Aliacmone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Aliacmone
Aliacmone
Stato Grecia Grecia
Lunghezza 297 km
Nasce Pindo (catena montuosa)
Sfocia Mar Egeo
40°28′04″N 22°39′15″E / 40.467778°N 22.654167°E40.467778; 22.654167Coordinate: 40°28′04″N 22°39′15″E / 40.467778°N 22.654167°E40.467778; 22.654167

L'Aliacmone o Aliacmon (in greco antico: Ἁλιάκμων, Haliákmōn, o in greco moderno Αλιάκμονας, Aliákmonas; slavo- bulgaro : Bistritsa;[1][2][3] turco: İnce Karasu) è il fiume più lungo della Grecia, misurando complessivamente 297 km (200 miglia). Haliacmon è il nome tradizionale inglese riferito a questo fiume, ma molte fonti citano la versione del nome (precedentemente ufficiale) in lingua katharevousa, Aliákmon. Oggi, la sola variante ufficiale è il demotico Aliákmonas.

Sorge dalla catena montuosa settentrionale del Pindo, nella Grecia del nord, al confine con l'Albania, prima di scorrere verso sud-est, poi dunque verso nord-est attraverso le periferie della Macedonia Occidentale e Centrale per immettersi nel lago di Kastoria, dentro la diga, sfociando poi nel Golfo Termaico. Bagna un'area estesa, molto importante per l'agricoltura regionale. Il fiume forma la parte occidentale del delta dell'Axios (aka Vardar), scorrendo nella unità periferiche di Kastoria, Grevena, Kozani, Emazia, e Pieria.

Corso dell'Aliacmone, visto dal satellite terrestre.
(Il corso del fiume è stato evidenziato in blu)
Il ponte (1352 m.) su lago artificiale del fiume Aliacmone nell'unità periferica di Kozani.

L'Aliacmone scorre attraverso Kastoria, Neapoli, a ovest di Siatista e nell'unità periferica di Grevena e a est di Grevena, a sud di Kozani e nella diga di Polyfytos (lunga 20 km e 4–5 km circa larga), a sud-est di Aiane, nelle gole e a sud-est di Veria e nord di Aiginio e a nord-est di Metone.

Nell'antichità, Claudio Tolomeo chiamava la catena montuosa dove sorgeva il fiume (Pindo settentrionale) Canalovii. Secondo Giulio Cesare, l'Aliacmone formava la linea di demarcazione tra Macedonia e Tessaglia. Nella parte superiore del suo corso prendeva una diresione verso sud-est, attraversando la regione di Elimiotide; e dunque, continuando verso nord-est, veniva a formare il confine tra Pieria, Eordia ed Emazia. Al tempo di Erodoto[4] l'Aliacmone era apparentemente unito dal Lidio (Loudias) 7, 127, l'emissario del lago di Pella; ma un mutamento avveniva nel corso del Lidio, il quale non più unito all'Aliacmone, finiva per scorrere sfociando direttamente nel Mar Egeo. L'immagine sottostante mostra un fenomeno del cosiddetto in lingua inglese wind gap[5] tra gli spatiacque dell'Aliacmone e il Lidio che è probabilmente l'antico corso dell'Aliacmone.

Esso era il regno del dio fluviale eponimo Aliacmone.

Haliacmon Wind Gap.png

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Enciclopedia delle lingue d'Europa, Glanville Price, Blackwell Publishing, 2000, ISBN 0-631-22039-9, p. 316.
  2. ^ (DE) Die Jungtürken und die mazedonische Frage(1890-1918), Mehmet Hacısalihoğlu, Oldenbourg Wissenschaftsverlag, 2003, ISBN 3-486-56745-4, s. 42.
  3. ^ (EN) Una storia delle crociate, Volume IV, Arte e architettura degli stati Stati crociati, Kenneth M. Setton, Harry W. Hazard, Edition: University of Wisconsin Press, 1977, ISBN 0-299-06824-2, p.368.
  4. ^ L'accampamento di Serse si estendeva... a partire dalle città di Terme e di Migdonia fino ai fiumi Lidio e Aliacmone, che segnano il confine fra il paese di Bottiea e la Macedonide (non Macedonia), mescolando le loro acque in un unico corso. - Erodoto, Storie, VIII, 127
  5. ^ Un wind gap è una caratteristica geografica di una valle attraverso cui una volta fluiva un corso d'acqua, ma che ora è asciutto come risultato di un "cattura fluviale" (fenomeno geomorfologico che accade quando un sistema di drenaggio di un corso d'acqua o fiume o spartiacque, per varie ragioni, viene deviato dal suo proprio alveo, scorrendo invece nel letto di un corso d'acqua vicino).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]