Peter Higgs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Peter Ware Higgs (Newcastle upon Tyne, 29 maggio 1929) è un fisico britannico, Premio Nobel per la fisica nel 2013[1].

Laureatosi e specializzatosi presso il King's College di Londra, dopo aver detenuto la cattedra di fisica teorica all'Università di Edimburgo, dal 1996 è professore emerito. È membro della Royal Society inglese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È principalmente noto per la proposta avanzata negli anni sessanta, all'interno della teoria elettrodebole, che mira a spiegare l'origine della massa delle particelle elementari in generale e dei bosoni W e Z in particolare. Il così noto "Meccanismo di Higgs" predice l'esistenza di una nuova particella subatomica, denominata bosone di Higgs, e anche nota al grande pubblico, con dispiacere di Higgs, col soprannome di "Particella di Dio".[2][3] Higgs, ateo, teme che la denominazione possa offendere le persone di fede religiosa[4].

Higgs ebbe l'intuizione della sua teoria nel 1964, mentre passeggiava per le colline scozzesi del Cairngorm; tornato in laboratorio, dichiarò di aver maturato "una grande idea" ("one big idea").[5][6]

Sebbene il bosone di Higgs non fosse stato ancora rilevato in esperimenti di accelerazione di particelle, il meccanismo di Higgs era già da tempo generalmente accettato come importante ingrediente del Modello standard, e si prevedeva che il Large Hadron Collider presso il CERN di Ginevra, il più grande acceleratore di particelle mai costruito, che ha iniziato a fornire dati dal novembre 2009, potesse verificarne l'esistenza.

Il 4 luglio 2012 il CERN ha annunciato, nell'ambito degli esperimenti ATLAS e CMS, l'osservazione di una particella compatibile con il bosone di Higgs.[7] All'annuncio, seduto nella platea dell'auditorium, era presente lo stesso Higgs, che ha accolto la notizia visibilmente commosso.[8]

Per il suo notevole contributo alla fisica teorica, Peter Higgs è stato decorato numerose volte con premi e riconoscimenti, tra i quali la medaglia Dirac e il premio Wolf per la Fisica. Lo scienziato ha rifiutato però di ritirare quest'ultimo premio, gestito da una fondazione israeliana, dichiarando di non condividere la politica aggressiva mostrata da quel paese nei confronti della Palestina.[9]

Nel 2013 gli è stato assegnato il Premio Nonino "Maestro del nostro tempo"[10].

L'8 ottobre 2013 è stato insignito del Premio Nobel per la fisica per la teorizzazione del bosone che porta il suo nome.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Membro della Royal Society - nastrino per uniforme ordinaria Membro della Royal Society
Premio Nobel per la fisica 2013 - nastrino per uniforme ordinaria Premio Nobel per la fisica 2013

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze britanniche[modifica | modifica sorgente]

Compagno dell'Order of the Companions of Honour - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Order of the Companions of Honour
«Per i servizi alla fisica»
— 2012

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Premio Principe delle Asturie per la ricerca scientifica e tecnica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per la ricerca scientifica e tecnica (Spagna)
— 29 maggio 2013

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Royal Swedish Academy of Sciences
  2. ^ Il soprannome viene fatto risalire al titolo di un testo divulgativo del premio Nobel Leon Lederman ("The God Particle: If the Universe Is the Answer, What Is the Question?") pubblicato nel 1993; tale titolo fu il risultato di una censura, da parte dell'editore, di "Particella dannata" (in inglese "The goddamn particle"), originariamente scelto da Lederman a causa della elusività agli strumenti di ricerca
  3. ^ Key scientist sure God particle will be found soon | Reuters
  4. ^ Scoperta la "particella di Dio" adesso l'universo è più stabile, repubblica.it, 4 luglio 2012. URL consultato il 5 luglio 2012.
  5. ^ S. Bhattacharya, Prof. Higgs and his boson, scribd.com, 24 aprile 2006.
  6. ^ Richard Gray, Frost's meditation, martinfrost.ws, 6 aprile 2008.
  7. ^ CERN experiments observe particle consistent with long-sought Higgs boson, press.web.cern.ch, 4 luglio 2012. URL consultato il 4 luglio 2012.
  8. ^ Elena Dusi, Scoperto il Bosone di Higgs, repubblica.it, 4 luglio 2012.
  9. ^ Samira Ahmed, Why Professor Peter Higgs is Massive: the man behind the particle, samiraahmed.co.uk, 18 dicembre 2011.
  10. ^ Premio Nonino, dal sito ufficiale

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 159866219 LCCN: no2010189476