Alex Cordaz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alex Cordaz
2016-17 Serie A - AC Milan v FC Crotone - Alex Cordaz.jpg
Cordaz con il Crotone nel 2016
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 106 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Inter
Carriera
Giovanili
1994-1998Conegliano
1998-1999Reggiana
1999-2002Inter
Squadre di club1
2002-2003Spezia1 (-1)
2003-2005Inter0 (0)
2005Spezia5 (-6)
2005-2006Acireale30 (-28)
2006-2007Pizzighettone18 (-25)
2007-2009Treviso19 (-31)
2009-2011Lugano56 (-58)[1]
2011-2013Cittadella80 (-114)
2013-2014Gorica35 (-32)
2014-2015Parma0 (0)
2015-2021Crotone239 (-336)
2021-Inter0 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 aprile 2022

Alex Cordaz (Vittorio Veneto, 1º gennaio 1983) è un calciatore italiano, portiere dell'Inter.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi e giovanili dell'Inter[modifica | modifica wikitesto]

Muove i primi passi in società minori venete, approdando quindicenne alla Reggiana.[2] Acquistato dall'Inter nel 2000, nella stagione 2001-2002 difende i pali della squadra Primavera e contribuisce ai successi nel Torneo di Viareggio[3][4] e nel campionato di categoria.[5]

Inter e prestiti a Spezia, Acireale e Pizzighettone[modifica | modifica wikitesto]

Trascorsa la stagione 2002-2003 in prestito allo Spezia come riserva di Rubini[6], nell'estate 2003 fa rientro in nerazzurro.[7][8] Ottiene l'unica presenza con la squadra il 4 febbraio 2004 nelle semifinali di Coppa Italia contro la Juventus[9], subentrando a Recoba dopo l'espulsione di Toldo[10]: coi milanesi in vantaggio per 2-1, subisce da Di Vaio la rete del definitivo pareggio.[11]

Aggregato al ritiro estivo da Mancini[12], sedutosi sulla panchina interista nel luglio 2004[13][14], non trova spazio anche per via di una frattura al polso riportata in allenamento su una conclusione in porta di Recoba[15][16]. Nel gennaio 2005, sempre con la formula del prestito, è quindi tesserato nuovamente dalla compagine ligure,[17] con cui vince la Coppa Italia Serie C.

Nella stagione 2005-2006 si trasferisce in prestito all'Acireale in Serie C1,[18] trovando spazio da titolare. Nell'annata 2006-2007 passa in prestito al Pizzighettone, sempre in Serie C1.[19]

Treviso, Lugano e Cittadella[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 gennaio 2007, nell'ultimo giorno di calciomercato, viene acquistato dal Treviso, retrocesso in Serie B, dove viene impiegato come secondo portiere fino all'estate del 2009. Dopo aver giocato due partite in ciascuna nelle prime due stagioni, trova maggiore spazio nella terza, giocando 15 partite ma non riuscendo ad evitare la retrocessione in Lega Pro.

In seguito ai problemi finanziari della società trevigiana, culminati nel fallimento nell'estate 2009, Cordaz rimane svincolato e si trasferisce a parametro zero al Lugano,[20] squadra militante nella seconda serie del campionato svizzero.

Nell'estate del 2011 viene acquistato dal Cittadella, militante in Serie B, tornando così in Italia dopo due anni.[21] A differenza della precedente esperienza a Treviso, Cordaz è il titolare della squadra e lo rimane per il successivo biennio.

Parma e Gorica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2013 viene ingaggiato a parametro zero dal Parma, che lo manda in prestito al Gorica, una sua squadra satellite slovena, con cui colleziona 35 presenze in campionato e vince la Coppa di Slovenia. Rientrato a Parma nella stagione 2014-2015, non trova spazio, venendo relegato al ruolo di terzo portiere dietro Mirante e Iacobucci.

Crotone[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2015 si trasferisce in prestito al Crotone, in Serie B.[22] Con il suo arrivo contribuisce in maniera importante alla salvezza della squadra calabrese, arrivata solo all'ultima giornata del campionato cadetto.

Dopo essere rimasto svincolato in seguito al fallimento del Parma, società proprietaria del suo cartellino, l'8 luglio 2015 passa a titolo definitivo al Crotone.[23] Dopo aver ottenuto la promozione dalla Serie B, il 21 agosto 2016, all'età di 33 anni, esordisce in Serie A nella partita contro il Bologna (persa per 1-0). Gioca 36 delle 38 partite della squadra calabrese (saltandone una per un problema al piede[24] e l'altra per squalifica),[25] contribuendo significativamente alla salvezza della squadra (che ottiene 20 punti nelle ultime 9 partite, frutto di 6 vittorie, 2 pareggi e una sconfitta), arrivata all'ultima giornata grazie al successo interno per 3-1 sulla Lazio.[26] Rimane a Crotone anche nella successiva annata, chiusa con la retrocessione in Serie B. Difende la porta della squadra calabrese anche nei successivi anni, riuscendo a riconquistare la massima serie dopo due anni di assenza. Il 7 marzo 2021 raggiunge le 100 presenze in Serie A.[27]

Ritorno all'Inter[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 giugno 2021 fa ritorno all'Inter, con cui firma un contratto annuale.[28][29] Il 12 gennaio 2022, pur non giocando, vince il suo primo trofeo con l'Inter, la Supercoppa italiana, battendo per 2-1 la Juventus dopo i tempi supplementari.[30] L'11 maggio 2022 vince il suo secondo trofeo con i nerazzurri, la Coppa Italia, battendo sempre la Juventus per 2-4 dopo i tempi supplementari.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 maggio 2006, durante la sua militanza nell'Acireale, rimane coinvolto in un incidente stradale mortale nel siracusano: nel sinistro perde la vita la sua fidanzata lentinese, Moira Sesto, che viaggiava in auto con lui.[31] In conseguenza di ciò, Cordaz — che fu trovato positivo al test alcolimetrico con valori tre volte sopra il limite — nel 2013 verrà condannato in via definitiva a quattro anni per omicidio colposo.[32] Tuttavia non andrà mai in carcere, essendo riuscito a ottenere l'affidamento ai servizi sociali per tutta la durata della pena.[33]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 13 maggio 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2002-2003 Italia Spezia C1 1 -1 CI+CI-C 1+2 0 + -1 - - - - - - 4 -2
2003-2004 Italia Inter A 0 0 CI 1 -1 UCL+CU 0+0 0 - - - 1 -1
2004-gen. 2005 A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 - - - 0 0
gen.-giu. 2005 Italia Spezia C1 5 -6 CI-C 1 0 - - - - - - 6 -6
Totale Spezia 6 -7 4 -1 - - - - 10 -8
2005-2006 Italia Acireale C1 30 -28 CI+CI-C 0+0 0 - - - - - - 30 -28
2006-gen. 2007 Italia Pizzighettone C1 18 -25 CI-C 0 0 - - - - - - 18 -25
gen.-giu. 2007 Italia Treviso B 2 -2 CI 0 0 - - - - - - 2 -2
2007-2008 B 2 -2 CI 0 0 - - - - - - 2 -2
2008-2009 B 15 -27 CI 1 -2 - - - - - - 16 -29
Totale Treviso 19 -31 1 -2 - - - - 20 -33
2009-2010 Svizzera Lugano CL 27+2[34] -26 + -2[34] CS 0 0 - - - - - - 29 -28
2010-2011 CL 29 -32 CS 2 -3 - - - - - - 31 -35
Totale Lugano 56+2 -58 + -2 2 -3 - - - - 60 -63
2011-2012 Italia Cittadella B 40 -60 CI 2 -4 - - - - - - 42 -64
2012-2013 B 40 -54 CI 2 0 - - - - - - 42 -54
Totale Cittadella 80 -114 4 -4 - - - - 84 -118
2013-2014 Slovenia Gorica 1. SNL 35 -32 CS 3 -1 - - - - - - 38 -33
2014-gen. 2015 Italia Parma A 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
gen.-giu. 2015 Italia Crotone B 19 -18 CI 0 0 - - - - - - 19 -18
2015-2016 B 42 -36 CI 3 -3 - - - - - - 45 -39
2016-2017 A 36 -54 CI 1 -2 - - - - - - 37 -56
2017-2018 A 38 -66 CI 1 -1 - - - - - - 39 -67
2018-2019 B 32 -33 CI 2 -3 - - - - - - 34 -36
2019-2020 B 36 -38 CI 2 -6 - - - - - - 38 -44
2020-2021 A 36 -91 CI 0 0 - - - - - - 36 -91
Totale Crotone 239 -336 9 -15 - - - - 248 -351
2021-2022 Italia Inter A 0 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI 0 0 0 0
Totale Inter 0 0 1 -1 0 0 0 0 1 -1
Totale carriera 483+2 -621 + -2 24 -27 0 0 0 0 507 -650

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Inter: 2001-2002
Inter: 2002

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Spezia: 2004-2005
Gorica: 2013-2014
Inter: 2021
Inter: 2021-2022

