Andoni Goikoetxea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il fratello minore, vedi Jon Andoni Goikoetxea.
Andoni Goikoetxea
Goiko.jpg
Dati biografici
Nome Andoni Goikoetxea Olaskoaga
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 185 cm
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Guinea Equatoriale
Carriera
Giovanili
1973-1974 Athletic Bilbao Athletic Bilbao
Squadre di club1
1974-1987 Athletic Bilbao Athletic Bilbao 369 (44)
1987-1990 Atletico Madrid Atlético Madrid 35 (0)
Nazionale
1977
1979-1988
1983-1988
Spagna Spagna U-21
Paesi Baschi Paesi Baschi[1]
Spagna Spagna
3 (1)
2 (0)
39 (4)
Carriera da allenatore
1994 Spagna Spagna Vice
1995 Spagna Spagna U-20
1996-1998 Salamanca Salamanca
1998-1999 Compostela Compostela
1999-2000 Numancia Numancia
2000-2001 Racing Santander Racing Santander
2001-2002 Rayo Vallecano Rayo Vallecano
2004-2005 Salamanca Salamanca
2005-2007 Numancia Numancia
2007-2008 Hercules Hércules
2010-2011 Ceuta Ceuta
2013- Guinea Equatoriale Guinea Equatoriale
Palmarès
UEFA European Cup.svg  Europei di calcio
Argento Francia 1984
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 giugno 2010

Andoni Goikoetxea (Alonsotegi, 23 maggio 1956) è un allenatore di calcio ed ex calciatore spagnolo e basco.

Ha giocato come difensore nell'Athletic Bilbao, nell'Atlético Madrid, nella Nazionale spagnola e nella Nazionale basca. È considerato uno dei giocatori più violenti della storia, conosciuto anche come "Il macellaio di Bilbao" proprio per la scorrettezza dei suoi interventi, celebre uno in cui spezzò la caviglia a Diego Armando Maradona. Tra i tifosi dell'Athletic Club è conosciuto come El Gigante de Alonsotegui (Il Gigante di Alonsotegui).

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Iniziò la carriera nelle giovanili dell'Arbuyo, prima di trasferirsi all' Athletic Bilbao nel 1974. Prima di essere integrato nella squadra titolare, giocò nella squadra delle riserve. Durante gli anni ottanta, insieme con Dani, Manuel Sarabia, Txato Nuñez, José Ramón Gallego, ed Andoni Zubizarreta, fece parte dell'Athletic Bilbao allenato da Javier Clemente che vinse la Liga per due volte consecutive nel 1983 e nel 1984 (in quest'ultimo anno vinse anche la Coppa del Re). È perlopiù ricordato per il suo famoso e violento fallo su Diego Maradona in un match della Liga, al Camp Nou di Barcellona, il 24 settembre 1983, in cui l'argentino subì una frattura della caviglia in tre punti diversi. A seguito di questo episodio, Goikoetxea rimediò ben otto giornate di squalifica dal giudice sportivo: divenne subito conosciuto come il Macellaio di Bilbao, e proclamato il calciatore più cattivo della storia dal quotidiano inglese The Times[2]. In totale con l'Athletic disputò 369 partite e segnò 44 gol, prima di abbandonare la squadra nel 1987, per giocare per tre stagioni nell'Atlético Madrid. Nel 1990 si è quindi ritirato.

Giocò anche 39 partite per la Spagna, debuttando contro l'Paesi Bassi il 16 febbraio 1983. Ha rappresentato la Spagna sia al campionato d'Europa 1984 sia al campionato del mondo 1986. Durante quest'ultima competizione, precisamente nella partita contro la Danimarca, realizzò uno dei suoi quattro gol internazionali. Ha anche giocato due partite con la Euskal Selekzioa, la Nazionale basca, nel 1979 e nel 1988.

Dal suo ritiro come giocatore ha allenato numerose squadre nella Liga e nella Segunda División, tra cui Salamanca (1996-98, 2004-05), Compostela (1998-99), Numancia (1990-2000, 2005-06), Racing Santander (2000-01) e Rayo Vallecano (2001-02). Nel 1996-97 ha guidato il Salamanca alla promozione della Liga, grazie al secondo posto ottenuto nella Segunda División. È stato altresì il vice di Javier Clemente, commissario tecnico della Nazionale spagnola durante il campionato del mondo 1994, nonché allenatore della rappresentativa Under-20 durante i campionati mondiali di categoria del 1995.

Nel 2008 il tabloid britannico Sun lo ha posizionato al secondo posto nella classifica dei calciatori più fallosi di sempre, alle spalle di Graeme Souness[3].

Il 15 dicembre 2010 subentrò sulla panchina del Ceuta, e venne poi esonerato nell'aprile 2011.

Nel marzo 2013 diventa il nuovo selezionatore della Guinea Equatoriale

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Athletic Bilbao: 1982/1983, 1983/1984
Athletic Bilbao: 1984
Athletic Bilbao: 1984

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'Euskal Selekzioa non è una Nazionale di calcio e non disputa partite ufficiali.
  2. ^ Articolo di The Times sui calciatori più cattivi della storia del calcio (in inglese)
  3. ^ Tgcom - Sun: Benetti tra i duri di sempre