Congregazione per i vescovi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Congregazione per i Vescovi)
Congregazione per i vescovi
Congregatio pro episcopis
Emblem of the Holy See usual.svg
si occupa delle materie che riguardano la costituzione e la provvista delle Chiese particolari, nonché l'esercizio dell'ufficio episcopale nella Chiesa latina, salva la competenza della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli (Pastor Bonus, 75)
Eretto 22 gennaio 1588
Mutato nome 15 agosto 1967
Prefetto cardinale Marc Ouellet, P.S.S.
Segretario arcivescovo Ilson de Jesus Montanari
Emeriti cardinale Giovanni Battista Re (prefetto emerito)
Sede palazzo della Congregazioni, piazza Pio XII, 10 - 00193 Roma
Sito ufficiale www.vatican.va
dati catholic-hierarchy.org
Santa Sede · Chiesa cattolica
I Dicasteri della Curia Romana

La Congregazione per i vescovi (Congregatio pro episcopis) è una delle nove congregazioni della Curia romana.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Fu istituita il 22 gennaio 1588 da papa Sisto V con la costituzione apostolica Immensa Aeterni Dei sotto il nome di "Congregazione per l'erezione delle chiese e le provviste concistoriali", cambiato poi in quello di "Sacra congregazione concistoriale". Papa Pio X con la costituzione apostolica Sapienti Consilio del 29 giugno 1908 ne ampliò le attribuzioni, assegnandole la competenza relativa alla elezione dei Vescovi, all'erezione delle diocesi e dei capitoli dei canonici, alla vigilanza sul governo delle diocesi, al regime, disciplina, amministrazione e studi dei Seminari, già spettanti ad altre congregazioni (dei vescovi e regolari, Concilio e Santo Offizio) e commissioni soppresse; e le attribuì il compito di dirimere i dubbi circa la competenza delle congregazioni. Lo stesso Papa ne era il prefetto.

Con la costituzione apostolica Regimini Ecclesiae universae del 15 agosto 1967 di Paolo VI, venne di nuovo mutato il nome in quello attuale e fu data una nuova specificazione delle sue competenze.

Le sue competenze sono state nuovamente specificate con la costituzione apostolica Pastor Bonus, emanata da papa Giovanni Paolo II il 28 giugno 1988.

Funzioni[modifica | modifica sorgente]

È il dicastero che, per la Chiesa latina e ad eccezione dei territori di missione, ha il compito di erigere le nuove diocesi, le province e le regioni ecclesiastiche e costituire gli ordinariati militari; provvede inoltre alla selezione e alla nomina dei nuovi vescovi ed amministratori apostolici e dei loro coadiutori e ausiliari; vigila sul governo delle diocesi e organizza le visite ad limina (i viaggi che, di regola, ogni cinque anni i vescovi devono compiere a Roma per rendere conto alla Santa Sede dello stato della loro diocesi).

La Congregazione è attualmente costituita da 32 membri tra cardinali, arcivescovi e vescovi: il prefetto, nominato il 30 giugno 2010 da Benedetto XVI, è il cardinale canadese Marc Ouellet, della Compagnia dei sacerdoti di San Sulpizio.

Cronotassi dei prefetti[modifica | modifica sorgente]

Dal 1588 al 1965 con il titolo di segretario (poiché a capo del dicastero vi era il Papa). Dal 1965 ad oggi con il titolo di prefetto.

Cronotassi dei segretari[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo