Varianti del SARS-CoV-2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: SARS-CoV-2.

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Mutazioni positive, negative e neutre durante l'evoluzione dei coronavirus come SARS-CoV-2

La diffusione del SARS-CoV-2 in tutto il globo, ha portato con il passare del tempo alla comparsa di mutazioni e conseguentemente di varianti della sequenza WIV04/2019[1], ovvero di quella che è nota come la sequenza zero/originale che ha sviluppato la forma originaria della COVID-19.[2]

Una variante è un genoma virale (codice genetico) che può contenere una o più mutazioni. In molti casi, specie nella comunicazione non scientifica, viene considerata una variante, un gruppo di varianti con cambiamenti genetici simili, come un lignaggio con i suoi discendenti o un gruppo di lignaggi.

A dicembre 2021 ne sono state classificate oltre 200[3] di oltre 1 500 lignaggi designati.[4]

Origine delle varianti[modifica | modifica wikitesto]

I virus subiscono un cambiamento genetico mediante diversi meccanismi, tra cui la mutazione (sostituzione, delezione, inserimento) puntiforme e la ricombinazione. In generale, i virus a RNA, come il SARS-CoV-2, hanno genomi più piccoli dei virus a DNA, probabilmente come conseguenza dei loro tassi di mutazione più elevati.[5] La ragione di questa relazione inversa tra dimensione del genoma e tasso di mutazione è probabilmente l'incapacità dei grandi virus a RNA di replicarsi senza generare mutazioni letali.[6]

La ricombinazione si verifica in genere quando almeno due genomi virali coinfettano la stessa cellula ospite e si scambiano segmenti genetici. Ci sono diverse teorie sui meccanismi origine delle varianti del SARS-CoV-2. Tutte implicano una pressione selettiva che favorisce il virus in grado ad adattarsi a nuove circostanzeː

  • Selezione per la resistenza anticorpale e la rapida replicazione nei singoli pazientiː in soggetti parzialmente immuni che non riescono ad eliminare in tempi brevi il virus .
  • Zoonosi inversa con più salti di specie. La zoonosi cioè l'infezione dell'uomo da parte di un virus animale è l'ipotesi prevalente sull'origine del SARS-CoV-2 ancestrale. La zoonosi inversa è un'infezione umana da un animale che è stato inizialmente infettato dal virus umano. È noto che almeno molte specie diverse sono state infettate da esseri umani portatori di SARS-CoV-2 e che il virus dopo essere mutato per adattarsi alla nuova specie può reinfettare l'uomo.[7] L'intera popolazione danese di visoni è stata abbattuta alla fine del 2020 per l'emergere nell'uomo della cosiddetta variante SARS-CoV-2 cluster 5.
  • Ricombinazioneː in natura la ricombinazione si verifica normalmente quando almeno due genomi virali coinfettano la stessa cellula ospite e si scambiano segmenti genetici. A questa ricombinazione intergenomica nel SARS-CoV-2 si aggiunge la possibile ricombinazione intragenomica , dove alcune sequenze possono essere trasferite da una regione ad un'altra dello stesso genoma.[8][9]

Nomenclatura[modifica | modifica wikitesto]

Estratto delle denominazioni OMS e PANGO a dicembre 2021

Nei primi mesi di diffusione della pandemia molte organizzazioni, inclusi governi e testate giornalistiche, hanno fatto riferimento colloquialmente alle varianti del paese in cui sono state identificate per la prima volta. Esempio : Variante Inglese , Variante Brasiliana ecc. Queste denominazioni, oltre a stigmatizzare impropriamente un paese,

Con varie decine di migliaia di sequenziamenti del genoma del SARS-CoV-2[10] e un tasso di mutazione di 1,12 × 10-3 mutazioni per anno/sito simile a quello del SARS-CoV-1, dalla fine del 2019 si sono prodotte migliaia di varianti. Tutte queste varianti possono essere raggruppate in gruppi più grandi come lignaggi o clade . Non esiste una nomenclatura standard ma quella più dettagliata[11] e maggiormente condivisa nella letteratura scientifica è la nomenclatura PANGO.

Sono utilizzate altre nomenclature per raggruppare le varianti:

  • GISAID , che a fine 2021 ha codificato 11 clade globali (S, O, L, V, G, GH, GK, GR, GRY, GRA GV) su 6 900 000 sequenze comunicate.
  • Nextstrain , che a fine 2021 ha codificato 23 cladi (19A–B, 20A–20J e 21A-H) .

Classificazione per rilevanza[modifica | modifica wikitesto]

Ogni autorità sanitaria, nazionale o sovranazionale, può inoltre istituire un proprio sistema classificazione.

Le classi tipicamente utilizzate sono:

  • Variante da monitorare (VUM)
  • Variante di interesse (VOI)
  • Variante di preoccupazione (VOC)

Nel Regno Unito il Public Health England ha denominato ciascuna variante tracciata per anno, mese e numero nel formato , precedendo rispettivamente "VUI" o "VOC" per una variante oggetto di indagine o una variante preoccupante . Esempio: VOC‑21APR‑02 ( prima di febbraio 2021: VOC-202012/01) attribuito al lignaggio B.1.1.7

Il 31 maggio 2021 l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato l'utilizzo delle lettere greche per denominare i ceppi VOI e VOC[12]. Esempio: Alpha attribuito al lignaggio B.1.1.7.

La classe di rilevanza delle varianti può variare nel tempo e la stessa variante può essere classificata diversamente da diverse autorità sanitarie: Esempio a metà dicembre 2021 il lignaggio B.1.1.7 era classificato VOC dall'OMS, VOM dal CDC e completamente declassificato dall'ECDC che la classificava VOC a febbraio del 2021.

Alcune autorità sanitarie nazionali utilizzano ulteriori classi di rilevanza. Ad esempio il CDC classifica VOHC le varianti che evadono le misure di prevenzione o le contromisure mediche adottate per combattere le varianti precedentemente circolanti.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

L'emergere del SARS-CoV-2 potrebbe essere il risultato di eventi di ricombinazione genetica tra un coronavirus simile alla SARS del pipistrello e un coronavirus del pangolino attraverso la trasmissione tra specie.[13]

I primi genomi umani di virus disponibili sono stati raccolti dai pazienti a partire dal dicembre 2019 e i ricercatori cinesi hanno confrontato questi primi genomi con ceppi di coronavirus di pipistrello e pangolino per stimare il tipo ancestrale di coronavirus umano; il tipo di genoma ancestrale identificato è stato etichettato con "S", e il suo tipo derivato dominante è stato etichettato con "L" per riflettere i cambiamenti dell'amminoacido mutante. Indipendentemente, i ricercatori occidentali hanno effettuato analisi simili ma hanno etichettato il tipo ancestrale "A" e il tipo derivato "B". Il tipo B è mutato in altri tipi, incluso B.1, che è l'antenato delle principali varianti di interesse (VOC), etichettate nel 2021 dall'OMS come Alfa, Beta, Gamma, Delta e Omicron.[14][15]

La tabella seguente presenta le informazioni per le varianti classificate come VOC dall'OMS a fine 2021.[16][17][18][19][20]

Legenda relativa al rischio:   Molto alto   Alto   Medio   Basso   Sconosciuto

Identificazione Primo rilevamento Mutazioni notevoli Cambiamenti clinici Attività anticorpale neutralizzante
OMS[16] Pango[21] Nextstrain[17][22] PHE[23] Luogo dove è stata identificata Data identificazione Dichiarata "VOC" dall'OMS Trasmissibilità Ospedalizzazione Tasso di letalità Da infezione naturale Dalla vaccinazione
Alpha B.1.1.7 20I (V1) VOC-20DEC-01 Regno Unito Regno Unito 20 settembre 2020[21] 18 dicembre 2020 N501Y, 69–70del, P681H, D614G [24] +29% (24–33%)[25][26] +52% (47–57%) +59% (44–74%) Riduzione minima[27] Riduzione minima[27]
Beta B.1.351 20H (V2) VOC-20DEC-02 Sudafrica Sudafrica maggio 2020[24] 14 gennaio 2021[28] N501Y, K417N, E484K[24] +25% (20–30%)[26] +140% (70-230%)[29] Possibilmente aumentato[30][31] Risposta ridotta delle cellule T provocata dal virus D614G[27][31] Efficacia: ridotta contro la malattia sintomatica, mantenuta contro la malattia grave[31]
Gamma B.1.1.28.1 alias P.1[19][32] 20H (V2) VOC-21JAN-02 Brasile Brasile novembre 2020 15 gennaio 2021[33][34] N501Y, E484K, K417T[35] +38% (29–48%)[26] Possibilmente aumentato[31] +50% (50%, 20–90%) Ridotto[27] Trattenuto da molti vaccini eccetto Pfizer–BioNTech[30]
Delta B.1.617.2 21A VOC‑21APR‑02 India India ottobre 2020[36] 6 maggio 2021[37] E484Q, L452R, P681R[38] +97% (76–117%)[26] +85% (39–147%)[39] +137% (50–230%) Reinfezioni, con un tasso di occorrenza inferiore rispetto alle infezioni nei vaccinati[40] Riduzione dell'efficacia per malattie non gravi[31]
Omicron B.1.1.529 alias BA*[41] 21K VOC-21NOV-01 Sudafrica Sudafrica novembre 2021[42] 21 novembre 2021[43] A67V, Δ69-70, T95I, G142D, Δ143-145, N211I, Δ212, ins215EPE, G339D, S371L, S373P, S375F, K417N, N440K, G446S, S477N, T478K, E484A, Q493R, G496S, Q498R, N501Y, Y505H, T547K, D614G, H655Y, N679K, P681H, N764K, D796Y, N856K, Q954H, N969K, L981F[20] Sotto investigazione Sotto investigazione Sotto investigazione Sotto investigazione Sotto investigazione

Varianti di preoccupazione (OMS dicembre 2021)[modifica | modifica wikitesto]

Variante Alfa[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: SARS-CoV-2 VOC-202012/01.
Stati con casi confermati della variante VOC-202012/01 al 23 gennaio 2021

     100 - 999 casi confermati

     50 - 99 casi confermati

     10 - 49 casi confermati

     5 - 9 casi confermati

     2 - 4 casi confermati

     1 caso confermato

     Stato con casi confermati, ma di cui non si hanno cifre precise

     Casi sospetti

     Nessun caso o nessun dato

Rilevata per la prima volta nell'ottobre 2020 durante la pandemia di COVID-19 nel Regno Unito da un campione prelevato il mese precedente,[44] rispetto al virus che era stato isolato originariamente a Wuhan, la variante britannica contiene ben 17 differenze, cosa che la rende particolarmente differente dalle altre varianti, che di norma si differenziano dal ceppo originale cinese per 2-3 differenze totali.[45]

Micrografia elettronica a trasmissione di falsi colori della variante inglese. Si ritiene che la maggiore trasmissibilità della variante sia dovuta a cambiamenti nella struttura delle proteine spike, mostrate qui in verde.

Fra le principali differenze ci sono l'aumento delle segnalazioni di tosse dal 27% al 35% e l'elencazione di nuovi sintomi quali: affaticamento, dolori muscolari e mal di gola;[46][47] mentre a livello genetico si segnalano l’eliminazione di un particolare aminoacido in due punti del DNA e la sostituzione di un aminoacido nei confronti di un altro nelle zone N501Y, A570D, P681H, D614G, T716I, S982A, D1118H.[45]

È stimata essere del 30%-70%[48] più trasmissibile e letale del SARS-CoV-2 normale ed è legata a un aumento significativo delle infezioni da SARS-CoV-2 nel Paese.

B.1.1.7 + E484K[modifica | modifica wikitesto]

Fanno parte della variante Alpha anche alcune sottovarianti prodotte presumibilmente per addizione tra una infezione Alpha ed una Beta. Queste sottovarianti con sostituzione dell'acido glutammico in posizione 484 non hanno avuto i requisiti necessari per il sistema di denominazione PANGO. Rilevata per la prima volta il 4 marzo 2021 nello Stato dell'Oregon, è una variante del SARS CoV-2 lignaggio B.1.1.7 presumibilmente nata spontaneamente e non importata,[49][50] che si distingue dal lignaggio originale per un'ulteriore mutazione dell'E484K, dalla quale viene il nome B.1.1.7 con mutazioni E484K dato dal Public Health England.[51]

Variante Beta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: SARS-CoV-2 501.V2.
Stati con casi confermati della variante Beta al 29 gennaio 2021

     100 - 999 casi confermati

     50 - 99 casi confermati

     10 - 49 casi confermati

     5 - 9 casi confermati

     2 - 4 casi confermati

     1 caso confermato

     Stato con casi confermati, ma di cui non si hanno cifre precise

     Casi sospetti

     Nessun caso o nessun dato

Rilevata per la prima volta in Sudafrica, il 18 dicembre 2020, da medici del dipartimento sanitario sudafricano,[52] la variante, chiamata 501.V2,[53] è stata sequenziata da ricercatori e funzionari che hanno scoperto che la prevalenza della variante era più alta tra i giovani senza condizioni di salute sottostanti e che, rispetto ad altre varianti, provocava una malattia maggiormente grave.[54][55]

Mentre a livello biologico, gli scienziati hanno notato che la variante contiene diverse mutazioni che le consentono di legarsi più facilmente alle cellule umane a causa di tre mutazioni nel dominio di legame del recettore (RBD) nella glicoproteina spike del virus: N501Y,[56] K417N e E484.

