Scido

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scido
comune
Scido – Stemma Scido – Bandiera
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Reggio Calabria-Stemma.png Reggio Calabria
Sindaco Dott.Giuseppe Zampogna (lista civica) dall'08/06/2009
Territorio
Coordinate 38°15′00″N 15°56′00″E / 38.25°N 15.933333°E38.25; 15.933333 (Scido)Coordinate: 38°15′00″N 15°56′00″E / 38.25°N 15.933333°E38.25; 15.933333 (Scido)
Altitudine 435 m s.l.m.
Superficie 17 km²
Abitanti 958[1] (31-05-2012)
Densità 56,35 ab./km²
Frazioni Santa Giorgia
Comuni confinanti Cosoleto, Delianuova, San Luca, Santa Cristina d'Aspromonte
Altre informazioni
Cod. postale 89010
Prefisso 0966
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 080084
Cod. catastale I536
Targa RC
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti scidesi
Patrono san Biagio
Giorno festivo 3 febbraio
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Scido
Posizione del comune di Scido all'interno della provincia di Reggio Calabria
Posizione del comune di Scido all'interno della provincia di Reggio Calabria
Sito istituzionale

Scido è un comune italiano di 958 abitanti della provincia di Reggio Calabria, in Calabria.

Posto nel cuore della Aspromonte, è delimitato dalle due fiumare Cresarini e Pietragrande, ad oltre 450 m.s.l.m. ed esteso per 17 km². Adagiato su un triangolo pianeggiante, con l'apice rivolto verso il nord, tra dense e vaste distese di ulivi secolari, è circondato da colline.

L'economia di Scido è legata principalmente all'agricoltura ed all'artigianato locale e tra le maggiori produzioni ricordiamo le pipe intagliate a mano.

Le origini del borgo sono molto antiche e alcuni studiosi le fanno risalire al periodo della dominazione romana.

Ricorrenze[modifica | modifica sorgente]

  • San Biagio - 3 febbraio (santo patrono del paese)

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[2]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2012.
  2. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.