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 58 (-60) se si comprendono anche gli spareggi Super League/Challenge League.
  2. ^ Giuseppe Di Giovanni, Crotone, Cordaz da ex scarto dell'Inter alla seconda vita in Serie A, su gazzetta.it, 10 dicembre 2016.
  3. ^ Franco Calamai e Manlio Gasparotto, La festa è tutta dell'Inter, in La Gazzetta dello Sport, 12 febbraio 2002.
  4. ^ Luigi Bolognini, L'Inter conquista lo scudetto ma con i ragazzi del Viareggio, in la Repubblica, 12 febbraio 2002, p. 11.
  5. ^ Massimo Pisa, Ragazzi felici di stare nel pallone, in la Repubblica, 9 giugno 2002, p. 20.
  6. ^ Manlio Gasparotto, «Coraggio, fate come noi», in La Gazzetta dello Sport, 7 settembre 2002.
  7. ^ Tattica ad Appiano: Hector Cuper spiega i giusti movimenti, su inter.it, 10 agosto 2003.
  8. ^ Chi sono Cordaz, Potenza ed Eliakwu, su inter.it, 16 dicembre 2003.
  9. ^ Cordaz: "Emozione incredibile", su inter.it, 5 febbraio 2004.
  10. ^ Cordaz: "Grande emozione: bellissimo", su inter.it, 5 febbraio 2004.
  11. ^ Marco Ernesto Ansaldo, Adriano e Di Vaio, Juve-Inter è lo show dei grandi bomber, in La Stampa, 5 febbraio 2004, p. 35.
  12. ^ Trofeo Tim: l'Inter vince ai rigori, su inter.it, 28 luglio 2004.
  13. ^ TROFEO TIM, in La Gazzetta dello Sport, 28 luglio 2004.
  14. ^ Manlio Gasparotto, Che Primavera in una notte d'estate, in La Gazzetta dello Sport, 29 luglio 2004.
  15. ^ A.T., Cordaz messo ko da Recoba, Alex con il polso fratturato, in La Tribuna di Treviso, 20 agosto 2004, p. 40.
  16. ^ Luigi Saporito, Cordaz, l'ex silurato dal sinistro di Recoba va a caccia del bis, su gazzetta.it, 16 settembre 2017.
  17. ^ Mercato: Alex Cordaz allo Spezia, su inter.it, 25 gennaio 2005.
  18. ^ (EN) NEW CLUBS FOR FIVE YOUNGSTERS, inter.it, 31 agosto 2005. URL consultato il 25 gennaio 2010.
  19. ^ (EN) DEALS DONE FOR EIGHT YOUTH PLAYERS, inter.it, 31 agosto 2006. URL consultato il 25 gennaio 2010.
  20. ^ MediaTI, A Lugano ecco Cordaz - Ticinonews, su www.ticinonews.ch. URL consultato il 2 giugno 2017.
  21. ^ Alex Cordaz tra i pali: «Dopo due anni a Lugano avevo voglia di Veneto» - Sport - Il Mattino di Padova, in Il Mattino di Padova, 6 luglio 2011. URL consultato il 2 giugno 2017.
  22. ^ Crotone, arriva il portiere Cordaz dal Parma. Percorso inverso per Bajza, in Crotone Sport, 9 gennaio 2015. URL consultato il 2 giugno 2017.
  23. ^ Crotone, i primi colpi di mercato: Cordaz e Firenze sono rossoblù, su fccrotone.it, 8 luglio 2015.
  24. ^ Ultim'ora Crotone-Genoa: Cordaz non ce la fa, gioca Festa | CrotoneNews, in CrotoneNews, 28 agosto 2016. URL consultato il 2 giugno 2017.
  25. ^ Crotone, da 'Mai dire goal' il cartellino rosso a Cordaz contro l'Udinese | Goal.com. URL consultato il 2 giugno 2017.
  26. ^ Crotone-Lazio 3-1, calabresi salvi. Palermo-Empoli 2-1, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 2 giugno 2017.
  27. ^ Crotone calcio, una settimana all'insegna del numero 100, su Lacnews24.it, 9 marzo 2021. URL consultato l'8 aprile 2021.
  28. ^ Infinitamente grazie Capitano!, su fccrotone.it, 25 giugno 2021. URL consultato il 25 giugno 2021.
  29. ^ Alex Cordaz è un nuovo giocatore dell'Inter, su inter.it, 25 giugno 2021. URL consultato il 25 giugno 2021.
  30. ^ Festa Inter in Supercoppa: Sanchez punisce la Juve al 121'!, su gazzetta.it, 12 gennaio 2022.
  31. ^ Incidente stradale per Alex Cordaz, su tgcom24.mediaset.it, 17 maggio 2006 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  32. ^ Diego Bortolotto, Alex Cordaz, quattro anni per omicidio colposo, su tribunatreviso.gelocal.it, 19 ottobre 2013.
  33. ^ Giuseppe Bianca, Viola procedura di esecuzione, chiesta revoca dell'affidamento per il portiere Alex Cordaz, su libertasicilia.it (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2016).
  34. ^ a b Spareggio promozione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]