Domenico Campana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Domenico Campana (Reggio Calabria, 24 febbraio 1929) è uno scrittore, sceneggiatore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Personalità multiforme, iniziò la sua carriera di scrittore con il dramma I giorni dell’amore, vincitore nel 1963 del Premio Marzotto. Per la RAI fu autore di importanti reportages e scrisse e diresse numerosi sceneggiati.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Promessi in USA, prefazione di Alberto Bevilacqua, Milano, Bietti, 1974
  • Memorie del crudele inverno, Milano, Rusconi, 1979
  • La stanza dello scirocco, Palermo, Sellerio, 1986; giunto nel 2003 alla 8ª edizione[1]; traduzione francese: A l'abri du scirocco, Paris, Liana Levi, 1999[2]
  • L' isola delle femmine, Torino, Einaudi, 1991; traduzione tedesca: Das Leuchten der Sirene: ein Roman aus dem alten Sizilien, München, Knaur, 1995[3]
  • Zeno di Nomadelfia: un profeta scomodo, nota introduttiva di Nilde Iotti, Torino, Edizioni paoline, 1991
  • I giardini della Favorita, Torino, Einaudi, 1992
  • Tu notte che conduci, Milano, Bompiani, 1994

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN268511007 · LCCN (ENn80050299 · GND (DE142390844 · BNF (FRcb12091569w (data) · BNE (ESXX1014891 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80050299