Henry Way Kendall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Henry Way Kendall (Boston, 9 dicembre 1926Wakulla Springs State Park, 15 febbraio 1999) è stato un fisico statunitense, vincitore, insieme a Richard Edward Taylor e Jerome Friedman, del premio Nobel per la fisica nel 1990.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La motivazione dell'assegnazione del premio recita che il Nobel è stato conferito per «le loro indagini pionieristiche relative alla diffusione profondamente inelastica degli elettroni sui protoni e neutroni legati, che sono state di fondamentale importanza per lo sviluppo del modello a quark nella fisica delle particelle».[1]

È stato l'ideatore e autore del Avvertimento per l'umanità dagli scienziati del mondo, firmato da circa 1.700 suoi colleghi.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Kendall morì per un incidente occorsogli durante una esplorazione delle grotte sottomarine di Wakulla Springs State Park in Florida.[2] Evitò due checklist pre-immersione per il suo Cis-Lunar MK-5P Mixed Gas autorespiratore ad aria e entrò nelle grotte senza il suo sistema buddy della National Geographic Society.[2][3] Kendall non attivò l'ossigeno al respiratore e perse conoscenza, soffocando.[2][3] L'autopsia rivelò la morte per soffocamento da mancato rispetto di protocollo di sicurezza.[2]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Il premio Nobel per la fisica nel 1990, nobelprize.org. URL consultato il 22 agosto 2008.
  2. ^ a b c d Kakuk, Brian J, The Wakulla 2 Project: Cutting Edge Diving Technology for Science and Exploration., in In: Hamilton RW, Pence DF, Kesling DE, Eds. Assessment and Feasibility of Technical Diving Operations for Scientific Exploration., American Academy of Underwater Sciences, 1999. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  3. ^ a b Safety Lapse Suspected in Scientist's Diving Death, in Los Angeles Times, Associated Press, 18 febbraio 1999. URL consultato l'8 gennaio 2011.
  4. ^ Golden Plate Awardees of the American Academy of Achievement, su www.achievement.org, American Academy of Achievement.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN91946339 · ISNI (EN0000 0000 8400 2505 · Europeana agent/base/155658 · LCCN (ENn79120966 · GND (DE118777041 · BNF (FRcb13736444k (data) · NLA (EN35265584 · WorldCat Identities (ENlccn-n79120966