Diocesi di Digne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Digne
Dioecesis Diniensis
Chiesa latina
FR-04-Digne08.JPG
Suffraganea dell' arcidiocesi di Marsiglia
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo François-Xavier Jacques Marie Loizeau
Vescovi emeriti Edmond-Marie-Henri Abelé
Sacerdoti 50 di cui 43 secolari e 7 regolari
1.925 battezzati per sacerdote
Religiosi 28 uomini, 136 donne
Diaconi 6 permanenti
Abitanti 139.523
Battezzati 96.271 (69,0% del totale)
Superficie 6.988 km² in Francia
Parrocchie 198
Erezione IV secolo
Rito romano
Cattedrale San Girolamo
Indirizzo 18 Bl. Soustre, B.P. 67, 04002 Digne CEDEX, France
Sito web catho04.cef.fr
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Francia
L'ex cattedrale di Digne, dedicata a Notre-Dame-du-Bourg.
La cittadina di Entrevaux, con l'ex cattedrale in primo piano
L'ex cattedrale di Sisteron
L'ex cattedrale di Riez

La diocesi di Digne (in latino: Dioecesis Diniensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Marsiglia. Nel 2006 contava 96.271 battezzati su 139.523 abitanti. È attualmente retta dal vescovo François-Xavier Jacques Marie Loizeau.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La diocesi comprende il dipartimento francese delle Alpi dell'Alta Provenza.

Sede vescovile è la città di Digne-les-Bains, dove si trova la cattedrale di San Girolamo. In città si trova anche l'ex cattedrale di Notre-Dame-du-Bourg.

Il territorio è suddiviso in 198 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Secondo la tradizione, l'evangelizzazione della regione di Digne si deve a san Vincenzo, compagno di san Marcellino di Embrun. Accanto a lui troviamo la figura di san Donnino, considerato il primo vescovo della diocesi, che venne eretta nel IV secolo. Originariamente e fino al 1801 era suffraganea dell'arcidiocesi di Embrun. La diocesi, molto piccola, si estendeva su due vallate delle Alpi, la valle della Bléone e quella del Bés. Il primo vescovo che si può attribuire con certezza a Digne è Pentadio che nel 506 partecipò al concilio di Agde.

Nell'alto medioevo e fino al X secolo la regione fu devastata dai Saraceni, che resero difficile la vita cristiana. In questo periodo sono pochissimi i nomi conosciuti di vescovi di Digne. In seguito all'affermarsi del regno di Borgogna, i vescovi di Digne divennero principi feudali con governo sulla città episcopale, fino all'annessione della Provenza nel regno di Francia nel XV secolo.

Il seminario diocesano fu aperto solamente nel 1779 ad opera del vescovo Pierre-Paul du Caylar. La diocesi era di modeste dimensioni come un po' tutte le diocesi della regione: nel 1790 comprendeva 33 parrocchie, servite da più di 100 preti secolari e circa una ventina di preti religiosi.

Nel 1790 il vescovo François du Mouchet de Villedieu fu dichiarato deposto dall'autorità civile per non aver voluto giurare fedeltà alla costituzione civile del clero e rimpiazzato il 20 marzo 1791 dal vescovo costituzionale Jean-Baptiste de Villeneuve, mai riconosciuto dalla Santa Sede.

In seguito al concordato con la bolla Qui Christi Domini di papa Pio VII del 29 novembre 1801 furono soppresse alcune diocesi, i cui territori furono incorporati in parte nella diocesi di Digne, che divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Aix. Per far coincidere i confini della diocesi con quelli del dipartimento, il primitivo territorio diocesano fu ingrandito con:

Dal 15 febbraio 1916 i vescovi di Digne hanno il privilegio di aggiungere al proprio titolo quello di vescovi di Riez e di Sisteron.

L'8 dicembre 2002, con la riorganizzazione delle circoscrizioni diocesane francesi, è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Marsiglia.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • San Donnino † (seconda metà del IV secolo)
  • San Vincenzo † (seconda metà del IV secolo)
  • Nettario † (prima del 439 - dopo il 455)
  • Memoriale † (menzionato nel 463)[2]
  • Pentadio † (menzionato nel 506)
  • Porziano † (prima del 524 - dopo il 533)[3]
  • Ilario † (prima del 549 - dopo il 554)
  • Eraclio (o Aredio) † (prima del 573 - dopo il 585)
  • Paolo †
  • Massimo † (menzionato nel 614)[4]
  • Agape e Bobone † (? - 650 deposti)[5]
  • Rambaldo (o Ragambaldo) † (menzionato nel 788)
  • Blederico † (menzionato nell'899)
  • Emino † (menzionato nel 1025)
  • Bernard I † (menzionato nel 1035)
  • Hugues I † (prima del 1038 - dopo il 1065)
  • Laugier † (menzionato nel 1070)
  • Guy † (menzionato nel 1146)
  • Pierre I Hesmido (o Hesmivy) †
  • Hugues II de Vars †
  • Hugues III †
  • Pierre de Droilla †[6]
  • Bernard II † (menzionato nel 1076)
  • Guillaume de Benevento, O.Cist. † (1179 - circa 1184)[7]
  • Guigue (Guy) de Revel † (1184 - dopo il 1185)
  • Bertrand de Turriers † (prima del 1192 - dopo il 1196)
  • Ismidon † (menzionato nel 1206)
  • Walon de Dampierre † (menzionato nel 1209)
  • Lantelme † (1210 - 6 ottobre 1232 deceduto)
  • Hugues de Laon † (prima del 1233 - dopo il 1242)
  • Amblard † (1247 - 1248 dimesso)
  • Boniface † (22 ottobre 1248 - 25 maggio 1278 deceduto)
  • Guillaume des Porcelets, O.F.M. † (2 dicembre 1289 - dopo il 1294)
  • Hugues V † (menzionato nel 1297)
  • Renaud des Porcelets † (prima del 2 gennaio 1303 - circa 1318 deceduto)
  • Armand de Vernon † (8 luglio 1318 - 25 gennaio 1324 nominato vescovo di Nîmes)
  • Guillaume de Sabran, O.S.B. † (25 gennaio 1324 - circa 1325 deceduto)
  • Guillaume Ebrard † (menzionato nel 1326)
  • Elzéar de Villeneuve † (17 novembre 1327 - 7 ottobre 1341 deceduto)
  • Jean Peissoni † (17 dicembre 1341 - 2 agosto 1361 nominato arcivescovo di Aix)
  • Bertrand de Seguret † (20 maggio 1362 - circa 1385 deceduto)
  • Nicolas de Corbaire, O.F.M. † (4 giugno 1397 - 5 marzo 1406 deceduto)
  • Bertrand Raoul, O.F.M. † (10 marzo 1406 - 26 febbraio 1432 deceduto)
  • Pierre de Verceil, O.S.B. † (31 marzo 1432 - 25 settembre 1439 nominato vescovo di Meaux)
  • Guillaume d'Estouteville, O.S.B.Clun. † (25 settembre 1439 - 11 settembre 1445 dimesso)
  • Pierre Turelure, O.P. † (11 settembre 1445 - 22 luglio 1466 deceduto)
  • Conrad de La Croix † (26 settembre 1466 - agosto 1479 deceduto)
  • Antoine de Guiramand † (24 settembre 1479 - ? dimesso)
  • François de Guiramand † (23 gennaio 1512 - 25 maggio 1536 deceduto)
  • Chérubin d'Orsière † (4 agosto 1536 - 1545 deceduto)
  • Antoine Olivier † (17 maggio 1546 - 12 settembre 1552 nominato vescovo di Lombez)
  • Antoine Hérouet † (6 febbraio 1553 - dicembre 1567 deceduto)
  • Henri Le Meignen † (17 marzo 1568 - 1587 dimesso)
  • Claude Coquelet † (26 ottobre 1587 - 1602 dimesso)
  • Antoine de Boulogne, O.M. † (10 giugno 1602 - 24 settembre 1615 deceduto)
  • Louis de Bologne † (24 settembre 1615 succeduto - febbraio 1628 deceduto)
  • Raphaël de Bologne † (febbraio 1628 succeduto - 1664 deceduto)
  • Toussaint de Forbin-Janson † (1664 succeduto - 9 luglio 1668 nominato vescovo di Marsiglia)
  • Jean-Armand de Rotondis de Biscarras † (3 agosto 1668 - 5 agosto 1669 nominato vescovo di Lodève)
  • Jean de Vintimille du Luc † (2 giugno 1670 - 27 aprile 1676 nominato vescovo di Tolone)
  • Henri Félix de Tassy † (19 ottobre 1676 - 31 gennaio 1678 nominato vescovo di Chalon)
  • François Le Tellier † (28 febbraio 1678 - 11 febbraio 1708 deceduto)
  • Henri de Pujet † (3 ottobre 1708 - 22 gennaio 1728 deceduto)
    • Jean d'Yse de Saléon † (18 febbraio 1728 - 8 febbraio 1730 nominato vescovo di Agen) (vescovo eletto)
  • Antoine Amable de Feydeau, O.Carm. † (11 settembre 1730 - 3 dicembre 1741 deceduto)
  • Jean-Louis du Lau † (24 settembre 1742 - 15 settembre 1746 deceduto)
  • Louis Sextius de Jarente de La Bruyère † (10 aprile 1747 - 28 febbraio 1758 dimesso)[8]
  • Pierre-Paul du Caylar † (13 marzo 1758 - 15 dicembre 1784 deceduto)
  • François du Mouchet de Villedieu † (25 giugno 1784 - 10 agosto 1823 deceduto)[9]
  • Irénée-Yves Desolle (Dessole) † (10 luglio 1802 - 22 marzo 1805 nominato vescovo di Chambéry)
  • François-Melchior-Charles-Bienvenu de Miollis † (23 dicembre 1805 - 31 agosto 1838 ritirato)
  • Marie-Dominique-Auguste Sibour † (23 dicembre 1839 - 11 settembre 1848 nominato arcivescovo di Parigi)
  • Marie-Julien Meirieu † (11 dicembre 1848 - gennaio 1880 ritirato)
  • Louis-Joseph-Marie-Ange Vigne † (27 febbraio 1880 - 27 marzo 1885 nominato arcivescovo di Avignone)
  • Alfred-François Fleury-Hottot † (27 marzo 1885 - 26 maggio 1887 nominato vescovo di Bayonne)
  • Henri-Abel Mortier † (26 maggio 1887 - 27 gennaio 1889 deceduto)
  • Pierre-Paul Servonnet † (27 maggio 1889 - 19 aprile 1897 nominato arcivescovo di Bourges)
  • Jean Hazera † (19 aprile 1897 - 17 giugno 1905 deceduto)
  • Dominique Castellan † (13 luglio 1906 - 26 maggio 1915 nominato arcivescovo di Chambéry)
  • Léon-Adophe Lenfant † (1º giugno 1915 - 6 agosto 1917 deceduto)
  • Jean-Joseph-Benoît-Marie Martel † (27 novembre 1917 - 17 marzo 1923 deceduto)
  • Cosme-Benjamin Jorcin † (23 dicembre 1923 - 20 dicembre 1958 deceduto)
  • René-Fernand-Bernardin Collin, O.F.M. † (21 dicembre 1958 - 1º dicembre 1980 ritirato)
  • Edmond-Marie-Henri Abelé (1º dicembre 1980 - 2 giugno 1987 dimesso)
  • Georges Paul Pontier (2 febbraio 1988 - 5 agosto 1996 nominato vescovo di La Rochelle)
  • François-Xavier Jacques Marie Loizeau, dal 10 novembre 1997

