De reditu - Il ritorno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
De reditu - Il ritorno
De reditu 01.jpg
Una scena del film
Titolo originale De reditu - Il ritorno
Paese di produzione Italia
Anno 2003
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere storico
Regia Claudio Bondì
Soggetto Claudio Rutilio Namaziano (poema)
Sceneggiatura Alessandro Ricci, Claudio Bondì
Produttore Alessandro Verdecchi
Casa di produzione Misami Film
Distribuzione (Italia) Orango Film Distribuzione
Fotografia Marco Onorato
Montaggio Roberto Schiavone
Musiche Lamberto Macchi
Scenografia Marina Pinzuti;
Costumi Stefania Svizzeretto
Interpreti e personaggi

De reditu - Il ritorno è un film storico del 2003 diretto da Claudio Bondì, liberamente tratto dal poema latino del V secolo De reditu suo scritto da Claudio Rutilio Namaziano.

Girato a Crotone[1], questo film è stato riconosciuto come d'interesse culturale nazionale dalla Direzione generale per il cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali italiano, in base alla delibera ministeriale del 30 maggio 2005.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 415 Claudio Rutilio Namaziano, patrizio pagano, decide di tornare nella natìa Tolosa, in Gallia, per verificare le condizioni dei suoi possedimenti dopo il passaggio dei Goti di Alarico I che cinque anni prima erano arrivati sino a Roma.

Il film amplia l'originale trama letteraria del De Reditu suo introducendo una seconda motivazione al viaggio di Rutilio, non presente nel poema latino: nella versione cinematografica infatti, il protagonista ha anche il segreto proposito di raccogliere denaro e consensi dai più prominenti patrizi rimasti ancora fedeli al paganesimo, al fine di far acclamare un imperatore pagano che destituisca il cristiano Onorio e cerchi di risollevare le sorti di Roma. Ma la disperata impresa di Rutilio è nata sotto una cattiva stella e il viaggio avrà un epilogo tragico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nuovo film nel crotonese: si gira "Il ritorno" - ilCrotonese.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]