Gaizka Mendieta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gaizka Mendieta
Mendieta 95-96.jpg
Mendieta nella stagione 1995-1996
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 173 cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Termine carriera 7 dicembre 2008 - giocatore
Carriera
Giovanili
1991-1992Castellón
Squadre di club1
1991-1992Castellón16 (0)
1992-2001Valencia231 (45)
2001-2002Lazio20 (0)
2002-2003Barcellona33 (4)
2003-2008Middlesbrough62 (4)
Nazionale
1991Spagna Spagna U-185 (0)
1993Spagna Spagna U-203 (0)
1992-1996Spagna Spagna U-2113 (0)
1996Spagna Spagna olimpica2 (0)
1999-2002Spagna Spagna40 (8)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Francia 1994
Argento Spagna 1996
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 settembre 2008

Gaizka Mendieta Zabala (Bilbao, 27 marzo 1974) è un disc jockey ed ex calciatore spagnolo, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Castellón, si è successivamente trasferito al Valencia, di cui è diventato capitano:[1] con il club valenciano, dopo aver vinto la Coppa del Re e la Supercoppa spagnola nel 1999, disputò due finali consecutive di UEFA Champions League, perdendole entrambe con Real Madrid e Bayern Monaco, ma ottenne comunque un premio di consolazione come miglior giocatore della competizione nella stagione 2000-2001.

Nell'estate del 2001 la Lazio, dopo aver ceduto Pavel Nedvěd alla Juventus, decide di acquistare Mendieta versando nelle casse del Valencia 89 miliardi di lire,[2] facendo così dello spagnolo il secondo acquisto più costoso nella storia del club biancoceleste dopo Hernán Crespo. Con la Lazio disputò un campionato decisamente al di sotto delle attese, senza alcun gol realizzato[3].

Dopo l'esperienza italiana e il Mondiale 2002, nel quale viene convocato nella nazionale spagnola, è tornato in prestito nella Liga, per una sola stagione, nel 2002-2003 al Barcellona. Dal 2003 al 2008 ha giocato nel Middlesbrough.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il ritiro dal calcio agonistico, si è stabilito a Yarm, vicino a Middlesbrough, dove si diletta a fare il deejay nelle principali discoteche della città.[4]

Nel marzo 2019 viene scelto come ambasciatore per l’Europeo 2020.[5]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres
1991-1992 Spagna Castellón SD 16 0 CR 0 0 UCL 0 0 16 0
1992-1993 Spagna Valencia PD 2 0 CR 0 0 UCL 0 0 2 0
1993-1994 PD 20 2 CR 0 0 CU 0 0 20 2
1994-1995 PD 13 1 CR 3 0 CU - - 16 1
1995-1996 PD 34 0 CR 8 0 CU - - 42 0
1996-1997 PD 30 1 CR 0 0 CU 6 0 36 1
1997-1998 PD 30 10 CR 5 0 CU - - 35 10
1998-1999 PD 37 7 CR 7 0 CU 10 0 54 7
1999-2000 PD 33 13 CR 2 1 CU 16 5 51 19
2000-2001 PD 31 10 CR 0 0 CU 16 4 47 14
Totale Valencia 230 44 Totale CR 25 1 Totale CU 48 9 303 54
2001-2002 Italia Lazio A 20 0 CI 4 0 UCL 7 0 31 0
2002-2003 Spagna Barcellona PD 33 4 CR 1 0 UCL 13 2 47 6
2003-2004 Inghilterra Middlesbrough FD 31 2 FACup+CdL 1 0 CU 0 0 32 2
2004-2005 FD 7 0 FACup+CdL 0 0 CU 1 0 8 0
2005-2006 FD 17 2 FACup+CdL 6 1 CU 6 0 29 3
2006-2007 FD 7 0 FACup+CdL 0 0 CU 0 0 7 0
Totale Middlesbrough 66 4 Totale FACup+CdL 7 1 Totale CU 7 0 80 5

Cronologia presenza e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
27-3-1999 Valencia Spagna Spagna 9 – 0 Austria Austria Qual. Euro 2000 - Ingresso al 72’ 72’
5-5-1999 Siviglia Spagna Spagna 3 – 1 Croazia Croazia Amichevole - Ingresso al 51’ 51’
5-6-1999 Vila-real Spagna Spagna 9 – 0 San Marino San Marino Qual. Euro 2000 1 Ingresso al 74’ 74’
18-8-1999 Varsavia Polonia Polonia 1 – 2 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
4-9-1999 Vienna Austria Austria 1 – 3 Spagna Spagna Qual. Euro 2000 - Ingresso al 80’ 80’
8-9-1999 Badajoz Spagna Spagna 8 – 0 Cipro Cipro Qual. Euro 2000 - Ingresso al 61’ 61’
10-10-1999 Albacete Spagna Spagna 3 – 0 Israele Israele Qual. Euro 2000 - Ingresso al 70’ 70’
13-11-1999 Vigo Spagna Spagna 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole - Ingresso al 81’ 81’
17-11-1999 Siviglia Spagna Spagna 0 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 73’ 73’
26-1-2000 Cartagena Spagna Spagna 3 – 0 Polonia Polonia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
23-2-2000 Spalato Croazia Croazia 0 – 0 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
3-6-2000 Göteborg Svezia Svezia 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
7-6-2000 Lussemburgo Lussemburgo Lussemburgo 0 – 1 Spagna Spagna Amichevole 1 Uscita al 60’ 60’
13-6-2000 Rotterdam Spagna Spagna 0 – 1 Norvegia Norvegia Euro 2000 - 1º turno - Ingresso al 71’ 71’
18-6-2000 Amsterdam Slovenia Slovenia 1 – 2 Spagna Spagna Euro 2000 - 1º turno -
21-6-2000 Bruges Jugoslavia Jugoslavia 3 – 4 Spagna Spagna Euro 2000 - 1º turno -
25-6-2000 Bruges Spagna Spagna 1 – 2 Francia Francia Euro 2000 - Quarti di finale 1 Uscita al 57’ 57’
16-8-2000 Hannover Germania Germania 4 – 1 Spagna Spagna Amichevole 1 Uscita al 46’ 46’
2-9-2000 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 1 – 2 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2002 -
7-10-2000 Madrid Spagna Spagna 2 – 0 Israele Israele Qual. Mondiali 2002 -
11-10-2000 Vienna Austria Austria 1 – 1 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2002 -
15-11-2000 Siviglia Spagna Spagna 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Uscita al 46’ 46’
28-2-2001 Birmingham Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Spagna Spagna Amichevole - Uscita al 64’ 64’
24-3-2001 Alicante Spagna Spagna 5 – 0 Liechtenstein Liechtenstein Qual. Mondiali 2002 2
28-3-2001 Valencia Spagna Spagna 2 – 1 Francia Francia Amichevole - Uscita al 88’ 88’
25-4-2001 Cordova Spagna Spagna 1 – 0 Giappone Giappone Amichevole - Uscita al 46’ 46’
2-6-2001 Oviedo Spagna Spagna 4 – 1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Qual. Mondiali 2002 - Uscita al 58’ 58’
1-9-2001 Valencia Spagna Spagna 4 – 0 Austria Austria Qual. Mondiali 2002 1 Ingresso al 79’ 79’
5-9-2001 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 0 – 2 Spagna Spagna Qual. Mondiali 2002 -
14-11-2001 Huelva Spagna Spagna 1 – 0 Messico Messico Amichevole - Uscita al 57’ 57’
13-2-2002 Barcellona Spagna Spagna 1 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
17-4-2002 Belfast Irlanda del Nord Irlanda del Nord 0 – 5 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 47’ 47’
12-6-2002 Daejeon Sudafrica Sudafrica 2 – 3 Spagna Spagna Mondiali 2002 - 1º turno 1 Uscita al 82’ 82’
16-6-2002 Suwon Spagna Spagna 1 – 1 dts
(3 – 2 dcr)
Irlanda Irlanda Mondiali 2002 - Ottavi di finale - Ingresso al 66’ 66’
22-6-2002 Gwangju Spagna Spagna 0 – 0 dts
(3 – 5 dcr)
Corea del Sud Corea del Sud Mondiali 2002 - Quarti di finale - Ingresso al 70’ 70’
21-8-2002 Budapest Ungheria Ungheria 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole - Uscita al 46’ 46’
7-9-2002 Atene Grecia Grecia 0 – 2 Spagna Spagna Qual. Euro 2004 - Ingresso al 59’ 59’
12-10-2002 Albacete Spagna Spagna 3 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Euro 2004 - Ingresso al 76’ 76’
16-10-2002 Logroño Spagna Spagna 0 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole - cap. Uscita al 46’ 46’
20-11-2002 Granada Spagna Spagna 1 – 0 Bulgaria Bulgaria Amichevole - cap. Uscita al 46’ 46’
Totale Presenze 40 Reti 8

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Valencia: 1998-1999
Valencia: 1999
Middlesbrough: 2003-2004

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Valencia: 1998

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2000, 2001
2000-2001

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Speciale coppe: Valencia in finale, Rai Sport, 10 maggio 2000. URL consultato il 31 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
    «[…] un gran gol del capitano del Valencia, Mendieta, dà il colpo di grazia alla multinazionale di Van Gaal».
  2. ^ Mendieta passa alla Lazio per 89 miliardi di lire, repubblica.it, 17 luglio 2001. URL consultato il 7 aprile 2017.
  3. ^ M. Guidi, Il Topone Moreno e mr. 90 miliardi Mendieta. Ma Sorondo... Il peggio del mercato 2001-'02, in La Gazzetta dello Sport, 18 luglio 2019. URL consultato il 19 luglio 2019.
  4. ^ (EN) Jonathan Stevenson, What became of Gaizka Mendieta?, BBC Sport. URL consultato il 31 agosto 2016.
  5. ^ Gli ambasciatori di UEFA EURO 2020

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]