Diocesi di Cesena-Sarsina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Cesena-Sarsina
Dioecesis Caesenatensis-Sarsinatensis
Chiesa latina
Facciata del Duomo di San Giovanni Battista.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Ravenna-Cervia
Regione ecclesiastica Emilia-Romagna
Vescovo Douglas Regattieri
Vicario generale Pier Giulio Diaco
Vescovi emeriti Lino Esterino Garavaglia, O.F.M.Cap.
Sacerdoti 166 di cui 126 secolari e 40 regolari
963 battezzati per sacerdote
Religiosi 49 uomini, 92 donne
Diaconi 26 permanenti
Abitanti 167.000
Battezzati 160.000 (95,8% del totale)
Superficie 1.530 km² in Italia
Parrocchie 101
Erezione I secolo (Cesena)
IV secolo (Sarsina)
in plena unione dal 30 settembre 1986
Rito romano
Cattedrale San Giovanni Battista
Concattedrali San Vicinio
Santi patroni Madonna del Popolo
San Vicinio
San Mauro vescovo
Indirizzo Via Giovanni XXIII 13, 47023 Cesena, Italia
Sito web chieseinsieme.it
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Italia

La diocesi di Cesena-Sarsina (in latino: Dioecesis Caesenatensis-Sarsinatensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Ravenna-Cervia appartenente alla regione ecclesiastica Emilia-Romagna. Nel 2006 contava 160.000 battezzati su 167.000 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Douglas Regattieri.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende la parte orientale della provincia di Forlì-Cesena ad eccezione di cinque comuni, afferenti la diocesi di Rimini. Si estende sui comuni di Bagno di Romagna, Montiano, Bertinoro, Mercato Saraceno, Cesena, Sarsina, Cesenatico, Sogliano al Rubicone, Civitella di Romagna, Gambettola, Roncofreddo, Gatteo, Verghereto e Longiano.

Sede vescovile è la città di Cesena, dove si trova la cattedrale di San Giovanni Battista. A Sarsina si trova la concattedrale di San Vicinio.

Zone e unità pastorali[modifica | modifica wikitesto]

Con decreto vescovile del 14 settembre 2008, le 101 parrocchie della diocesi esse sono state raggruppate in 6 zone pastorali e 21 unità pastorali:

  1. Zona Pastorale Urbana
    1. S. Pietro, S. Stefano, Case Finali
    2. Cattedrale, S. Domenico, Madonna delle Rose, S. Bartolo
    3. Osservanza, S. Giovanni Bono
    4. S. Paolo, S. Rocco, S. Maria della Speranza
  2. Zona Pastorale Sarsina-Alta Valle del Savio
    1. Sarsina, Quarto, Turrito, S. Martino-Monteriolo, Montepetra
    2. Mercato Saraceno, S. Damiano, Montecastello, Ciola-Montesorbo, Montesasso, Rontagnano, Serra-Tornano, Taibo, Monte Iottone, Cella
    3. Bagno di Romagna, S. Piero in Bagno, Verghereto, Crocesanta, Valgianna, S. Silvestro, Vessa, Selvapiana-Acquapartita
    4. Alfero-Riofreddo, Balze, Capanne, Corneto-Pereto, Montecoronaro
  3. Zona Pastorale delle vie Cesenatico, Cervese e Ravennate
    1. S. Giorgio-Bagnile, Pioppa, Calabrina, Gattolino
    2. S. Martino in Fiume, Ronta, Martorano
    3. S. Pio X, S. Egidio, Villa Chiaviche
    4. Capannaguzzo, Ponte Pietra, Macerone, Ruffio
  4. Zona Pastorale del Mare
    1. S. Giacomo Apostolo, Boschetto, Villamarina-Gatteo Mare
    2. S. Maria Goretti, Cannucceto, Villalta, Bagnarola
    3. Gatteo, S. Angelo, Sala
  5. Zona Pastorale Rubicone-Rigossa
    1. Ardiano, Sorrivoli, Carpineta, Saiano, S. Tomaso, Madonna del Fuoco, Calisese-Casale, Badia, Montiano, Montenovo
    2. Longiano, S. Lorenzo in Scanno, Montilgallo, Crocetta, Budrio
    3. Gambettola, Bulgaria, Bulgarnò
  6. Zona Pastorale Valle del Savio-Dismano
    1. Gualdo-Montecodruzzo, Borello, Bacciolino, Piavola, S. Romano, Ranchio, Linaro, Giaggiolo, Pieve di Rivoschio
    2. S. Carlo, S. Vittore, Tipano, S.Mauro
    3. Pievesestina, Diegaro, Torre del Moro, S. Cristoforo, S. Andrea in Bagnolo, Santa Maria Nuova Spallicci

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sede di Cesena[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione, la diocesi di Cesena fu eretta nel I secolo. La cronotassi tradizionale riporta un lungo elenco di vescovi, sulla cui esistenza storica o sulla cui attribuzione alla sede cesenate molti dubbi sono stati sollevati. Primi vescovi storicamente documentati sono quelli che la cronotassi tradizionale chiama Natale II e Concordio II, menzionati nelle lettere di Gregorio Magno, tra la fine del VI secolo e gli inizi del VII.

Nel 1159 papa Alessandro III, con la bolla Ad hoc sumus[1], confermò tutti i privilegi, i possedimenti e le giurisdizioni della Chiesa di Cesena, e pose la diocesi sotto l'immediata soggezione della Santa Sede. Dal XVI secolo Cesena entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Ravenna.

Nel 1241 l'antica cattedrale di Cesena, che si trovava presso il castello, fu consegnata insieme con il castello all'imperatore Federico II che demolì entrambi gli edifici.

Il 27 maggio 1357 Cia degli Ordelaffi, moglie di Francesco II Ordelaffi, nemica dei vescovi di Cesena, ordinò l'incendio del campanile della cattedrale e del palazzo vescovile; anche numerose case di Cesena furono distrutte.

Nel 1376 le truppe mercenarie di Giovanni Acuto, guidate personalmente da Roberto, cardinale di Ginevra e futuro antipapa Clemente VII, si impadronirono di Cesena, che rifiutava di assoggettarsi allo Stato Pontificio, uccidendo centinaia di persone ed espellendone tutti gli abitanti.

Nel 1378 papa Urbano VI concedeva la costruzione di una nuova cattedrale, che fu edificata a partire dal 1408.

Si deve al vescovo Odoardo Gualandi la costruzione e l'istituzione del seminario per la formazione dei preti nel 1569. Diversi furono i sinodi diocesani celebrati dai vescovi di Cesena nei secoli successivi.

Il 7 ottobre 1975 la Congregazione per i Vescovi decretò il passaggio dalla diocesi di Sansepolcro a quella di Cesena delle parrocchie della Valle del Savio comprese nel territorio comunale di Bagno di Romagna.

Sede di Sarsina[modifica | modifica wikitesto]

Incerte sono le origini della chiesa sarsinatese. Tradizionalmente la sua fondazione è attribuita al IV secolo, epoca in cui avrebbe vissuto il protovescovo san Vicinio, attuale compatrono della diocesi.

Di molti onori, privilegi e concessioni fu arricchita la Chiesa di Sarsina dall'imperatore Corrado II nel 1026, all'epoca del vescovo Uberto I. Nel 1220 l'imperatore Federico II concesse al vescovo Alberico e ai suoi successori il dominio feudale e temporale su oltre settanta castella e pagi del territorio.

Se da un lato questo determinò un aumento del prestigio e della ricchezza della Chiesa di Sarsina, dall'altro causò anche dolorose conseguenze, per il predominio ed il controllo di queste terre. Nel 1265 il vescovo Guido fu ucciso per aver voluto difendere i beni ecclesiastici contro i tentativi di usurpazione di Alessandro Aldobrandi e Renerio. Nel XIV secolo anche i possedimenti temporali della Chiesa di Sarsina furono minacciati dagli Ordelaffi, con l'appoggio di qualche membro della Curia. La giurisdizione sulla città di Sarsina passò alla Camera apostolica, ma nel 1372 il vescovo Giovanni Numai la riottenne per sé i per i suoi successori mediante una sentenza, confermata da papa Gregorio XI due anni dopo.

Negli anni 80 del XIV secolo Sarsina e i castelli circostanti tornarono ad essere assoggettata alla signoria degli Ordelaffi, che li mantennero fino al 1406 quando la città passò sotto i Malatesta e i vescovi videro tramontare definitivamente il loro potere feudale.

Nel XVII secolo il vescovo Nicolò Brauzi ebbe l'incauta idea di far rivalere i suoi antichi diritti temporali e la sua esenzione della Camera Apostolica. Forse per questo motivo, fu rinchiuso per molti anni da papa Paolo V nelle prigioni di Castel Sant'Angelo.

Sulle indicazioni del concilio di Trento, il vescovo Carlo Bovio istituì nel 1643 il seminario diocesano.

Negli anni del dominio napoleonico la diocesi di Sarsina fu soppressa dall'autorità civile, ma fu ristabilita con la caduta del governo francese.

Il 28 agosto 1824 in forza della bolla Dominici gregis di papa Leone XII la sede di Sarsina, a causa della povertà della mensa episcopale, fu unita a quella di Bertinoro. L'unione, problematica soprattutto per la difficoltà di comunicazione tra le due sedi, fu revocata attorno al 1872, quando la diocesi di Sarsina tornò ad avere un proprio vescovo.

Sedi unite[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º maggio 1976 Augusto Gianfranceschi, vescovo di Cesena, fu nominato anche vescovo di Sarsina, unendo così in persona episcopi le due sedi.

Il 30 settembre 1986, in forza del decreto Instantibus votis della Congregazione per i Vescovi, fu stabilita la plena unione delle due diocesi e la nuova circoscrizione ecclesiastica ha assunto il nome attuale.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi di Cesena[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi di Sarsina[modifica | modifica wikitesto]

  • San Vicinio † (IV secolo)
  • San Rufino † (menzionato nel 426)
  • Valerio † (menzionato nel 430)
  • Fausto † (437 - 459 deceduto)
  • Probo † (460 - 494 deceduto)
  • Lorenzo † (495 - 514 deceduto)[12]
  • Adeodato † (515 - 531 deceduto)
  • Felice † (532 - 548 deceduto)
  • Sergio † (550 - ?)[13]
  • Giusto † (613 - 636 deceduto)
  • Donato † (637 - 667 deceduto)
    • Sede vacante (667-670)
  • Stefano † (670 - 701 deceduto)
  • Fortunato † (702 - 730 deceduto)
    • Sede vacante (730-734)
  • Vittore † (734 - 769 deceduto)
  • Benno † (770 - 815 deceduto)
  • Sant' Apollinare † (prima dell'858 - dopo l'861)
  • Lupo † (circa 875 - circa 879)
  • Fiorenzo † (930 - 955 deceduto)
  • Placido † (955 - 965 deceduto)
  • Giovanni I † (prima del 967 - dopo il 969)
  • Alessandro † (997 - 1024 deceduto)
  • Uberto I † (1025 - 1050 deceduto)
  • Martino † (1051 - 1053)
  • Uberto II † (1054 - 1055)
  • Enrico I † (1056 - 1070)
  • Alboardo † (1070 - 1084 deceduto)
  • Geremia † (1085 - 1102 deceduto)
  • Domenico † (1103 - 1138 deceduto)
  • Divizone † (1139 - 1149 deceduto)
  • Uberto III † (1150 - 1161 deceduto)
  • Amizo † (1165 - 1176 deceduto)
  • Alberico † (1176 - 1221 deceduto)[14]
  • Alberto † (1222 - 1229 deceduto)[15]
  • Rufino † (1230 - 1257)
  • Giovanni II † (1258 - 1264 deceduto)
  • Guido, O.Cist. † (1265 - 1º settembre 1266 deceduto)
  • Grazia † (20 febbraio 1266 - 1271 deceduto)
  • Enrico II † (1271 - 1302 deceduto)
    • Sede vacante (1302-1305)
  • Uguccio, O.F.M. † (1305 - 1326 deceduto)
  • Francesco de' Calboli † (7 gennaio 1327 - 1360 deceduto)
  • Giovanni Numai † (3 settembre 1361 - 1385 deceduto)
  • Benedetto Matteucci Accorselli, O.P. † (10 agosto 1386 - 1395 deceduto)
  • Giacomo da Sanseverino, Betl. † (29 marzo 1395 - 1398 dimesso)
  • Gianfilippo Negusanti, Betl. † (26 ottobre 1398 - 1445 deceduto)
  • Daniele di Arluno, C.R.S.A. † (27 gennaio 1445 - 27 ottobre 1449 nominato vescovo di Forlì)
  • Mariano Farinata † (27 ottobre 1449 - 1451 deceduto)
  • Fortunato Pellicani † (5 luglio 1451 - 1474 deceduto)
  • Antonio Monaldo † (18 dicembre 1474 - 1503 deceduto)
  • Galeazzo Corvara † (4 dicembre 1503 - ? deceduto)
  • Giovanni Antonio Corvara † (18 maggio 1523 - ? deceduto)[16]
  • Raffaele Alessandrini, O.F.M. † (9 dicembre 1524 - 1530 deceduto)
  • Lelio Pio Rotelli † (9 dicembre 1530 - 1580 deceduto)
  • Leandro Rotelli † (1580 succeduto - 1580 o 1581 deceduto)
  • Angelo Peruzzi † (3 aprile 1581 - 1600 deceduto)
  • Nicolò Brauzi † (15 luglio 1602 - 1632 deceduto)
  • Amico Panico † (24 novembre 1632 - 4 dicembre 1634 nominato vescovo di Recanati e Loreto)
  • Carlo Bovio † (29 gennaio 1635 - 24 maggio 1646 deceduto)
  • Cesare Righini † (3 dicembre 1646 - dicembre 1657 deceduto)
  • Francesco Gaetano † (1º aprile 1658 - giugno 1659 deceduto)
  • Federico Martinotti † (14 marzo 1661 - 1677 deceduto)
  • Francesco Crisolini † (14 marzo 1678 - 1682 deceduto)
    • Sede vacante (1682-1685)
  • Bernardino Marchesi † (24 maggio 1685 - febbraio 1689 deceduto)
    • Sede vacante (1689-1699)
  • Giovanni Battista Braschi † (1º giugno 1699 - 14 maggio 1718 dimesso)
    • Sede vacante (1718-1733)[17]
  • Giambernardino Vendemini † (11 maggio 1733 - 21 settembre 1749 deceduto)
  • Giovanni Paolo Calbetti † (1º dicembre 1749 - 1º marzo 1760 deceduto)
  • Giovanni Battista Mami † (21 aprile 1760 - 21 marzo 1787 deceduto)
  • Nicola Casali † (23 aprile 1787 - 1814 deceduto)
    • Sede vacante (1814-1817)
  • Carlo Monti † (14 aprile 1817 - 25 maggio 1818 nominato vescovo di Cagli)
  • Pietro Balducci † (25 maggio 1818 - 27 settembre 1822 nominato vescovo di Fabriano e Matelica)
    • Sede vacante (1822-1824)
    • Sede unita a Bertinoro (1824-1872)
  • Tobia Masacci † (23 febbraio 1872 - 17 gennaio 1880 deceduto)
  • Dario Mattei-Gentili † (27 febbraio 1880 - 1º giugno 1891 nominato vescovo di Città di Castello)
  • Enrico Graziani † (11 luglio 1892 - 9 ottobre 1897 deceduto)
  • Domenico Riccardi † (24 marzo 1898 - 16 marzo 1910 deceduto)
  • Eugenio Giambro † (2 febbraio 1911 - 22 maggio 1916 nominato vescovo di Nicastro)
  • Ambrogio Riccardi † (1º luglio 1916 - 12 ottobre 1922 deceduto)
  • Antonio Scarante † (11 dicembre 1922 - 30 giugno 1930 nominato vescovo di Faenza)
  • Teodoro Pallaroni † (17 aprile 1931 - 17 aprile 1944 deceduto)
  • Carlo Stoppa † (2 ottobre 1945 - 27 dicembre 1948 nominato vescovo di Alba)
  • Emilio Biancheri † (18 maggio 1949 - 7 settembre 1953 nominato vescovo di Rimini)
  • Carlo Bandini † (17 ottobre 1953 - 1º maggio 1976 ritirato)
  • Augusto Gianfranceschi † (1º maggio 1976 - 28 maggio 1977 ritirato)
  • Luigi Amaducci † (28 maggio 1977 - 30 settembre 1986 nominato vescovo di Cesena-Sarsina)

Vescovi di Cesena-Sarsina[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 167.000 persone contava 160.000 battezzati, corrispondenti al 95,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
Diocesi di Cesena
1950 96.500 97.000 99,5 178 124 54 542 81 206 67
1959 110.700 110.920 99,8 189 138 51 585 53 218 74
1970 124.912 125.000 99,9 190 136 54 657 1 72 238 81
1980 152.000 152.500 99,7 201 151 50 756 58 176 108
Diocesi di Sarsina
1950 26.000 26.000 100,0 66 66 - 393 44 55
1970 13.000 13.000 100,0 46 46 - 282 17 52
1980 13.200 13.500 97,8 34 34 - 388 12 52
Diocesi di Cesena-Sarsina
1990 153.200 154.000 99,5 207 160 47 740 5 64 133 122
1999 154.500 155.900 99,1 193 152 41 800 16 50 125 122
2000 154.500 155.900 99,1 192 151 41 804 16 50 125 121
2001 155.000 157.970 98,1 183 144 39 846 17 48 110 104
2002 157.970 160.000 98,7 182 143 39 867 17 48 110 104
2003 155.970 157.837 98,8 178 141 37 876 18 46 110 104
2004 155.900 157.900 98,7 173 136 37 901 20 46 110 101
2006 160.000 167.000 95,8 166 126 40 963 26 49 92 101

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Testo della bolla in Cappelletti, op. cit., p. 537.
  2. ^ Secondo Lanzoni, Floriano sarebbe vescovo di Siena, non di Cesena.
  3. ^ La sequenza dei vescovi Natale e Concordio è sospetta, secondo Lanzoni, perché identica a quella degli inizi del VII secolo.
  4. ^ Nelle cronotassi di Mengozzi e di Lanzoni, Natale II è il primo vescovo autentico della serie cesenate.
  5. ^ I vescovi Costantino, Candido, Marcello e Claudio sono esclusi dalla cronotassi di Mengozzi.
  6. ^ I vescovi Giovanni I e Romano sono esclusi dalla cronotassi di Mengozzi.
  7. ^ Menzionato da Gams, sconosciuto a Mengozzi.
  8. ^ Aderì al partito dell'antipapa Clemente VII (circa (1378), che nel 1380 lo trasferì ad Angoulême.
  9. ^ Menzionato da Gams, escluso da Mengozzi, inserito da Eubel ma con un punto interrogativo.
  10. ^ Secondo Eubel e Mengozzi, i tre vescovi di nome Giacomo, presenti nelle cronotassi dal 1379 al 1405, sono in realtà un solo e medesimo vescovo.
  11. ^ Gams distingue due vescovi di nome Paolo: Paolo Sebantini e Paolo Ferrante. Questa distinzione è esclusa sia da Eubel che da Mengozzi.
  12. ^ Secondo Lanzoni, Lorenzo, episcopus bobiensis presente ai sinodi romani del 501 e 502, non fu vescovo di Sarsina (nel medioevo Sarsina ebbe anche il nome di Bobium), ma di Boiano.
  13. ^ Secondo Lanzoni, ad eccezione di Vicinio, gli altri vescovi menzionati dalle cronotassi tradizionali, da Rufino a Sergio, «sono nomi con dati storici e cronologici estremamente sospetti». Circa la cronologia, Mengozzi riporta le date tradizionali ma sempre affiancate da un punto interrogativo, fino al vescovo Giusto.
  14. ^ Eubel inserisce un vescovo Gioacchino, che il 10 febbraio 1209 sarebbe stato trasferito da Sarsina a Faenza. Né Cappelletti né Mengozzi accennano a questo vescovo. Secondo lo storico Strozzi (Serie cronologica dei vescovi faentini, p. 135) questo Gioacchino era stato in passato vescovo di Sarzana, ma nella cronotassi sarzanese non appare un vescovo con questo nome.
  15. ^ Secondo Mengozzi, Alberico e Alberto sono la stessa persona.
  16. ^ Confusa è la cronotassi sarsinatese dell'inizio del XVI secolo. Secondo Cappelletti, a Galeazzo Corvara, che muore nell'anno stesso della sua elezione, succede dopo anni di sede vacante Antonio Ronchi (1515 - 1524). Secondo Eubel, il 18 maggio 1523 Giovanni Antonio Corvara viene nominato coadiutore con diritto di successione dello zio Galeazzo Corvara, che dunque era ancora vivo all'epoca. Non è chiaro tuttavia se il nipote fece in tempo a succedere alla zio, poiché probabilmente morì prima di lui. Il Mengozzi esclude Antonio Ronchi dalla sua cronotassi.
  17. ^ Durante la vacanza della sede fu nominato amministratore apostolico Pietro Giacomo Pichi, vescovo di Cittaducale, che mantenne l'amministrazione dal 1718 alla morte, nel mese di marzo 1733.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Per la sede di Cesena[modifica | modifica wikitesto]

Per la sede di Sarsina[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]