Roberto Herlitzka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Herlitzka nel 2010.

Roberto Herlitzka (Torino, 2 ottobre 1937) è un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Torino, secondogenito dopo il fratello Paolo, da Bruno Herlitzka, ceco ebreo di Brno emigrato con la propria famiglia, e da Micaela Berruti, traduttrice, italiana di religione cattolica[1]. I genitori si dividono presto tramite la Sacra Rota, e suo padre, sposata la pittrice Giorgina Lattes, nel gennaio 1939 emigra in Argentina per sfuggire alle leggi razziali, alle quali sfuggono anche lui e il fratello ottenendo temporaneamente il cognome della madre, Berruti. Nel 1947, a Buenos Aires, nasce la sorellastra Laura Herlitzka. Roberto studia al Liceo Ginnasio Massimo D'Azeglio e si iscrive a Lettere all'Università degli Studi di Torino, ma presto si trasferisce a Roma, in casa del padre tornato dall'Argentina e lì divenuto gallerista, per studiare da allievo di Orazio Costa presso l'Accademia nazionale d'arte drammatica. Nelle stagioni teatrali 2002-2003 e 2003-2004 ha vinto il Premio Ubu come miglior attore italiano.

Nel 2004 si è aggiudicato un Nastro d'argento come migliore attore e un David di Donatello come miglior attore non protagonista per la sua interpretazione di Aldo Moro nel film di Marco Bellocchio Buongiorno, notte (che gli è valso anche il Premio Horcynus Orca quattro anni dopo), e ha ricevuto un Premio Gassman come miglior attore per gli spettacoli teatrali Lasciami andare madre e Lighea.

Nel 2013 al Bari International Film Festival ha ottenuto il Premio Vittorio Gassman come miglior attore protagonista per il film Il rosso e il blu.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roberto Herlitzka - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 18 aprile 2018.
  2. ^ Albo d'oro dei premiati, su premiflaiano.com. URL consultato il 18 maggio 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emanuele Tirelli (a cura di), Voglio fare l'attore. Vita e teatro di Roberto Herlitzka, Caracò, 2019, ISBN 9788899904180

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore David di Donatello per il miglior attore non protagonista Successore
Ernesto Mahieux
per L'imbalsamatore
2004
per Buongiorno, notte
Carlo Verdone
per Manuale d'amore
Controllo di autoritàVIAF (EN12072584 · ISNI (EN0000 0001 1596 1988 · SBN SBLV222247 · LCCN (ENno2006126156 · BNE (ESXX4679979 (data) · J9U (ENHE987007349933505171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2006126156