Anoia (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anoia
comune
Anoia – Stemma Anoia – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Reggio Calabria-Stemma.png Reggio Calabria
Amministrazione
Sindaco Antonio Ceravolo (lista civica) dal 28/03/2010
Territorio
Coordinate 38°26′00″N 16°05′00″E / 38.433333°N 16.083333°E38.433333; 16.083333 (Anoia)Coordinate: 38°26′00″N 16°05′00″E / 38.433333°N 16.083333°E38.433333; 16.083333 (Anoia)
Altitudine 210 m s.l.m.
Superficie 10 km²
Abitanti 2 246[1] (31.12.2011)
Densità 224,6 ab./km²
Frazioni Anoia Inferiore, Anoia Superiore
Comuni confinanti Cinquefrondi, Feroleto della Chiesa, Giffone, Maropati, Melicucco, Polistena
Altre informazioni
Cod. postale 89020
Prefisso 0966
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 080003
Cod. catastale A303
Targa RC
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Cl. climatica zona C, 1 026 GG[2]
Nome abitanti anoiani - sanoiesi
Patrono San Nicola Vescovo, San Sebastiano
Giorno festivo 6 dicembre, 20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Anoia
Posizione del comune di Anoia all'interno della provincia di Reggio Calabria
Posizione del comune di Anoia all'interno della provincia di Reggio Calabria
Sito istituzionale

Anoia (Anòi in calabrese[3]) è un comune italiano di 2.246 abitanti della provincia di Reggio Calabria, in Calabria.

Il territorio del comune risulta compreso tra i 45 e i 369 metri s.l.m., mentre l'escursione altimetrica complessiva risulta essere pari a 324 metri.

Punti di interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Borgo Antico: la parte più antica di Anoia Superiore.[4]
  • Ex Chiesa di S. Nicola: chiesa del XVI secolo colpita dal terremoto del 1783 e ricostruita nel 1803.Al suo interno oltre alle statue di San Nicoloa vi si trovava anche la statua della Madonna del Carmine, ora le due statue risiedono nella chiesa principale nuova Il San Nicola è una scultura lignea scultore Fortunasto Morano fatta nel 1802 restaurata da Mariano Pesa nel 1842 e Francesco Morani nel 1995 Mentre la Madonna del Carmine statua bellissima Scolpita da Francesco Morani intorno all'anno 1850 0 60 epoca in cui era parroco Morfuni. Inoltre nella vecchia chiesa di San Nicola l'altare opera di Vincenzo L. Jerace adorna. [4]
  • Chiesa di S. Nicola: chiesa degli anni trenta del XIX secolo.[4]
  • Chiesa di S. Sebastiano: chiesa edificata nel XVII secolo e colpita dal terremoto del 1783 e ricostruita nel 1835.[4]
  • Chiesa della Madonna dell'Assunta di Anoia Sup. si trova la bella statua scolpita da Francesco Morani n. 1804 a Polistena è da notare che nelle due statue ai piedi si trova un confratello della congrega del Carmine, evidentemente i confratelli vollero che lo scultore facesse il fratino ai piedi della statua. [4]
  • Suore Missionarie del Catechismo sito: Congregazione fondata da Padre Vincenzo Idà il 5 Agosto 1939.
  • Villa Comunale: giardino con panorama dell'Aspromonte da una parte e del Mar Tirreno dall'altra.[4]
  • Palazzo Paravagna: residenza della famiglia di feudatari Paravagna fino al 1806.[4]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]


Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

A seguito del Piano di Razionalizzazione della Rete Scolastica nel Comune sussistono le seguenti Istituzioni Scolastiche:

ISTITUTO COMPRENSIVO "ANOIA GIFFONE MAROPATI"

DIRIGENTE SCOLASTICO: Dott.ssa Angela Maria Collella (Reggente)

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 30.
  4. ^ a b c d e f g Punti di interesse - Comune di Anoia, sezione del sito del comune riguardante i luoghi più suggestivi del posto.
  5. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.