Diocesi di Sulmona-Valva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Sulmona-Valva
Dioecesis Sulmonensis-Valvensis
Chiesa latina
Cattedrale di San Panfilo.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi dell'Aquila
Regione ecclesiastica Abruzzo-Molise
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Vescovo Angelo Spina
Vicario generale Maurizio Nannarone
Vescovi emeriti Giuseppe Di Falco
Sacerdoti 72 di cui 50 secolari e 22 regolari
1.125 battezzati per sacerdote
Religiosi 23 uomini, 92 donne
Diaconi 4 permanenti
Abitanti 82.618
Battezzati 81.058 (98,1% del totale)
Superficie 1.814 km² in Italia
Parrocchie 76 (5 vicariati)
Erezione VI secolo (Sulmona)
V secolo (Valva)
in plena unione dal 30 settembre 1986
Rito romano
Cattedrale San Panfilo
Concattedrali San Pelino
Santi patroni Panfilo di Sulmona
Pelino di Brindisi
Indirizzo Viale Roosevelt 7, 67039 Sulmona (L'Aquila), Italia
Sito web www.diocesisulmona-valva.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Italia

La diocesi di Sulmona-Valva (in latino: Dioecesis Sulmonensis-Valvensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi dell'Aquila appartenente alla regione ecclesiastica Abruzzo-Molise. Nel 2010 contava 81.058 battezzati su 82.618 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Angelo Spina.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio diocesano è suddiviso in 76 parrocchie che coprono 49 comuni abruzzesi: 43 in provincia dell'Aquila (valle Peligna), 4 in provincia di Chieti (Gamberale, Palena, Pizzoferrato, Quadri), 2 in provincia di Pescara (Popoli, Bussi sul Tirino).

Le parrocchie sono raggruppate in cinque foranie: di Sulmona, di Introdacqua, di Castel di Sangro, di Corfinio e di Popoli.

Sede vescovile è la città di Sulmona, dove si trova la cattedrale di San Panfilo; a Corfinio si trova la concattedrale di San Pelino.

Istituti religiosi maschili[modifica | modifica wikitesto]

Istituti religiosi femminili[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le città di Sulmona e Valva (l'antica Corfinium, capitale dei popoli italici durante la guerra sociale, oggi Corfinio) risultano essere sedi vescovili almeno a partire dal V-VI secolo. La tradizione attribuisce la fondazione della diocesi di Valva a san Feliciano, martire a Foligno nel 249. Due vescovi distinti, Gerunzio e Palladio, sono menzionati all'epoca di papa Simmaco, sul finire del V secolo.

Nel corso dei primi secoli le due diocesi furono più volte unite in persona episcopi, tanto che Ferdinando Ughelli (1804) riportò le serie dei vescovi di entrambe le sedi in un'unica cronotassi. In una bolla di papa Leone IX al vescovo Domenico furono determinati i confini delle due diocesi, che dovevano avere un solo vescovo, eletto dai due capitoli. L'unione divenne stabile a partire dal XIII secolo e venne confermata dalla bolla De utiliori del 27 giugno 1818, con la riforma delle circoscrizioni ecclesiastiche dell'Italia centromeridionale seguita al concordato tra papa Pio VII e Ferdinando I di Borbone.

Dopo il concilio Vaticano II, con la bolla Cum cognitum del 15 agosto 1972, papa Paolo VI dispose che le diocesi di Valva e Sulmona, già immediatamente soggette alla Santa Sede, fossero suffraganee dell'arcidiocesi dell'Aquila, contestualmente elevata al rango di metropolia.

Con il decreto Instantibus votis del 30 settembre 1986 la Congregazione per i Vescovi stabilì la plena unione delle diocesi di Valva e Sulmona nella nuova circoscrizione ecclesiastica di Sulmona-Valva.

