David Wineland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
David Jeffrey Wineland
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la fisica 2012

David Jeffrey Wineland (Milwaukee, 24 febbraio 1944) è un fisico statunitense, vincitore del Premio Nobel per la Fisica nel 2012, insieme al francese Serge Haroche per la scoperta riguardante i metodi sperimentali che hanno permesso la misurazione e la manipolazione dei sistemi quantistici individuali[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Wineland è nato a Wauwatosa, nel Wisconsin. Ha vissuto a Denver fino all'età di tre anni, momento in cui la sua famiglia si è trasferita a Sacramento, in California. Wineland si diplomò alla Encina High School di Sacramento nel 1961. Nel settembre 1961-dicembre 1963, studiò all'Università della California, Davis. Ha conseguito la laurea in fisica presso l'Università della California, Berkeley nel 1965 e il master e il dottorato in fisica presso l'Università di Harvard. Ha completato il suo dottorato di ricerca nel 1970, sotto la supervisione di Norman Foster Ramsey Jr. La sua tesi di dottorato è intitolata "The Atomic Deuterium Maser". Ha poi svolto una ricerca post-dottorato nel gruppo di Hans Dehmelt presso l'Università di Washington, dove ha studiato gli elettroni nelle trappole ioniche.

Nel 1975 è entrato a far parte del National Bureau of Standards (ora chiamato NIST), dove ha avviato il gruppo di stoccaggio di ioni ed è alla facoltà di fisica dell'Università del Colorado a Boulder. Nel gennaio 2018, Wineland si è trasferito al Dipartimento di Fisica dell'Università dell'Oregon come Knight Research Professor, mentre era ancora impegnato con lo Ion Storage Group del NIST in un ruolo di consulenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Nobel per la fisica premia gli studi sul computer quantistico, su corriere.it, Corriere.it. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  2. ^ (EN) The 2012 Nobel Prize in Physics - Press Release, su nobelprize.org. URL consultato il 12 ottobre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN266509715 · ISNI (EN0000 0003 8292 0494 · LCCN (ENn85351253 · GND (DE1026756170 · BNF (FRcb125027988 (data) · J9U (ENHE987007423684905171 · WorldCat Identities (ENlccn-n85351253