Fieseler Fi 97

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fieseler Fi 97
Fieseler Fi 97.jpg
Descrizione
Tipo aereo da turismo
Equipaggio 1
Costruttore Germania Fieseler
Data primo volo aprile 1934
Data entrata in servizio 1934
Esemplari 5
Dimensioni e pesi
Lunghezza 8,04 m
Apertura alare 10,70 m
Altezza 2,76 m
Superficie alare 15,30
Carico alare 68,50 kg/m²
Peso a vuoto 560 kg
Peso carico 1 050 kg
Passeggeri 3
Capacità 490 kg
Capacità combustibile 230 L
Propulsione
Motore un Hirth HM 8 U
Potenza 250 PS (184 kW)
Prestazioni
Velocità max 250 km/h
Velocità di crociera 220 km/h
Velocità di salita 5,60 m/s
Corsa di decollo circa 70 m
Atterraggio circa 40 m
Autonomia 830 km
Tangenza 7 300 m

i dati sono estratti dalle fonti citate in bibliografia

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Fieseler Fi 97 era un monomotore quadriposto da turismo sportivo ad ala bassa sviluppato dall'azienda tedesca Gerhard-Fieseler-Werke negli anni trenta.

Realizzato su richiesta del Ministero dell'aria tedesco del periodo (RLM) per la partecipazione all'edizione del 1934 del Challenge International de Tourisme venne prodotto in soli cinque esemplari.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli anni venti e gli anni trenta, la capacità e le intuizioni di aziende e progettisti ebbero la possibilità di essere testate grazie alla partecipazione delle manifestazioni aeronautiche, le quali assunsero negli anni una connotazione sempre più sportiva. In occasione del quarto Challenge internazionale destinato a velivoli da turismo organizzato dalla Fédération Aéronautique Internationale (FAI), la federazione che aveva assunto il compito di gestire l'aviazione sportiva internazionale, da disputarsi in Polonia, con partenza da Varsavia, tra il 28 agosto ed il 16 settembre 1934, il Reichsluftfahrtministerium (RLM), che dopo l'avvento del nazismo aveva assunto l'intera gestione dell'aviazione tedesca, decise di emettere una specifica per la realizzazione di un nuovo velivolo adatto a rappresentare la Germania nazista nella competizione. Tra le caratteristiche richieste, oltre all'utilizzo delle tecnologie più avanzate allora disponibili, il modello doveva essere un monomotore a velatura monoplana.

Alla richiesta risposero tre aziende aeronautiche nazionali, la Bayerische Flugzeugwerke che stava cercando un'occasione per riproporsi sul mercato dopo un difficile periodo, la Gerhard-Fieseler-Werke e la Leightflugzeugbau Klemm che vantava una notevole esperienza nel settore, presentando rispettivamente il biposto BFW 37, ed i quadriposto Fi 97 e Klemm Kl 36. Il primo, benché non si fosse in seguito rivelato tra i modelli meglio piazzati, darà origine con poche modifiche al quadriposto Messerschmitt Bf 108 prodotto in grande serie ed adottato nel ruolo di aereo da collegamento ed addestramento dalla Luftwaffe.

Il prototipo venne portato in volo per la prima volta nell'aprile 1934.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985), Orbis Publishing.
  • (DE) Gerhard Fieseler, Meine Bahn am Himmel. Der Erbauer des Fieseler Storch und der V 1 erzählt sein Leben, München, Bertelsmann Verlag, 1979, ISBN 3-570-01192-5. (autobiografia).
  • (EN) Fritz Witterkind, THE INTERNATIONAL TOURING COMPETITION - Slotted and flapped wings are almost universal in the 1934 Contest (PDF), in Filght, 6 settembre 1934, p. 924.
  • (DE) Flugsport Heft 18, 1934, S. 385 ff..
  • (DE) Günter Frost, Internationaler Rundflug 1934, in Jet & Prop: Heft 1, 2, 3, 5 und 6, 2005, sowie 2, 2006, ISSN 0942-461X.
  • (PL) Marian Krzyżan, Międzynarodowe turnieje lotnicze 1929–1934, Warsaw, WKiŁ, 1988, ISBN 83-206-0637-3.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5464-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]