Pro Patria et Libertate Unione degli Sports Bustesi 1919-1920

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Aurora Pro Patria 1919.

Pro Patria et Libertate Unione degli Sports Bustesi
Stagione 1919-1920
AllenatoreCommissione Tecnica
PresidenteItalia Carlo Castiglioni[1][2]
Promozione1º posto nel girone A delle qualificazioni, 4º posto nel girone finale lombardo.
Maggiori presenzeCampionato: Marcora e Fasoli (18)
Miglior marcatoreCampionato: Crosta (7)
StadioStadium di via Valle Olona

Questa pagina raccoglie le informazioni riguardanti la Pro Patria et Libertate nelle competizioni ufficiali della stagione 1919-1920.

La nascita della Pro Patria[modifica | modifica wikitesto]

Chiuso il conflitto con la perdita di diversi calciatori a cui fu dedicata una "Lapide ai Caduti Sportivi" murata all'interno della palestra di via Cesare Lombroso, lapide andata perduta con l'abbattimento di tutto l'edificio,[3] la Busto Arsizio sportiva ripartì con la costituzione di un "comitato promotore", costituito soprattutto da calciatori appartenuti alle 3 squadre calcistiche cittadine, il quale inviò in data 31 dicembre 1918 a Carlo Castiglioni, presidente della Pro Patria et Libertate, una lettera in cui le società "chiamate alla rinuncia delle proprie individualità ... troveranno nel nuovo Ente la continuazione delle belle tradizioni che onorano le loro bandiere ..." e proponevano alla Pro Patria quale nuovo nome della società sorgente Pro Italia - Unione degli Sports Bustesi.[4]

La Pro Patria, riunitasi in assemblea in data 14 gennaio 1919 in una sala del Caffè Brugioli, respinse il cambio di denominazione demandando al Castiglioni, con l'assemblea del 24 febbraio 1919, lo studio della possibile fusione societaria.[4]

Con l'assemblea del 26 febbraio 1919 i soci deliberavano lo scioglimento della Società Ginnastica Pro Patria et Libertate e il conferimento della bandiera sociale, del medagliere, i fondi e tutte le altri attività sociali alla nuova società denominata Pro Patria et Libertate - Unione degli Sports Bustesi.[5]

Mentre la Juventus si diceva ancora "in attesa dell'auspicata fusione", riprendeva l'attività sportiva organizzando una coppa fra società indipendenti.[6]

La definitiva assemblea costitutiva ebbe luogo a Busto Arsizio sabato 1 marzo 1919 e vide presenti i 47 soci costituenti[7] e i delegati delle 5 società partecipanti alla fusione: Pro Patria et Libertate, Aurora, Victoria Busto, Unione Sportiva Bustese e Juventus.[8]

La nuova società sportiva inaugurava in data domenica 19 ottobre 1919 il nuovo Stadium.[9]

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La prima stagione ufficiale della Pro Patria iniziò il 5 ottobre con lo spareggio d'ammissione al campionato di Prima Categoria che fu disputato sul campo neutro di Legnano.

Perso lo spareggio contro l'Enotria Goliardo, La Pro Patria dovette accontentarsi di disputare il campionato di Promozione lombarda, massimo livello dei campionati regionali dell'epoca.

Il 19 ottobre 1919 viene inaugurato il nuovo impianto sportivo, lo Stadium di via Valle Olona (110x60) con una capienza di 10.000 persone. Rimarrà il terreno ufficiale della Pro Patria fino a luglio del 1927.

Vincendo il proprio girone di qualificazione con 12 punti, a pari merito con i Giovani Calciatori Legnanesi, è ammessa al girone finale che la vide ottenere un 4º posto non sufficiente per la promozione nella categoria superiore.

Solo successivamente, alla compilazione dei quadri 1920-1921, ottenne con il Casteggio l'ammissione in Prima Categoria.

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva[10]

  • Presidente: Carlo Castiglioni
  • Vicepresidente: Giuseppe Rossi
  • Consiglieri: Piero Guidali

Area organizzativa[10]

  • Segretari: Antonio Marcora Pasqualoni e Carlo Cattaneo

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia A Bevilacqua
Italia A Albino Bottini
Italia D Cardani
Italia A Valentino Crosta
Italia C Mario Crosta
Italia C De Franceschi
Italia P Emilio Fasoli
Italia D Attilio Fizzotti
Italia D Gramegna
Italia A Maino
N. Ruolo Giocatore
Italia A Attilio Marcora
Italia C Ottolini
Italia C Pariani
Italia C Perego
Italia D Vittorio Porta
Italia C Angelo Ronzoni
Italia A Scarani
Italia D Taverna
Italia C Valentini
Italia C Venegoni

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Promozione 1919-1920.

Qualificazione[modifica | modifica wikitesto]

Legnano
5 ottobre 1919
Spareggio di ammissione
Enotria Goliardo2 – 0Pro PatriaCampo di via Lodi
Arbitro:  Varisco (Milano)

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Busto Arsizio
30 novembre 1919
1ª giornata
Pro Patria1 – 0LuinoStadium di via Valle Olona
Arbitro:  Bottelli (Milano)

7 dicembre 1919
2ª giornata
 – 
Turno di riposo

Gallarate
14 dicembre 1919
3ª giornata
Gallaratese0 – 2
A tav.[11]
Pro PatriaCampo S.G. Gallaratese
Arbitro:  Villa (Milano)

Busto Arsizio
21 dicembre 1919
4ª giornata
Pro Patria2 – 2LegnanesiStadium di via Valle Olona
Arbitro:  Tradico (Milano)

Milano
28 dicembre 1919
5ª giornata
Stelvio0 – 2Pro PatriaCampo di via Candiani
Arbitro:  Grossi (Milano)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Luino
4 gennaio 1920
6ª giornata
Luino3 – 2Pro PatriaCampo di Sant'Onofrio
Arbitro:  Bottelli (Milano)

11 gennaio 1920
7ª giornata
 – 
Turno di riposo

Busto Arsizio
18 gennaio 1920
8ª giornata
Pro Patria2 – 0
A tav.[12]
GallarateseStadium di via Valle Olona
Arbitro:  Crivelli (Milano)

Castellanza
25 gennaio 1920
9ª giornata[13]
Legnanesi2 – 2Pro PatriaCampo Sportivo
Arbitro:  Piazza (Milano)

Busto Arsizio
1º febbraio 1920
10ª giornata
Pro Patria4 – 1StelvioStadium di Via Valle Olona
Arbitro:  Bottelli (Milano)

Girone finale[modifica | modifica wikitesto]

Busto Arsizio
7 marzo 1920
1ª giornata
Pro Patria0 – 1LegnanesiStadium di via Valle Olona
Arbitro:  Piazza (Milano)

Monza
14 marzo 1920
2ª giornata
Monza0 – 2
A tav.[14]
Pro PatriaCampo delle "Grazie Vecchie"
Arbitro:  Crivelli (Milano)

Busto Arsizio
21 marzo 1920
3ª giornata
Pro Patria2 – 1Pro SestoStadium di via Valle Olona
Arbitro:  Tradico (Milano)

Casteggio
28 marzo 1920
4ª giornata
Casteggio1 – 1Pro PatriaCampo Sportivo Casteggio F.B.C.
Arbitro:  Fries (Milano)

Busto Arsizio
4 aprile 1920
5ª giornata[15]
Pro Patria0 – 0600px HEX-345193 bordered HEX-C9ECEC background.svg OlonaStadium di via Valle Olona
Arbitro:  Tradico (Milano)

Castellanza
11 aprile 1920
6ª giornata[16]
Legnanesi2 – 1Pro PatriaCampo del C.E.P.
Arbitro:  Livraghi (Milano)

Sesto San Giovanni
18 aprile 1920
7ª giornata[17]
Pro Patria1 – 1MonzaCampo di via Marconi
Arbitro:  Sessa (Milano)

Sesto San Giovanni
25 aprile 1920
8ª giornata
Pro Sesto1 – 2
A tav.[18]
Pro PatriaCampo di via Marconi
Arbitro:  Guiot (Milano)

2 maggio 1920
9ª giornata
Pro Patria2 – 0
A tav.[19]
Casteggio

Milano
9 maggio 1920
10ª giornata
Olona 600px HEX-345193 bordered HEX-C9ECEC background.svg3 – 0
A tav.[20]
Pro PatriaCampo di via Candiani
Arbitro:  Tradico (Milano)

Monza
23 maggio 1920
Recupero 2ª giornata
Monza1 – 0Pro PatriaCampo delle "Grazie Vecchie"
Arbitro:  Tradico (Milano)

Sesto San Giovanni
6 giugno 1920
Recupero 8ª giornata
Pro Sesto2 – 0Pro PatriaCampo di via Marconi
Arbitro:  Tradico (Milano)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brambilla-Linari-Magni, p. 36.
  2. ^ Nota bene: il libro di Fontanelli-Giacomelli riporta quale primo presidente Carlo Marcora a pag. 20, senza citare la cronologia e i libri scritti da Giorgio Romussi, Alberto Brambilla, Marco Linari e Carlo Magni.
  3. ^ Ugo Giammarchi, Le industrie di Busto Arsizio, p. 156, citata da Brambilla-Linari-Marchi a p. 31.
  4. ^ a b Brambilla-Linari-Magni, p. 33.
  5. ^ Brambilla-Linari-Magni, p. 34.
  6. ^ La Cronaca Prealpina del 27 febbraio 1919.
  7. ^ Brambilla-Linari-Magni, p. 35 che riporta la riproduzione del documento contenente l'elenco di tutti i soci con le firme in calce.
  8. ^ Articolo pubblicato da La Cronaca Prealpina di martedì 4 marzo 1919.
  9. ^ La Cronaca Prealpina di sabato 18 ottobre 1919.
  10. ^ a b Brambilla-Linari-Magni, p. 36.
  11. ^ Partita assegnata 2-0 a tavolino per delibera del Comitato Regionale Lombardo per esclusione della Gallaratese dal campionato. Sul campo era terminata 0-4.
  12. ^ Partita assegnata 2-0 a tavolino per delibera del Comitato Regionale Lombardo. Sul campo era terminata 4-1.
  13. ^ Partita rinviata e recuperata a Castellanza il 15 febbraio 1920.
  14. ^ Partita annullata per delibera del Comitato Regionale Lombardo e mandata a ripetere il 23 maggio 1920 a causa di un errore tecnico arbitrale.
  15. ^ Partita rinviata e recuperata il 16 maggio 1920.
  16. ^ Partita disputata sul campo di Castellanza.
  17. ^ Partita disputata sul campo di Sesto San Giovanni.
  18. ^ Partita annullata per delibera del Comitato Regionale Lombardo, a causa di un errore tecnico arbitrale, e recuperata il 6 giugno 1920.
  19. ^ Vinta 2-0 a tavolino per forfait del Casteggio.
  20. ^ Sospesa sul 3-0 a favore dell'Olona per ritiro della Pro Patria alla fine del primo tempo. Il Comitato Regionale Lombardo confermò il risultato conseguito sul campo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri

  • Giorgio Romussi, Rispuntano gli artigli, Busto Arsizio (VA), La Litografica, 1975.
  • G.Marcora, L.Pistocchini, A.Restelli, G.Romussi, L'onore di una bandiera, Busto Arsizio (VA), Busto Sport Edizioni, senza data.
  • Alberto Brambilla, Marco Linari e Carlo Magni, Calci di passione - Cento anni di storia sportiva a Busto Arsizio, Busto Arsizio (VA), Città di Busto Arsizio, 2003, pp. 31-40.
  • Carlo Fontanelli e Giorgio Giacomelli, Tigrotti, oltre un secolo con la Pro Patria, Empoli (FI), Geo Edizioni Srl, dicembre 2015, pp. 29-31.

Giornali