Nella nomenclatura PANGO le è stata denominata B.1.351.

Variante Delta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: SARS-CoV-2 lignaggio B.1.617.2.

La variante Delta, nota anche come B.1.617.2, è la variante dominante a livello globale nel 2021 e si è diffusa in almeno 185 paesi.[3] Fu scoperta per la prima volta in India. Discendente del lignaggio B.1.617, che include anche la variante Kappa oggetto di indagine, è stata scoperta per la prima volta nell'ottobre 2020 e da allora si è diffuso a livello internazionale. Il 6 maggio 2021, gli scienziati britannici hanno dichiarato B.1.617.2 (che in particolare manca di mutazione in E484Q) come "variante di preoccupazione", etichettandolo VOC-21APR-02, dopo aver segnalato la prova che si diffonde più rapidamente rispetto alla versione originale del virus e potrebbe diffondersi più rapidamente o con la stessa rapidità di Alpha.[57] Porta mutazioni L452R e P681R nel peplomero; differenza di Kappa, porta T478K ma non E484Q.[58]

Il 3 giugno 2021, il Public Health England ha riferito che dodici dei 42 decessi per la variante Delta in Inghilterra erano tra i completamente vaccinati e che si stava diffondendo quasi due volte più velocemente della variante Alpha. Sempre l'11 giugno, il Foothills Medical Center di Calgary, in Canada, ha riferito che la metà dei 22 casi della variante Delta si è verificata tra i vaccinati. Nel giugno 2021 sono iniziate ad apparire segnalazioni di una variante di Delta con la mutazione K417N. La mutazione, presente anche nelle varianti Beta e Gamma, ha sollevato preoccupazioni sulla possibilità di una ridotta efficacia dei vaccini e dei trattamenti con anticorpi e sull'aumento del rischio di reinfezione. Visto il grande numero di sottovarianti nella nomenclatura per PANGO per non allungare i codici oltre il terzo livello di discendenza è stato introdotto l'alias AY. al posto di B.1.617.2 per cui la sottovariante B.1.617.2 viene chiamata AY.4

Variante Gamma[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: SARS-CoV-2 lignaggio P.1.
Stati con casi confermati di variante Gamma, lignaggio P.1, aggiornati all'11 febbraio 2021.[59]
Legenda:

     Trasmissione locale

     Trasmissione importata

     Metodo di trasmissione sconosciuta

Rilevata per la prima volta a Tokyo, il 6 gennaio 2021, dal National Institute of Infectious Diseases. Il nuovo ceppo, chiamato Variante P.1, è stato identificato in quattro persone arrivate a Tokyo con un aereo proveniente dallo Stato brasiliano di Amazonas il 2 gennaio.[60]

Presente in Brasile sin dal dicembre 2020, essa ha un totale di 17 mutazioni nel dominio di legame del recettore nella glicoproteina spike del virus: N501Y, E484K e K41YT, che causano:[61]

  • elevata capacità di infezione;
  • resistenza al plasma iperimmune;
  • inefficacia di alcuni anticorpi monoclonali.

Variante Omicron[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: SARS-CoV-2 lignaggio B.1.1.529.

La variante Omicron, nota come lignaggio B.1.1.529, è stata dichiarata una variante preoccupante dall'Organizzazione Mondiale della Sanità il 26 novembre 2021.[12]

Chiamato Omicron dall'OMS, è stato identificato nel novembre 2021 in Botswana e in Sud Africa; un caso si era recato a Hong Kong, un caso confermato è stato identificato in Israele in un viaggiatore di ritorno dal Malawi, insieme a due che sono tornati dal Sud Africa e uno dal Madagascar. Il Belgio ha confermato il primo caso rilevato in Europa il 26 novembre 2021 in un individuo che era tornato dall'Egitto l'11 novembre.

La variante presenta un gran numero di mutazioni, di cui alcune riguardano. Il numero di casi nel lignaggio B.1.1.529 è cresciuto molto rapidamente prima in tutte le aree del Sud Africa, a gennaio 2022 era già ampiamente dominante, e poi con analoga velocità in tutto il mondo. Alcune prove mostrano che questa variante ha un aumentato rischio di reinfezione. Sono in corso studi per valutare l'esatto impatto su trasmissibilità, mortalità e altri fattori.[62]

Altre varianti[modifica | modifica wikitesto]

Cluster 5[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: SARS-CoV-2 Cluster 5.

Rilevata per la prima volta il 2 novembre 2020, dal Statens Serum Institut. È stata resa nota al pubblico con il nome di Cluster 5[63] il 4 novembre seguente dalla prima ministra danese Mette Frederiksen che l'ha definita come una nuova variante di SARS-CoV-2 che veniva trasmessa agli esseri umani attraverso i visoni e principalmente a quelli degli allevamenti nello Jutland Settentrionale. Il 5 novembre a seguito della rivelazione da parte della SSI di dodici infezioni umane causate dalla variante (otto direttamente associate ad allevamenti di visoni) e della potenziale riduzione dell'efficacia dei vaccini per la COVID-19,[64][65] la stessa prima ministra ha annunciato l'abbattimento dell'intera popolazione danese di visoni (circa 17 milioni di esemplari)[66][67] e l'inizio di misure di chiusura nazionale.[68]

Variante B.1.1.207[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: SARS-CoV-2 lignaggio B.1.1.207.

Rilevata per la prima volta nel dicembre 2020 in Nigeria[69][70] e resa nota al pubblico dal direttore dell'African Centre of Excellence for Genomics of Infectious Diseases, John Nkengasong, che ha dichiarato che un ceppo di SARS-CoV-2 di cui si sono state trovate tracce, chiamata Variante B.1.1.207, era stata rintracciata nel Paese.[71]

La variante è stata sequenziata per la prima volta dallo stesso African Centre of Excellence for Genomics of Infectious Diseases, che ha trovato in essa una mutazione P681H, condivisa con la variante britannica e rappresenta circa l'1% dei genomi virali sequenziati durante la pandemia di COVID-19 in Nigeria,[70] con la possibilità di aumentare di pericolosità come dichiarato dal Centers for Disease Control and Prevention.[72]

Variante B.1.1.317[modifica | modifica wikitesto]

Individuata per la prima volta nel marzo 2021 nel Queensland, in Australia, si hanno ufficialmente soltanto due casi noti: due persone di un albergo di Brisbane che hanno dovuto sottoporsi a una quarantena aggiuntiva di 5 giorni oltre ai 14 giorni obbligatori dopo che era stato confermato che erano stati infettati da questa variante.[73]

Variante B.1.1.318/VUI-21FEB-04[modifica | modifica wikitesto]

Individuata per la prima volta nel Regno Unito il 24 febbraio 2021, sono stati accertati solo 16 casi di persone affette dalla variante.[74]

Variante B.1.429/CAL.20C[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: SARS-CoV-2 lignaggio B.1.429.

Rilevata per la prima volta nel luglio 2020 da ricercatori del Cedars-Sinai Medical Center, in uno dei 1 230 campioni di virus raccolti nella contea di Los Angeles dall'inizio della pandemia di COVID-19,[75] la Variante B.1.429 o CAL.20C è definita da cinque mutazioni distinte (I4205V e D1183Y nel gene ORF1ab e S13I, W152C, L452R nel gene S delle proteine spike),[76] di cui il gene L452R (precedentemente anche rilevato in altri lignaggi non imparentati).[77][78] Considerato tra quelli più probabilmente trasmissibili, per un periodo non venne più rilevato fino a quando nel settembre 2020 è riapparso tra i campioni in California, ma con i numeri di casi molto bassi fino a novembre,[79] infatti nel novembre 2020 la variante rappresentava il 36% dei campioni raccolti presso il Cedars-Sinai Medical Center; mentre nel gennaio 2021 rappresentava il 50% dei campioni.[78] Successivamente tramite un comunicato stampa congiunto da parte di USCF, California Department of Public Health e Santa Clara County Public Health Department è stato annunciato la diffusione della variante in altri Stati degli Stati Uniti,[80] seguiti successivamente da alcuni casi in America del Nord, in Europa, in Asia e in Australia.

Variante B.1.525/VUI-21FEB-03[modifica | modifica wikitesto]

Individuata per la prima volta nel Regno Unito e in Nigeria dal Public Healt England, la variante B.1.525 o VUI-21FEB-03 porta la stessa mutazione E484K trovata anche nelle varianti P.1 e P.2, porta anche la stessa delezione degli amminoacidi istidina (ΔH69) e valina (ΔV70) nelle posizioni 69 e 70 come nella variante inglese e le mutazione N439K e Y453F, quest'ultimo presente nella variante danese.[81] Al maggio 2021, questa variante è stata individuata in 23 Paesi, tra cui Regno Unito, Danimarca,[82] Finlandia, Norvegia,[83] Paesi Bassi,[84] Belgio, Francia, Spagna, Nigeria,[85] Ghana, Giordania, Giappone, Singapore, Australia, Canada, Germania, Italia,[86] Slovenia, Austria, Malesia, Svizzera, Irlanda[87][88] e Stati Uniti d'America.[89][90]

Variante B.1.526[modifica | modifica wikitesto]

Rilevata per la prima volta nella città di New York,[91] la variante, che presenta la mutazione dello spike E484K, che può aiutare il virus a eludere gli anticorpi, e la mutazione dello spike S477N, che può aiutare il virus a legarsi più strettamente alle cellule umane, si è diffuso a febbraio 2021 nell'intero Stato di New York rappresentando un quarto della sequenza virale individuata nello Stato.[92] A partire dall'aprile seguente la variante ha iniziato la diffusione negli altri 49 Stati degli Stati Uniti d'America e in 18 Paesi stranieri.[93]

Variante B.1.617[modifica | modifica wikitesto]

Stati con casi confermati della variante lignaggio B.1.617 al 21 aprile 2021.

     100+ casi confermati

     2 - 99 casi confermati

     1 caso confermato

     Nessun caso o nessun dato

Rilevata per la prima volta nell'ottobre 2020 in India, la variante B.1.617 o VUI-21APR-01 presenta 15 mutazioni genetiche, tra cui quelle delle proteine spike E484Q,[94] G142D,[95] D111D e L452R.[96] Dal primo rilevamento fino al gennaio 2021, ci sono stati pochi casi ma ad aprile si è iniziato a diffondere in almeno 20 Paesi in tutti i continenti.[97] Una sua discendenza, la variante Delta (B.1.617.2) è diventata la variante più diffusa (prevalenza cumulativa) nel 2021.

Variante B.1.618[modifica | modifica wikitesto]

Individuata per la prima volta nell'ottobre 2020 nel Bengala Occidentale, la variante B.1.618 ha una mutazione dello spike E484K.[98][99]

Variante P.3/VUI-21MAR-02[modifica | modifica wikitesto]

Individuata per la prima volta nel febbraio 2021 dal Kagawaran ng Kalusugan (Dipartimento della salute filippino) che ha confermato il rilevamento di una variante nel Visayas Centrale dopo che i campioni di alcuni pazienti sono stati inviati per il sequenziamento del genoma. Dai campioni sono state trovate le mutazioni delle proteine spike E484K e N501Y, rilevate in 37 campioni su 50, con entrambe le mutazioni co-presenti in 29 di questi.[100] Il 13 marzo, a seguito della conferma da parte del Dipartimento della Salute che le mutazioni costituivano una variante, ha preso il nome di variante P.3 e,[101] in seguito, data la diffusione in Asia[102] e in Europa[103][104] ha preso il nome di VUI-21MAR-02.

Varianti chimera[modifica | modifica wikitesto]

Varie varianti, così come lo stesso SARS-CoV-2 ancestrale, sono molto probabilmente risultato di ricombinazione genetica. La ricombinazione intergenomica produce diversità genetica e, paradossalmente, mantiene l'integrità cromosomica.[5] Il fenomeno di ricombinazione è frequente nella SARS-CoV-2. Uno studio statunitense su 1,6 milioni di genomi SARS-CoV-2 ha identificato il 2,7% di sequenze ricombinate. Il riconoscimento analitico di queste varianti ibride è complesso, anche perché c'erano differenze relativamente piccole tra i genomi delle varianti del SARS-CoV-2 circolanti contemporaneamente nello stesso territorio. La probabilità di contaminazione o errore analitico è relativamente alta.[105] La situazione è cambiata tra dicembre 2021 e gennaio 2022, con la significativa co-circolazione di Delta e Omicron, meno geneticamente vicine, che ha aumentato le probabilità di emergenza e di rilevazione di ricombinazione genetica. A metà gennaio 2022 si è cominciato a parlare di una variante Deltamicron o Deltacron (nomi non ufficiali) ricombinante i genomi della Delta e della Omicron BA1. Una sequenza di questa variante chimera, lignaggio XD, circolante in Francia Olanda e Danimarca è stata identificata all'inizio di marzo 2022. Una diversa ricombinazione tra Delta e Omicron BA1 è stata identificata nel Regno Unito a febbraio 2022, lignaggio XF. Per una ricombinazione tra la Omicron BA1 e la BA2, identificata nel Regno Unito il 19 gennaio 2022, lignaggio XE, l'OMS ha emesso un avvertimento a causa della trasmissibilità superiore a quella della varianti precedenti.[106][107][108][109][110]

Differenza dell'efficacia dei vaccini[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Vaccino anti COVID-19.
Video della World Health Organization che descrive come le varianti proliferano nelle aree non vaccinate

La potenziale comparsa di una variante SARS-CoV-2 moderatamente o completamente resistente alla risposta anticorpale provocata dall'attuale generazione di vaccini anti-COVID-19 potrebbe richiedere la modifica dei vaccini.[111] Le ricerche indicano che molti vaccini sviluppati per il ceppo iniziale hanno un'efficacia inferiore per alcune varianti rispetto alla sequenza iniziale.[112] A partire dal febbraio 2021, la Food and Drug Administration statunitense riteneva che tutti i vaccini autorizzati dalla stessa rimanessero efficaci nella protezione contro i ceppi circolanti di SARS-CoV-2.[111]

Variante B.1.1.7/VOC-20DEC-01[modifica | modifica wikitesto]

A metà dicembre 2020, nel Regno Unito è stata identificata la nuova variante del SARS-CoV-2 (VOC-202012/01). I dati preliminari hanno indicato che questa variante ha mostrato un aumento stimato del numero di riproduzione (R) di 0,4 o superiore e una maggiore trasmissibilità fino al 70%, ma senza prove di una minore efficacia del vaccino su di essa.[113]

Altri dati hanno affermato:

Variante B.1.351/501.V2[modifica | modifica wikitesto]

Successivamente alla diffusione della variante si è subito iniziato a progettare un vaccino capace di difendere il corpo anche da questa variante, e il primo tentativo è stato da parte dell'azienda statunitense Moderna.[117]

Il 29 gennaio 2021, l'azienda Johnson & Johnson, che aveva condotto prove per il suo vaccino Ad26.COV2.S in Sudafrica, ha riferito che il livello di protezione contro l'infezione da COVID-19 era del 72% negli Stati Uniti e del 57% in Sudafrica.[118] Qualche giorno dopo, il 6 febbraio 2021, il Financial Times ha riferito dei dati provvisori di uno studio condotto dall'Università del Witwatersrand congiuntamente con l'Università di Oxford che hanno dimostrato una ridotta efficacia del vaccino AstraZeneca,[119] sulla base di uno studio di 2 000 campioni.[120] Perciò, il giorno seguente, il ministro della salute sudafricano ha sospeso il previsto dispiegamento di circa un milione di dosi del vaccino in attesa di maggiori dati.[121][122]

Il 17 febbraio 2021, Pfizer ha dichiarato che l'attività di neutralizzazione del proprio vaccino era ridotta di due terzi per questa variante, affermando però che non potevano ancora essere fatte affermazioni sull'efficacia del vaccino nella prevenzione della malattia per questa variante e che bisognavano altri studi,[123][124][125] che successivamente hanno confermato la ridotta attività neutralizzante dei sieri di pazienti vaccinati con i vaccini Moderna e Pfizer-BioNTech.[126] Il mese seguente, altri studi hanno invece dichiarato che il vaccino era efficace al 100% (cioè che tra i vaccinati non si erano riscontrati casi d'infezione).[127]

Variante P.1/20J/501Y.V3[modifica | modifica wikitesto]

La variante sembra essere parzialmente inefficace al vaccino Pfizer-BioNTech.[128]

Variante B.1.617[modifica | modifica wikitesto]

Fra le quindici mutazioni che la caratterizzano, quelle in E484Q[129] e L452R[130] risultano essere potenzialmente contrarie alla formazione di anticorpi.[131]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Severe acute respiratory syndrome coronavirus 2 isolate WIV04, complete genome, 18 marzo 2020. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  2. ^ (EN) "Origin, evolution and global spread of SARS-CoV-2", su comptes-rendus.academie-sciences.fr, 24 novembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  3. ^ a b Cov-Lineages, su cov-lineages.org. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  4. ^ Andrew Rambaut, Edward C. Holmes, Verity Hill, Áine O’Toole, JT McCrone, Chris Ruis, A dynamic nomenclature proposal for SARS-CoV-2 to assist genomic epidemiology, su dx.doi.org, 19 aprile 2020. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  5. ^ a b Marcos Pérez-Losada, Miguel Arenas e Juan Carlos Galán, Recombination in viruses: Mechanisms, methods of study, and evolutionary consequences, in Infection, Genetics and Evolution, vol. 30, 2015-3, pp. 296–307, DOI:10.1016/j.meegid.2014.12.022. URL consultato il 14 marzo 2022.
  6. ^ (EN) Rafael Sanjuán, Miguel R. Nebot e Nicola Chirico, Viral Mutation Rates, in Journal of Virology, vol. 84, n. 19, 2010-10, pp. 9733–9748, DOI:10.1128/JVI.00694-10. URL consultato il 14 marzo 2022.
  7. ^ (EN) William A. Haseltine, A New Process Of SARS-CoV-2 Variation Uncovered: Intragenomic Recombination, su Forbes. URL consultato il 14 marzo 2022.
  8. ^ (EN) Roberto Patarca e William A. Haseltine, Intragenomic rearrangements of SARS-CoV-2 and other β-coronaviruses, 7 marzo 2022, pp. 2022.03.07.483258, DOI:10.1101/2022.03.07.483258v1. URL consultato il 14 marzo 2022.
  9. ^ Marcos Pérez-Losada, Miguel Arenas e Juan Carlos Galán, Recombination in viruses: Mechanisms, methods of study, and evolutionary consequences, in Infection, Genetics and Evolution, vol. 30, 2015-3, pp. 296–307, DOI:10.1016/j.meegid.2014.12.022. URL consultato il 14 marzo 2022.
  10. ^ Takahiko Koyama, Daniel Platt e Laxmi Parida, Variant analysis of SARS-CoV-2 genomes, in Bulletin of the World Health Organization, vol. 98, n. 7, 1º luglio 2020, pp. 495–504, DOI:10.2471/BLT.20.253591. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  11. ^ Per essere codificato con nomenclatura PANGO : a. l'insieme di sequenze deve condividere un singolo antenato comune e rappresentare un clade monofiletico o parafiletico nella filogenesi SARS-CoV-2 1. Il clade deve essere distinto da almeno un evento evolutivo non ambiguo (cambiamento di un singolo nucleotide, inserimento/cancellazione o evento di ricombinazione). 2. Il clade deve contenere un minimo di 5 sequenze complete del genoma. 3.. Il clade deve comprendere almeno un nodo interno e quindi non può essere composto esclusivamente da un'unica politomia. Pertanto, ci si aspetta che un lignaggio sia coerente con una quantità significativa di trasmissione in avanti.
  12. ^ a b (EN) Tracking SARS-CoV-2 variants, su www.who.int. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  13. ^ "SARS-CoV-2 spillover transmission due to recombination event", DOI:10.1016/j.genrep.2021.101045.
  14. ^ Tang, Xiaolu; Wu, Changcheng; Li, Xiang; Song, Yuhe, "On the origin and continuing evolution of SARS-CoV-2", marzo 2020, DOI:10.1093/nsr/nwaa036.
  15. ^ Forster, Peter; Forster, Lucy; Renfrew, Colin; Forster, Michael, "Phylogenetic network analysis of SARS-CoV-2 genomes", DOI:10.1073/pnas.2004999117.
  16. ^ a b (EN) Classificazione OMS, su who.int. URL consultato il 31 dicembre 2021=.
  17. ^ a b (EN) SARS-CoV-2 Variant Classifications and Definitions, su cdc.gov. URL consultato il 16 aprile 2021.
  18. ^ (EN) Global Report Investigating Novel Coronavirus Haplotypes, su cov-lineages.org. URL consultato il 16 aprile 2021.
  19. ^ a b (EN) Living Evidence - SARS-CoV-2 variants, su aci.health.nsw.gov.au. URL consultato il 16 aprile 2021.
  20. ^ a b (EN) SARS-CoV-2 variants of concern as of 22 December 2021, su European Centre for Disease Prevention and Control. URL consultato il 2 gennaio 2022.
  21. ^ a b (EN) Lineage descriptions, su cov-lineages.org. URL consultato il 16 aprile 2021.
  22. ^ (EN) Nextstrain, su nextstrain.org. URL consultato il 16 aprile 2021.
  23. ^ Il formato dei nomi è stato aggiornato a marzo 2021, cambiando l'anno da 4 a 2 cifre e il mese da 2 cifre a un'abbreviazione di 3 lettere. Ad esempio, VOC 202101/02 diviene VOC21JAN/02
  24. ^ a b c Chand et al., Potential impact of spike variant N501Y, 2020, p. 6.
  25. ^ Volz E, Mishra S, Chand M e Barrett JC, Transmission of SARS-CoV-2 Lineage B.1.1.7 in England: Insights from linking epidemiological and genetic data, 4 gennaio 2021.
  26. ^ a b c d Campbell F & co., "Increased transmissibility and global spread of SARS- dixwemCoV-2 variants of concern as at June 2021", giugno 2021, PMID 34142653.
  27. ^ a b c d (EN) "SARS-CoV-2 Variant Classifications and Definitions", su cdc.gov, 11 febbraio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 giugno 2021).
  28. ^ (EN) NERVTAG paper: brief note on SARS-CoV-2 variants, su gov.uk, 13 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2021).
  29. ^ Lamprini Veneti, Elina Seppälä e Margrethe Larsdatter Storm, Increased risk of hospitalisation and intensive care admission associated with reported cases of SARS-CoV-2 variants B.1.1.7 and B.1.351 in Norway, December 2020 –May 2021, in PLoS ONE, vol. 16, n. 10, 11 ottobre 2021, pp. e0258513, DOI:10.1371/journal.pone.0258513. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  30. ^ a b (EN) "Living Evidence – SARS-CoV-2 variants", su aci.health.nsw.gov.au, 23 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2021).
  31. ^ a b c d e (EN) Weekly epidemiological update on COVID-19 - 20 July 2021, su who.int, 20 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2021).
  32. ^ (EN) P.1, su cov-lineages.org. URL consultato il 16 aprile 2021.
  33. ^ (EN) https://www.gov.uk/government/news/confirmed-cases-of-covid-19-variants-identified-in-uk, su gov.uk, 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2021).
  34. ^ (EN) NERVTAG paper: note on variant P.1, su gov.uk, 27 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2021).
  35. ^ Emerging SARS-CoV-2 Variants, su cdc.org, Centers for Disease Control and Prevention, 28 gennaio 2021. URL consultato il 4 gennaio 2021.
  36. ^ (EN) PANGO lineages, su cov-lineages.org. URL consultato il 1° maggio 2021.
  37. ^ (EN) SARS-CoV-2 variants of concern and variants under investigation in England, technical briefing 10 (PDF), su assets.publishing.service.gov.uk, 7 maggio 2021 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2021).
  38. ^ (EN) Paul Nuki & Sara Newey, Arrival of India’s ‘double mutation’ adds to variant woes, but threat posed remains unclear, su telegraph.co.uk, 16 aprile 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  39. ^ "SARS-CoV-2 Delta VOC in Scotland: demographics, risk of hospital admission, and vaccine effectiveness", DOI:10.1016/S0140-6736(21)01358-1, PMID 34139198.
  40. ^ (EN) Risk assessment for SARS-CoV-2 variant Delta (PDF), su assets.publishing.service.gov.uk (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2021).
  41. ^ a fine dicembre 2021 sono state identificate 3 sottovarianti:BA.1, BA.2, BA.3
  42. ^ Cov-Lineages, su cov-lineages.org. URL consultato il 2 gennaio 2022.
  43. ^ Wayback Machine (PDF), su web.archive.org. URL consultato il 2 gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 2 gennaio 2022).
