Angelo Vassallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Vassallo

Sindaco di Pollica
Durata mandato 1995 –
2010
Successore Stefano Pisani

Dati generali
Partito politico La Margherita (2002-2007)
Partito Democratico (2007-2010)

Angelo Vassallo (Pollica, 22 settembre 1953Pollica, 5 settembre 2010) è stato un politico italiano. Sindaco del comune di Pollica, è stato ucciso in un attentato la cui sospetta matrice camorristica è tuttora oggetto di indagini da parte della magistratura.

Attività politica[modifica | modifica sorgente]

Sindaco di Pollica in tre mandati (dal 1995 al 1999, dal 1999 al 2004 e dal 2005 al 2010), nel 2010 si era presentato per un quarto mandato: unico candidato, rieletto il 30 marzo con il 100% dei voti[1]. Esponente del PD, in passato aveva ricoperto anche l'incarico di consigliere provinciale a Salerno tra le file della Margherita[2]; oltre alla carica di sindaco, ricopriva anche quella di presidente della Comunità del parco, organo consultivo e propositivo dell'ente Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano[3].

Soprannominato il "sindaco pescatore", politicamente Vassallo si distingueva per un marcato ambientalismo. Vassallo ha mostrato critiche nei confronti dei vertici locali del PD, ed ha avuto parole di elogio per la Lega Nord, per la capacità di essere vicino alla gente individuandone le esigenze[4].

Vassallo, il cui comune è stato l'epicentro degli studi sui regimi alimentari mediterranei (molti degli studiosi del Seven Countries Study, come Ancel Keys, Jeremiah Stamler, Flaminio Fidanza e Martti Karvonen, avevano stabilito la loro residenza estiva nella frazione comunale di Pioppi), si è fatto promotore nel 2009 della proposta di inclusione della dieta mediterranea tra i Patrimoni orali e immateriali dell'umanità. La proposta è stata accolta dall'UNESCO il 16 novembre 2010, a Nairobi[5][6]. La delegazione del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, presente in Kenya per la proclamazione, ha dedicato il riconoscimento alla figura del suo promotore[7]

Morte[modifica | modifica sorgente]

La sera del 5 settembre 2010, intorno alle 22:15[2], mentre rincasava alla guida della sua automobile, Vassallo è stato ucciso da uno o più attentatori allo stato ignoti; contro di lui sono stati esplosi nove proiettili calibro 9, sette dei quali a segno[8].

Benché allo stato la matrice dell'attentato sia ignota, il pubblico ministero Luigi Rocco, incaricato delle indagini, ha avanzato l'ipotesi che esso sia stato commissionato dalla camorra al fine di punire un rappresentante delle istituzioni che si era opposto a pratiche illegali[2]: un collegamento potrebbe risiedere nelle azioni svolte da Vassallo a tutela dell'ambiente[9], era visto dalla camorra come un ostacolo al controllo del porto che le garantirebbe libertà nei commerci illegali di droga[10].

Il parlamento europeo ha decretato un minuto di silenzio in omaggio a Vassallo, e il presidente dell'assemblea Jerzy Buzek ha ricordato che il sindaco è «…stato ucciso dalla camorra…» e che «…la sua morte non deve passare invano»[11].

Le esequie di Vassallo, che lascia una moglie e due figli[12], si sono tenute il 10 settembre a Acciaroli, la frazione di Pollica che ospita il porto, officiate dal vescovo di Vallo della Lucania Giuseppe Rocco Favale alla presenza di numerose autorità nazionali e locali, tra cui il presidente della regione Campania Stefano Caldoro, il ministro dell'ambiente Stefania Prestigiacomo e il leader del PD Pier Luigi Bersani[13], nonché il leader di Sinistra Ecologia Libertà e presidente della regione Puglia Nichi Vendola.

Memoria[modifica | modifica sorgente]

Dalla morte di Vassallo, vi sono stati diversi tributi in suo onore.

  • Gli è stato dedicato il film di Luca Miniero Benvenuti al sud, con Claudio Bisio protagonista[14].
  • È stata organizzata in sua memoria una diretta web e televisiva[15] per ricordarne la persona e per discutere di lotta alle mafie.
  • È stato nominato uomo dell'anno da parte della redazione di Rainews24[16].
  • Riccardo Iacona, il 30 gennaio 2011, nella prima puntata del suo programma Presa diretta su Raitre, intitolata La bella politica[17], prova a fare il punto sulle indagini legate all'omicidio del sindaco.
  • Angelo Vassallo è stato ricordato il 21 marzo 2011 nella Giornata della Memoria e dell'Impegno di Libera, la rete di associazioni contro le mafie, che ogni anno in questa data legge il lungo elenco dei nomi delle vittime di mafia e fenomeni mafiosi.
  • Il giornalista Luca Pagliari ha ideato uno spettacolo che ne racconta la storia e il coraggio dell'onestà. Lo spettacolo è stato rappresentato per la prima volta a Castiglione del Lago (Perugia) il 26 agosto 2011, a pochi giorni dal primo anniversario del suo assassinio.
  • A settembre 2011, in occasione del primo anniversario della sua morte, è stato conferito il Premio Speciale della Giuria "Sele d’Oro Mezzogiorno" [1] per la Sicurezza, la Legalità, la Tolleranza e la Pace alla memoria di Angelo Vassallo.
  • Il 25 marzo 2012, la Fondazione che porta il suo nome è stata insignita del Premio Roberto I Sanseverino, organizzato da La Magnifica Gente dò Sud e dalla città di Mercato San Severino.
  • Il 23 aprile 2013 viene citato nella serie tv Benvenuti a tavola.
  • Viene citato nella canzone AltrItalia, dell'album Sul tetto del mondo (2011), dei Modena City Ramblers.
  • Alla sua memoria sono stati intitolati alcuni luoghi e istituzioni: una piazza nel comune di Massa e Cozzile (10 marzo 2012); la biblioteca di Montopoli in Sabina; il molo del porto turistico di Finale Ligure (23 agosto 2012); una strada a San Mauro Cilento (1º settembre 2013).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Comunali 2010 - Pollica. Sindaco Angelo Vassallo in Il Mattino, 30 marzo 2010. URL consultato il 10-9-2010.
  2. ^ a b c Pollica, ucciso il sindaco Vassallo - Crivellato di colpi sotto casa in la Repubblica, 6 settembre 2010. URL consultato il 10-9-2010.
  3. ^ Comunità del parco. URL consultato il 10-9-2010.
  4. ^ Stefania Marino, Vassallo (Pd), sindaco-pescatore: "L'unica speranza è la Lega" in Corriere del Mezzogiorno, 23 agosto 2010. URL consultato il 10-9-2010.
  5. ^ L'Unesco premia la dieta mediterranea. URL consultato il 16.11.2010.
  6. ^ Dieta mediterranea patrimonio Unesco. Si realizza il sogno di Angelo Vassallo, dal Corriere del Mezzogiorno del 17 novembre 2010
  7. ^ Galan: la Dieta Mediterranea è Patrimonio immateriale dell’umanità. Una vittoria del Ministero delle politiche agricole dedicata al sindaco di Pollica Angelo Vassallo, dal sito del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali
  8. ^ "Vassallo colpito da 7 proiettili": ecco i risultati dell'autopsia in la Repubblica, 9 settembre 2010. URL consultato il 10-9-2010.
  9. ^ Sindaco Cilento ucciso. Chi era Angelo Vassallo in AGI, 6 settembre 2010. URL consultato il 10-9-2010.
  10. ^ Roberto Saviano, Lo scandalo della democrazia in la Repubblica, 7 settembre 2010. URL consultato il 10-9-2010.
  11. ^ Dario del Porto, "Delitto su commissione della camorra": in Cilento i funerali del "sindaco eroe" in la Repubblica, 10 settembre 2010. URL consultato il 10-9-2010.
  12. ^ Salerno: ucciso il sindaco di Pollica in Corriere della Sera, 6 settembre 2010. URL consultato il 10-9-2010.
  13. ^ Vassallo, folla di cittadini e politici. L'ultimo saluto al sindaco pescatore in la Repubblica, 10 settembre 2010. URL consultato il 10-9-2010.
  14. ^ Redazione, "Bisio: «Questo film è per Angelo Vassallo»" in Corriere del Mezzogiorno, 27 settembre 2010. URL consultato l'11-10-2010.
  15. ^ Maratona per la legalità e la cultura Ricordando Angelo Vassallo" in La Stampa, 05 novembre 2010. URL consultato il 05-11-2010.
  16. ^ Rainews24 sceglie Angelo Vassallo come uomo dell'anno
  17. ^ Presa diretta, Raitre, Puntata del 31/1/2011, durata 1:45:00 (link alternativo)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 186972156