Gioiosa Ionica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Noi non abbiamo città al nostro paese così bellamente situate come Gioiosa. […] una grande e ben costruita città, sulla sponda ristretta del fiume... »
(Edward Lear, Diario di un viaggio a piedi, 1847)
Gioiosa Ionica
comune
Gioiosa Ionica – Stemma Gioiosa Ionica – Bandiera
Gioiosa Ionica Panorama con vista della Vallata del Torbido
Gioiosa Ionica Panorama con vista della Vallata del Torbido
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Reggio Calabria-Stemma.png Reggio Calabria
Sindaco Salvatore Fuda (Gioiosa bene comune) dal 27/05/2013
Territorio
Coordinate 38°20′00″N 16°18′00″E / 38.333333°N 16.3°E38.333333; 16.3 (Gioiosa Ionica)Coordinate: 38°20′00″N 16°18′00″E / 38.333333°N 16.3°E38.333333; 16.3 (Gioiosa Ionica)
Altitudine 120 m s.l.m.
Superficie 36 km²
Abitanti 7 019[1] (31-10-2012)
Densità 194,97 ab./km²
Frazioni Vedi elenco
Comuni confinanti Grotteria, Marina di Gioiosa Ionica, Martone, Roccella Ionica
Altre informazioni
Cod. postale 89042
Prefisso 0964
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 080039
Cod. catastale E044
Targa RC
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti gioiosani (ggejusani)
Patrono San Rocco
Giorno festivo 27 gennaio, 16 agosto e l'ultima domenica di agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Gioiosa Ionica
Posizione del comune di Gioiosa Ionica all'interno della provincia di Reggio Calabria
Posizione del comune di Gioiosa Ionica all'interno della provincia di Reggio Calabria
Sito istituzionale

Gioiosa Ionica o Gioiosa Jonica ('a Gejusa in calabrese) è un comune italiano di 7.019 abitanti in provincia di Reggio Calabria, in Calabria.

Cittadina situata nel cuore della Locride, a metà strada tra Reggio Calabria e Catanzaro, è situata a 120 m sul livello del mare.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dal mar Jonio, giungendo da oriente, vennero i Greci, verso il VI secolo a.C., e fondarono numerose colonie sulle coste della Sicilia e della Calabria, unendosi alle antiche popolazioni locali dei Siculi, dei Bruzi e degli Italioti: era la Magna Grecia, che ad un tratto si trovò più florida e potente della patria d'origine. Da quel che precede resta da localizzare la sede dell'antico centro urbano e ricercare il nome di battesimo e la sua durata di questo centro molto sviluppato per giungere all'attuale realtà urbanistica col nome di Gioiosa Ionica e capoluogo della Vallata del Torbido, sempre legata nella storia con Marina di Gioiosa Ionica.

Ma verso il 210 a.C. le colonie greche caddero sotto i Romani e divennero a tutti gli effetti province di quel grande impero che dominava il mondo. Sulla costa ionica, tra le città greche di Caulonia e Locri, di cui restano imponenti rovine non ancora del tutto riportate alla luce, sorse Mystia nella valle del torrente Torbido (a quel tempo in parte navigabile).

Restano di quell'epoca imponenti testimonianze tra cui il Teatro, ancora oggi utilizzato per importanti manifestazioni culturali, e il Naniglio, che sorge in una zona anticamente chiamata "li Bagni".

Nel 986 l'antica Mystia fu distrutta dalle orde saracene che si abbatterono sulle coste depredandole e saccheggiandole. I pochissimi superstiti fuggirono verso l'interno e, a circa un miglio dalla vecchia città, su un inaccessibile sperone roccioso (che molto bene si prestava alla difesa) fondarono Mocta Geliosa. Furono costruite torri di avvistamento e difesa che, dal mare, a poco più di un miglio di distanza, una dall'altra, salendo verso Gioiosa, permettevano di segnalare per tempo l'arrivo del nemico. Il casale di Geliosa venne anch'esso incluso nel feudo di Grotteria. Fu sottoposto perciò alla signoria di nobili e potenti, appartenne ad Alberico Piscicella (un avventuriero assurto ai fasti della Signoria locale per meriti militari) nel XIII secolo (1194-1265) e ai Carafa di Roccella (1501-1558). Per lunghi secoli sottoposta alla giurisdizione territoriale, politica, amministrativa, giudiziaria, fiscale e perfino religiosa della vicina Grotteria, Motta Giojosa costituì una borgata priva di autonomia. Al periodo aragonese risale la costruzione, o ricostruzione, del più vistoso monumento che oggi posseggia Gioiosa Ionica, il poderoso Castello Aragonese, uno dei più belli. Situato in un punto alto, sulla rupe rocciosa l'imponente monumento che costeggia il torrente Gallizzi, a notevole altezza, vista panoramica la sua terrazza che domina la cittadina, circondata dai vicoli il suo accesso la 'Porta Falsa'. L'epoca di costruzione risale al 1200 circa.[2] Sino alla morte abitato dal Marchese Corrado Pellicano.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Sul nome di Gioiosa gli storici non si trovarono mai d'accordo, ma l'etimologia più probabile della parola pare sia quella che deriva dal greco Ghe ("terra") e Eliose ("solatia"). Dunque "Geliosa" (o "Geoliosa") vale a dire "terra solatia", "città del sole".

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Gonfalone comunale
Stemma comunale

Lo stemma si compone:

« D'argento alla torre di rosso, murata di nero, aperta e finestrata del campo, merlata di quattro pezzi alla guelfa, fondata su terreno erboso è sormontato da una sontuosa corona Comune. È circondata da due rami uno di alloro e uno di quercia con alla base un nastro decorativo»

[4]

D.P.R. dell'8 maggio 1953

Il gonfalone è:

« Drappo partito di rosso e di bianco ornato di ricami d'oro e caricato dello stemma cittadino con l'iscrizione centrata in alto in oro Comune (sopra), di (tra la scritta Comune e Gioiosa Jonica) e sotto Gioiosa Jonica

nel leggere si vede la scritta Comune di Gioiosa Jonica su tre righe sopra lo stemma»

Naniglio

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Archeologia[modifica | modifica sorgente]

Naniglio[modifica | modifica sorgente]

Il Naniglio è un complesso di ruderi di una villa di epoca greco-romana (II secolo - III secolo d.C.).[5]

Nel marzo 2012, per le giornate del FAI il luogo archeologico è stato il secondo in Italia per numero di visitatori [6]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

Chiesa dell'Addolorata
Chiesa dell'Addolorata
Chiesa dell'Addolorata Organo a canne

Artistico Oratorio (uno dei più belli e ricchi della diocesi), di puro stile neoclassico, fondato nel 1881 e aperto al culto il 31 dicembre 1889. Esterno di architettura neoclassica, con sagomature a modanazione curvilinea e spezzata. Interno ad unica navata, con pianta a croce greca. Pronao neoclassico, decorato dall'artista locale Luigi Hyeraci. Abside (autentico gioiello) e navata artisticamente decorate, a stucchi ed oro, dal valente decoratore Francesco Gangemi, da Seminara; transetto sormontato da cupoletta, con affreschi di scarso valore artistico; bell'altare maggiore, in marmi policromi, con tabernacolo e fastigio pure marmorei (altare privilegiato con Bolla Pontificia del 15 dicembre 1918). Artistica cappella dell'Addolorata (pure opera dell'artiere municipale Luigi Hyeraci), con bellissimo gruppo raffigurante La Pietà, superga opera lignea ottocentesca (a.1862) scolpita a tutto tondo e a tutte figure dell'artista grotterese Giuseppe Cavaleri; ricco ostensorio, in oro e argento, finemente decorato, pregevolissima opera d'arte di toreutica dello scultore polistenese Francesco Jerace (a. 1932); monumentale organo a 22 registri e 1400 canne. Nella canonica, S. Michele Arcangelo, pregevole dipinto cinquecentesco, su tela, opera di autore ignoto, proveniente dal distrutto convento Basiliano dell'Annunziata (dono del marchese Massimo Pellicano).

Chiesa Matrice (o di S. Giovanni Battista)
Chiesa Matrice o San Giovanni Battista

La chiesa Matrice è il più antico luogo di culto urbano di Gioiosa Ionica, edificato su una rupe non lontana dal castello. Ricostruita malamente negli anni 1930, possedeva importanti opere d'arte, tra le quali tele esposte a Palazzo Amaduri. Possiede ancora oggi pregevoli altari del XVIII secolo, fra i quali quello del Santissimo Sacramento, realizzato nel 1756. Per le reiterate sue ricostruzioni, i ripetuti ampliamenti, le varie rielaborazioni, i continui rifacimenti e restauri, non sempre di buon gusto, può considerarsi la più travagliata delle Chiese della diocesi. Nel 1810, la Cattedrale venne ancora ingrandita, ad opera dell'Arc. D. Giuseppe Maria Pellicano (futuro vescovo della diocesi), con l'aggiunta di una quarta nave; e maggiormente ampliata lo fu nel 1858, in cui, a cura dell'Arc. Michele Correla Santacroce, venne ancora aggiunta una quinta navata, divenendo così la più vasta chiesa della diocesi, dopo la Cattedrale di Gerace.[5]

Chiesa dell'Annunziata
Chiesa del Rosario

Edificio nuovo. La sua ricostruzione (nuova chiesa del Rosario), su area poco distante da quella precedente, realizzata tra il 1929 e il 1932 anno che fu aperto al culto il giorno 29 settembre. È dotata di abitazione per il Rettore, di Centro Sociale e di Asilo.

Chiesetta della Trinità

Si tratta di un piccolo oratorio ed è chiusa al culto, si trova vicino la chiesa di S. Nicola e il Palazzo Ajossa.

Chiesa dell'Annunziata

Fondato nel 1594 e sorge nell'omonima contrada, di fondazione basiliana tardo-medievale, già romitorio dei Basiliani. Non molto lontano dalla chiesa, e nella stessa contrada, in piena zona archeologica, sorgeva un tempo anche un Convento Basiliano, omonimo, oggi non più esistente. La Chiesa fu edificata sopra i ruderi di una precedente Chiesa dell'Annunziata denominata Santa Maria di Maratà. il culto tutt'oggi conserva un'importante tela.[5]

Chiesa di Sant'Antonio

L'omonima Chiesa è in località Prisdarello, a valle del monte S. Andrea, tra i culti esistenti è l'ultimo realizzato nel territorio, per dare la possibilità alla frazione di assistere agli appuntamenti religiosi. La struttura è di costruzione modesta.

Chiesa-Santuario di S. Maria delle Grazie

Anch'esso sorge nell'omonima contrada, in zona archeologica. Nel 1973 fu devastata da un fortuito incendio e sulle sue rovine la nuova costruzione della chiesa-santuario nel 1975. «Oratorio suburbano, fondato in età bizantina e rifatto in periodo rinascimentale, su sostrato edilizio di età classica, nella zona archeologica della presunta Mystia, sulla sponda sinistra del fiume Torbido; Madonna delle Grazie, scultura litica romanica arcaicizzante figurata a bassorilievo, opera di autore ignoto (prob. artiere provinciale), di tarda età medievale (sec. XV). Alla base della icona, iscrizione aecaica, obliterata da altra iscrizione sovrapposta di età recensione» [7][8]

Chiesa di San Nicola di Bari

Sotto l'attuale titolo di S. Nicola di Bari fu eretto edificio di culto nel 1826. Sui ruderi della chiesa di S. Maria delle Grazie, crollato con il cataclisma sismico del 1783. La chiesa, danneggiata dal terremoto del 7 maggio 1928, fu restaurata fra il 1930 ed il 1934. Pregevole è il suo altare maggiore, marmoreo, a tarsie policrome, ricostruito con pezzi di riporto dell'altare dell'antica chiesa.

Chiesa di San Rocco[modifica | modifica sorgente]

Chiesa di San Rocco

È dedicata e intitolata a San Rocco, eletto patrono del comune, con breve pontificio del 28 marzo 1775, in sostituzione dell'antica protettrice Santa Caterina d'Alessandria. La fondazione dell'edificio, di proporzioni modeste nella sua versione originaria, risale agli inizi del XVII secolo. Successivamente, nella seconda metà del secolo, la chiesa venne ampliata, a cura di Salvatore Furfaro e riaperta al culto il 13 febbraio 1672. Lasciata per lungo tempo in abbandono, nel 1745 venne restaurata, a cura dell'Arc. Vincenzo Misuraca; il 24 dicembre 1829, con bolla del vescovo Giuseppe Maria Pellicano venne elevata a parrocchia; il 24 maggio 1840 venne consacrata, ad opera del vescovo Luigi Maria Perrone; nel 1857 venne rimaneggiata in stile neoclassico. Anche negli ultimi due secoli, la chiesa ha subito dei restauri.

Durante la processione di San Rocco, in particolare quella dell'ultima domenica di agosto che raccoglie migliaia di fedeli, è caratteristico e spettacolare il ballo di San Rocco; una danza collettiva condotta al ritmo dei tamburi, carcasse, tamburelli e organetti che riesce a coinvolgere e trascinare ogni partecipante per le strade della cittadina fino alla fine della interminabile processione.

Festa San Rocco Suono di tamburi e ballo votivo

La festa di San Rocco viene celebrata tre volte all'anno: il 27 gennaio, in forma modesta ed in ricorrenza del miracolo; il 16 agosto, senza processione; l'ultima domenica di agosto con grande flusso turistico di ogni provenienza; quest'ultima è nota per il ritmo incessante dei tamburi, carcasse e piatti, pifferi, organetti e tamburelli. I suoni nei giorni precedenti annunciano la domenica, la sera e notte di sabato "la veglia" o "nottata" con forte partecipazione al santuario con canti e preghiere e la messa liturgica, i diversi gruppi di suonatori di tamburi e altri strumenti, iniziano dal Santuario e nei momenti di preghiera, si disperdono per le vie del paese per poi ritornare dopo mezzanotte e a notte fonda davanti al piazzale del Santuario con a seguito i tanti devoti a ballare, è già domenica prima dell'alba, prima della processione.

La domenica davanti al Santuario è pieno di pellegrini per l'inizio della processione, il Santo viene seguito da fedeli provenienti dalla Calabria, dall'Italia e dall'estero.

La chiesa di San Rocco è situata nel largo dei V Martiri dove sorge anche il Palazzo Amaduri ed è dedicata, per l'appunto, a San Rocco, patrono di Gioiosa Ionica. All'interno della chiesa vi sono la statua di Sant'Anna, scolpita da Rocco Murizzi e la statua in cartapesta di Maria SS. Ausiliatrice, di Donna Gemma Incorpora.[5]

Chiesa di Santa Caterina d'Alessandria

Edificio eretto nel Cinquecento con titolarità della patrona della città, e a parrocchia nel 1613, nel 1783 crollato con il terremoto, riedificato nel 1799 (a cura del Parroco D. Giuseppe Pellicano), danneggiato dal cataclisma sismico del 1908 e restaurato in belle forme nel 1930 (anno in cui venne riaperto al culto). Nuovamente danneggiato dai nubifragi nel 1951, venne riparato nel 1955. S. Caterina d'Alessandria: statua lignea scolpita a tutto tondo e a completa figura, opera di statuario partenopeo del XVIII secolo.[5]

Chiese scomparse[modifica | modifica sorgente]

Chiesa del Nome di Gesù

Oratorio fondato nel XVII secolo. Crollò per vetustà al principio del secolo scorso. Nel 1824, il locale su cui sorgeva venne ceduto al comune.

Chiesa del Rosario fino al 1928

La Chiesa sorgeva accanto al Convento dei Frati Minori Osservanti (oggi Palazzo Municipale), tra l'attuale Piazza Sen. Rocco Agostino e Via Garibaldi, a causa del terremoto del 7 marzo 1928, l'edificio venne poi dichiarato pericolante e successivamente demolito.

Chiesa del Rosario sino al 1928
Chiesa del Rosario (dopo il 1928)

Sorgeva nella parte bassa del paese, presso l'incrocio delle attuali strade per Martone e Marina di Gioiosa Ionica, cioè, poco distante dalla nuova chiesa omonima. Era officiata dai Francescani Minori Osservanti.

Chiesa dell'Immacolata

Oratorio prob. secentesco, di giuspatronato della nobile famiglia Paganica. Era dotato di un suo Beneficio che, dopo la scomparsa della chiesa, venne trasferito nella chiesa di San Rocco.

Chiesa della SS. Concezione e di S. Ilario

Fondata nel 1694.

Chiesa delle Anime del Purgatorio e di S. Raffaele Arcangelo

Era sita su una sponda del Gallizzi, nel 1795 a causa dell'alluvione venne distrutta dalla piena del fiume e fu subito dopo ricostruita.

Chiesa di S. Maria del Soccorso

Situata in località Rubina (o collinetta del Pini) di fondazione cinquecentesca dei PP. Agostiniani, con vicino convento omonimo e annesso romitorio. Nel 1832 sia l'edificio chiesastico, sia quello conventuale, vennero adibiti ad uso cimitero comunale (chiamato cimitero vecchio).

Chiesa di Maria SS. del Carmine

Antico oratorio.

Chiesa di S. Maria della Sanità

Fondato e dotato nel 1585, è un oratorio tardo-rinascimentale.

Chiesa di S. Maria della Pietà

Eretta nel XVI secolo, nel sito della fontana monumentale di piazza del plebiscito. Nel 1822 per disposizione del Vescovo Mons. Giuseppe Maria Pellicano l'edificio venne demolito, per far posto alla indicata fontana.

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo
Chiesa di S. Basilio

Oratorio rurale, di fondazione basiliana, sito nella contrada omonima. Crollò a causa del terremoto del 1783.

Chiesa di S. Giovanni Decollato

Nel luglio del 1683, la cappella di S. Giovanni Battista Decollato nella chiesa omonima, in Gioiosa, è di giuspatronato della nobile famiglia De Ripulo.

Chiesa di S. Elisabetta

Oratorio di antica fondazione, sorto in contrada omonima, sulla sponda sinistra del Torbido

Chiesa di S. Maria di Gesù

Antico Oratorio.

Chiesa di S. Nicola da Tolentino

Antica fondazione, non si hanno notizie sulla sua ubicazione.

Chiesa dei SS. Pietro e Paolo

Fondata nel 1571, durante il Vescovado di Mons. Pasqua. Chiesa di fondazione rinascimentale, di notevole importanza. Sorge a fianco al Palazzo Amaduri e fiancheggia la chiesa di San Rocco. Attualmente si presenza in un totale abbandono.

Chiesa di S. Venera e S. Domenica

Oratorio rurale di antichissima fondazione, sorto in contrada omonima.

Chiesa di S. Maria delle Grazie

Edificio di fondazione secentesca e crollato con il cataclisma sismico del 1783. Sulle sue rovine, venne costruita la chiesa di S. Nicola di Bari (attualmente sconsacrata), elevata a Parrocchia dal Vescovo Mons Pellicano con bolla 24 dicembre 1829

Porta Falsa uno dei due ingressi della cinta muraria

Architetture militari[modifica | modifica sorgente]

Cinta muraria

La cinta muraria racchiude tutto l'antico abitato sin dal XV secolo. Essa è stata costruita fra il 1437 ed il 1455. È molto suggestiva e presenta, lungo il suo corso, archi, camminamenti di ronda, ecc. Successivamente molti palazzi hanno utilizzato la muraglia come base d'appoggio per le proprie fondamenta.

Castello Pellicano
Castello Portale e Torre
Castello e Teatro

Il castello normanno, altresì chiamato Castello Bizantino e Castello dei Carafa, si erge sul punto più alto della rocca che sovrasta il paese. La costruzione dovrebbe risalire al [XIII secolo]; nel 1559 divenne proprietà dei marchesi Caracciolo, che ne furono proprietari fino al XIX secolo, quando passò ai marchesi Pellicano Barletta, attuali proprietari. Possiede due torri, un cortile, un fossato ed un palazzo cinquecentesco annesso, già dimora dei feudatari. Tale edificio ha costituito il primo nucleo abitato della comunità gioiosana. Pellicano: Antico, nobile e dovizioso casato gioiosano investito dal blasone di Marchese. In tempi recenti, il casato è stato anche insignito del Sovrano Ordine di Malta, un titolo che, per il suo prestigioso merito, è stato sempre molto ambito dalla nobiltà.[5]

Fontana Ferdinandea

La fontana Ferdinandea fu fatta costruire dal re Ferdinando I ed è datata 1822.[5][9]

Palazzo Amaduri

Architetture civili[modifica | modifica sorgente]

Palazzo Municipale ex Convento dei Frati Minori Osservanti
Palazzo Ajossa

Palazzo nobiliare edificato nel XVIII secolo dalla famiglia omonima. La sua progettazione è, comunemente attribuita al Vanvitelli; il palazzo presenta una parte aggiunta nel XVIII secolo che ha caratteristiche proprie dell'architettura vanvitelliana, o comunque, delle dimore barocche. Oltrealla facciata con il portale, le decorazioni e i particolari settecenteschi, conserva, all'interno, la divisione degli ambienti originari e ampie tracce dei dipinti e della pavimentazione con maioliche napoletane del XVIII secolo.

Palazzo Amaduri

Palazzo Amaduri fu costruito nel XV secolo come residenza della famiglia nobile dei Condercuri. Estintasi la casata nel 1694, il palazzo fu ereditato dalla famiglia Amaduri, la quale, con lavori che si protrassero fin oltre la seconda metà del XVIII secolo (secondo la datazione sul portale), lo fece ampliare. Attualmente è di proprietà del comune.[5]

Palazzo Amaduri Pinacoteca “La Regina Tomiri e la testa di Ciro il Grande” attribuito a Mattia Preti.
Palazzo Pellicano Spina
Palazzo Linares
Palazzo Linares

Antico Palazzo costruito alla fine del Cinquecento dai Baroni Linares D'Aragona. Complesso edilizio di notevoli dimensioni, dotato di un grande giardino, di un portale bugnato seicentesco e caratterizzato da numerosi ambienti di grandi dimensioni, alcuni dei quali conservano la pavimentazione originale. L'edificio si eleva su tre livelli: scandita da lesene è la facciata principale e corredata di balconcini con ringhiera decorata da colonnine in muratura. Un'ampia loggia e piccole lunette decorative sovrastanti si presenta il terzo piano e il piano terra ampio per esercizio commerciale. Il palazzo è notevole sulla via Cavour con un portone, parte dell'edificio e il portone principale ad arco è sul vico Pagano dove si trova anche il giardino. All'edificio, che conserva parte degli arredi originari, si accede per mezzo di un sobrio portale ad arco nel centro storico di Gioiosa.[5]

Palazzo Naymo Pellicano Spina

È il più grande edificio privato situato nel borgo medievale gioiosano, all'interno delle mura di cinta. Il palazzo sorge in particolare su un ampio tratto della muraglia di Gioiosa Ionica. Nel livello inferiore del palazzo sono ancora visibili i muri perimetrali della fortificazione ed il camminamento di ronda. Vi si accede da un portale granitico realizzato nella seconda metà del XVIII secolo, quando furono effettuati i lavori di ristrutturazione che hanno conferito al palazzo l'aspetto odierno, trasformando gli originari due corpi di fabbrica di età basso-medievale (XV secolo). Su di un bastione, ancora esistente, poggiava un lato della porta Barletta. Il palazzo è caratterizzato da oltre quaranta ambienti, una biblioteca storica ed un archivio privato storico riconosciuto di interesse nazionale della Sovrintendenza ai Beni Archivistici.[5]

Palazzo Ripolo-Girardis

Palazzo Ripolo-Girardis è un antichissimo edificio d'origine medievale, costruito ed integrato nella cinta muraria, di proprietà delle famiglie Ripolo e Girardis. Nobile famiglia gioiosana.

Palazzo Teotino o Totino

Situato in via Cairoli n. 41, percorso che porta al Castello Aragonese da Piazza Plebiscito, artistico e magnifico è il portale lapideo barocco secentesco. Ai lati dei piedritti del bugnato, figure di due Sirene. L'edificio nel corso degli anni ebbe diverse modifiche. Il casato dei Deotino-Theotino ha, in Gioiosa, elementi superstiti nella famiglia Totino.

Palazzo Zarzaca

Palazzo Zarzaca è un monumentale edificio che sorge al largo della chiesa Matrice, caratterizzato dalla presenza di due caratteristiche logge barocche complete di originaria inferriata. Fu costruito dalla famiglia Zarzaca; passò successivamente ai Pellicano Spina, i quali lo ristrutturarono nel 1795, come riporta la data scolpita sul portale. Antica e nobile famiglia, che godette nobiltà ed ebbe il suo seggio in Castelvetere. Il casato ebbe radici anche in Gioiosa, pertanto può considerarsi anche gioiosana.

Teatro Gioiosa

Teatri[modifica | modifica sorgente]

  • Teatro Gioiosa piazza Vittorio Veneto, 12
  • Teatro al Castello

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazione Bernagallo

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Agliocane, Armo, Bernagallo, Buyzzi, Cafoli Superiore, Cafoli Inferiore, Castellano, Ceravolo, Ceravolo I, Ceravolo II, Ceravolo III, Cessarè, Colacà, Crocicella, Elisabetta, Feudo, Furro Superiore, Giardini, Ligonia Carella, Merulli, Misogano, Palma Inferiore, Petrara, Portagliara, Prato Superiore, Prisdarello, Rubina, Santa Maria, Sant'Antonio, Sciondolarica, Tarvò, Varredi.

Manifestazioni, feste e sagre[modifica | modifica sorgente]

  • Mercato: domenica
  • Teatro Gioiosa, stagione invernale.
Settimana Santa
La Settimana Santa nella città d'arte reggina, dalla Domenica delle Palme alla domenica di Pasqua.
Domenica delle Palme
Nelle chiese della Matrice (o San Giovanni Battista), Santa Caterina d'Alessandria, del Rosario e San Rocco la Santa Messa.
Giovedì Santo
Nelle chiese della Matrice (o San Giovanni Battista), Santa Caterina d'Alessandria, del Rosario e San Rocco la Santa Messa, subito dopo Visita al Santo Sepolcro in tutte le Chiese di Gioiosa con l'adorazione Eucaristica.
Venerdì Santo
Dalla Chiesa Matrice l'inizio della processione con il Cristo Morto, viene portato dalle donne, e la Madonna Addolorata a seguito per le vie della città, durante tutto il percorso della processione vengono commemorate le 14 stazioni della Via Crucis, giunti al Calvario la Santa Messa e ritorno in chiesa.
Domenica di Pasqua
Alle 11.00 in Largo Palestro la "Cunfruntata", l'incontro delle statue di Cristo Risorto con la Madonna, che si sveste di lutto. Il Cristo Risorto esce dalla Chiesa Matrice (o San Giovanni Battista), la Madonna dalla Chiesa del Rosario, ricoperta da un manto nero. Il festoso incontro avviene di corsa tra Cristo Risorto e la Madonna abbandonando il manto nero e sfoggiando un abito bianco a festa tra gli applausi dei fedeli. Le due statue percorrono le vie principale della cittadina per essere portate alla Chiesa Matrice. Di sera la Madonna ripercorrendo in senso opposto il tragitto fatto con Cristo Risorto, da sola ritorna nella sua Chiesa del Rosario.
Maria SS. dell'Annunziata
Prima domenica di giugno
San Giovanni Battista
24 giugno con funzioni religiose e civili in Chiesa e davanti al Sagrato.
Sagra del 'Pezzo duro' (tipico gelato gioiosano)
In agosto la sagra attira i golosi del gelato gioiosano detto 'Pezzo duro', ma anche 'mattonella' o 'tavoletta' in riferimento alla porzione; l'altra forma del 'Pezzo duro' è il semifreddo, che ha l'aggiunta del pan di spagna. Il 'Pezzo duro' è sia la porzione che intero, quest'ultimo si può definire 'lingotto di pezzo duro' per la sua forma, tagliandolo si hanno le porzioni e viene acquistato per una conservazione e consumo in casa.
Festa di San Rocco
Festa e processione del protettore della città. Il 27 gennaio, 16 agosto (senza processione) ed ultima domenica di agosto, come riportato nella voce Chiesa di San Rocco.
Gustando Il Borgo, lunedì antecedente l'ultima domenica di agosto
Degustazione di prodotti tipici e artisti di strada.
Santi Cosma e Damiano
26 settembre, festività in onore dei venerati Santi nella Chiesa di Maria SS. Addolorata.
Madonna del Rosario
Seconda domenica di ottobre, processione.
Festa delle Castagne e del Vino
In novembre, degustazione di castagne e vino.[10]
Il Villaggio di Natale
In dicembre, è il mercatino di Natale.[11]
Città Mercato
In dicembre, promuove i prodotti e aziende calabresi, vengono allestiti dei stand per le aziende ad esporre i propri prodotti.[12]

Persone legate a Gioiosa Ionica[modifica | modifica sorgente]

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Gioiosa Ionica è a circa un'ora dall'aeroporto di Lamezia Terme e a circa un'ora e mezza dall'aeroporto di Reggio Calabria. La viabilità ha dato un impulso di notevole importanza con la SGC Strada statale 682 Jonio-Tirreno, il tratto stradale in parte è sul territorio che fiancheggia l'abitato sud/ovest della cittadina con l'accesso e l'uscita per raggiungere la SS 106 a 4 km e l'A3 Rosarno che dista a 34 km di facile e rapido collegamento.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1946 G. Battista Malgeri Sindaco
1946 1947 Agostino Satriano Sindaco
1947 1952 Nicola Sabatino Sindaco
1952 1956 Edoardo Rodinò Sindaco
1956 1960 Nicola Ieraci Bio Sindaco
1960 1964 Francesco Logozzo Sindaco
1964 1967 Francesco Logozzo Sindaco
1967 1970 Francesco Logozzo Sindaco
1970 1971 Francesco Logozzo Sindaco
1971 1975 Domenico Sergi Sindaco
1975 1979 Francesco Modafferi Sindaco
1979 1980 Francesco Logozzo Sindaco
1980 1981 Francesco Logozzo Sindaco
1981 1984 Giuseppe Tarzia Sindaco
1984 1985 Salvatore Ferro Commissario prefettizio
1985 1986 Girolamo Greco Sindaco
1986 1988 Girolamo Greco Sindaco
1988 1989 Mario Coluccio Sindaco
1989 1990 Mario Mazza Sindaco
1990 1991 Domenico Alì Sindaco
1992 1994 Antonio Scali Sindaco
1994 1995 Luigi Lucà Sindaco
1995 1999 Bruno Dattilo Sindaco
1999 2004 Domenico Loccisano Sindaco
2004 2007 Giuseppe Tarzia Sindaco
2007 2008 Maria Grazia Nicolò Commissario prefettizio
2008 2012 Mario Mazza Sindaco
2012 2013 Giuseppina Di Dio Datola Commissario prefettizio
2013 in carica Salvatore Fuda lista civica Gioiosa bene comune Sindaco

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

  • U.S. Gioiosa Ionica Promozione
  • Audax Gioiosa Ionica (Settore Giovanile)
  • Sporting Gioiosa (Settore Giovanile): è la prima e unica Scuola calcio Etica d'Italia, promossa dal presidio locale di Libera - associazione nomi e numeri contro le mafie. Una realtà, gestita dal centro Don Milani, che getta e coltiva il seme della legalità tra i bambini e i giovani, attraverso lo sport, ma anche con percorsi educativi e di cittadinanza attiva. Un modello d'eccellenza, portato avanti da un'équipe di istruttori, educatori e psicologi, che sta crescendo con sani principi ormai oltre 100 ragazzi della zona. E da due anni, co-organizza con l'Aurora Desio (innovativa società della Brianza) un gemellaggio contro la malavita organizzata, denominato "Diamo un calcio all'illegalità": un progetto considerato ormai una best practice nazionale in tema di promozione della legalità tra le nuove generazioni.

Calcio a 5[modifica | modifica sorgente]

  • Gioiosa Ionica maschile
  • Gioiosa Ionica femminile

Volley[modifica | modifica sorgente]

  • Polisportiva Gioiosa Ionica femminile

Basket[modifica | modifica sorgente]

  • Gioiosa Ionica

Impianti sportivi[modifica | modifica sorgente]

  • Stadio comunale, situato in viale Delle Rimenbranze, è di proprietà del comune
  • Palestra comunale, si disputano le gare ufficiali di Volley e Basket
  • Centro polifunzionale "Ai Campetti", si disputano le gare ufficiali di Calcio a 5 e di tennis

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 ottobre 2012.
  2. ^ Vedi, tra gli altri:
    • Mario Pellicano Castagna, Storia dei feudi e dei titoli nobiliari in Calabria, vol. III, ad vocem "Grotteria", Catanzaro, 1990
    • Mario Pellicano Castagna, Araldica moderna della Locride sta in "Storia e cultura della Locride", a cura di G. Calogero, Messina 1964
    • Mario Pellicano Castagna, Le ultime intestazioni feudali in Calabria Chiaravalle C., 1978
    • Calogero G. (a cura di) Storia e cultura della Locride, Messina, 1964
    • Lobstein (von) F., Il settecento calabrese e altri scritti 3 voll., Fausto Fiorentino, Napoli, 1973
    • Naymo V., Il castello di Gioiosa in Calabria Ulteriore, Gioiosa J.,1996
    • Naymo V., La platea di S. Maria “la Cattolica” di Grotteria, Sta in Incontri Meridionali 1/2, 1995
    • Naymo V., Uno stato feudale nella Calabria del Cinquecento. La Platea di Giovan Battista Carafa marchese di Castelvetere e conte di Grotteria (1534), Gioiosa Jonica, 2004.
    • Domenico Angilletta, Castelli Chiese Abbazie nel giustizierato di Calabria (sec.IX-XIV) cittàcalabriaedizioni 2006
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Gioiosa Jonica Stemma
  5. ^ a b c d e f g h i j Gioiosa Ionica
  6. ^ Gioiosa Ionica Naniglio e le giornate del FAI "012
  7. ^ Dizionario Corografico Calabria (Cosenza 1972, p. 289)
  8. ^ Gioiosa Ionica Santuario di S. Maria delle Grazie
  9. ^ Chi era Costui - Scheda di Fontana ferdinandea
  10. ^ Gioiosa Joinica Festa delle Castagne e del Vino
  11. ^ Gioiosa Ionica Villaggio di Natale
  12. ^ Gioiosa Ionica Città Mercato

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • La Calabria, A. Frangipane - C. Valente, Istituto Italiano d'Arti Grafiche, 1929
  • Gioiosa Ionica, Lineamenti di storia municipale, E. Barillaro - Edizioni Effe Emme, Chiaravalle Centrale, 1976
  • La villa romana del Naniglio di Gioiosa Ionica. Relazione preliminare della campagna di scavo (1981-86) - Editore: Bibliopolis
  • Movimenti di protesta e lotte contadine dal fascismo al secondo dopoguerra: Gioiosa Ionica ,Francesco Modafferi - Edizioni ETS 1985
  • Diario di un viaggio a piedi (1847 - Edward Lear)
  • Il Culto di S. Rocco a Gioiosa Jonica (1593-1993), Vincenzo Nadile - Lit. Diaco 1994
  • Le acque pubbliche a Gioiosa Ionica "La fontana monumentale borbonica" Francesco Modafferi - Edizioni AGE 1996
  • Gioiosa Ionica e il suo Patrono San Rocco, Vincenzo Nadile - Lit. Diaco 2001
  • La tradizione musicale a Gioiosa Jonica, La banda municipale, Francesco Modafferi - Edizioni ETS 2003
  • Gioiosa Ionica. Anni venti, Emilio Pilieci - FPE-Franco Pancallo Editore
  • Gioiosa Ionica - Giuseppe Aversa - FPE-Franco Pancallo Editore
  • I mosaici della Villa Romana del Naniglio a Gioiosa Ionica, Delegazione FAI della Locride e della Piana, 23-24-25 marzo 2012

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Provincia di Reggio Calabria Portale Provincia di Reggio Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Provincia di Reggio Calabria