di proporre un velivolo più moderno caratterizzato da un'architettura monoplana da poter affiancare e poi sostituire i biplani da addestramento nelle scuole di volo civili.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il Bü 180 era un velivolo dall'aspetto tradizionale. Presentava una fusoliera realizzata a tecnica mista, anteriormente con struttura in tubi d'acciaio saldati e posteriormente in legno ricoperta da pannelli in compensato. Sebbene fosse generalmente dotato di abitacoli aperti con posti in tandem, in alcuni modelli questi potevano essere integrati da una struttura chiusa per migliorare il comfort di pilotaggio. Posteriormente terminava in un piano di coda tradizionale dall'impennaggio monoderiva di grande superficie. L'ala bassa montata a sbalzo era caratterizzata da una figura a pianta trapezoidale con l'angolo d'attacco a freccia di 8° e quello d'uscita perpendicolare all'asse del velivolo. Il carrello era fisso, ammortizzato, con le gambe di forza collegate direttamente alla parte inferiore della fusoliera, integrato posteriormente da un ruotino d'appoggio. L'impianto propulsivo era affidato ad un 4 cilindri in linea per velivoli leggeri, originariamente un Walter Mikron II da 60 CV (44 kW) sostituito poi da uno Zündapp 9-092 da 50 CV (37 kW), azionante un'elica bipala.

Impiego operativo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1938 un Bü 180 venne condotto per circa 25 000 km da Berlino, l'allora capitale della Germania nazista, a Città del Capo, nel Sudafrica.

Nel marzo 1939 il pilota Werner Ahlfeld ottenne il primato di velocità percorrendo la distanza di oltre 1 000 km con una media di 171,95 km/h.

Esemplari attualmente esistenti[modifica | modifica wikitesto]

Sono noti solamente due esemplari di Bü 180 arrivati sino ai nostri giorni, entrambi in territorio tedesco provenienti dalla Svizzera. Dei due, uno è stato riportato alle condizioni originarie mentre l'altro è in fase di restauro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nowarra 1993, pp. 244-245.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Band 1, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5464-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]