Caso (Egeo Meridionale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caso
comune
Κάσος
Caso – Veduta
Localizzazione
Stato Grecia Grecia
Periferia Egeo Meridionale
Unità periferica Scarpanto
Territorio
Coordinate 35°24′N 26°55′E / 35.4°N 26.916667°E35.4; 26.916667 (Caso)Coordinate: 35°24′N 26°55′E / 35.4°N 26.916667°E35.4; 26.916667 (Caso)
Superficie 69,464 km²
Abitanti 990 (2001)
Densità 14,25 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 857 00
Prefisso 22450
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Caso
Caso – Mappa
Sito istituzionale

Caso (in greco Κάσος, Kasos), è un'isola dell'Egeo appartenente geograficamente all'arcipelago del Dodecaneso e dal punto di vista amministrativo comune autonomo della periferia dell'Egeo Meridionale (unità periferica di Scarpanto) con 990 abitanti al censimento 2001[1].

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Kasos sta ad ovest di Karpathos da cui dista appena 3 miglia nautiche e a nord di Creta da cui dista 26 miglia nautiche. Limita il mar Egeo a sud est. È circondata da numerosi isolotti e scogli tra cui il più grande è quello disabitato di Armathia È un'isola montuosa, rocciosa, brulla, battuta da venti impetuosi. Lungo i pendii si trovano numerose grotte tra le quali spiccano quella di Selladi nota per le sue stalattiti e quella di Ellinokamari famosa per le mura ciclopiche che la circondano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Kasos ha seguito le vicende storiche di Karpathos. Con una eccezione: Ai tempi in cui apparteneva alla sublime porta le venne concessa una certa autonomia che permise ai suoi abitanti di avviare un'attività armatoriale sviluppatasi col tempo. Alla fine del 1820 A Kasos c'era una flotta di cento navi. Nel 1823 operarono con successo un'incursione nel porto egiziano di Damietta riuscendo a catturare 19 navi. Mehmet Ali sovrano d'Egitto doveva distruggere poi tutta l'isola nel maggio 1824.

In seguito alla Guerra italo-turca, nel 1912 entrò a far parte dei possedimenti italiani nel Dodecaneso italiano. Fu occupata dalla Germania dal settembre 1943 al maggio 1945, dopodiché passò sotto controllo britannico. Fu annessa alla Grecia nel 1947.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'isola conta 5 località tra le quali:

  • Fri (in greco:Φρυ) è lo scalo principale dove approdano i traghetti. È anche la sede del municipio di Kassos. Ad una distanza di 500 metri circa si trova il vecchio scalo di Emporio.
  • Aya Marina, su un'altura che domina il porto di Fry era il vecchio capoluogo
  • Poli è un piccolo villaggio agricolo dell'interno su un'altura di 200 metri in posizione dominante sull'isola. Giace sul sito dell'acropoli di un'antica città oggetto di scavi e i cui reperti sono stati alloggiati nell'edificio del vecchio municipio di Fry e non sono visitabili.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Censimento 2001. URL consultato il 4 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]