  44. ^ (EN) "Covid: Ireland, Italy, Belgium and Netherlands ban flights from UK", su bbc.co.uk, 20 dicembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  45. ^ a b Marco De Nardin, La variante inglese (UK) del Covid-19, su med4.care, 30 gennaio 2021. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  46. ^ Covid, variante inglese sintomi: le differenze con il ceppo originale, su corrieredellosport.it, 1º febbraio 2021. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  47. ^ (EN) Coronavirus (COVID-19) Infection Survey: characteristics of people testing positive for COVID-19, countries of the UK, 9 February 2021, su ons.gov.uk, 9 febbraio 2021. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  48. ^ (EN) What you need to know about the new COVID-19 variants, su theconversation.com. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  49. ^ (EN) Mandavilli A 2021, In Oregon, Scientists Find a Virus Variant With a Worrying Mutation - In a single sample, geneticists discovered a version of the coronavirus first identified in Britain with a mutation originally reported in South Africa., su nytimes.com, 5 marzo 2021. URL consultato il 16 aprile 2021.
  50. ^ (EN) B.1.1.7 Lineage with S:E484K Report, su outbreak.info, 5 marzo 2021. URL consultato il 16 aprile 2021.
  51. ^ (EN) Covid-19: la mutazione E484K e i rischi che comporta, su bmj.com, 5 febbraio 2021. URL consultato il 16 aprile 2021.
  52. ^ (EN) Sheri Fink, South Africa announces a new coronavirus variant., su nytimes.com, 29 dicembre 2020. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  53. ^ Maria Luisa Asta, Covid. Adesso si teme per la variante Sud Africana 501.V2, su infermieristicamente.it, 24 dicembre 2020. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  54. ^ (EN) Lesley Wroughton & Max Bearak, South Africa’s second coronavirus wave is fueled by a new strain, teen ‘rage festivals’, su washingtonpost.com, 29 dicembre 2020. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  55. ^ (EN) Michelle Roberts, South Africa coronavirus variant: What is the risk?, su bbc.com, 8 febbraio 2021. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  56. ^ (EN) Full Presentation by SSAK, su scribd.com, 29 dicembre 2020. URL consultato il 10 febbraio 2021.
  57. ^ Swapnil Mishra, Sören Mindermann e Mrinank Sharma, Changing composition of SARS-CoV-2 lineages and rise of Delta variant in England, in EClinicalMedicine, vol. 39, 31 luglio 2021, pp. 101064, DOI:10.1016/j.eclinm.2021.101064. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  58. ^ (EN) CoVariants, su covariants.org. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  59. ^ (EN) P.1 report, su cov-lineages.org. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  60. ^ (EN) "Japan finds new coronavirus variant in travelers from Brazil", su japantoday.com, 11 gennaio 2021. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  61. ^ Marco De Nardin, La variante brasiliana del Covid-19, su med4.care, 4 febbraio 2021. URL consultato l'11 febbraio 2021.
  62. ^ Ewen Callaway, Heavily mutated Omicron variant puts scientists on alert, in Nature, vol. 600, n. 7887, 2021-12, pp. 21, DOI:10.1038/d41586-021-03552-w. URL consultato il 9 gennaio 2022.
  63. ^ (DA) Risikovunrdering af human sundhed ved fortsat minkavl (PDF), su coronasmitte.dk, 3 novembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2020).
  64. ^ James Gorman, "Denmark Will Kill All Farmed Mink, Citing Coronavirus Infections", su nytimes.com, 4 novembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  65. ^ (DA) "Pressemøde med Regerigen og SSI", su dr.dk, 6 novembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  66. ^ Andrea Tarquini, La Danimarca abbatte 17 milioni di visoni portatori di una variante del coronavirus, su repubblica.it, 5 novembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  67. ^ Covid, la Danimarca abbatterà 17 milioni di visoni: “Il virus muta negli allevamenti”, su deejay.it, 5 novembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  68. ^ Michael Barrett, "How serious is Denmark's mink coronavirus mutation and outbreak?", su thelocal.dk, 5 novembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  69. ^ Coronavirus. Nuova variante del virus isolata in Nigeria, su rainews.it, 24 dicembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  70. ^ a b (EN) "Detection of SARS-CoV-2 P681H Spike Protein Variant in Nigeria", su virological.org, 23 dicembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  71. ^ Coronavirus, Cdc Africa: "Nuova variante rintracciata in Nigeria, su tgcom24.mediaset.it, 24 dicembre 2020. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  72. ^ Emerging Variants, su cdc.gov, 15 gennaio 2021. URL consultato il 9 febbraio 2021.
  73. ^ (EN) "Queensland travellers have hotel quarantine extended after Russian variant of coronavirus detected", su abc.net.au, 3 marzo 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  74. ^ (EN) "Latest update: New Variant Under Investigation designated in the UK", su gov.uk, 4 marzo 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  75. ^ (EN) Local COVID-19 Strain Found in Over One-Third of Los Angeles Patients, su newswise.com, 19 gennaio 2021. URL consultato il 16 aprile 2021.
  76. ^ Nuovo coronavirus: che cosa sappiamo della variante californiana, su focus.it, 3 marzo 2021. URL consultato il 16 aprile 2021.
  77. ^ (EN) Zhang W, Davis B, Chen SS, Martinez JS, Plummer JT, Vail E, "Emergence of a novel SARS-CoV-2 strain in Southern California, USA", su medrxiv.org. URL consultato il 16 aprile 2021.
  78. ^ a b (EN) "New California Variant May Be Driving Virus Surge There, Study Suggests", su nytimes.com, 19 gennaio 2021. URL consultato il 16 aprile 2021.
  79. ^ (EN) B.1.429, su cov-lineages.org, 15 febbraio 2021. URL consultato il 16 aprile 2021.
  80. ^ (EN) "COVID-19 Variant First Found in Other Countries and States Now Seen More Frequently in California", su cdph.ca.gov. URL consultato il 26 aprile 2021.
  81. ^ (DA) "Delta-PCR-testen", su covid19.ssi.dk, 25 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  82. ^ (DA) "Status for udvikling af SARS-CoV-2 Variants of Concern (VOC) i Danmark", su files.ssi.dk, 27 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  83. ^ (NO) "En ny variant av koronaviruset er oppdaget i Norge. Hva vet vi om den?", su aftenposten.no, 18 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  84. ^ (NL) "Varianten van het coronavirus SARS-CoV-2", su rivm.nl, 16 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  85. ^ (EN) Cullen P, "Coronavirus: Variant discovered in UK and Nigeria found in State for first time", su irishtimes.com, 25 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  86. ^ Prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) in Italia: lignaggio B.1.1.7, P.1, P.2, lignaggio B.1.351, lignaggio B.1.525 (PDF), su iss.it, 18 marzo 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  87. ^ (EN) Gataveckaite G, "First Irish case of B1525 strain of Covid-19 confirmed as R number increases", su independent.ie, 25 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  88. ^ (IE) "Nphet confirm new variant B1525 detected in Ireland as 35 deaths and 613 cases confirmed", su irishexaminer.com, 25 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  89. ^ (EN) "GISAID hCOV19 Variants (see menu option 'G/484K.V3 (B.1.525)')", su gisaid.org. URL consultato il 1º maggio 2021.
  90. ^ (EN) "A coronavirus variant with a mutation that 'likely helps it escape' antibodies is already in at least 11 countries, including the US", su businessinsider.com, 16 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  91. ^ (EN) Apoorva Mandavilli, "A New Coronavirus Variant Is Spreading in New York, Researchers Report", su nytimes.com, 24 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  92. ^ (EN) Matt Sieb & Paola Rosa-Aquino, "Everything We Know About the Coronavirus Variant Spreading in New York City", su nymag.com, 21 marzo 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  93. ^ (EN) "PANGO lineages Lineage B.1.526", su cov-lineages.org. URL consultato il 1º maggio 2021.
  94. ^ (EN) Shrutirupa, "IS THIS COVID – 20?, su selfimmune.com, 17 aprile 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  95. ^ ""Convergent evolution of SARS-CoV-2 spike mutations, L452R, E484Q and P681R, in the second wave of COVID-19 in Maharashtra, India"", 24 aprile 2021, DOI:10.1101/2021.04.22.440932. URL consultato il 1º maggio 2021.
  96. ^ (EN) "'Double mutant': What are the risks of India's new Covid-19 variant", su bbc.co.uk, 25 marzo 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  97. ^ "India's variant-fuelled second wave coincided with spike in infected flights landing in Canada", su torontosun.com, 10 aprile 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  98. ^ (EN) New coronavirus variant found in West Bengal, su thehindu.com, 21 aprile 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  99. ^ (EN) What is the new 'triple mutant variant' of Covid-19 virus found in Bengal? How bad is it?, su indiatoday.in, 22 aprile 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  100. ^ (EN) "DOH confirms detection of 2 SARS-CoV-2 mutations in Region 7", su news.abs-cbn.com, 18 febbraio 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  101. ^ (EN) Eimor Santos, DOH reports COVID-19 variant ‘unique’ to PH, first case of Brazil variant, su cnnphilippines.com, 13 marzo 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  102. ^ (EN) "Japan detects new coronavirus variant from traveler coming from PH", su cnnphilippines.com, 13 marzo 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  103. ^ Ida Artiaco, La nuova variante filippina del Covid-19 è arrivata in Europa: identificati due casi in Inghilterra, su fanpage.it, 17 marzo 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  104. ^ (EN) "UK reports 2 cases of COVID-19 variant first detected in Philippines", su news.abs-cbn.com, 17 marzo 2021. URL consultato il 1º maggio 2021.
  105. ^ Yatish Turkahia, Bryan Thornlow, Angie Hinrichs, Jakob McBroome, Nicolas Ayala, Cheng Ye, Pandemic-Scale Phylogenomics Reveals Elevated Recombination Rates in the SARS-CoV-2 Spike Region, su dx.doi.org, 5 agosto 2021. URL consultato il 14 marzo 2022.
  106. ^ (EN) Philippe Colson, Pierre-Edouard Fournier e Jeremy Delerce, Culture and identification of a “Deltamicron” SARS-CoV-2 in a three cases cluster in southern France, Infectious Diseases (except HIV/AIDS), 8 marzo 2022, DOI:10.1101/2022.03.03.22271812. URL consultato il 14 marzo 2022.
  107. ^ Conferenza stampa dell'OMS del 9 marzo 2022, su Twitter. URL consultato il 14 marzo 2022.
  108. ^ Varianti “ricombinanti” di SARS-Cov-2: la nuova variante XE - Network Bibliotecario Sanitario Toscano, su www.nbst.it. URL consultato il 6 aprile 2022.
  109. ^ UK Health Security Agencyː SARS-CoV-2 variants of concern and variants under investigation in England Technical briefing 39- 25 March 2022 (PDF), su assets.publishing.service.gov.uk.
  110. ^ WHOː COVID-19 Weekly Epidemiological Update, Edition 85, published 29 March 2022 (PDF), su deadline.com.
  111. ^ a b (EN) "Aggiornamento sul coronavirus (COVID-19): la FDA pubblica politiche per guidare gli sviluppatori di prodotti medici nell'affrontare le varianti dei virus", su fda.gov, 23 febbraio 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  112. ^ Mahase, "Covid-19: Where are we on vaccines and variants?", DOI:10.1136/bmj.n597.
  113. ^ Rapid increase of a SARS-CoV-2 variant with multiple spike protein mutations observed in the United Kingdom (PDF), su ecdc.europa.eu.
  114. ^ Muik A, Wallisch AK, Sänger B, Swanson KA, Mühl J, Chen W, et al., "Neutralization of SARS-CoV-2 lineage B.1.1.7 pseudovirus by BNT162b2 vaccine-elicited human sera", Science, marzo 2021, p. 371, DOI:10.1126/science.abg6105, PMID 33514629. URL consultato l'11 giugno 2021.
  115. ^ Wang P, Nair MS, Liu L, Iketani S, Luo Y, Guo Y, et al., "Antibody Resistance of SARS-CoV-2 Variants B.1.351 and B.1.1.7", Science, marzo 2021, p. 593, DOI:10.1038/s41586-021-03398-2, PMID 33684923. URL consultato l'11 giugno 2021.
  116. ^ Varianti virali: i vaccini sono comunque efficaci, su fondazioneveronesi.it, 16 marzo 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  117. ^ (EN) "Moderna develops new vaccine to tackle mutant Covid strain", su ft.com, 25 gennaio 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  118. ^ (EN) "Johnson & Johnson Announces Single-Shot Janssen COVID-19 Vaccine Candidate Met Primary Endpoints in Interim Analysis of its Phase 3 ENSEMBLE Trial", su jnj.com, 29 gennaio 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  119. ^ (EN) Andy Francis, "Oxford/AstraZeneca COVID shot less effective against South African variant: study", su reuters.com, 6 febbraio 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  120. ^ (EN) "South Africa halts AstraZeneca jab over new strain", su bbc.com, 6 febbraio 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  121. ^ (EN) "South Africa suspends Oxford-AstraZeneca vaccine rollout after researchers report 'minimal' protection against coronavirus variant", su washingtonpost.com, 7 febbraio 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  122. ^ (EN) "Covid: South Africa halts AstraZeneca vaccine rollout over new variant", su bbc.com, 7 febbraio 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  123. ^ "Neutralizing Activity of BNT162b2-Elicited Serum – Preliminary Report", DOI:10.1056/nejmc2102017, PMID 33596352.
  124. ^ (FR) Virus : le vaccin Pfizer/BioNTech moins efficace contre le variant sud-africain, selon une étude israélienne, su sciencesetavenir.fr, 11 aprile 2021. URL consultato l'11 giugno 2022.
  125. ^ Andrea Pisano, La variante sudafricana rende il vaccino Pfizer inefficace, tutti i ‘buchi’ della ricerca israeliana, su ilriformista.it, 11 aprile 2021. URL consultato l'11 giugno 2022.
  126. ^ (EN) "1 SARS-CoV-2 variants B.1.351 and P.1 escape from neutralizing antibodies", su ncbi.nlm.nih.gov, marzo 2021. URL consultato l'11 giugno 2021.
  127. ^ (EN) "Pfizer and BioNTech Confirm High Efficacy and No Serious Safety Concerns Through Up to Six Months Following Second Dose in Updated Topline Analysis of Landmark COVID-19 Vaccine Study", su pfizer.com, 1º aprile 2021. URL consultato il 13 giugno 2021.
  128. ^ Hoffmann M, Arora P, Gross R, Seidel A, Hoernich BF, Hahn AS, et al., "1 SARS-CoV-2 variants B.1.351 and P.1 escape from neutralizing antibodies", DOI:10.1016/j.cell.2021.03.036, PMID 33794143.
  129. ^ (EN) Shrutirupa, "IS THIS COVID – 20?, su selfimmune.com, 17 aprile 2021. URL consultato il 13 giugno 2021.
  130. ^ (EN) "'Double mutant': What are the risks of India's new Covid-19 variant", su bbc.co.uk, 25 marzo 2021. URL consultato il 13 giugno 2021.
  131. ^ (EN) "An Indian SARS-CoV-2 Variant Lands In California. More Danger Ahead?", su forbes.com, 12 aprile 2021. URL consultato il 13 giugno 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]