José Francisco Molina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
José Francisco Molina
Jose Francisco Molina 29abr2007.jpg
Nome José Francisco Molina Jiménez
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 184 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 2008 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1992-1994 Valencia Mestalla 18 (-?)
1993-1994 Villarreal 18 (-?)
1994-1995 Albacete 23 (-?)
1995-2000 Atlético Madrid 189 (-?)
2000-2006 Deportivo 202 (-?)
2006-2007 Levante 34 (-?)
Nazionale
1996-2000 Spagna Spagna 9 (-?)
Carriera da allenatore
2009-2011 Villarreal C
2011 Villarreal B
2011-2012 Villarreal
2013-2014 Getafe B
2014-2015 Kitchee
2016-2017 Atlético de Kolkata
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 giugno 2016

José Francisco Molina Jiménez (Valencia, 8 agosto 1970) è un allenatore di calcio ed ex calciatore spagnolo, di ruolo portiere.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di Molina è legata all'Atletico Madrid, con cui vinse campionato e Coppa del Re nella stagione 1995-1996. In seguito giocò nel Deportivo la Coruña, vincendo una Coppa del Re e due Supercoppe spagnole. Nel 2001 venne operato per un tumore ai testicoli. Il 15 ottobre 2002, in una conferenza stampa, annuncia il suo secondo ritiro sempre a causa di quel tumore che non riusciva a curare[1]. Alla fine riuscì a vincere questo male: ricominciò ad allenarsi nel gennaio 2003, tornando per la prima volta in panchina contro la Juventus (in uno dei match della seconda fase a gironi della UEFA Champions League 2002-2003) e il sabato sera successivo venne schierato titolare contro il Rayo Vallecano[2]. In questa stagione Molina disputerà poi 10 partite. L'anno successivo è titolare del Deportivo che arriva in semifinale nella UEFA Champions League 2003-2004. Fu protagonista nella rimonta della sua squadra che, dopo aver perso 4-1 l'andata dei quarti di finale a Milano contro il Milan, passò il turno vincendo 4-0 il ritorno al Riazor con le reti di Pandiani, Valerón, Luque e Fran grazie anche alle parate di Molina[3]. Il Deportivo verrà poi eliminato in semifinale dal Porto di José Mourinho che vincerà la competizione.

Nella stagione 2006-2007 ha giocato con il Levante, e dopo una stagione da svincolato si è ritirato dall'attività.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la Nazionale spagnola il 24 aprile 1996 in amichevole contro la Norvegia. Non ha esordito fra i pali in Nazionale, subentrando ad un compagno infortunato essendo rimasto l'ultima riserva disponibile.

Fece parte della spedizione spagnola ai Mondiali del 1994, agli Europei del 1996 ed ai Mondiali del 1998, ma ha difeso i pali spagnoli da titolare solo successivamente, negli Europei del 2000. Qui perde quasi subito il posto da titolare, a causa di un errore che consente il gol-vittoria alla Norvegia alla prima gara.

Il 22 dicembre 2011 viene assunto come allenatore del Villarreal in sostituzione di Juan Carlos Garrido, ma viene a sua volta sollevato dall'incarico il 18 marzo 2012 con la squadra al quart'ultimo posto in classifica.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Atlético Madrid: 1995-1996
Atlético Madrid: 1995-1996
Deportivo La Coruña: 2001-2002
Deportivo La Coruña: 2000, 2002

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

1995-1996

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Atlético de Kolkata: 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]