Il 4 luglio 2010 la diocesi ha ospitato papa Benedetto XVI, in visita pastorale a Sulmona.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Gerunzio † (menzionato nel 494/495) (vescovo di Valva)
  • Palladio † (menzionato nel 499) (vescovo di Sulmona)
  • Fortunato ? † (menzionato nel 502) (vescovo di Valva)[1]
  • San Panfilo † (682)
  • Gradesco † (menzionato nel 701)
  • Vedeperto † (menzionato nel 775)
  • Ravenno † (menzionato nell'840)
  • Arnoldo † (menzionato nell'843)
  • Opitarmo † (menzionato nell'880)
  • Grimoaldo † (menzionato nel 968)
  • Teodolfo † (menzionato nel 1010)
  • Transarico † (menzionato nel 1030)
  • Suavillo † (menzionato nel 1042)
  • Domenico, O.S.B. † (1053 - 1073)
  • Trasmondo † (1073 - 1080 dimesso)
  • Giovanni † (1092 - 1104)
  • Gualterio † (1104 - 1124)
  • Oddone † (1130 - 1140)
  • Giraldo † (1143 - 1146)
  • Siginolfo † (1146 - 1168 deceduto)
  • Odorisio † (1172 - 1193)[2]
  • Guglielmo † (1194 - 1206 deceduto)
  • Oddone † (1206 - prima del 6 maggio 1226)
    • Berardo † (1226 - 1227) (vescovo eletto)
  • Nicola † (1227 - 1247)
  • Gualtiero di Ocra † (3 ottobre ? 1247 - 1249)
  • Giacomo, O.Cist. † (1249 - 1251 ? deceduto)
  • Giacomo, O.P. † (10 aprile 1252 - 1263 deceduto)[3]
  • Giacomo d'Orvieto, O.P. † (6 marzo 1263 - dopo il 1273)
  • Egidio di Liegi, O.F.M. † (25 febbraio 1279 - 1290 dimesso)
  • Guglielmo, O.S.B. † (28 agosto 1291 - ?)
  • Federico Raimondo de Letto † (30 marzo 1295 - 1307 deceduto)
  • Landolfo I † (4 giugno 1307 - 1319 deceduto)
  • Andrea Capograssi † (25 maggio 1319 - 1330 deceduto)
  • Pietro di Anversa, O.F.M. † (4 maggio 1330 - 1333 deceduto)
  • Nicolò Di Pietro Rainaldi † (30 ottobre 1333 - 1343 deceduto)
  • Francesco di Sangro † (12 febbraio 1343 - 1348 deceduto)
  • Landolfo II † (2 luglio 1348 - 1349 deceduto)
  • Francesco de Silanis, O.F.M. † (17 gennaio 1350 - ? deceduto)
  • Martino de Martinis † (14 aprile 1368 - ? deceduto)
    • Roberto de Illice † (18 aprile 1379 - 2 luglio 1382 nominato arcivescovo di Salerno) (antivescovo)
  • Paolo de Letto † (circa 1379 - ?)
    • Nicola de Cervario, O.F.M. † (2 luglio 1382 - 4 giugno 1397 nominato vescovo di Digne) (antivescovo)
  • Bartolomeo Gaspare † (1384 - ?)
  • Bartolomeo Petrini † (1402 - 1419 deceduto)
  • Lotto Sardi † (6 marzo 1420 - 21 maggio 1427 nominato vescovo di Spoleto)
  • Benedetto Guidalotti † (21 maggio 1427 - 29 ottobre 1427 nominato vescovo di Teramo)
  • Bartolomeo Vinci † (29 ottobre 1427 - dicembre 1442 deceduto)
  • Francesco de Oliveto, O.S.B. † (12 agosto 1443 - 14 giugno 1447 nominato vescovo di Rapolla)
  • Pietro d'Aristotile † (14 giugno 1447 - 1448 deceduto)
  • Donato Bottino, O.E.S.A. † (4 settembre 1448 - 1463 deceduto)
  • Bartolomeo Scala, O.P. † (3 ottobre 1463 - 1491 deceduto)
  • Giovanni Melini Gagliardi † (7 novembre 1491 - 1499 deceduto)
  • Giovanni Acuti † (1499 - 1512 deceduto)
  • Prospero de Rusticis † (3 marzo 1512[4] - 1514 dimesso)
  • Giovanni Battista Cavicchio † (28 luglio 1514 - 1519 deceduto)
  • Cristoforo de los Rios † (18 giugno 1521 - 1523)
  • Orazio della Valle † (17 luglio 1523 - 1528)
  • Francesco di Lerma † (14 agosto 1528 - ?)
  • Bernardo Cavalieri delle Milizie † (3 settembre 1529 - 1532 deceduto)
  • Bernardino Fumarelli † (13 novembre 1532 - 5 giugno 1547 deceduto)
  • Pompeo Zambeccari † (1º luglio 1547 - 8 agosto 1571 deceduto)
  • Vincenzo Donzelli, O.P. † (24 settembre 1571 - 1585 deceduto)
  • Francesco Caruso, O.F.M.Conv. † (13 marzo o 13 maggio 1585 - 4 settembre 1593 deceduto)
  • Cesare Del Pezzo † (24 novembre 1593 - 23 aprile 1621 deceduto)
  • Francesco Cavalieri † (21 luglio 1621 - 4 settembre 1637 deceduto)
  • Francesco Boccapaduli † (13 settembre 1638 - 6 maggio 1647 nominato vescovo di Città di Castello)
  • Alessandro Masi † (27 maggio 1647 - 12 settembre 1648 deceduto)
  • Francesco Carducci † (22 marzo 1649 - 5 novembre 1654 deceduto)
  • Gregorio Carducci † (14 giugno 1655 - 15 gennaio 1701 deceduto)
  • Bonaventura Martinelli † (21 novembre 1701 - agosto 1715 deceduto)
  • Francesco Onofrio Odierna † (4 gennaio 1717 - 17 marzo 1727 dimesso)
  • Matteo Odierna, O.S.B.Oliv. † (17 marzo 1727 - giugno 1735 deceduto)
  • Pietro Antonio Corsignani † (23 luglio 1738 - 17 ottobre 1751 deceduto)
  • Carlo De Ciocchis † (24 gennaio 1752 - 10 settembre 1762 dimesso)
  • Filippo Paini † (22 novembre 1762 - 1799 deceduto)
    • Sede vacante (1799-1818)
  • Felice Tiberi, C.O. † (6 aprile 1818 - 22 aprile 1829 deceduto)
  • Giuseppe Maria Deletto † (27 luglio 1829 - 10 novembre 1839 deceduto)
  • Mario Mirone † (27 aprile 1840 - 27 giugno 1853 nominato vescovo di Noto)
  • Giovanni Sabatini † (27 giugno 1853 - 10 marzo 1861 deceduto)
    • Sede vacante (1861-1871)
  • Tobia Patroni † (22 dicembre 1871 - 20 agosto 1906 deceduto)
  • Nicola Jezzoni † (6 dicembre 1906 - 18 luglio 1936 ritirato)
  • Luciano Marcante † (14 marzo 1937 - 29 gennaio 1972 ritirato)
  • Francesco Amadio † (29 gennaio 1972 succeduto - 14 maggio 1980 nominato vescovo di Rieti)
  • Salvatore Delogu † (8 gennaio 1981 - 25 maggio 1985 dimesso)
  • Giuseppe Di Falco (25 maggio 1985 - 3 aprile 2007 ritirato)
  • Angelo Spina, dal 3 aprile 2007

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 82.618 persone contava 81.058 battezzati, corrispondenti al 98,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 122.000 122.138 99,9 147 105 42 829 16 112 62
1969 116.000 116.250 99,8 121 78 43 958 48 177 57
1980 90.000 91.052 98,8 124 77 47 725 52 177 78
1990 84.300 84.800 99,4 104 63 41 810 47 133 76
1999 82.828 83.562 99,1 89 58 31 930 34 133 76
2000 81.076 82.834 97,9 92 62 30 881 1 31 116 76
2001 80.839 81.555 99,1 94 62 32 859 1 33 116 76
2002 80.129 81.126 98,8 92 59 33 870 1 35 112 76
2003 80.421 81.488 98,7 86 58 28 935 1 31 114 76
2004 79.508 80.716 98,5 103 60 43 771 1 44 101 76
2010 81.058 82.618 98,1 72 50 22 1.125 4 23 92 76

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo Lanzoni, dei tre vescovi di nome Fortunato presenti al sinodo romano del 502, nessuno appartiene a Valva.
  2. ^ La cronotassi da Gradesco a Odorisio (VIII-XI secolo) è riportata dal sito ufficiale della diocesi; la medesima si trova anche in d'Avino (op. cit., pp. 737-738), ma non sempre le date sono le medesime.
  3. ^ La distinzione fra i due Giacomo, il cistercense ed il domenicano, è propria di Gams. Secondo Eubel esiste un solo Giacomo, cistercense, eletto il 10 aprile 1252 e deceduto nel 1263.
  4. ^ Secondo Eubel, Prospero de Rusticis è confermato il 25 ottobre 1499, mentre Giovanni Acuti è sconosciuto all'Eubel, ma è menzionato nella lista episcopale di Gams dal 1499.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi