Arcidiocesi di Foggia-Bovino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Foggia-Bovino
Archidioecesis Fodiana-Bovinensis
Chiesa latina
Cattedrale foggia.JPG
Regione ecclesiastica Puglia
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Diocesi suffraganee
Cerignola-Ascoli Satriano, Lucera-Troia, Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, San Severo
Arcivescovo metropolita Francesco Pio Tamburrino, O.S.B.
Vicario generale Filippo Tardio
Arcivescovi emeriti Giuseppe Casale
Sacerdoti 162 di cui 90 secolari e 72 regolari
1.340 battezzati per sacerdote
Religiosi 79 uomini, 214 donne
Diaconi 9 permanenti
Abitanti 218.300
Battezzati 217.100 (99,5% del totale)
Superficie 1.164 km² in Italia
Parrocchie 55 (6 vicariati)
Erezione V secolo (Bovino)
25 giugno 1855 (Foggia)
in plena unione dal 30 settembre 1986
Rito romano
Cattedrale Maria Santissima Assunta
Concattedrali Beata Maria Vergine Assunta
Santi patroni San Michele Arcangelo
Indirizzo Via Oberdan 13, 71100 Foggia, Italia
Sito web www.diocesifoggiabovino.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Italia
Il duomo di Bovino, concattedrale dell'arcidiocesi

L'arcidiocesi di Foggia-Bovino (in latino: Archidioecesis Fodiana-Bovinensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica appartenente alla regione ecclesiastica Puglia. Nel 2006 contava 217.100 battezzati su 218.300 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Francesco Pio Tamburrino, O.S.B.

Patrona dell'arcidiocesi di Foggia-Bovino è la Beata Vergine Maria dell'Iconavetere, mentre san Marco di Ecana è il compatrono.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi comprende i comuni di: Accadia, Bovino, Castelluccio dei Sauri, Deliceto, Foggia, Panni, Monteleone di Puglia, San Marco in Lamis e Sant'Agata di Puglia.

Sede arcivescovile è la città di Foggia, dove si trova la basilica cattedrale di Maria Santissima Assunta in cielo, detta anche Iconavetere o dei Sette Veli; a Bovino sorge la concattedrale della Beata Maria Vergine Assunta in Cielo.

Il territorio è suddiviso 55 parrocchie, raggruppate in 6 vicariati: Foggia Centro Storico, Foggia Nord, Foggia Sud, Foggia Zone Rurali, Bovino e San Marco in Lamis.

Elenco delle parrocchie[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parrocchie dell'arcidiocesi di Foggia-Bovino.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Bovino[modifica | modifica sorgente]

Le prime notizie su Bovino come sede vescovile risalgono al V secolo: nella cattedrale erano conservavate le reliquie di san Marco, vescovo della vicina Eca (oggi presso Troia). Tradizionalmente è riportato come primo vescovo Giovanni (499), il quale tuttavia, come annota Lanzoni, fu vescovo di Vibona.

Attorno al 663, quando l'esercito di Costante II, in guerra contro i Longobardi, invase le terre della Daunia, Bovino fu incendiata e la sua Chiesa devastata. La diocesi di Bovino rimase vacante fino al X secolo e veniva amministrata dall'arcivescovo di Benevento.

Quando Benevento venne elevata alla dignità metropolitica da papa Giovanni XIII, l'arcivescovo Landolfo rinunciò alla guida delle sedi vacanti. Con l'elezione a vescovo di Giovanni (969), la diocesi di Bovino fu restaurata e divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Benevento.

Il seminario diocesano fu eretto dal vescovo Paolo Tolosa, che fu anche nunzio apostolico presso Carlo Emanuele I di Savoia.

Foggia[modifica | modifica sorgente]

In origine Foggia era compresa nella diocesi di Troia: distrutta da un terremoto nel 1731, la città venne ricostruita e conobbe un notevole sviluppo economico e demografico, tanto che nel 1806 Giuseppe Bonaparte ne fece il capoluogo della Capitanata.

Il 23 settembre 1806 papa Pio VII eresse la chiesa dell'Assunta in Foggia (dove si conservava l'immagine dell'Iconavetere) in basilica minore e il 2 dicembre 1808 concesse ai canonici che la officiavano il privilegio di indossare l'abito prelatizio.

A istanza della cittadinanza foggiana, sostenuta dal vescovo di Troia Antonio Monforte e dal re Ferdinando II, il 25 giugno 1855 papa Pio IX eresse Foggia in diocesi immediatamente soggetta alla Santa Sede: la giurisdizione del vescovo si estendeva sul territorio della città di Foggia e su quello dell'ex abbazia nullius di San Marco in Lamis, al tempo soggetta all'arcidiocesi di Manfredonia.

Il 29 settembre 1933 la diocesi di Foggia entrò a far parte della regione ecclesiastica beneventana in forza del decreto Iam pridem della Sacra Congregazione Concistoriale.

Il 30 aprile 1979 papa Giovanni Paolo II con la bolla Sacrorum Antistites, in attuazione delle norme stabilite dal Concilio Vaticano II in materia di circoscrizioni ecclesiastiche, elevò Foggia al rango di arcidiocesi metropolitana e riunì nella sua nuova provincia ecclesiastica tutte le diocesi della Capitanata.

Foggia-Bovino[modifica | modifica sorgente]

Il 14 dicembre 1974 Giuseppe Lenotti, già vescovo di Foggia, fu nominato anche vescovo di Bovino, unendo così in persona episcopi le due sedi.

Il 30 settembre 1986, con il decreto Instantibus votis della Congregazione per i Vescovi, le due diocesi sono state unite plena unione e la nuova circoscrizione ecclesiastica ha assunto il nome attuale.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

Vescovi di Bovino[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni † (menzionato nel 499)
  • Papinio † (649 - ? deceduto)
  • Giovanni † (menzionato nell'aprile 971)
  • Odo † (prima del 1061 - dopo il 1063)
  • Ugo † (menzionato nel 1099)
  • Giso I † (prima del 1100 - dopo il 1118)
  • Pandolfo † (menzionato nel 1179)
  • Giso II † (prima del 1180 - dopo il 1184)
  • Roberto † (prima del 1190 - 1215 deceduto)
  • Guglielmo † (1215 - 1220 deceduto)
  • Pietro I † (1220 - 1238 deceduto)
  • Matteo I † (1238 - 1240 deceduto)
  • Manerio † (1240 - 1244 deceduto)
  • Giovanni Battista † (1244 - dopo il 1265)
  • Enrico † (1269 - 1285 deceduto)
  • Riccardo † (menzionato nel 1290)
  • Pietro II † (menzionato nel 1294)
  • Alessandro † (1304 - 1309 deceduto)
  • Giacomo † (1309 - 1328 deceduto)
  • Rostagno † (1328 - 1329 deceduto)
  • Ruggero, O.F.M. † (1º maggio 1329 - 1340 deceduto)
  • Matteo II † (1340 ? - ?)
  • Giovanni † (? - ? deceduto)
  • Guglielmo de Cabilone, O.P. † (8 marzo 1346 - ? deceduto)
  • Nicola, O.S.B.Coel. † (19 giugno 1349 - 1354 deceduto)
  • Pietro d'Argentino, O.E.S.A. † (12 febbraio 1354 - ? deceduto)
  • Domenico de Sassinoro † (31 gennaio 1371 - ? deceduto)
  • Bartolomeo Sparella, O.F.M. † (3 settembre 1371 - ?)
  • Pietro Auletta, O.P. † (1381 - ?)
  • Giovanni † (? - 1386 deceduto)
  • Bernardo Ferrari † (2 settembre 1386 - ?)
  • Antonio, O.F.M. † (8 marzo 1397 - 1403 nominato vescovo di Tortiboli)
  • Bartolomeo de Porta, O.E.S.A. † (24 agosto 1403 - ? deceduto)
  • Pietro Auletta, O.P. † (15 aprile 1407 - 1425 deceduto) (per la seconda volta)
  • Bartolomeo de Sperella, O.F.M. † (31 agosto 1425 - 1427 deceduto) (per la seconda volta)
  • Pietro degli Scaleri † (28 luglio 1427 - 18 marzo 1463 deceduto)
  • Natulo Lombardi † (18 aprile 1463 - 1477 deceduto)
  • Giovanni Candida † (2 marzo 1477 - ? deceduto)
  • Giovanni Battista Gagliardi † (10 maggio 1499 - 1510 deceduto)
  • Giovanni de' Capellani † (19 marzo 1513 - 1529 deceduto)
  • Alfonso Oliva, O.E.S.A. † (20 agosto 1535 - 13 maggio 1541 nominato arcivescovo di Amalfi)
  • Ferdinando D'Anna † (13 maggio 1541 - 1565 deceduto)
  • Giovanni Domenico D'Anna † (1565 succeduto - 1578 deceduto)
  • Angelo Giustiniani † (14 maggio 1578 - 26 agosto 1600 deceduto)
  • Paolo Tolosa, C.R. † (30 aprile 1601 - 16 dicembre 1615 nominato vescovo di Chieti)
  • Giovanni Antonio Galderisi † (11 gennaio 1616 - 1658 deceduto)
  • Vincenzo Roviglioni † (3 giugno 1658 - 14 settembre 1669 deceduto)
  • Francesco Antonio Curzio † (30 giugno 1670 - agosto 1672 deceduto)
  • Giuseppe di Giacomo † (27 febbraio 1673 - 21 marzo 1684 deceduto)
  • Angelo Cerasi † (5 febbraio 1685 - 11 dicembre 1728 deceduto)
  • Antonio Lucci, O.F.M. † (7 febbraio 1729 - 25 luglio 1752 deceduto)
  • Tommaso Pacelli † (27 novembre 1752 - 4 ottobre 1780 deceduto)
  • Nicola Molinari, O.F.M.Cap. † (15 dicembre 1783 - 18 gennaio 1792 deceduto)
  • Vincenzo Maria Parruco Tries, O.P. † (29 gennaio 1798 - 8 agosto 1798 deceduto)
    • Sede vacante (1798-1818)
  • Paolo Garzilli † (2 ottobre 1818 - 2 luglio 1832 nominato vescovo di Sessa Aurunca)
  • Francesco Iovinelli, C.M. † (29 luglio 1833 - 8 novembre 1836 deceduto)
  • Francesco Saverio Farace † (2 ottobre 1837 - 10 maggio 1851 deceduto)
  • Filippo Gallo, C.M. † (18 marzo 1852 - 9 marzo 1858 dimesso)
  • Giovanni Montuoro † (20 giugno 1859 - 24 marzo 1862 deceduto)
    • Sede vacante (1862-1871)
  • Alessandro Cantoli, O.F.M. † (22 dicembre 1871 - 16 ottobre 1884 deceduto)
  • Salvatore Maria Bressi, O.F.M.Cap. † (10 novembre 1884 - 23 maggio 1887 nominato arcivescovo di Otranto)
  • Michele de Jorio † (25 novembre 1887 - 4 febbraio 1898 nominato vescovo di Castellammare di Stabia)
  • Giuseppe Padula † (24 marzo 1898 - 2 agosto 1908 nominato vescovo di Avellino)
  • Uberto Maria Fiodo † (9 dicembre 1910 - 24 aprile 1922 nominato vescovo di Castellammare di Stabia)
  • Cornelio Sebastiano Cuccarollo, O.F.M.Cap. † (27 marzo 1923 - 24 ottobre 1930 nominato arcivescovo di Otranto)
    • Sede vacante (1930-1937)
  • Innocenzo Alfredo Russo, O.F.M. † (13 marzo 1937 - 9 dicembre 1959 ritirato)
  • Renato Luisi † (17 dicembre 1959 - 30 giugno 1963 nominato vescovo di Nicastro)
    • Sede vacante (1963-1974)
  • Giuseppe Lenotti † (14 dicembre 1974 - 28 gennaio 1981 deceduto)
  • Salvatore De Giorgi (4 aprile 1981 - 30 settembre 1986 nominato arcivescovo di Foggia-Bovino)

Vescovi di Foggia[modifica | modifica sorgente]

Arcivescovi di Foggia-Bovino[modifica | modifica sorgente]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 218.300 persone contava 217.100 battezzati, corrispondenti al 99,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
diocesi di Foggia
1949 100.000 115.000 87,0 105 65 40 952 74 137 18
1969 153.346 156.165 98,2 110 61 49 1.394 69 354 32
1980 167.600 172.600 97,1 168 77 91 997 127 325 38
diocesi di Bovino
1950 37.400 37.477 99,8 32 24 8 1.168 5 40 12
1959 37.365 37.369 100,0 34 24 10 1.098 8 30 12
1970 35.200 35.242 99,9 32 23 9 1.100 9 28 14
1980 23.500 23.810 98,7 26 20 6 903 6 30 13
arcidiocesi di Foggia-Bovino
1990 205.000 208.365 98,4 184 100 84 1.114 1 95 302 54
1999 186.145 188.290 98,9 172 82 90 1.082 7 97 252 55
2000 185.549 187.649 98,9 165 85 80 1.124 7 87 250 55
2001 185.420 187.338 99,0 163 86 77 1.137 9 84 244 55
2002 210.000 212.508 98,8 160 86 74 1.312 9 84 230 55
2003 217.000 219.750 98,7 163 88 75 1.331 10 85 228 56
2004 217.000 219.200 99,0 164 89 75 1.323 10 85 224 55
2006 217.100 218.300 99,5 162 90 72 1.340 9 79 214 55

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Per la sede di Bovino[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]