Jacques Miller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jacques Francis Albert Pierre Miller (Nizza, 2 aprile 1931) è uno scienziato e immunologo australiano.

È famoso per aver scoperto la funzione nelle specie dei mammiferi i due principali sottogruppi di linfociti (cellule T e cellule B).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Miller nasce il 2 aprile 1931 a Nizza, in Francia e cresciuto in Francia, Svizzera e Cina, per lo più a Shanghai. Dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale e l'ingresso del Giappone in guerra lui e la sua famiglia si trasferirono nel 1941 a Sydney, Australia, dove cambiarono il loro cognome in "Miller". Ha studiato al St Aloysius' College di Sydney.

Miller studiò medicina presso l'Università di Sydney e ha avuto la sua prima esperienza di ricerca in un laboratoriodel professor Patrick de Burgh dove ha studiato l'infezione da virus.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1958, Miller viaggiò in Gran Bretagna con la Gaggin Research Fellowship dell'Università del Queensland. È stato accolto all'Chester Beatty Research Institute of Cancer Research (parte dell'Istituto per la Ricerca sul Cancro, Londra) e come dottorando presso l'Università di Londra.[2] Miller ha scelto di studiare la patogenesi della leucemia linfocitaria nei topi, ampliando la ricerca di Ludwik Gross. Miller ha mostrato che gli animali senza un timo alla nascita sono incapaci di rigettare i tessuti estranei e di resistere a molte infezioni. Prima di questo, il timo era ritenuto un organo vestigiano senza alcuna funzione.[3] La sua scoperta ha portato molti a descrivere Miller come "la sola persona vivente del mondo che può affermare le funzioni di un organo umano".[4]

Nel 1966 Miller tornò in Australia per diventare leader del gruppo di investigatori, presso il The Walter and Eliza Hall Institute of Medical Research a Melbourne, su invito del direttore Gustav Nossal. Nello stesso posto, con lo studente Graham Mitchell, ha scoperto che i linfociti dei mammiferi possono essere separati in quelle che sono state successivamente chiamate le cellule T e le cellule B e che questi interagiscono tra loro per consentire la produzione di anticorpi. Da esso Miller fece ancora scoperte riguardo a questo continuando a mostrare che il timo produce le cellule T, e che elimina le cellule T autoreattive e numerosi altri punti di riferimento nell'immunologia.

Queste cellule sono considerati cruciali per comprendere le malattie come il cancro, l'autoimmunità e l'AIDS, nonché processi quali il rigetto del trapianto, l'allergia e l'immunità antivirale.[1] Miller è stato anche il primo a fornire la prova che le cellule immunitarie sono importanti per la difesa contro alcuni tumori.[5].

Sempre in pensione dal 1996, Miller è ancora coinvolto nella ricerca immunologica.[4]

Miller ha avuto un interesse a lungo nell'arte e ha studiato arte negli anni '80. La sua arte è stata esposta a Melbourne.[6]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1966 Gairdner Foundation International Award
  • 1967 Medaglia Scientifica della Società Zoologica di Londra[1]
  • 1970 Eletto membro della Royal Society di Londra
  • 1971 Medaglia Burnet di Macfarlane e Conferenza dell'Accademia Australiana della Scienza[7]
  • 1974 Paul Ehrlich e il premio Ludwig Darmstaedter
  • 1978 Rabbi Shai Shacknai Memorial Prize[1]
  • 1982 Eletto membro straniero dell'United States National Academy of Science
  • 1983 Premio Internazionale di St Vincent; Organizzazione mondiale della Sanità[1]
  • 1990 Premio Sandoz per l'immunologia
  • 1990 Premio Peter Medawar per la Società di Trapianti[8]
  • 1992 Croonian Prize, Royal Society
  • J Alwyn Taylor Premio Internazionale per la Medicina[1]
  • 2001 Medaglia Copley
  • 2003 Premio del primo ministro per la scienza[9]
  • 2003 Nominato Compagno dell'Ordine dell'Australia (AC)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine dell'Australia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dell'Australia
«Per il servizio alla ricerca medica.»
— 26 gennaio 1981[10]
Compagno dell'Ordine dell'Australia - nastrino per uniforme ordinaria Compagno dell'Ordine dell'Australia
«Per il servizio alla scienza medica nel campo della ricerca immunologica, in particolare in relazione ai contributi seminali alla comprensione del funzionamento del sistema immunitario che porta a una ricerca più ampia nel trapianto di tessuti, nella sindrome da deficit immunologico e nel controllo del cancro.»
— 9 giugno 2003[11]
Medaglia del centenario - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del centenario
«Per il servizio alla società australiana e alla scienza dell'immunologia.»
— 1º gennaio 2001[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Miller, Jacques, A scientific odyssey: unravelling the secrets of the thymus, in The Medical Journal of Australia, vol. 183, 11/12, 2005, pp. 582–584.
  2. ^ Mellor, Lise, Miller, Jacques F A P, su Faculty of Medicine Online Museum and Archive, The University of Sydney, 2008. URL consultato il 12 febbraio 2012.
  3. ^ Miller, Jacques F. A. P., The golden anniversary of the thymus, in Nature Reviews Immunology, vol. 11, July 2011, pp. 489–495, DOI:10.1038/nri2993.
  4. ^ a b Celebrating a scientific breakthrough (Interview: audio), su Health Report, ABC Radio National, 19 settembre 2011. URL consultato il 12 febbraio 2012.
  5. ^ JF Miller, Effect of thymectomy on the induction of skin tumours by 3,4-benzopyrene., in Nature, vol. 199, 1963, pp. 920–2, PMID 14079914.
  6. ^ Jacques Miller: Authentic Australian Art, Jacques Miller, 2008. URL consultato il 12 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  7. ^ Macfarlane Burnet Medal and Lecture, Australian Academy of Science. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  8. ^ The Medawar Prize: 1990, su The Transplantation Society Awards, The Transplantation Society. URL consultato il 12 febbraio 2012.
  9. ^ Professor Jacques Miller: The Modern 'Father' of Immunology, su 2003 Prime Minister's Prize for Science, Department of Industry, Innovation, Science, Research and Tertiary Education. URL consultato il 12 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 29 febbraio 2012).
  10. ^ (EN) Sito web del Dipartimento del Primo Ministro e del Governo: dettaglio decorato.
  11. ^ (EN) Sito web del Dipartimento del Primo Ministro e del Governo: dettaglio decorato.
  12. ^ (EN) Sito web del Dipartimento del Primo Ministro e del Governo: dettaglio decorato.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59876583 · ISNI (EN0000 0000 8386 770X · LCCN (ENn84800860 · GND (DE118582526 · WorldCat Identities (ENn84-800860