Università telematica "Italian University Line"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Università Telematica "Italian University Line"
Stato Italia Italia
Città Firenze
Soprannome IUL
Motto L'Università online per la società che cambia
Fondazione 2005
Tipo non statale
Facoltà Scienze della Formazione
Presidente Flaminio Galli
Sito web www.iuline.it/
LOGO IUL RGB SETT 2016.png

L'Italian University Line-IUL è un'università telematica pubblica, non statale, riconosciuta dal MIUR con Decreto Ministeriale del 2 dicembre 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 5 gennaio 2006 e autorizzata ad istituire corsi universitari a distanza (laurea e laurea magistrale, master di I e II livello, corsi di perfezionamento e di aggiornamento professionale). Rilascia titoli accademici con valore legale ai sensi dell'articolo 3 del Decreto Ministeriale n. 509 del 3 novembre 1999 e successive modificazioni.[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'ateneo è promosso dal Consorzio IUL, composto dall'Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa (Indire) e dall'Università degli studi di Firenze.

Inizialmente il Consorzio vedeva la partecipazione come soci fondatori anche delle università di Milano-Bicocca, di Macerata[2], LUMSA di Roma, Palermo, Catania, e Telematica Unidav di Chieti, nonché la De Agostini Scuola S.p.A., uscitane in seguito[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, decreto 2 dicembre 2005, gazzettaufficiale.it. URL consultato il 04 marzo 2005.
  2. ^ Università di Macerata - Consorzio Italian University line (IUL) – recesso (PDF), unimc.it. URL consultato il 12 marzo 2015.
  3. ^ verbale dell'Assemblea ordinaria del Consorzio IUL - 25 ottobre 2006 - Punto 2
  4. ^ Verifica dei risultati conseguiti dall'Università Telematica non statale ITALIAN UNIVERSITY LINE - IUL al termine del quinto anno di attività (PDF), anvur.org. URL consultato il 12 marzo 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale