Arado Ar 67

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arado Ar 67
Descrizione
Tipoaereo da caccia
Equipaggio1
ProgettistaWalter Blume
CostruttoreGermania Arado
Data primo volo1933
Utilizzatore principaleGermania Luftwaffe
Esemplari1
Dimensioni e pesi
Lunghezza6,87 m
Apertura alare9,68 m
Altezza3,10 m
Superficie alare24,00
Peso a vuoto1 270 kg
Peso max al decollo1 660 kg
Passeggeri1
Propulsione
Motoreun Rolls-Royce Kestrel VI
Potenza640 hp (470 kW)
Prestazioni
Velocità max338 km/h
Velocità di salita480 m/min
Tangenza10 000 m
Armamento
Mitragliatrici2 MG 17 calibro 7,92 mm
Notedati relativi al prototipo Аr 67a

i dati sono estratti da Уголок неба[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Arado Ar 67 era un caccia, monomotore biplano prodotto dall'azienda tedesca Arado Flugzeugwerke GmbH nella seconda parte degli anni trenta e rimasto allo stadio di prototipo.

Progettato nel 1933 per sostituire l'Ar 65, di cui era più piccolo e leggero, fu sviluppato parallelamente all'Ar 68. Dopo una prova comparativa, si preferì concentrarsi sullo sviluppo di quest'ultimo e l'Ar 67 venne abbandonato.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni trenta, dopo l'istituzione del Reichsluftfahrtministerium (RLM), il Ministero deputato alla gestione dell'aviazione civile e militare della Germania del periodo, emise una specifica per la fornitura di un nuovo aereo da caccia da destinare ai reparti Jagdgeschwader (JG) della Luftwaffe che potesse migliorare alcune prestazioni fornite dal contemporaneo Heinkel He 51.

La Arado affidò il disegno al suo nuovo capoprogettista Walter Blume che decise di sviluppare due progetti contemporanei designati Ar 67 ed Ar 68.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania
impiegato solo per valutazioni comparative.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arado Ar.67 in Уголок неба.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) William Green, Gordon Swanborough, Jagdflugzeuge der Welt, Stuttgart, Motorbuchverlag, 1996, ISBN 3-7276-7126-2.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5464-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]