Cosoleto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cosoleto
comune
Cosoleto – Stemma
Sede del comune
Sede del comune
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Reggio Calabria-Stemma.png Reggio Calabria
Amministrazione
Sindaco Antonio Gioffrè (lista civica Alleanza Civica per i Valori) dal 27/05/2013 (2º Mandato)
Territorio
Coordinate 38°16′00″N 15°56′00″E / 38.266667°N 15.933333°E38.266667; 15.933333 (Cosoleto)Coordinate: 38°16′00″N 15°56′00″E / 38.266667°N 15.933333°E38.266667; 15.933333 (Cosoleto)
Altitudine 442 m s.l.m.
Superficie 33 km²
Abitanti 878[1] (30-09-2012)
Densità 26,61 ab./km²
Frazioni Acquaro, Sitizano
Comuni confinanti Africo, Delianuova, Oppido Mamertina, Roghudi, Samo, San Luca, San Procopio, Santa Cristina d'Aspromonte, Scido, Sinopoli
Altre informazioni
Cod. postale 89050
Prefisso 0966
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 080030
Cod. catastale D089
Targa RC
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti cosoletani
Patrono san Sebastiano Martire
Giorno festivo 20 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cosoleto
Posizione del comune di Cosoleto all'interno della provincia di Reggio Calabria
Posizione del comune di Cosoleto all'interno della provincia di Reggio Calabria
Sito istituzionale

Cosoleto (Cosalìtu in calabrese[2]) è un comune italiano di 878 abitanti della provincia di Reggio Calabria, in Calabria; si trova 60 km a Nord Est del capoluogo.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

È situato nella fascia di colline pre-aspromontane che coronano la piana di Gioia Tauro, sul cui paesaggio si affaccia. La sua economia è prevalentemente agricola, basata sulla coltura dell'ulivo (varietà Sinopolese e Ottobratica, i cui boschi secolari di alte piante (spesso superano i 20 metri) ricoprono le pendici collinari e caratterizzano il paesaggio del territorio.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Cosoleto, detto anche "Cusuleto" o "Cosalitu", fu dato in feudo nel 1467 da Ferrante I alla famiglia Clever, poi confluita nella famiglia dei baroni Spinelli. Nel 1566 il feudo fu venduto dagli Spinelli alla famiglia dei principi Ruffo, che lo mantennero fino al 1639, anno in cui fu venduto alla famiglia dei Francoperta[3]. Nel 1703, con la morte del principe Giuseppe, si estinse la linea maschile dei feudatari Francoperta[4]. Il feudo passò sotto la famiglia dei Tranfo.

La storia di Sitizano fu invece legata da tempi innemorabili, in qualità di casale, a quella di Santa Cristina, feudo prima della Conti Ruffo di Sinopoli e successivamente, dal 1495, dei Conti Spinelli. Se ne staccò nel periodo 1666 - 1670, anche se gli Spinelli pervennero a venderlo come feudo alla famiglia Taccone solo nel 1648, a seguito del quale la famiglia Taccone assunse il titolo di Marchesi di Sitizano.[5]

L'intero territorio fu molto condizionato dalla dominazione bizantina e, fino alla fine del XVI secolo, era di lingua e cultura greca e professava il rito greco-ortodosso.[6]

Nel 1783 un terremoto catastrofico rase al suolo Cosoleto, assieme a molti alti centri della fascia tirrenica[7]. Il terremoto distrusse il vecchio castello e il Monastero, fondato da padre Beneventura, cui era annessa la Chiesa di San Nicolò. I cittadini, sostenuti dai Principi Tranfo, lo ricostruirono in un luogo sicuro e riparato, appunto su di una collina. Divenne comune nel 1806.[8]

Nel primo, ma soprattutto a partire dal secondo dopoguerra ha subito un forte flusso migratorio della sua popolazione, con un forte declino del numero di abitanti.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[9]

Religione[modifica | modifica sorgente]

La religione più diffusa è quella cattolica di rito romano. Il comune fa parte della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi e del vicariato di Palmi. Il territorio comunale è attualmente suddiviso in due parrocchie, quella intitolata a Santa Domenica (a Sitizano)[10] e quella dedicata a Santa Maria delle Grazie.[11]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica sorgente]

Sono numerose le tradizioni di Cosoleto, soprattutto legate a festeggiamenti religiosi. La più importante è la festa di San Rocco, celebrata il 16 agosto nella frazione di Acquaro, con solenne processione della statua del santo per le vie del paese, meta di pellegrinaggi di fedeli provenienti da tutta la piana. Oltre al suddetto evento, l'elenco completo delle celebrazioni cattoliche che vengono svolte durante l'anno, nel territorio comunale, è il seguente:

  • Festa di San Sebastiano, patrono di Cosoleto, 20 gennaio;[12]
  • Festa di Maria Santissima del Carmelo, prima domenica di maggio, nella frazione di Sitizano;[12]
  • Festa di Santa Domenica, 26 maggio, nella frazione di Sitizano;[12]
  • Festa di Maria Santissima delle Grazie e di Maria Santissima degli Angeli, prima domenica di agosto;[12]
  • Festa di San Rocco, 16 agosto, nella frazione di Acquaro.[12]

Persone legate a Cosoleto[modifica | modifica sorgente]

  • Francesco Taccone, Marchese di Sitizano, nato a Sitizano il 16 agosto 1762, da Giuseppe e Isabella Capialbi, e morto a Napoli il 28 ottobre 1818. Sotto il regno di Ferdinando IV di Napoli, fu Questore, ossia Tesoriere Maggiore del Regno di Napoli e Presidente della Regia Camera. In tale carica, ebbe un importante ruolo nella ricostruzione succeduta al terremoto del 1783.[13] È anche citato da Alexandre Dumas nel libro Borboni di Napoli (1862)[14]
  • Rocco Carbone, originario di Cosoleto nasce a Reggio Calabria nel 1962 e muore a Roma il 17 luglio 2008. Critico letterario e scrittore, dopo la laurea in lettere a Roma presso l'Università degli Studi La Sapienza e il Dottorato di Ricerca presso l'Università Sorbona di Parigi nel 1993 esordisce con il romanzo Agosto. Nel 1996 pubblica Il comando, seguito nel 1998 da L'Assedio, nel 2002 da L'Apparizione e nel 2005 da Libera i miei nemici. Pubblica articoli e racconti sulle riviste Nuovi Argomenti, Linea d'ombra, Paragone e L'indice. Collabora a La Repubblica, L'Unità, Il Messaggero. A pochi mesi dall'uscita del suo ultimo lavoro, dal titolo provvisorio Per il tuo bene, muore in un incidente stradale.

Geografia antropica[modifica | modifica sorgente]

Frazioni[modifica | modifica sorgente]

Le frazioni di Cosoleto sono:

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2012.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 234.
  3. ^ Giuseppe Galasso, Economia e società nella Calabria del Cinquecento, Guida editore, 1992, SBN 8878350486
  4. ^ Domenico Caruso, Storia e Folklore Calabrese
  5. ^ Rocco Liberti, "Quaderni Mamertini, 7"
  6. ^ Pietro Stilo, I fratelli Plutino e i grecanici nel Risorgimento, cap. I: La grecità calabrese dal XVI secolo al Risorgimento, Tesi di laurea, Università di Messina, 2002
  7. ^ Alexandre Dumas, Le Capitaine Aréna, Terre moti, 1835
  8. ^ Diego Cocolo, Il valore della memoria
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Parrocchia Santa Domenica - Sitizano
  11. ^ Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Cosoleto
  12. ^ a b c d e Feste patronali: Cosoleto
  13. ^ Domenico Pisani, Opere di devozione monastica "in domo Carthusiae Sanctorum Stephani et Brunonis de Nemore"
  14. ^ Alexandre Dumas, Borboni di Napoli, 1862

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nino Lionello, Cosoleto e la sua storia. Un comune aspromontano, Laruffa editore, 1989, ISBN 88-7221-014-3.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]