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

La diocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 139.523 persone contava 96.271 battezzati, corrispondenti al 69,0% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1948 75.000 80.000 93,8 170 170 441 250 346
1970 95.000 105.000 90,5 107 101 6 887 6 290 192
1980 107.000 120.000 89,2 99 86 13 1.080 22 430 198
1990 101.000 126.000 80,2 89 67 22 1.134 28 245 198
1999 110.000 143.000 76,9 65 51 14 1.692 2 19 153 198
2000 110.000 139.523 78,8 64 49 15 1.718 4 23 139 198
2001 110.000 139.523 78,8 61 48 13 1.803 4 21 146 198
2002 110.000 139.523 78,8 58 46 12 1.896 4 18 141 198
2003 110.000 139.523 78,8 56 43 13 1.964 5 22 149 198
2004 110.000 139.523 78,8 56 48 8 1.964 5 24 159 198
2006 96.271 139.523 69,0 50 43 7 1.925 6 28 136 198

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nel 1801 l'intero territorio della diocesi di Gap venne annesso a quello di Digne, per poi esserne distaccato con la restaurazione della diocesi nel 1822.
  2. ^ Donnino, Vincenzo, Nettario e Memoriale furono inseriti da Gallia christiana nel catalogo come i primi quattro vescovi di Digne. Secondo Duchesne non ci sono prove che Donnino e Vincenzo siano stati vescovi; secondo il medesimo autore, Nettario fu in realtà vescovo di Avignone, mentre Memoriale è menzionato in una lettera di papa Ilario, ma senza accenno alla sede di cui era vescovo.
  3. ^ Porziano, menzionato da Gallia Christiana, partecipò ai sinodi provinciali dal 524 al 533, ma in nessuno degli atti sinodali è menzionata la sede di appartenenza.
  4. ^ Paolo e Massimo, menzionati da Gams, sono assenti in Gallia christiana, Duchesne e Fisquet.
  5. ^ La presenza simultanea di due vescovi può essere spiegata o per una divisione momentanea della diocesi o perché in competizione fra di loro; entrambi furono deposti dal concilio di Chalon-sur-Saône del 650.
  6. ^ Questi ultimi quattro vescovi sono menzionati in un martirologio locale.
  7. ^ Successivamente nominato arcivescovo di Embrun.
  8. ^ Nominato vescovo di Orléans il 13 marzo 1758.
  9. ^ Contravvenendo alle disposizioni di papa Pio VII contenute nella Qui Christi Domini, monsignor de Villedieu non diede le dimissioni e morì a Parigi nel 1823.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi