Geografia della Grecia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa fisica della Grecia.

1leftarrow.pngVoce principale: Grecia.

La Grecia si trova nell'Europa meridionale, all'estremo sud della Penisola balcanica; la sua superficie è di 131.940 km²[1], di cui 130.800 sono effettivi, mentre i restanti 1.140 sono di acque interne (laghi, fiumi...). Confina a nord con l'Albania (282 km), la Macedonia (228 km) e la Bulgaria (494 km) e a nord-est con la Turchia (206 km), per un totale di 1230 km; si affaccia ad est sul Mar Egeo, a sud sul Mar Mediterraneo e ad ovest sul Mar Ionio. Il paese si estende approssimativamente in latitudine dai 35ºN ai 42ºN ed in longitudine dai 19ºE ai 28º30'E. Gran parte di esso è composto da terraferma, che si articola in diverse penisole (la maggiore è quella del Peloponneso, collegata al continente dall'Istmo di Corinto), ma possiede anche oltre 3000 isole, per un totale di 15021 km di coste.

L'80% della Grecia è montuoso, il che ne fa uno dei più montuosi Stati d'Europa. La catena montuosa del Pindo si estende da nord-ovest a sud-est attraverso il centro del paese, con un'altitudine massima di 2637 m; estensioni della stessa catena si diramano formando il Peloponneso e molte delle isole dell'Egeo, inclusa Creta, fino a congiungersi con il Tauro in Turchia meridionale. La Grecia centro-occidentale contiene alti e ripidi picchi tagliati da canyon e altri fenomeni carsici, come a Meteora e nelle Gole di Vikos (tra le più larghe del mondo e seconde solo al Grand Canyon per profondità, raggiungendo anche i 1100 m). Il Monte Olimpo, tra Tessaglia e Macedonia, è il monte più alto della Grecia (2919 m s.l.m.); altri monti della zona sono i Rodopi, che segnano il confine tra Grecia e Bulgaria. Le poche pianure della Grecia si trovano principalmente nel nord-est del paese: Tessaglia orientale, Macedonia e Tracia. Laghi e zone umide sono perlopiù diffusi nelle regioni occidentali.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Il clima della Grecia si divide in tre zone.

  • Il clima mediterraneo (inverni miti e umidi, estati calde e secche) si trova principalmente nelle isole e lungo le coste; le temperature raramente raggiungono picchi massimi o minimi, anche se talvolta vi sono nevicate in inverno ad Atene, nelle Cicladi o su Creta.
  • Il clima temperato (inverni freddi e umidi, estati calde e secche) si trova nella zona centro-orientale della parte continentale del paese, soprattutto in Macedonia e Tracia.
  • Il clima di montagna si trova principalmente nella Grecia occidentale, dove le montagne sono più elevate e il mare è più distante: Epiro, Tessaglia, Macedonia occidentale e le zone più interne del Peloponneso (Acaia, Arcadia, Laconia).

I sobborghi meridionali di Atene si trovano nella fascia mediterranea e quelli settentrionali in quella temperata. La città di Atene è caratterizzata da un forte effetto isola di calore urbano.[2][3][4][5][6][7][8][9][10][11][12][13]


del continente dall'istmo e dal Canale di Corinto, oltre che da più di 1500 isole nel Mar Egeo e nel Mar Ionio, le più importanti delle quali sono Creta, Eubea, Lesbo, Chio, e quelle facenti parte della prefettura del Dodecaneso, delle Cicladi e delle Isole Ionie. La Grecia è il dodicesimo Stato al mondo per estensione costiera, con 13.676 km di coste, e ha una linea di confine lunga 1.160 km.

L'80% circa della Grecia è composto da montagne o colline, tanto da essere uno dei Paesi europei più montuosi. Il Monte Olimpo, un luogo importante della cultura ellenica nel passare degli anni, è alto 2.917 m, ed è la vetta più alta del Paese. Considerato un tempo la residenza degli Dei, è oggi molto popolare fra gli amanti dell'alpinismo e del trekking. La Grecia occidentale presenta diversi laghi ed è dominata dalla catena montuosa del Pindo, che raggiunge l'altitudine di 2.637 m in corrispondenza del Monte Smolikas. In queste zone, la Gola di Vikos è un altro luogo molto amato da chi pratica sport alpini, con diversi sentieri anche accessibili agli amatori.

Le catene montuose continuano poi nel Peloponneso, sulle isole di Kythera e Antikythera, fino all'isola di Creta. Le isole dell'Egeo costituiscono le vette di catene montuose sottomarine che una volta formavano un'estensione del continente principale. Il Pindo è caratterizzato da numerose gole, canyon, e altre formazioni notevoli come le impressionanti Meteore, delle formazioni rocciose alte diverse centinaia di metri che attirano migliaia di turisti ogni anno.

La Grecia nordorientale è caratterizzata da un'altra catena montuosa importante, quella dei Monti Rodopi, che si espandono lungo la regione amministrativa della Macedonia orientale e Tracia, una regione coperta da vaste e antiche foreste. La famosa foresta di Dadia si trova nella prefettura di Evros, nella parte più nordorientale della Grecia.

Grandi pianure si trovano nelle prefetture delle regioni della Tessaglia e della Macedonia Centrale, che costituiscono zone chiave dell'agricoltura su larga scala. Specie marine rare come la foca monaca e le tartarughe caretta caretta vivono nei mari che circondano la Grecia continentale, mentre le dense foreste del continente sono l'habitat di animali in pericolo come l'orso bruno, la lince e il capriolo.

La vegetazione spazia dai boschi di conifere, e in particolare pini e abeti (nella sottospecie abete greco), alle foreste di querce e platani, fino alla macchia mediterranea.

Zona continentale[modifica | modifica sorgente]

La Grecia continentale forma la parte meridionale della Penisola balcanica, e include a nord parti delle regioni storiche della Macedonia e della Tracia, allungandosi poi a sud in una vera e propria "penisola greca", comprendente le regioni di Epiro, Tessaglia, Beozia, Etolia, Acarnania ed Attica, fino a terminare nella penisola del Peloponneso, comprendente Arcadia, Laconia, Argolide e Corinzia.

Il più alto monte della Grecia si trova nella zona continentale: si tratta del Monte Olimpo, tra Tessaglia e Macedonia, che con i suoi 2919 m è anche la punta più alta dell'intera Penisola balcanica, superando di più di 500 m il Monte Botev (il picco più alto dei Monti Balcani veri e propri, in Bulgaria).

Isole[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista di isole della Grecia.

Creta[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Creta.

Creta è l'isola più grande della Grecia e la seconda (dopo Cipro) del Mediterraneo orientale. Ha forma allungata: si estende per 260 km in direzione est-ovest, mentre la sua larghezza nord-sud è di al più 60 km (anche se in alcune zone è ben più stretta, come presso Ierapetra dove raggiunge appena i 12 km); a nord è bagnata dal Mare di Creta e a sud dal Mar libico. Si trova a circa 160 km più a sud della Grecia continentale.

Creta è caratterizzata da una catena di monti che la attraversa da ovest a est, e caratterizzata da tre sotto-catene principali:

Questi monti racchiudono fertili altopiani (Lasithi, Omalos, Nidha), caverne (Diktaion, Idaion) e gole (famose le gole di Samariá). In queste zone si possono trovare specie autoctone, come la capra cretese o kri-kri (Capra aegagrus creticus), o altre diffuse anche in Europa ma comunque molto rare, come il gipeto (Gypaetus barbatus).

Sono presenti sull'isola anche alcuni brevi torrenti, come il fiume Ieropotamos nella parte meridionale.

Creta è attraversata da due diverse fasce climatiche, la mediterranea e la nord-africana, pur appartenendo principalmente alla prima. Nella fascia mediterranea, il clima è prevalentemente temperato, umido o meno a seconda della distanza dal mare, con inverni particolarmente miti; la neve è abbastanza comune sulle montagne nel periodo tra novembre e maggio, mentre è ben più rara in pianura, specialmente presso le coste dove resiste solo pochi minuti, ma vi sono state eccezioni: la più recente, nel febbraio del 2004, ha comportato una nevicata che ha imbiancato l'intera isola. L'estate cretese nella fascia mediterranea porta sull'isola temperature medie di circa 30 °C, con massime fin oltre i 40 °C. La costa meridionale, compresa la Pianura di Messara e i Monti Asterousia, appartiene invece alla fascia nord-africana, che comporta un ben più elevato numero di giornate soleggiate e temperature più alte durante l'anno; nel sud dell'isola la palma da datterifrutti e le rondini non migrano verso l'Africa durante l'inverno.

Isole Ionie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Isole Ionie.

Le Isole Ionie sono un arcipelago di decine di isole, di cui sette principali (da cui il nome di Eptaneso): le sei più settentrionali (Corfù, Passo, Leucade, Itaca, Cefalonia e Zante) si trovano di fronte alla costa occidentale della Grecia, nel Mar Ionio, mentre la settima (Cerigo) si trova invece a sud del Peloponneso, ad ovest del Mare di Creta; è inoltre da notare che Cerigo è separata anche politicamente dalle altre isole, non essendo parte della periferia delle Isole Ionie (in greco Ionioi Nisoi) ma di quella dell'Attica.

Le Isole Ionie non devono neppure essere confuse con la regione storica della Ionia, in Asia Minore (l'odierna Turchia occidentale).

Isole egee[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Isole egee.

Le Isole egee, ovvero le isole che si trovano nel Mar Egeo (delimitato a sud da Creta), sono situate tra la Grecia continentale ad ovest e a nord e l'Anatolia ad est. Esse si dividono tradizionalmente in sette gruppi principali:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito del CIA World Factbook.
  2. ^ Giannakopoulos C., Hatzai M., Kostopoulou E., McCarty M., Goodess C. (2010). "The impact of climate change and urban heat islands on the occurrence of extreme events in cities. The Athens case". Proc. of the 10th International Conference on Meteorology, Climatology and Atmospheric Physics, Patras, Greece, May 25th–28th, 2010, pp. 745–752.
  3. ^ European Space Agency ESA helps make summer in the city more bearable. URL consultato il 7 novembre 2010.
  4. ^ Katsoulis B.D., Theoharatos G.A. (1985). "Indications of the Urban Heat Island in Athens, Greece". Journal of Applied Meteorology, vol. 24, Issue 12, pp.1296–1302
  5. ^ Stathopoulou M., Cartalis C., Andritsos A. (2005)."Assessing the thermal environment of major cities in Greece". International Conference "Passive and Low Energy Cooling for the Built Environment", May 2005, Santorini, Greece, pp. 108–112.
  6. ^ Kassomenos P.A. and Katsoulis B.D. (2006). "Mesoscale and macroscale aspects of the morning Urban Heat Island around Athens, Greese", Meteorology and Atmospheric Physics, 94, pp. 209–218.
  7. ^ Santamouris M., Papanikolaou N., Livada I., Koronakis I., Georgakis A., Assimakopoulos D.N. (2001). "On the impact of urban climate on the energy consumption of buildings". Solar Energy, 70 (3): pp. 201–216.
  8. ^ Katsoulis B.D., Theoharatos G.A. (1985). "Indications of the Urban Heat Island in Athens, Greece". Journal of Applied Meteorology, vol. 24, Issue 12, pp.1296-1302
  9. ^ Katsoulis B. (1987). "Indications of change of climate from the Analysis of air temperature time series in Athens, Greece". Climatic Change, 10, 1, pp- 67–79.
  10. ^ Repapis C. C, Metaxas D. A. (1985). "The Possible influence of the urbanization in Athens city on the air temperature climatic fluctuations at the National Observatory". Proc. of the 3rd Hellenic-British Climatological Congress, Athens, Greece 17–21 April 1985, pp.188–195.
  11. ^ Philandras C.M, Metaxas D.A., Nastos P.T. (1999). "Climate variability and Urbanization in Athens". Theoretical and Applied Climatology, vol. 63, Issue 1–2, pp.65–72.
  12. ^ Philandras C.M, Nastos P.T. (2002). "The Athens urban effect on the air temperature time series of the National Observatory of Athens and New Philadelphia stations". Proc. of the 6th Hellenic Conference on Meteorology, Climatology and Atmospheric Physics, Ioannina Greece, 25–28 September 2002, pp.501–506.
  13. ^ Repapis C.C., Philandras C.M., Kalabokas P.D., Zerefos C.S. (2007). "Is the last years abrupt warming in the National Observatory of Athens records a Climate Change Manifestation?". Global NEST Journal, Vol 9, No 2, pp. 107–116.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Grecia