Arado Ar 195

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arado Ar 195
Descrizione
Tipoaerosilurante imbarcato
Equipaggio2
CostruttoreGermania Arado
Data primo volo1937
Utilizzatore principaleGermania Luftwaffe
Esemplari3
Sviluppato dalArado Ar 95
Dimensioni e pesi
Lunghezza10,5 m
Apertura alare12,5 m
Altezza3,6 m
Superficie alare46,0
Peso a vuoto2 380 kg
Peso max al decollo3 745 kg
Propulsione
Motoreun radiale BMW 132 M
Potenza830 PS (609 kW)
Prestazioni
Velocità max282 km/h
Velocità di crociera250 km/h
Autonomia650 km
Tangenza6 000 m
Armamento
Mitragliatriciuna MG 17 anteriore
una MG 15 posteriore
Bombeuna da 500 kg
Siluriun LT F5b da 765 kg

i dati sono estratti da German Aircraft of the Second World War[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

L'Arado Ar 195 fu un aerosilurante imbarcato monomotore, biposto e biplano, sviluppato dall'azienda aeronautica tedesca Arado Flugzeugwerke GmbH negli anni trenta e rimasto allo stadio di prototipo.

Derivato dal precedente Ar 95 e proposto come velivolo standard in dotazione alla portaerei della Kriegsmarine Graf Zeppelin, venne valutato dalla commissione esaminatrice assieme al concorrente Fieseler Fi 167, quest'ultimo risultato di impostazione più moderna e maggiormente indicato per ricoprire quel ruolo. Il progetto dell'Ar 195 venne quindi abbandonato dopo la costruzione di soli 3 prototipi.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Bill Gunston, Tony Wood, Hitler's Luftwaffe, London, Salamander Books Ltd., 1977, ISBN 0-86101-005-1.
  • (DE) Heinz J. Nowarra, Die Deutsche Luftrüstung 1933-1945, Koblenz, Bernard & Graeffe Verlag, 1993, ISBN 3-7637-5464-4.
  • (EN) John Richard Smith, Antony J. Kay, German Aircraft of the Second World War, 7th edition, London, Putnam, 1990 [1972], ISBN 0-85177-836-4.

Velivoli comparabili[modifica | modifica wikitesto]

Germania Germania
Regno Unito Regno Unito

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]